Spaccio spanakopite, sono spacciata

Spaccio spanakopite, sono spacciata

Spanakopita gnuda di Betta

Ingredienti per una teglia rettangolare di spanakopita

 

  •  1 confezione di pasta sfoglia rettangolare
  • 150 g di spinaci
  • 1 cipolla tritata
  • 1/2 porro tritato
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • 1 rametto di aneto tritato
  • 2 uova
  • 100g di ricotta
  • 250g di feta greca sbriciolata
  • sale fino
  • pepe nero
    olio evo

    Procedimento

    Fate un trito con il prezzemolo e l’aneto ben lavati e asciugati.Tritare anche porro e cipolla.
    In una padella mettete un filo d’olio a scaldare e cuocete la cipolla e il porro tritati il prezzemolo e l’aneto, facendo appassire a fuoco basso soltanto 5/8 minuti.
    Quando le verdure nella padella risultano morbide, aggiungete le foglie di spinaci lavate e strizzate e mescoliate bene il tutto a fuoco spento: gli spinaci si appassiranno così senza stracuocere, tanto poi va in forno. Fate raffreddare bene questa farcia
    In una ciotola sbattete le uova e aggiungete la ricotta e la feta. Aggiungete il composto di verdura appena cotto e mescolate.
    In una teglia ricoperta con la carta da forno mettete un disco di pasta sfoglia e aggiungete il composto di formaggio e spincai appena preparato, stendendolo e pareggiandolo bene in modo uniforme, lasciando circa 2 cm liberi tra i bordi. Chiudete bene creando un bordo ai lati come per una classica torta salata. Cuocete a forno riscaldato e ventilato a 180º per circa 25-30 minuti.

and that’s all, folk. ah no. qui c’è il povero Kundera che si rivolta nella tomba da ieri.

View this post on Instagram

Igrs, ciao! “L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL: MINESTRONELEGGEREZZA”😅😝😂!!!! oh come si fa? 🙈non se regge! 😂trooooppo leggero!😂 Ma ma che schifo di giornata loffia scrausa e piovosa (da voi come si va a Meteo?☔️😕) il mio stomaco ESIGE minestrone caldo ma anche qualcosa di colorato che mi tiri un po’ su la giornata, allora facciamo così vai, una pioggia di pisellini e edamame in aggiunta, mix veloce di orzo, e riso integrale, tutto insieme nella pentola in cottura col minestrone, scolo, spolverata di curcuma e avvolgo la mia insalata 100%Veg🍃di cereali legumi e “minestrone” con una generosa cucchiaiata di olio di cocco 😋, mangio caldo. tah, sistemato😌anche il minestrone lastminute a cubetti🙌🏻. #solocosesaneebuone 😋😍 ! 🌈Ma io che sto olio di cocco Io l’ho scoperto da ..stamattina! è buono oh! Uso spesso l’acqua e il latte di cocco ma l’olio non lo avevo ancora provato, voi che ne pensate? A Crudo o anche per cuocere? dovrò studiarmelo!. …coooomunque ora ora che ci penso -volendo😅- ci sarebbe anche la versione scempio de: ” L’insostenibile leggerezza del MistoBenESSERE.”🙈🌳 Povero Kundera! 🙈😂jhahahha! Buon appe e grigio pome a tutti 😘grazie di aver letto la mi bischerata quotidiana🙏🏻 #IFettaBetta #minestrone #ricettacreativa #ricettasana #wholegrains #peas #cleaneating #comfortfood #smartfood #foodblogger #foodideas #veganfood #foodblog #italianfoodphotography #topfoodpics #healthylunch #instagood #foodphotooftheday #onthetable #humor #rainyday #cuisine #tumeric #nofilters #food4thoughts #buonappetito #coconutoil

