Farinata di cavolo nero toscana

L’altra sera ero al cinema a vedere Van Gogh.

Un film Angosciosamente Panteistico sulla percezione del mondo di un grande artista.

Forse L’ Artista,  pensiamo adesso tutti noi ammirando le tele nei più rinomati musei,  come  spregievoli e ignoranti pedine vive che tanto osannano i grandi un minuto dopo la loro morte, quanto più li hanno spregiati e ignorati in vita.

Il suo oscuro scrutare in cerca della luce –vedendola, sentendola–  anche dove non c’era; il suo sentire vedendo buio quando al contrario era vivida e presente la luce che crediamo vera ed effettiva per noi, diventa dramma nel momento in cui nessuno vedeva o sentiva Vincent persona che si spezzava, mentre la sua tela si costruiva.

Uno sguardo così illimitato può essere troppo frastuono per un uomo, se vissuto col solo se stesso, inascoltato, incondiviso.

Uno sguardo e un uomo facilmente inquadrabili come distorti e disturbati.

Potrei dire che la natura lo stava ascoltando.

La natura e le cose non aspettavano altro che essere viste in quel modo.

***

 

Invece… quella che si è fatta la Betta al ritorno dal cine

🌀E’ “Blob” o è ⭐️Farinata di cavolo nero toscana⭐️?!
😂😆

⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
🙋🏻Quello che mangio è la stupendissima “Minestra lenta di polenta cavolo nero detta “cavolata”,  resa stasera ancora più rustica dalla farina taragna col grano saraceno e del tocco di colore del cavoloviola💜!😍😋
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
🍃Piatto così semplice e comfortfood nelle giornate stanche, così riscaldante🔥, così sano e goodmoodfood!🍃😍
***
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
💃Ci sono stata praticamente svezzata!🙋🏻😁
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
(💭 🤔ps: ☝🏻se guarisce anche il torci-rinco-llo e le recenti contratture alle spalle, giuro che brevetto un unguento da massaggio a base di farinata e mi butto ufficialmente sul mercato in concorrenza col popolarissimo balsamotigre😆😅💃🎉)
⠀⠀

⭐️Farinata rustica di cavolo nero toscana⭐️

⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀DTEHE6467

Ingredienti x 4 persone

  • 400g polenta taragna istantanea
  • 1 mazzetto di cavolo nero
  • 1/4 crauto cappuccio viola
  • 280g fagioli cannellini già lessati
  • 1 costa di sedano
  •  1 carota
  • 1 cipolla
  •  1 lt e 1/2 acqua
  •  4 cucchiai olio evo
  • sale q.b.

⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
Procedimento

Pulite sedano carota e cipolla, tritateli e metteteli a soffriggere in pentola con 2 cucchiai d’olio.
Nel frattempo passate i fagioli con la loro acqua di cottura nel mixer o nel passaverdura.
Fate appassire il trito di odori aggiungendo poca acqua. Aaggiungete al soffritto i fagioli passati insieme a 1 lt d’ acqua e portate a ebollizione.
Togliete la costola al cavolo, pulitelo e tritatelo a pezzetti. Tagliate a listarelle il crauto viola.
Aggiungete i cavoli nella pentola col soffritto e il passato di fagioli.
Mescolate, coprite e lasciate cuocere 18min regolando di sale.
Versate la taragna istantanea a poco a poco nella pentola di cottura continuando a mescolare con una frusta a fuoco moderato x 8 minuti.
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
💡*La farinata deve rimanere “lenta”, per mangiarsi col cucchiaio. Servite calda con un giro d’olio 😜
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀

Non so se l’avete mai assaggiata: è Tanto-tanto bona la sera d’inverno!😍😋🔝

La polenta mica deve essere per forza sempre del colore dei girasoli!

Spesso neanche i girasoli lo sono!🌻🤗

Annunci

Fettuccine integrali allo scoglio

Che farete da pappa la sera della Vigilia?

