Blog o post-automations?

Il mio blog è autorale, cioè scritto cucinato e impiattato da me😜, metaforicamente parlando, non ci saranno mai articoli copincollati da comunicati stampa o “news” proposte da un aggregatore programmato per sfrittellare più notizie possibile al secondo. Che poi si riconoscono. Io, almeno, un blog i cui post sono “notizie” (?), di qualunque argomento esse “trattino”, lo sniffo lontano un miglio (ma trattano poi di qualcosa🤔? vi siete mai accorti che gli articoli dei giornaletti sia online che su carta, non parlano mai davvero di niente? sono uguali con lo stampino anche la stessa ritmica è identica da notizia a notizia, non ti spiegano nulla, sono del tutto impersonali, e alla fine i cinque segreti miracolosi per (…) non te l’hanno manco detti😂

A volte basta semplicemente leggere i titoli per capire la morbosità ripetitiva di certe frasi o locuzioni tipiche dei fake blog macina notizie schedulizzate da un bot.

Estate. Uno studio rivela i gusti di gelato perferiti degli italiani

Cibo. Fa bene o fa male? 😂🤔

Amsterdam. 5 cose che devi assolutamente vedere nella Venezia del nord.

Venezia. cosa fare e dove mangiare nella Amsterdam del sud.

Alitosi. Tutti i cibi che puoi mangiare liberamente da solo.

bla bla bla. ecco, anche a inventarmeli mi viene da scrivere qualche cavolata perché la mia tastiera si vergogna. La fiera delle banalità.

Oltretutto, a me e a tutti coloro che su quella tastiera strimpellano, che si scriva tanto o poco, piace raccontare quello che vivo, che faccio, o che immagino, o che penso, quando lo vivo e quando lo penso, non ho bisogno di farmi sfornare delle news pronte per farmi venire un argomento, anzi, l’argomento di un blog, che in teoria si dovrebbe differenziare dai giornali proprio perché è personale, spesso spazia nella vastità degli stimoli e pensieri,  o quando tratta temi specifici allora mostra scrive e approfondisce un proprio interesse in modo appassionato, svolto in prima persona o in base ai ricordi, alle esperienze, alle immagini, alle suggestioni, alle idee e alla cultura che ci si fa giorno giorno, imparando, leggendo, pensando, relazionandosi in vari modi con gli altri, sbagliando, vivendo a passettini una vita, (o un hobby, un lavoro, l’amore per qualcosa, l’amore per qualcuno) il cui pregio più grande, anche se in molti preferiscono negarsela, è la nostra unicità.

Che non ha un titoletto, e non è una notizia.

*

Blogger che siete persone reali, siete d’accordo?? Forza!💙💪💪

Annunci

Pescio finto

Pescio finto
  • Il mio pescio 🐟di battaglia!😁

 

(il “cavallo” di battaglia lo lasciamo a Ulisse famoso figlio di Tr*😌 dell’Odissea -*ndr scusa Omero🙏🏻🙈-)

Lo conoscete, no, il Pesce finto?😍 ogni tanto lo rispolvero perché piace a me e a tutti, è come la polverina magica nel mio disordine creativo, tanto per cambiare è #ricettadellanonna per eccellenza 😂, le nonne sì che erano le VERE creative di farci mangiare “qualcosina” trasformando pochi ingredienti semplici in un piatto da leccarsi i baffi e le pinne…. nulla di più buono semplice e sano, e soprattutto fa uscire il bambino entusiasta che è in noi e che dovremmo ricordare e avere presente come approccio nella vita, quando tutti prendono tutto e si prendono dannatamente sul serio. Io almeno la penso così!

 

L’insegnamento più grande e prezioso che puoi scartocciare da pacchetti di sofferenza recapitati in dono a cui pensavi di arrenderti,  è fare tesoro di tanto buio, e imparare piano piano a guardare con gioia e con una luce che non conosce mode o regole preconfezionate, ma solo tue, a ogni singolo momento.

