Riso alla canto-sano

View this post on Instagram

Buongioveeee che freeeeeddo mi fa igers che freddooooooo oh come fo😱😱😱 c’ho le dita intirizzite un mi riesce nemmeno digitare bene quindi imprenzettiamoci e scaldiamo il pancino!!!! Di Cineserie 🇨🇳cinesaglie ne abbiamo sul tavolo???😂😂😂oh m’era presa troppa voglia stamattina tipo raptus cinesecinesecinesecinese mi passava le scritte nel cervello gli striscioni🎌 con scritto cineseeee 🙀🙀😅😆😋e allora cinese style sia, Riso cantonese un classico dei classici rivisitato col riso integrale e gli ingredienti freschi così vi spiego come farlo diventar sano e buono coi porri😋 e senza glutammato rifritto🙈😂, roba mica uscita dalla latta importimport 😂😂da prato town (per chi non lo sapesse, lo snodo italiano il delta il crocevia delle chinas nostrane😂😂) buono buonissimo una vita che non lo mangiavo mi sta ricordando le uscite che mi sembravano delle meraviglie da piccina quando s’andava al cinese pareva chissà che cosa😂😂😱😂😂 vabbè semplicissimo la ricetta l’ho trovata su internet ve la risparmio che devo ancora scriver le mie sono indietrooooo… ma stamani sono andata al colloquio dei gattini😻😻😻😻 e penso solo a loro, buon pranzo cinese impiattato giustamente😂 nelle caccavelle GIAPPONESI, perché quelle c’ho. Buon lavoro e pome speriamo venga un po’ d’estate di san martino che ieri è durata poco see ya next time💙🙌🏻 #recipeoftheday #foodstagram #cucinare #buonappetito #pranzo #healthy #ethnic #foodblogger #foodblog #tentarnoncuoce #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodart #risocantonese #yummy #risointegrale #cibosano #tasty #photooftheday #ricetta #instafood #chinesefood #food #storyteller #lovefood #instadaily #foodstyle #food52grams

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

 

Mo’ vi dico come ho fatto ieri il mio riso alla cantonese versione healthy, piatto cinese ormai amatissimo e diffuso in tutto il mondo, chissà poi come sarà la ricetta originale in cina in canton e in quale cantone e chissà se magari non esiste neppure, fatto sta che io questo lo andavo a mangiare da bambina e era sempre una festa perché ai su tempi pareva na roba veramente esotica, e dagli come instevo a portarci la mi nonna che unne voleva sapere di questi mangiari strani. In questo caso ne abbiamo preparato una versione leggera, integrale e con ingredienti freschi di stagione del saporito -e pieno di glutammato- piatto orientale che si trova nei peggiores bar de prato town.

Nella ricetta originaria si utilizza il riso sottile a grana lunga (principalmente basmati) lessato e saltato o fritto poi insieme a piselli, cipolla, uova strapazzate, prosciutto e salsa di soia. La versione con riso integrale e solo saltata invece che fritta è un modo meno laborioso ideale per comporre un menù divertente e nello stesso tempo leggero, perfetto per una bella cenetta in famiglia a tema cinese, con il mio tocco creativo di usare il più delicato e aromatico porro al posto della cipolla.

Riso alla cantonese healthy

Ingredienti x 4 persone
300 g di riso integrale
1 porro
200 g di piselli
100 g di prosciutto cotto
3 uova
5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
2 cucchiai di salsa di soia
q.b di sale grosso
Preparazione
Per preparare il riso alla cantonese integrale dovete cuocere i piselli (freschi o surgelati) in abbondante acqua bollente salata, scolateli quando sono ancora di un bel verde brillante e leggermente croccanti.

Nella stessa pentola dalla quale avete cotto i pisellini versare il riso basmati integrale e portatelo a cottura come suggerito dalla confezione facendo attenzione a non stracuocerlo.

Nel frattempo private il porro della radice e delle foglie più esterne, se eccessivamente fibrose togliere anche una parte delle estremità verdi. Lavatelo e tritatelo finemente.

Sbattete le uova in una ciotola con un pizzico di sale, alle quali aggiungere una parte del porro precedentemente tritato e mescolate. Scaldare in un wok o in una padella capiente 2 cucchiai di olio extravergine di oliva e versate il composto di uova e porri strapazzandolo finché è ben cotto e profumato, quindi con il mestolo di legno sminuzzatelo più o meno finemente, spegnete il fuoco e tenete da parte questa frittatina scomposta.

Nella stessa padella versate i cubetti di prosciutto cotto magro e saltateli brevemente senza bruciarli e senza aggiungere altri grassi. Tenete da parte. Quando il riso è cotto scolatelo in una terrina e mettetelo da parte.

Fate appassire l’altra metà di porro rimasto fuori dalle uova strapazzate nella padella con 2 cucchiai d’olio extravergine; una volta che il trito diventa quasi trasparente e morbido, facendo attenzione che non bruci (il porro diventa amaro) aggiungete insieme il riso, la salsa di soia, i piselli, i cubetti di prosciutto e la frittatina strapazzata facendo saltare a fiamma bassa il mix per 2/3 minuti finché si sente leggermente scricchiolare il riso, segnale che si è ben scaldato.

Spegnete il fuoco. girate bene senza compattare, sgranando anzi i chicchi di riso e servite ben caldo in tavola.

In alternativa potete preparare dei gyoza o degli involtini primavera, altri piatti tipici della cultura orientale.

Conservazione
Il riso alla cantonese integrale si conserva per al massimo un giorno fuori dal frigorifero in inverno ed è meglio mangiarlo subito nella stagione più calda.

I CONSIGLI DELLA BETTA
Per questa ricetta in origine piuttosto laboriosa anche se con ingredienti semplici io preferisco usare un unica pentola per l’ebollizione di piselli e riso e un unica padella/wok per cuocere e poi saltare gli ingredienti, via via cuocendoli separatamente ma usando un unico recipiente di cottura, il che ci permetterà di usare meno olio/grasso e insaporirà utleriormente il composto.

Ti consiglio anche la mia robina bellina e imperdibile  e preferita del momento da curiosare (e avere assolutameeeeeeeeente😍 ) per la tu cucina, nello stile che mi piace, come official Amazon Influencer : La mia pagina Amazon

 

Per altri aggiornamenti visitate la mia gallery instagram, pallini!💙

 

 

Annunci

14 risposte a "Riso alla canto-sano"

  1. Io sono sempre riuscito a fare il riso alla cantonata, perché qualcosa sbagliavo prima o poi nei vari passaggi. E’ anche vero che per me il riso è quella pianta che cresce dove ci starebbero bene allevamenti di anguille. Ricetta comunque molto apprezzata e che ribollirò a commensali. Prima o poi! 😛
    Brava

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...