è il momento delle feste che preferisco🙋🏻, per non dire l’unico😅 😜

😆perché posso fare tutte le cosine che piacciono a me nell’intimità, nella calma e nel calduccio scoppiettante di una serata in casa in piagiamone, senza dover pensare per forza ai gusti di tutti e a sorridere e a fare in modo che sia tutto perfetto e impeccabile e ingoiare bocconi parole e sguardi indigesti.

Quelle situazioni al limite del grottesco che un po’ tutti conosciamo delle feste ufficiali😒.

Beh, la vigilia per me le candele possono sgocciolare sul tavolo,

i coolkatz possono rubare il pescio dalla teglia,

posso mangiare le vongole con le mani succhiando il sughetto,

posso fermarmi tre ore a guardare le lucine incessanti di tutti gli alberi più belli del mio (che è diventato un tiragraffi a tutti gli effetti e le sue pallinesono ormai topetti in fuga sparpagliati per la casa.😜)

 

Mi sparerò un film di quelli colti e mattonosi tipo Solaris o il Settimo Sigillo. Oppure

mi abbioccherò su un 📚 mentre guardo un documentario sulla strabiliante vita delle lontre in letargo😂

E lascerò a babbo natale dei biscottini storpi mezzi bruciati come ogni dolce che non riesco a fare, e un bicchiere di latte vecchio 2 settimane preferibilmente da non consumarsi affatto. 😜

 

Di sicuro ci sarà una delle mie paste preferite 😋😜, in versione goodmoodfood, facile veloce e smart! 🍃

 

⭐️Fettuccine integrali allo scoglio⭐️

 

FKQVE0619

 

Ingredienti x 4 persone

  • 400 g di fettuccine integrali bio
  • 600 gr di vongole
  • 300 gr di cozze
  • 250 gr di calamari puliti e tagliati a listarelle
  • 350 gr di gamberetti già sgusciati
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1/2 peperoncino
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo fresco tritato
  • sale e pepe q.b.
  • 5 cucchiai olio evo
  • 1 limone biologico non trattato (solo scorza)

 

Procedimento:

 

  • Pulite cozze e vongole spurgandole abbondantemente sotto l’acqua corrente. Mettetele in una padella capiente con l’olio, l’aglio ed il peperoncino, coprite con il coperchio e fatele aprire. Appena si saranno aperte sfumate con il vino bianco.
  • Fate sfumare tutto il vino , non appena sarà evaporato aggiungete i gamberetti, i calamari a listarelle e fate saltare
  • Nel frattempo lessate la pasta in acqua leggermente salata e non appena sarà cotta aggiungetela al sugo di pesce facendola saltare per un minuto a fiamma vivace.
  • Completate il piatto con prezzemolo fresco tritato e finite ogni piatto con una grattugiata di poca scorza di limone bio non trattato.

Crostata di ricotta e arance rescue-remedy

Avviso tutti che sono viva😅!!!
(beh…insomma viva è una parola grossa😅🤔😆)
…e che la guardia medica d’emergenza stamattina mi ha trovato una brutta sinusite batterica per cui eccomi a casa di filata a Firenze😒, mogia mogia😕…tristatrista…e soprattutto scoglionatascoglionata😡….spero di non aver appestato nessuno durante il viaggio in treno🚄🙈
Di  solito non si dicono le cose che vanno di m****, lo so, sui social tutti tendono solo a mostrare il lato perfetto e idilliaco delle proprie vite, ma io non sono così😌:
il brutto e il bello fanno parte di me, non sono una che ci tiene a mostrare solo le cose che filano a meraviglia
a me capitano soprattutto sfighe, ecco😂
quindi mi barrico in casa, cerco di avvertire e tranquillizzare le amiche e lo staff del corso bolognese🤗
e, con la mia “bella” pezzòla sulla capoccia, sniffando suffumigi silvestri, inghiotto pasticche-siluro come caramelle,
E poi faccio l’unica cosa al mondo che può ricompattare un animo a pezzi e pensieri confusi: aprire il frigo e vedere che c’è.💙🙏🏻
🎉I dolci mi vengono meglio quando sono depressa, uffa!😁😂🙈🎉