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Annunci

Diamo a cesare un’insalata di Betta

Diamo a cesare un’insalata di Betta

View this post on Instagram

Igerz! Diamo a CESARE l'insalata di CESARE della Betta! E non se ne parli pppiù!😂😂😋ovvìa!!! Te, Bastianich, vai a mangiare al mcdonald.🙌🏻😂🙌🏻Boh che c'entra, nulla😅😆 ma per dire, iniziata oggi ufficialmente col Bollone e la crocesopra, per la Betta, la vera fase di riequilibrio e organizzazione alimentare di routine il più possibile salutare e istintiva, mettere a riposo l'organismo dei pastrocchi delle feste, con la ripresa a pieno dei ritmi quotidiani di famiglia lavoro e ispirazione artistica per la mia scrittura, ho bisogno di mente efficiente al 🔝 e non offuscata ricoperta da drappi dal famosissimo Velo di Maia-late🐷😂🍭🍫🎂🍬🎅🏼😅). Ho bisogno di mangiare tanto, e bene, e bello, cose che mi piacciono e danno benessere e forza e emozioni nello stesso tempo. Ma una triste fettina di petto di pollo alla Canalis può mai darmi benessere? No! Allora facciamolo così: Pollo, triptofano per l'umore e proteine, sì, poco, una volta ogni tanto ma che sia di buona qualità, no tutti i gg che esce dalla plastica degrassizzato e poi infarcito di tutto tranne che il povero pollo che era -forse- la roba più sana là dentro: se solo fosse ancora pollo, quello spiaccicato e ricomposto nelle vaschette.🤔 Mi inorridiscono i prodotti light, sono perversi, per non dire abbocca-allocchi. Insalata Bio, Pollo Cotto semplicemente (e qui diamo pure alla canalis quel che è della canalis via😆:sulla griglia e tagliato a listarelle, sale e pepe) , in un' insalata di fagiolini freschi scottati, sedano a lamelle, noci sbriciolate e vinagrette senza lesinare di olio evo, limone, sale e pepe. cubetti di pane di segale tostato. manco al Ritz Carlton di Londra me la fanno così bona (non esageriamo oh😅hahah) E se non è di Cesare, che me frega😂, tanto me la magno io!😍 Buona settimana grazie di aver letto la mi bischerata quotidiana #IEatBetta2018 #IFettaBetta #insalatadipollo #greenbeans #ricettasana #segale #detox #cleaneating #comfortfood #smartfood #foodbloggers #foodideas #nourishment #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #healthyfood #instafood#foodphotooftheday #onthetable #mangiaresano #ricettecreative #cuisine #nofilters #creativity #pranzo

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Bettar salad😁 di pollo fagiolini sedano e noci

Ingredienti x 1 persona

150g petto di pollo biologico a fettine

200g di fagiolini verdi

1/4 cipolla rossa tritata

50g insalata misticanza di rucola e spinacini

1 gambo di sedano

sale e pepe nero

3 gherigli di noci

1 cucchiaio di olio extravergine

1 spicchio di limone o aceto di mele bio

Procedimento

Scottare per pochi minuti (6/7 massimo) i fagiolini spuntati e lavati in acqua leggermente salata insieme al trito di cipolla rossa

Scaldare una piastra antiaderente di buon qualità e quando è calda grigliare da entrambe le parti le fettine di petto di pollo senza farle troppo seccare, annerire o bruciare (1 minuto per parte a seconda dello spessore). Salare e pepare a fine cottura.

Tostare nel forno o in un tostapane brevemente 1 fetta grande intera di pane di segale e tagliarla a cubetti/triangolini.

Scolare i fagiolini e la cipolla, sgrondarli bene e porre in un insalatiera insieme a foglie di rucola e spinacino fresco, 1 gambo di sedano -foglie comprese- mondato e tagliato a lamelle, il pollo grigliato tagliato a bastoncini.

Sbriciolare sull’insalata i gherigli di noce, cospargere coi cubetti di pane e condire il tutto con una vinagrette di olio evo, succo di limone spremuto, 1 pizzico di sale e una macinata di pepe nero.


Epilogo

And that’all, folks. Buona settimana, vi lascio con una mezza frase di quel megabastardone s-antipaticone odioso sciamannato di C.G.Jung che -però- possarivoltarsidiinsonnia nella tomba in eterno psicanalizzando se stesso in eterno come un criceto😝- ha detto una cosa sacrosanta UNA degna di riflessione:

“Fin dal principio, il mondo è stato infinito e Inafferrabile”. 