*

Forse sono quella grulla adorabile che sono perché le ho provate tutte per far ridere mio padre, vederlo felice come mi sembrava giusto essere, per istinto e carattere fin dalla culla, anche nella peggiore disperazione. Fallendo miseramente in questa crociata.

 

…E alla fine sono riuscita a far ridere me stessa,  e la parte di mondo che vuole giocare con me, i pesciolini che cantano Elvis Presley girando in tondo nel mare. Forse sono solo pesci che sguazzano nella vita, stanno scappando da qualcosa, ma io li vedo ballare. 

boh… poi anche se probabilmente moriremo non sapendolo, perché non me lo dirà mai😜,  alla fine ho fatto sorridere, qualche volta, anche Lui.  The Darth Father. Lo Stefanòs😁 💙

 

⭐️Pesce finto⭐️

HNMJE3491

 

Ingredienti x due pesciolotti

  • 4 Patate
  • 1 lattina Tonno in scatola di buona qualità
  • 3 cucchiai di Maionese fatta in casa (anche veg)
  • Filetti di Peperoni sottaceto q.b
  • 1/2 Cetriolio
  • 3 Pomodorini secchi
  • 1 manciatina di #Capperi
  • 2 Carotine sottaceto
  • 3 Mandorle
  • Cipolline
  • Prezzemolo

Procedimento

Lessate le patate e passatele con lo schiacciapatate come per fare un puré, unitelo alla maionese fatta in casa, un trito di peperoni e carotine sottaceto, cipolline fresche, e al tonno ben sgocciolato ( si può usare anche quello al naturale sempre ben sgocciolato). Una volta mescolato e amalgamato il tutto con un cucchiaio, senza frullarlo: si devono sentire i pezzetti, prelevatelo con le mani inumidite e dategli una forma a caso😅 tipo pesce. Decoratelo con qualsiasi cosa abbiate in frigo scatenate la fantasia. Io ho usato cetrioli freschi, capperini, pomodorini secchi tagliati a listarelle, rondelle di cipollina bianca, foglioline di prezzemolo, e mandorle tritate al coltello. 😋

Che brutta giornata però oggi uuuu👎🏻…era una notte buia e tempestosa🌧🌊…..ah no…era domenica 15 aprile😂😫

E allora attaccatevi al…Cuore.

E allora attaccatevi al…Cuore.

 

…E allora attaccatevi al…cuore.

NON mi ci iscrivete ai “gruppi”. Di qualsiasi tipo. Nella vita ambisco a qualcosa di più che essere vista per dovere e per forza e non per vero interesse. Voi stateci pure a farvi cuoriciare (?) come se fosse più importante, degno,  di un riscontro sincero.

Mi arrivano in media 2/3 “gentili” inviti selvaggi a gruppi di qualsiasi tipo, ma per lo più di Scambio Like.

Al che la mia risposta è, periodicamente:

Non mi interessano queste cose sono per la spontaneità e la genuinità dei rapporti e dell’eventuale stima sia online che offline. ti ringrazio comunque ma non sono il tipo per scambi di favore e non amo riceverli se non per sincero interesse .

Ormai potrei farne una nota fissa da copincollare per ogni replica e declino. No grazie.

..E quando per ingenuità e inesperienza in passato ho mancato di dissociarmene prontamente, me ne sono amaramente pentita, intristita e inorridita, per uscirmene di corsa lasciando la nessuna traccia che si meritano per avermi invece tracciato e scambiata per una così, di quel tipo di gente la cui conversazione tipo si basa su un botta e risposta di” ehi se hai di meglio da fare”… ⏩Sì ho di meglio da fare, e avevo di meglio da fare anche di leggere sta stronzata, SE SOLO TU NON MI CI AVESSI INTRAPPOLATO subdolamente senza alcuna mia volontà né consenso. 