⭐️Crostata semi-integrale di ricotta e arancia⭐️

KZSVE2464

Ingredienti

  • 300g farina semi-integrale o tipo 1
  • 125g zucchero
  • 2 uova
  • 150 g burro
  • 1 pizzichino di sale
  • *per la farcia➡️
  • 500g ricotta di pecora
  • 200g di panna fresca
  • 2 uova
  • scorza di arancia (non trattata o bio) q.b.
  • 200g marmellata di arance qmare con scorzette

Procedimento

Per la frolla mettete nel frullatore farina e burro freddo di frigo a pezzetti
Azionate il mixer fino a che si forma un composto a bricioloni. Inserite zucchero, uova e poche scorzette di arancia grattugiate e azionate finché si forma una palla. Togliete la pallotta dal mixer e lavoratela meno di 1 minuto con le mani formando un panetto, ricopritela e sigillatela con pellicola e riponetela in frigo mentre fate il ripieno.
Per la farcia amalgamate ricotta,zucchero e uova con una frusta, montate la panna e aggiungetela al composto di ricotta, mettete in frigo qualche minuto.
Poi riprendete la frolla e stendetela col mattarella, quindi rivestite con carta forno una teglia tonda di 24/26 cm. Adagiatevi sopra la il disco di frolla stesa e rifilate i bordi. Bucate il fondo con una forchetta. Versateci sopra tutto il composto di ricotta e infornate 40 min a 180°.
Sfornate e lasciate freddare. Una volta fredda e compattata sciogliete appena la marmellata in un pentolino e stendetela sulla crostata con un cucchiaio. Fate riposare almeno un’ora in frigo o temperatura ambiente fresca e poi servite a spicchi.
FUCNE5422

Farro freddo con calamaretti al pomodoro, sedano e pomodorini secchi

WEWTE0867

Ma se la gente, invece di passare dal ciuccio alla politica ( e anche agli insulti, alla comunicazione violenta e individualista, allo scimmiottamento sociale, all’idolatria per il famoso di turno solo-perché-é-famoso, non certo perché conduce una vita esemplare o di normale, quotidiano, eroismo) … imparasse, che so😒… nel frattempo, ANCHE minimamente a parlare, a scrivere, a leggere, a avere una cultura di qualsiasi tipo…uhm🤔 non sarebbe affatto “luna cattiva idea, eh😒.

Non sto dicendo necessariamente di ingobbirsi sui libri o essere degli intelligentoni da nobel, la cultura ci si fa anche passeggiando in un bosco o in città e chiacchierando del più e del meno senza usare frasi fatte🤟🏻.

E’ grave che ci si debba oggi, addirittura, sentire quasi in colpa a credere in una facoltà umana quale è la coscienza, il pensiero, l’intelligenza, che dovrebbe essere il nostro tratto distintivo in quanto esseri umani, e che invece è diventata la testimonianza schiacciante della nostra imbecillità, per l’ostinazione di non volerla usare, per considerare un difetto da sfigati il voler coltivarla🤔, facendosi vanto e forza della propria ‘gnoranza, ammirando solo chi non “ha tempo da sprecare” coi sentimenti e la loro espressione civile, preferendo altresì la cafoneria e lo slogan facile, pappagallato in linguaggio grandefratello, per sembrare più “cool”(?!🤔) ***
Volevo esordire dicendo Ciaone e mi sono morsa la lingua, vergognata con me stessa🙈… ma che minchiu è “Ciaone”??😳🙈 lo dici solo perché lo dicono i tuoi amici? lo dicono solo perché va di moda sui social? Mi voglio appiattire? non sia MAI!!!!
*

Stasera quindi dirò BUONASERONE!!!😂
*

questa ricetta la DOVETE fare 😍prima di mettervi il cappottino, perché è super gustosa😍💃

⭐️Insalatadifarro integrale con calamaretti , sedano, pomodorini freschi e pomodorinisecchi⭐️