Quanti sono invece i Vampiri emotivi che basano i loro puntifermi e cosiddetti Principii “coerenti e saggi e inquadrati”, sul Fermare e Frenare l’Altro dall’essere qualcosa che ai loro calcoli non quadra inchiodandolo con ricatti psicologici? Chiedimi di volerti bene perché di questo ne abbiamo ,non solo desiderio, tutti, ma bisogno, tutti. Non chiedermi di essere cosa non sono. Non chiedermi di far parte di una prigione di cui TU sei schiavo e per questo vuoi incarcerarci anche me come Tua unica via di fuga. Piuttosto, esci anche Tu a prendere boccate di LIBERO Niente🙌🏻

Cuore di crema alla zucca nella zucca butternut e ceci neri

Cuore di crema alla zucca nella zucca butternut e ceci neri

*con fette di Zucca arrostite al rosmarino😋

 

View this post on Instagram

Buon giove freddo brutto grigio piovoso umido e plumbeo💙 passata la mattina a “godermelo” tra shopping prenatalizio e lavoro, ora di pranzo, infilati i ciabattones da yeti😂 ho pensato che farò come re mida: che trasforma quel che tocca in oro😍 o come la fata turchinaBettabibodibibù, che ti trasformo una zucca in….TADAAAN: IN ZUCCA!😌😍 non si era mai visto un incantesimo simile eh😌!😂🔝🔝 😍…Che bontà la crema di zucca butternut in zuppiera (un cuoreeee💙💙💙) di zucca butternut con ceci neri della murgia e fette di zucca(butternut😁) al forno! profumo di rosmarino -dice che annusarlo faccia diventare intelligenti😱 ora tutti a sniffare rosmarino come degli invasati, andiamo in giro direttamente col rosmarino messo a piercing nel naso!!!! Il mio pranzo dorato, zucca dei desideri, zucca dei miei pensieri, come si fa a non amarti! Hai più fan nel mondo che beyoncé😍 verooooooo igers? 😜 Ricetta semplicissima e supersana e comfort ORA su ifeelbetta.com (⤴️link diretto in alto in BIO⤴️) E voi dove le prendete le idee per gli acquisti di natale? Bello bello sisì entusiasmante 😒andare in giro a impacchettare il mondo, io però se posso preferisco farlo se posso da casa,benedetto Amazon, in ciabattones, tra le mie cose, nel mio mondo, che non è per niente dorato, ma viverlo pienamente è il mio più grande tesoro. Buon pome ig friends see ya next time!💙 #IFeelBetta #december #recipeoftheday #comfortfood #foodaddict #pranzo #black #cecineri #zucca #butternut #ricettasana #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #eats #yummy#homemade #foodstagram #photooftheday #instafood #onmytable #delicious #instagood #foodstyle #healthy #healthyrecipes

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Ingredienti x 2 persone

1 zucca butternut intera (quella con la forma a chitarra o liuto, io la chiamo la zucca appèra🍐😂)

1 porro (o cipolla bionda)

1 patata grossa

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 rametto di rosmarino

2 pizzichi Sale marino integrale fino

1 lattina da 140g di ceci neri della Murgia cotti

1 cucchiaio semi di zucca sgusciati

Procedimento:

Lavare bene la zucca inera per togliere eventuali residui di terra dalla buccia, asciugarla e tagliarla in due metà precise per il senso lungo.

Non sbucciare la zucca perché una volta pulita bene è commestibile e al forno diventa di un ottimo sapore e consistenza nocciolata.

Preriscaldare il forno in modalità ventilata a 200°

Scavare con un cucchiaio le due parti concave privandole di tutti i semi e i filamenti ottenendo così due buchetti capienti che faranno da ciotolina e contenitore alla crema di zucca. Pareggiare eventualmente un pezzetto di buccia nel sotto di ogni metà così che una volta girate col lato aperto sopra rimangano stabili e perpendicolari alla base del piatto (come in foto insomma).

A questo punto affettare via dalle due metà tutta la parte lunga e stretta del “manico” non scavato. Tagliare con un coltello a lama alta e liscia anche queste in fettine di circa un cm per arrostirle insieme alle ciotoline di cuore di zucca.