Non si forza il dover piacere per forza, esclusivamente per avere un ritorno di favore di persone a caso che stanno pensando solo a farsi ricambiare il favore, 9 volte su 10 senza nemmeno inoltrarsi a vedere i contenuti e interagire animati da vera simpatia, stima, o interesse.

Non si piace a tutti: mettetevi l’anima in pace che se dio vuole NON tutti ci conoscono e NON siamo così importanti da estorcere un voto o un cuore o una parola di circostanza, ma siamo ABBASTANZA importanti e intelligenti ( se solo azionassimo il tasto ON del cervello) da pretendere e dare valore alla la limpidezza e onestà in qualsiasi relazionarsi online e offline.

Un singolo e unico cuore simbolico spontaneo vale millemila cuori clicckati finti di cui, personalmente, mi vergognerei.

La verità  fa male ma fatevene una ragione, ci sono persone che Non ci stanno a ste nuove trappole silenziose: il mondo non è SOLO degli opportunisti e degli ipocriti:  (ehi persone con un minimo spettro di coscienza parlo a voi, è RESISTENZA! ribellatevi, dite no, non piegatevi, aprite un libro o leggetevi l’anima e vivete con meno presunzione e più felicità a conti fatti. Non pensiate di essere così meravigliosi, favolosi, per diritto divino, che la gente debba cuoriciarvi/seguirvi/votarvi se no vi indispettite come bambini viziati e capricciosi

non pensiate di far parte sì, ok, di un “gruppo” aleatorio e ipotetico, ma quello di cui aver davvero paura e a che prezzo? (a seconda dei casi e dei livelli patetici dello scambio)

Per cui se non avete proprio intenzione di mettere del contenuto -quale che sia- non pretendete poi a priori un feedback che ci vuole sudore e spesso solitudine, noia, dolore, se mossi da spontaneità e passione nell’esprimerlo e trasmetterlo in immagini, parole, vera condivisione.

Ma quanto vale di più incrociare un cuore meno numerico e più Vero?.

Forse non sapete neanche che significa.

Non si piace a tutti menchemeno se te lo dice una “pseudo-autorità” di capogruppo “social”.

E per fortuna: hai mai visto davvero chi sono “sti tutti”?

Ti piace essere cuoriciato da una persona di mmmerda che vuole solo il tuo cuore indietro????

Da me riceverete solo compassione. Non lo voglio un cuore senza valore. E non svendo il mio. Quello vero.

Poi Contenti voi. Ma Fatevi una cultura, vivete la gioia dell’amicizia vera, e viviate anche il dispiacere – umano-, ovvero la saggezza, di essere né più né meno di tutti e di nessuno.

Concludendo

NON mi ci iscrivete ai gruppi scambisti che ti invitano “gentilmente” ma poi ti stressano, opprimono, intasano la mail o il profilo che nemmeno le sette sataniche, che sia su instagram, su facebook su cazzo ne so.  NON mi mandate messaggi privati a caso per farvi votare per il cazzo-di-concorso-ne-so.

Oltretutto, se proprio non avete il benché minimo rudimento di onestà intellettuale, ma mi fermate alla Forma, è ANCHE cafone e maleducato.

Finisce che vi voto perché, IO, non sono una brutta persona. Ma avete la faccia come il culo e nella vita attaccatevi al Cuore.

Libri che t’ammazzano, ma noi mangiamo

Libri che t’ammazzano, ma noi mangiamo

Approfitto del mio riposo forzato-febbrucola per sfoderare parole sempre messe in ombra dalle più liete ricettine 😜

9788838935848_0_0_2480_75

C’ è questo libro di cui non mi sono mai decisa, titubante e forse a lungo turbata in modalità silenziatore-latente, a scrivere apertamente se ne fossi infine giunta a conclusione. Alla luce di una digestione metabolizzazione lunga mesi, in cui mille parole mi sono venute in mente e mile altre mi hanno fatto scuotere la testa cestinandole o addirittura mancandomi, posso riassumere con una bozza spezzata non più lunga di un post, che un parere ce l’ho, e cosa per me strana, è un sommerso e salvato a maturazione inoltrata.