WEWTE0867

Ingredienti x 4 persone

 

  • 1kg Calamari
  • 2 spicchi d’aglio
  • Vino bianco 50 ml
  • 50g Olio extravergine d’oliva
  • 800g Pomodori pelati
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • 200g farro decorticato
  • 1 costa di sedano con le sue foglie
  • 5 pomodorini secchi sgocciolati dall’olio
  • 5 pomodorini datterini

Procedimento

Fatevi eviscerare e pulire dal pescivendolo 1 kg di calamari freschi. Oppure prendeteli già puliti e sviscerati in confezione al banco pesce del super.
In un tegame iniziate a preparare il sughetto: versate l’olio e l’aglio, lasciate insaporire l’olio per 1 paio di minuti a fuoco basso. Versate i pomodori pelati in una ciotola e schiacciateli con una forchetta, quindi, quando l’olio sarà ben caldo, versate i pomodori pelati. Lasciate cuocere a fuoco lento per circa 30 minuti, mescolando di tanto in tanto. Se il sugo dovesse asciugarsi troppo, allungatelo con poca acqua. Quando il sugo si sarà addensato, eliminate lo spicchio di aglio con una pinza se non vi piace trovarlo nel piatto, e tenete da parte.
Tagliate i calamaretti a rondelle spesse. Scaldate l’olio di oliva in una padella con l’altro spicchio di aglio sbucciato intero ,versate le rondelle di calamari, fate saltare a fiamma viva per 2-3 minuti finché si arricciano. Sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare.
Eliminate l’aglio con una pinza da cucina, se non lo gradite nel piatto finale ( a me piace e lo lascio, è la parte migliore😜) e versate i calamari con tutto il condimento nel sugo di pomodoro . Salate, pepate e lasciate cuocere con un coperchio a fuoco basso per circa 8 minuti.
A cottura ultimata, spegnete il fuoco, tritate il prezzemolo fresco finemente e aggiungetelo ai calamari. Tenete da parte il sugo. Nel frattempo portate a ebollizione abbondante acqua salata, sciacquate bene il farro e cuocetelo seguendo le indicazioni della confezione che avete, quindi scolatelo accuratamente, versatelo nei calamari col sugo e lasciate raffreddare il tutto.
Lavate ed affettate a tocchetti la costa di sedano insieme alle sue foglie, tagliate a spicchi i datterini, sgocciolate i pomodorini secchi e tagliateli a striscioline. Unite tutte queste verdure al farro e calamari nel tegame quando sono un poco inietiepiditi. Mescolate bene tutto, versate in una ciotola, e fare riposare a temperatura ambiente o in frigorifero almeno un’ora per far amalgamare i sapori, e gustatelo fresco.

E’ delizioso.

 

 

 

 

Procedimento

 

 

E voi invece che vi pappate oggi???😋

Insalata di riso integrale con zucchine marinate al limone, tofu e menta

Chi vuole una fresca insalatina di riso oggi a pranzo?😍

Io ve l’ho fatta (e me la sono fatta 😅) così, frizzantina, #vegan e crudaiola😋, col riso integrale Felix Grandiriso,  insomma quello vero e puro 🍃😍

(credo sia la prima volta che faccio un riso integro e “vivo” che ci vedi la gemma dentro, che senti il chicco poroso e nutriente vivo sotto i denti… ragazzi 40 min di cottura🙈…e vi dico che: ne vale Assolutamente la pena😍! non tornerò mai più indietro al gommoso parboiled!😆..😌 nel frattempo poi potete approfittare della nube di vapore per farvi una bella sauna svedese detossinante direttamente nella vostra cucina😌😜…)

***

⭐️Insalata di riso integrale @grandiriso con zucchine marinate al limone, tofu e menta⭐️

WKMRE8105

Ingredienti x 2 persone

 

  • 120g riso integrale Felix Grandiriso
  • 4 zucchinette chiare medie
  • 1 limone bio non trattato
  • 125g di tofu naturale (o alle erbe)
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 8 foglioline di menta tritate più alcune per decorare
  • sale e pepe nero q.b.