Cospargere sia l’interno delle parti svuotate che le fette di 1 pizzico di sale e disporle insieme alle coppette voltate verso l’alto in una teglia ricoperta di carta da forno e irrorare tutto con 1 cucchiaio di olio, inserire qua e là tra le fette qualche rametto di rosmarino per profumarle in cottura.

Infornare la teglia nel forno già caldo per circa 12/15 minuti finché la polpa si è intenerita e arrostita in superficie e la buccia è diventata croccante.

In una casseruola far stufare il porro privato delle foglie esterne e dell’estremità verde (toglierne poca, da sapore) , affettato a rondelle,  e 1 patata sbucciata e tagliata a dadolini piccoli con 1 cucchiaio di olio, 1 rametto di rosmarino intero che poi toglieremo via, aggiungere subito 2/3 cucchiai di acqua calda e portare a cottura a fuoco dolce per 8/10 min, finché appassisce e diventa tenero e le patate morbide e cotte – quasi sfatte. Mi raccomando di aggiungere l’acqua perché senza liquidi il porro brucia in zero-tempo e diventa amaro. Salare tutto con 1 pizzico di sale marino integrale.

Adesso prendere le fette di zucca separate arrostite, staccare la polpa dalla buccia che ora viene via facilmente, e metterla nella casseruola insieme ai porri stufati e i cubetti di patata, togliere il rametto di rosmarino e con un minipimer o frullatore a immersione frullare il tutto portandolo a crema densa.

Versare nelle ciotoline di zucca questa crema corposa e aggiungere in ogni ciotolina due cucchiaiate di ceci neri accuratamente scolati e riasciaquati dall’acqua di conservazione.

Guarnire con qualche ago di rosmarino e una manciata di semi di zucca crudi ciascuna zuppierina e Servire accompagnato dalle restanti fette di zucca arrostita con la loro buccia e a piacere crostini o fette di pane casereccio integrale.

Note della Betta: Si può cuocere la zucca nella casseruola a dadini direttamente insieme al porro e alla patata invece che usare la polpa arrostita però garantisco che così il sapore nocciolato è amplificato e si percepisce anche nella crema poi passata al frullatore, il gusto donato dalla cottura al forno della zucca è qualcosa per me di irresistibile.💙

Qual è la varietà di zucca che preferite voi e amate usare in cucina? Perché lo so che anche voi fate parte del tunnel 🎃😜

Water, baby, water

Water, baby, water

Bettablogger buondì! Per i miei regalini di natale ho appena ordinato questo😍

portaburro a forma di balena troppo adorabile nel mio colore del cuore (non si vede eh😜) lo sto imponendo a chiunque ehm 😁ora lo piglio anche per me

Poiiiiiiiiiii per lavarsi la coscienza😂

ho scoperto e provato queste acque aromatizzate alla frutta fa vo lo se!!!! per me che non amo particolarmente il “non-sapore”  trinstanzuolo 😂dell’acqua neutra e liscia, sono una manna da’ccielo😍, altrimenti mi “scordo😅 casualmente” sempre di bere la giusta quantità di acqua ogni giorno e fa male, infatti a volte magari quando è freddo non so voi ma io proprio istintivamente la boccetta la rifuggo, è uno strazio un supplizio, e poi mi ritrovo con dei mega malditesta e lo sapevate che cala la concentrazione avere il cervello disidratato? (Vabbé poi se uno ce l’ha bacato e bucato di suo è n’altra storia😂 ma non vorremo certo averlo perché ci stiamo prosciugando eh, vogliamo essere grulli E idratati, noi🙌🏻 che i belli e dannati ce fanno😌 le scarpe) invece così, devo dire che la frutta si sente davvero, sono dolci, sono a zero calorie paripari come l’acqua, non contengono dolcificanti chimici o strani e sinceramente i gusti invogliano e è divertente trovare il mio preferito golosa diPer i frutta come sono, ora non vedo l’ora ti tirare un sorso!