C’è questa Una vita come tante che fino a pagina 800 ti chiedi dove voglia andare a parare: troppo dolore, troppo marcato, troppo eccessivo anche per chi di dolore ne ha visto e vissuto in abbondanza sulla pelle reale, troppo, finanche, scritto male stilisticamente parlando, locuzioni prolisse, spiegazioni immotivate in pessima consecuzio tempore, verbi spaiati e inconcordanti tra persone, tempi e modi: spiegazioni lunghe senza spiegare nulla. nemmeno mia nonna con la terza elementare distillava il tempo così ingenuamente facendo i famosi preamboli della guerra.

Poi.

SbaBam! Da pagina 801 (più o meno)…. cambia. Sembra neanche scritto dalla stessa persona.  Non rimedia al dolore gratuito inflitto al lettore, ma , quanto meno, ne da una spiegazione, una radice, un mezzo parafulmine in cui farlo estinguere, un senso in cui il dolore si può inserire nella terra:  finalmente invece che aggratis il dolore che da al lettore te lo fa pagare snocciolandosi, la stessa storia diventa se possibile più vivisezionante, più una fitta affilata, e meno un morbo cronico degenerativo senza un perché.

Un libro che vale la pena di essere ODIATO fino a tre terzi, per poi sopportare, arrendersi, e scoprirsi amare la propria ingenua e indistruttibile voglia, l’infinita sete, d’un impossibile lieto fine e finale vittoria della forza umana, contro i mulini a vento dell’ineluttabile cruda realtà.

 

….

Comunque il momento ricettina per tirarsi su il morale ve lo lascio và😜, se no qui mi muoionogli amati seguitors dall’angoscia e dal digggiuno

View this post on Instagram

BuonWvenerdì!!! Che si mangia Betta? ⭐️#Insalata tiepida di 5 cereali, lenticchie rosse e zucchine!⭐️😋 Condita da un emulsione di olio, #limone e pepe, e accanto la mia superinsalatafresca #indiviabelga #pere e #mandorle, stesso condimento emulsionato. This is GOOD MOOD FOOD!😍 (Te pareva che l’avvicinarsi tanto agognato del weekend non fosse direttamente proporzionale all’impennata (vooooooooom✈️) del mio raffreddore, ma io dico che ci mettono nella tachipirina invece delle molecole, le morositas🍇 ???😳🤔 Voi che programmi avete igerz per il fine settimana? Io devo assolutamente farmi forza e fare un salto al super: la settimana prox mi arrivano tanti bei prodottini nuovi e sani da provare e di cui scrivere per cui voglio avere un po’ di basi in dispensa per scatenare igggenio creativo😂 e poi mega rifornimento shampi e balsami che sono tutti a fine e non mi par cosa di lavarmi col gingerino😂 (non fosse altro perché me lo voglio bere, e che lo spreco così?😌)) ➡️⭐️Ricetta leggera, sana, completa e veloce dell’insalata di cereali lenticchie e #zucchine (se ne fate in quantità doppia è ottima anche fredda da portare nella schiscetta al lavoro, o al picnic, o sul divano😜) x 1 persona * 60g mix di #cereali in chicco a cottura veloce (#riso, #avena, #farro, orzo, grano #integrale) * 60g #lenticchie rosse secche decorticate * 1/2 zucchina grande (o 1 piccola) * 1 cimetta di broccolo tagliata fine * olio evo * limone * sale e pepe q.b Versate le lenticchie in una pentola e ricoprite d’acqua fredda per il doppio della loro altezza, portate a ebollizione leggera e lessate a fuoco medio per 5 minuti senza salare, versate nella stessa pentola anche il mix di cereali, le zucchine mondate e tagliate a cubetti, e i pezzettini di broccoli, aggiungete poco sale e portate a cottura tutto insieme per il tempo necessario a cuocere i cereali (di solito 12 minuti) e le lenticchie finiscono di cuocere. Scolate lenticchie, cereali e verdure e trasferiteli in una ciotola o tazza. Condite ancora tiepido con una emulsione fatta sbattendo 1 cucchiaio di olio, il succo di mezzo limone, poco sale e abbondante pepe nero, mescolate per far amalgamare i sapori. ⤵️