Procedimento

Portate a ebollizione abbondante acqua salata e poi versateci il riso integrale e fatelo cuocere 40 minuti, scolatelo avendo cura di non lasciarlo stracuocere, e passarlo sotto l’acqua corrente per fermarne la cottura e mantenerne la consistenza, ponetelo in una ciotola e conditelo con 1 cucchiaio d’olio, mescolate, e lasciate riposare.

Poi lavate e spuntate le zucchinette, affettatele finemenete e riducetele in cubetti  molto piccoli, irroratele col succo di tutto il limone, 1 pizzico di sale, foglioline di menta spezzetate, il tofu ribotto anch’esso a cubetti di piccole dimensioni, 2 cucchiaiate di olio e una macinata di pepe e lasciate riposare una decina di minuti.

 

Poco prima di servire amlgamate le zucchine e il tofu marinati con il riso ben raffreddato, decorate con ancora qualche fogliolina di menta e una grattugiata di scorza del limone usato per condire, purché non trattato e ben lavato.

Servite fresca per un piatto salutare e denso di nutrienti, fibre e vitamine.

 

***

..E ora il primo che mi stappa un condiriso pronto col wusterino smencio sguazzante nell’olio di gramigna, il cetriolino molliccio, il cubetto di carota appena staccato da un cubo di rubick, il carciofino (sì, uhm, SE lo trovi, il carciofino!!!🤔😂), o svita un tubetto di maionese per la prossima insalata di riso, giuro che lo invasetto e lo intubetto per bene io, e chiudo col coperchio quello ermetico salvafreschezza clic e clac!!!😂 (che poi che ci sarà mai di “fresco” dentro quei cosi…🤔)

😂

L’avete mai provata l’insalata di riso col riso integrale? 😍 (e sì tranquillo, il wusterino vero ce lo puoi mettere, pure, se il tofu abita i tuoi incubi insieme a nightmare, l’uomo nero, it, e l’esorcista!😜)

Buon appetito Betta bloggerz e buon weekend🤗

Una buona base è il trampolino da cui salti, e su cui atterri

E parlo innanzitutto di sé stessi.💙

Parlando di cibo invece…

View this post on Instagram

Vi piace la mia pizza ai funghi radicchio, provoletta affumicata e noci? 😍😋 È fatta con la base per pizza #senzaglutine della @polisnack ! ed è buonissima!😍 Sapete che ho ricevuto un chioschetto intero 😅di #piadine di mille tipi per le mie creazioni, basi, #focaccia, tutte fatte con olio extrav., farine poco raffinate, #cerealiintegrali e #graniantichi😍 . Questa è stata la mia prima infornata! Ho voluto cominciare dalla #pizza perché beh, avevo voglia di pizza😁 (gran motivazioni dietro, eh 😌) e non volevo la solita rossa, però piena di verdure sì! e golosa! E voi avete mai fatto o mangiato la pizza s/g? quale? Io quando una volta mi sono letta l’etichetta di una pizza #glutenfree surgelata, l’ho presa, e l’ho rimessa tutta bellina delicatamente al suo posticino fresco: cioè,perché mi devo mangiare una roba fatta praticamente col glucosio siringato trans? Ho fatto2passi avanti, e vi giuro, i sofficini mi sono sembrani terribilmente SANI in confronto😂. Però per fortuna senzaglutine si può, per necessità o per curiosità, in modo intelligente….facciamo la pizza? * ⭐️Pizza s-glutine radicchio funghi provola e noci⭐️ * Ingredienti x 1 pizza 1 base per pizza s/g 300g di #funghi prataioli tagliati a lamelle 1/4 di cespo di #radicchio rosso 1 spicchio di aglio 1 ciuffo di prezzemolo 2 fette di #scamorzaaffumicata o 2 provoline mignon affumicate 2 #noci 2 cucchiai di olio evo sale Trifolate i #funghi in padella con un cucchiaio di olio, aglio, prezzemolo e 1 pizzico di sale e a fine cottura mescolateci il radicchio tagliato a listarelle. Portate il forno a 220* e appena è caldo farcite la base per pizza con tutto il condimento sulla superficie spandendola fino a 1/2 cm dal bordo. Distribuite le noci spezzettale e poggiatevi le provolette a fettine o cubetti. Irrorate con l’altro cucch d’olio la pizza su una leccarda, e infornate per 6/8 minuti a metà altezza😋 …. uffa la pioggia grigia oggi, io ci avevo preso gusto alle belle giornate😒😅, igers siete team pizzarossa o pizzabianca? Buon appe e domenica!!! #ifeelbetta #glutenfreepizza #foodtesting #pizzasenzaglutine #healthy #pizzaday #vegetarian #pizzavegetariana #mushrooms #foodblog #foodideas #foodwriter