 Adesso sono anche in superofferta😍 su Amazon ve l’ho detto che vi scovavo anche le più nascoste e imperdibili, beh, solo quelle che mi garbano da pazzi😁, poi se volete c’è anche c’è anche la lettieraWater😅 elettronico per miaos🐾 col timer ma presumo ne vogliate fare tranquillamente a meno della mia recensione per ora😂

Si può acquistare qui il mix Variety pack che ho provato io ancora per pochi giorni in supersconto, con Prime arrivano in 48ore, poi mi fate sapere se non sono ottime😍 e riuscite a bere di più in inverno, brrrrrrr😂, darètta alla Betta

Guardatevi anche la mia frequently updated personal page Amazon Influencer per tutti i suggerimenti, commenti e recensioni sui miei prodotti preferiti del momento😍da scoprire.

See ya next time💙

Quel che passa il convento

Quel che passa il convento

…. ah beh Io ho sempre sentito dire che camnionisti e preti mangiano parecchio bene comunque 😂. Anche da voi risuona questo luogo comune? ci sarà pure un briciolo di verità anche nelle peggio leggende metropolitane.

In ogni caso qui ho fatto visita alla tenuta Frescobaldi, e sono tornata a casa col fagottino di roba bona da provare e conservare. Anche se  stamani avevo fatto una ricettina da urlo che però essendomi mangiata svergognatamente appena uscita dalla padella, ovviamente per testarla per voi,😂, toccherà rifarla e impiattarla decente per darvi dosi e ricette che lèvati ennesimo guru del fitness, roba sana sempre di classe e senza metodo, nanni! Le focaccine glutenfree 100% farina di granosaraceno pronte in tre minuti.  Perfette per accompagnare dolci e salati e mangiate così sono uno sfizio salutare al massimo, non gonfiano perché totalmente senza lievito, digeribilissime.

io in preparazione delle focaccine voilà

 

E quindi che c’entrano camionisti e preti? Nulla. però mi sono fermata per un caffé al barettino dell’agippe a pontassieve e secondo me c’era un nugolo -ora non saprei dire se -di preti o di camionisti che attendeva una special fritturina di pesce😱 che non te l’aspetti proprio dall’agippe e invece, daretta, io mi ci sarei anche dilungata ma avevo da fà

View this post on Instagram

hahahaha (risatona con leggero sarcasmo😂) ig friends Buon lunedì hahahaha finisco il risatone gutturale ormai -ecco ho finito😂- quanto può essere buono il lunedì? 😫io mi so svegliata già stanca😱😂che io poi mi diverto nonostante il non essere assolutamente pronta a partire e anche ehm..leggermente sullo sfavatino andante stamattina😅per varie ragioni poi alla fine ho fatto pure un sacco di cose belle per lavoro (e stendiamo un velo pietoso che giusto giusto ieri per gradire 🙄quella gran simpaticona e zen donna della mi mamma me n’ha tirate dietro cento a proposito del mi lavoro palesando quello che lei “crede” di “NON” pensare e che giurerebbe con lo statuto del su partito adorato😒 in mano che “NON” pensa di me e del mi lavoro ma che in realtà pensa e infatti le esce fuori dall’anima appena molla un attimo le redini e si svela per quello che è: una con nessun rispetto né stima né considerazione della su figliola: infatti il mio è un lavoro di m*. la mia non è una vita. sì mammabuon pome hai ragione 😂quiiiiiiiiindi visto che la mia è una vita di m* e faccio cose di m* vedi di andarti a fare un po’ la tua😂 che è bella invece di essere sempre qua a cacareilcà😂😂 come si dice a firenze, no viaaa🙈😂ma anche a voi fanno così i vostri genitori anche se siete così grandigrossievaccinati che sul bus quasi vi lasciano il posto???? no via ma io un no so😂😂🙈no comment. Vabbò insomma se avete visto le stories stamattina avevo preparato quelle goduriosissime focaccine di #granosaraceno (di cui ovvio vi darò la ricetta perché sono il top e vi confesso che me le sono magnate due alle 10 appena uscite😅ops) e poi na cosa e un’altra succede che ti portano a visitare gli uliveti e ti lasciano le damigiane di olio novo, un tocco di #pecorino senese e un fettone di #gorgonzola fresco che fa la goccia ammiccante….che fai non assaggi il bottino col pane di altopascio? 😍La meglio cosa! La semplicità😍! Assaggini di materia prima che ci senti la terra e decine di secoli dentro. Il lunedì prende tutta una piega in armonia col bellissimo sole☀️ che splende oggi😍 buona settimana a tutti ig friendssee ya next time 💙#IFeelBetta #instadaily #recipeoftheday #olionuovo #food