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

 

Sfoglia salata zucca fagiolini e arachidi

Sfoglia salata zucca fagiolini e arachidi

Che mi piacciono le verdure come argomento non è una novità. Sarà perché per ventanni ho mangiato (poche) solo quelle costringedomi a farmele piacere per forza perché dovevo trarci il massimo nutrimento possibile (impossibile, non ci si vive, lo sappiamo bene, servono a vivere bene insieme al resto di cose che fanno bene, in un personale equilibrio, succhiarci la vita dentro è costringere piuttosto il corpo poi a succhiare e divorare se stesso= andare contro se stessi, a qualsiasi livello emotivo o fisico= morte. fisica e psichica e emozionale, questo giusto per non scordarselo MAI, alla luce di quante persone guariscono trovando se stesse e di quante rovinosamente invece continuano a subire il fascino idiota dell’idiozia), ora che tranquillamente son capace di mangiarmi due etti di pasta bianca in bianco al burro per dire quanto non ho paura di nulla, finché rispetto come sono e come in definitiva mi garba pure essere, in realtà le cerco, le verdure verdurose😍. Anzi, trovo il modo di infilarle dappertutto. Mi fanno stare bene. Insieme al resto di ciò che mi fa stare bene che è: NON esclusione né terrore di alcuna possibilità che si armonizzi a me.  Sembra strano a dirsi ma io ho dovuto e fortunatamente potuto impararlo a dai 32 anni. (e ora n’ho 33 eh).

Ciò che non fa per me, imparo a rispettarlo, semplicemente non appartenendogli. E mai mai mai dipendente né succube.

View this post on Instagram

Buona doneniHa da Firenze e il gelo polare❄️!😱Per la prima volta – e io sento tanto il freddo sempre😭- oggi mi son messa i nuovi guantini U.S.A direttamente da Amazon😍 (le guardate no le mie liste di tutti i Best-finds e i miei super consigli per le idee e i must dello shopping del momento??: ovvero quelli che non ce l’ha nessuno😌 perché li scelgo senza seguire nessuna moda e nessun andazzo, ehbbbehh😜 insomma le statistiche dicono di sì😍🙏🏻cioè non so chi sia 😁😅ma mi ci surfano e curiosano in tanti poi magari è sempre lo stesso unico e solo che ci si intestardisce ci passa le giornate perché non sa usare internet vabbè😂 evviva! )Vi sono estremamente grata anche perché – come scriverò a breve nel blog, non fregandomene un cavolo dei meccanismi individualisti che regolano il lato ridicolo e mostrificante dei social in realtà io senza nessuna scorciatoia né mezzucci a dir poco viscidi (che mi sentirei più a mio agio a tapparmi il naso 🤢e fare una cavolo di escort hotline piuttosto, per la glacialità e superficialità di certe interazioni di puro opportunismo attraverso il web😒-per la cronaca, non la faccio eh, un c’ho iffisico😂né abbastanza pelo sullo stomaco😂) c’ho un sacco di persone VERE che mi leggono💙Oggi golosissima SFOGLIA salata family version🔝😋 Zucca Fagiolini e arachidi senza latticini con pasta sfoglia Vegan senza grassi idrogenati, cubetti di cotto magro e panna veg e nessuno si lamenta “ndo sta la pancetta e l’emmental”…c’è solo l’uovo fresco bio il resto è salute, ma sfiziosa😍. Ricetta ORA sul Blog link in alto in Bio insieme alle mie cronache e vicende. E ora chi viene con me a vedere LOVELESS 🎬e mi tiene le manine calde fino a arrivare al cine😍?Se lo avete visto com’è? Perché se no c’è anche l’opzione libro coperta e 🐱 che non è nienteniente male😜😍Buon pome ig friends see ya next time!💙 #IFeelBetta #december #recipeoftheday #quiche #pranzodelladomenica #pastasfoglia #vegetarian #dairyfree #recipebooks #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #eeeeeats #homemade #checosastaicucinando #photooftheday #instafood #foodaddict #yummy #foodie #foodlove