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

😱Tardi… ma bene!😋 Tornando a casa, Sistemato le cose per i miei che sembra prima d’ora non abbiamo mai vissuto da soli e abbiano bisogno di TUTTO (non andandogli bene NIENTE😒, lassamo stà). Ho fame😍 Taaaanta fame. Meno male che c’ho la pila di piadine multicereali @polisnack che! Santo Tofu affumicato! Quello è buono anche non strapazzato e scucinato 😍, vero?? Io me ne mangio sempre 1/3 appena aperto dalla confezione😂🙋🏻 ⭐️#Piadina multicereali farcita di insalata, spirali di carote, melanzane, tofumé, noci, carmberries, e gocce di glassa alla soia⭐️ E’ che sono le 4 del pomeriggio o mi sembra buonissima???😍 Idea per una piadina veg un po’ diversa 😋 Ingredienti: #Insalata misticanza fresca, #carote spiralizzate, #noci sbriciolate e #semidizucca, olio evo, #tofu affumicato a cubetti ( il mezzo panetto che resta dall’assaggiosubito😜), #melanzane grigliate condite con sale olio e prezzemolo e tagliate a striscioline, una manciata di #cranberries essiccati al #naturale , qualche goccia di #glassa alla #salsadisoia che col tofu sta sempre bene. Disponete tutti questi ingredienti all’interno del diametro della piadina, arrotolatela perché con l’insalata è meglio che piegarla a metà. Lasciatela riposare così arrotolata per 5/10 minuti avvolta nella pellicola, dopodiche se siete soli ve la mangiate tipo #cannolo come la Betta😂, altrimenti la tagliate per lungo a segmenti e servite🌀. Solo se sono le 4 di pomeriggio😜scheeerzo, va bene a tutte le ore! * Io quando per impegni vari finisco a ritardare troppo il #pranzo, divento una belva😁. Magari non mi mangio il tavolo, ma riuscirei a staccare “qualche” testa che di solito passo oltre e me ne frego. Credetemi, la fame ci fa dire la verità😌, e mettere la gente al suo posto dove deve stare. Cioè a rompere i baglioni rivolto al muro😁. E vediamo se lui ha pazienza come me. 😡 Perdonate lo sfogo, succede anche a voi? * e ora si guarderà di andare al lavoro Oltre che settimana corta questa è anche la giornata corta 😜 Buon pomeriggio dalla Bettaz #ifeelbetta #foodblog #humor #italianfoodbloggers #multigrain #piadine #foodwriter #tofumè #soysauce #melanzanegrigliate #healthyliving #healthyeating

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

 

Vi consiglio entrambe le ricette!

E di prendervi cura di voi🔝. Perché il riconoscimento e/o l’approvazione e/o anche solo un briciolo di sana gratitudine da parte di certe persone che invece succhiano la stessa aria col loro egocentricmo, se continuiamo ad aspettarlo, lo facciamo a costo della nostra salute, e della nostra vita. Dopo che abbiamo vissuto e lavoriamo una vita a diventare (e amare) noi stessi. 💙

 

Buona settimana corta bloggerz!!!