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Ingredienti per una torta salata zucca fagiolini e arachidi.

1 rotolo di pasta sfoglia senza latticini né grassi idrogenati
3 uova medie

1 brick da 200g di panna vegetale senza grassi idrogenati (io panna di soia Alpro)

1 pizzico Sale

q.b pepe

100g Fagiolini spuntati

200g Zucca delica

30g Arachidi non tostate in guscio

100g Prosciutto cotto magro a cubetti

1 cucchiaino di Timo essiccato

1 cucchiaio lievito alimentare in scaglie

Procedimento:

Lavare bene e Mondare la zucca privandola della buccia -attenzione a non tagliarsi ve lo dico perché per me è un classico proprio con la zucca😂 infatti vi scrivo con due dita in meno SCHERZOOOOO😂) e tagliarla a cubetti non troppo grandi (circa 1 cm per lato)

Spuntare i fagiolini e privarli del filamento, lavarli e sgrondarli bene.

Sgusciare le arachidi e togliere la pellicina marrone di ogni coppia sbucciata.

In una ciotola sgusciare le uova, salarle e pepare, versare la panna vegetale e i cubetti di prosciutto cotto, le arachidi sgusciate sbriciolate grossolanamente e le foglioline di timo essiccate.

In uno wok o padella larcga scottare brevemente i fagiolini tagliati a metà, 1 spicchio di cipolla tritato e i dadini di zucca, on 1 cucchiaio di olio, appena finché si inteneriscono ma lasciandoli sodi e croccanti perché finiranno di cuocersi nel forno.

Foderare uno stampo a cerniera tondo di 25/30 cm di diametro con il rotolo di pasta sfoglia vegetale, lasciando alla base il foglio di carta da forno della confezione, facendolo aderire bene alle pareti.

Unire le verdure del wok o padella al composto di uova panna veg e cotto e mescolare bene. Aggiungere una cucchiaiata di lievito alimentare in scaglie che da un buon sapore “formaggioso” e fa le veci del parmigiano

Versare tutto il composto all’interno dello spampo e della pasta sfoglia e rigirare i bordi di pasta sopra il ripieno arrotolandoli formando un cordoncino uniforme lungo tutto il perimetro della torta salata.

Cuocere in forno preriscaldato a 190° per 25 minuti finché i bordi di sfoglia sono ben dorati e l’interno compatto rappreso e colorato.

Gustare appena intiepidita.

 

Nel frattempo fatevi fuori il resto delle arachidi, e che non mi/vi conosco, grullacci😜…

 

Film vincitore a cannes LOVELESS. Ultima chiamata a dirmi se vale la pena se no è LIBROSUBITO😁 😍dai dai ditemi che fa schifo il film così mi impigiamo e vo diretta al libro che non si vede che c’ho voglia della seconda opzione di pomeriggio domenicale😂

 

 

SalvaSalva

L’amore, Davvero.

L’amore, Davvero.

Bettabloggers, il concorso per design creativo e storytelling del marchio Pandora nel mondo non l’ho vinto è fresca fresca la notizia😁, ma considerato quello che è apparso in sti giorni come slogan a caratteroni cubitali per le strade di Milano non posso che essere fiera di non essermi aggiudicata il posto per il Claim creativo vincente visto i (dubbi😒) parametri con cui hanno evidentemente scelto di selezionare il messaggio su cui puntare. (proprio su questo argomento ti rimando al post sempre puntuale e sempre intelligente di Laglasnost  8 dicembre. ) Azdòra Betta o Pandora Betta?🤔 Ai posteri l’ardua sentenza, Io intanto ho inalberato e inghirlandato e arlecchinato un Pandoro gastronomico. 😂 Un gioiello è solo per chi non brilla dentro😂😜😌

In ogni caso domani che lo aspetto a gloria mi son presa il posto all’Indian Festival di Firenze per il super corso di cucina indiana, tra un film e l’altro. Non vedo l’ora! Anche perché mi ci farò il documentario sull’iphone. E poi ve lo rivogo su ig.😜

Intanto oggi…

View this post on Instagram

Buonsabato mondo ig!!🙌🏻 Chi c’era stamattina al mitico stravisto e sempreverde mercatino di Natale🎄 crucco-nordico di SantaCroce?🙋🏻ioioio!😂un classicone dei sabati di dicembre, sarò mica la snobbe che non ci va? effiguriamoci, affionda subito è da ferragosto che l’aspetto😂no vabbè comunque bella girata anche se c’era la ressa so uscita col brutto tempo e invece è venuto fuori un bel solicino e tra wusteroni crautoni pretzeloni e folletti ugrofinnicii e nicolaus svedesi con cosa è tornata a casina la Betta? ma con una norvegesissima bustarella di spezie dorate mediorientali, eccerto😌oh! e vai con le crocchette vegane! Che poi era un esperimento m’è venuto in mente camminando, volevo fare una roba tipo falafel e ho mixato un po’ di trecento ricette insieme🙈nella speranza che mi stessero insieme senza leganti tipo uova ecc….se avete visto le STORIES c’è il tentativo sconsolato 😫 in pieno pessimismo cosmico leopardiano😂 e invece😍 a parte che erano lì lì per carbonizzarsi (memo: dacci un occhio alla padella invece di fischiettare agli uccellini, grulla!😂) son venute proprio niente male, anzi, a boccone in fieri sono di molto ma di molto BONE!!!!! Non sono come i falafel del baracchino turco come consistenza son diverse, ma le sto adorando😋😍 perfeziono, le rifaccio, e vi passo la ricetta perché non hanno nulla da invidiare alle polpette di lesso che faceva la mi nonna😍 ma 100% vegane di fave, ceci, semini misti e un sacco di spezie dorate! 🔝 insieme all’insalata di quinoa multicolor (facilissima Ricetta insieme al nuovo BLOGPOST⤴️💙 LINK IN ALTO IN BIO⤴️). Sto pranzo mi piace quasi anzi di più che lacarrellata di troiai che non vi sto a dire con cui abbiamo festeggiato ieri😁, anzi, a volte ci vuole proprio di farsi del bene con amore e fantasia e tuttasalute e natura, anche se poi ci si fa del bene anche regalandosi la fetta di pandoro alla crema. Un po’ di lavoro e poi relax e libri godetevi questo solicino prima che passi (ariecco Leopardi😂) Buon pome ig friends see ya next time!💙 #IFeelBetta #december #recipeoftheday #mangiaresano #comfortfood #pranzo #quinoa #falafel #vegan #butternut #foodblogger #foodblog #food52

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Invece Dal trapassato remoto con furore (ieri😂)

View this post on Instagram

8 dicembre… solo nelle migliori sale cinematografiche 😂😂😂”LOVE,CATTUALLY.” 🎅🏻🎄🎄il più bel film di Natale di sempre😍😂😍. Quali sono i vostri film del cuore a tema natalizio? Io non tanti ma alcuni sono davvero affezionata. Comunque, oggi me ne vado al compleanno 🎂 della mi sorella. Tanto per aggiungere feste su feste… 😅😱🎂 regalo 🎁 più regalo meno… ormai mi posso anche imballare la casa 😂co tutta la carta da pacchi c’ho in giro (però i nastri la metà so spariti CHISSÀCHILIHAPRESI 🤔🤔🤔🤔uhmmm… vediamo😺😺😺🎉🙈ma non lo so proooooprio boh MISTERI😂😂). AUguri sorellona che oltre a esse la stronzona che sei😆😬😜hai arricchito la mia vita dell’Amore, e dell’Onore, di essere Zia di due piccoleBettinePestifereCresconoMale😆😆😂🤣🤣. Ti voglio bene e te lo dico qui perché sono certa che non lo leggi, tiè😬😍😌, suvvia che un po’ (un microcaccolino dai) ho arricchito la Tua quando sono catapultata nel mondo col nome che tu hai scelto Per me. 💙💙💙 E ora svegliamo i miao per dispetto😂, prima che loro vengano a svegliare me che invece torno altri dieci minuti a letto che dopo ho da far la torta da portare😱😍🎂buona giornata ig friends dalla nostra mattamattagattafamily, see ya next time💙 #instadaily #lavitainunoscatto #catstagram #instamoment #cats #lovemycats #catsofinstagram #natale #cool #photooftheday #gatti #cats #lifestyle #italianblogger #love #happyvibes #solocosebelle #ilovemycat #enjoy #sleepingcat #weekend #humor #kittens #christmascat #birthday #december #ptitzelda2017

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

Buona festa dell’immacolata nonché compleanno della mi sorella che zittazitta pisserapissera freddafredda sarà anche nata l’immacolata MA io son double-ZIA😂 mah…uno si fa delle domande, sullo smistamento pacchi delle cicogne😂 scherzo sorellaccia! Comunque mi son svegliata tardi e volevo fare la tortona fashion di compleanno e volevo anche fa un monte di robe e non c’avevo un cavolo di voglia dico la verità perché la roba che avevo in mente necessitava una scappata al super che mi ci vai te sotto l’acqua a dancingintherain felice e beato ecco io no😂però mi uggiava anche non esprimere nulla di me né del mio amore fraterno per quanto silente e spesso incompreso o sconsiderato (ma neanche così tanto cercato da farmi piangere la coscienza, andiamo oltre, roba che ha bisogno di altri due secoli di psicanalisi e forse nel frattempo uno una complicità non canonica e informale adeguandosi alle proprie personalità la trova)… nelle stories due o tre soli passaggi di Tanto di mio con quello che c’era. Metafora della mia vita. Essere in un modo e trovarne il lato fantastico. Prendi un pandoro e prendi il famoso panettonegastronomico come ideona🤣😆Ok. Quindi inventati lì per lì tre farce diverse a casa che ti pare possano andare d’accordo. Taglia cuci e rattoppa un pandoro rigorosamente NON fatto da te perché non lo sai fare e non sei una ganzina né la cocca preferita del maestro lievito. Fai da te le cremine (coi grumi). Farcisci male perché con una mano fai la storia ig. Fai la storia ig e tra un po’ ti ritrovi due ore di sudore😂 sfracellate in terra che se facevi il panettone36oredilievitazione alla fine ci mettevi meno🙈😂. Risultato: Hai fatto il dolcione trashone kitch di natale più tamarro e di dubbiogustodell’universo. 🔝😍. E hai spalmato di marmellata l’ultimo strato che invece DOVEVA essere il coperchio da ricoprire di glassa. Buttaci due codette per rattoppare l’irreparabile. Portalo in bilico incellophanato sotto la pioggia. Arrivi. Auguri!-“Betta! Ma è un compleanno non è Natale, dove sono le candeline??????🙈😂”. Zitta o dico a tutto ig quanti anni hai😜, Irene. Buona festa a tutti see ya next time!💙 #december #pandoro#storytelling

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on