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Vorrete mica anche la ricetta della mitica fettunta? E io ve la do lo stesso😌 anche se io oggi presa dalla gola di assaggiare ho saltato ZOOOOMP a piè pari la tostatura del pane eh oh sarete belli e perfetti voi pallini😌 IO NO 👏🏻

Questa ricetta è peggio del mitico pollo di elisabetta canalis, tanto per star nel tema cose rimaste leggendarie (nel bene e nel male😂ciao Elisabetta eh che ti chiami come me 🙌🏻 quindi 🔝a prescindere)

La mi Fettunta all’olio nuovo toscano

Ingredienti per una persona

3 fette alte 1cm di pane toscano sciocco di altopascio o di Prato (sciapo)

1 pizzico di sale per ogni fetta

1 spicchio di aglio

Griglia per brustolire il pane

Olio extravergine di oliva di nuovo raccolto, meglio toscano e fruttato con sentore erbaceo semipiccante

Procedimento

Tagliare con un coltello da pane seghettato qualche fetta di pane a piacere alto massimo 1 cm

Scaldare una griglia apposita per abbrustolire il pane sul fuoco medio

Appoggiare le fette di pane e girarle dalle due parti cuocendole ognuna per 1 minuto circa senza bruciarle (stateci dietro, all’inizio sembra di no ma poi volgete le spalle e bruciano facile)

Nel frattempo privare della buccia secca e della prima camicia di uno spicchio di aglio e tagliarlo a metà per il senso lungo

Strusciare i due spicchi sulle fette ancora calde per insaporire le fette di pane brustolite col suo succo, lasciarle da parte, si deve sentire solo il sapore

Salare appena ogni fetta con un pizzichino di sale se piace (a me piace il pane sciapo col sale aggiunto da me)

Disporle in un piatto o tagliere e irrorarle di abbondante olio nuovo toscano.

Gustare e degustare assaporando il profumo e l’aroma di questo incredibilmente semplice boccone di oro della natura, con tutti i cinque sensi😍.

 

 

 

 

 

Prepariamo il Gomashio con la Betta

Prepariamo il Gomashio con la Betta

View this post on Instagram

Oggi a pranzo Passato di verdure e patate con #gomasio (ricetta diretta sul blog in alto in bio⤴️) homemade e l’olio novo 😍appena comprato reduce da una splendida mattinata alla tenuta di Nipozzano @frescobaldivini 😍🔝in cui le nuvolone si intersecavano ai colori splendidi delle vigne infiammate di autunno comprar regali per amici di famiglia, ho preso freddo a far foto (video fatti pieni di meraviglia in macchina😂😂) e a dilungarmi in chiacchiere perché curiosavo dappertutto come una vera ricercatrice scientifica di csi #cosedafoodblogger 😂 e arrivo a casa e ho voglia solo di zuppa. Al passino come la nonna. E Il gomasio con le alghe che è un portento e che ho fatto nel mortaino della nonna😍. E le galatine perché vi giuro😅a me fanno da calmante per la gola in fiamme (sisì, le mangio per la gola😂😂😂ESATTO😂😂😂🙌🏻) Il procedimento per farlo è ADESSO sul blog correte a prender nota: facilissimo, fa bene, e pestarlo rimette al mondo, una piccola meditazione pratica per ricentrarsi in se stessi, e dare il via a un lungo pomeriggio di completo svacco… ehm… relax coi miei gatti, e i miei libri😍 in un tuttuno col divano😂😂😂😍😍😍. buon sabato pome a tutti amici see ya next time 💙 #ifeelbetta #checosastaicucinando #instagood #foodstyle #weekend #instadaily #recipeoftheday #pranzo #buonappetito #hot #healthyfood #comfortfood #autumn #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #veggies #foodlove #ricette #tasty #sesamo #photooftheday #instafood #tastingtable #vegetarian #instagood #cuisine

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

In commercio nei negozietti biologici o ai vari Naturasì sparsi per l’italia trovate anche quello già pronto. Può essere una soluzione pratica e io stessa l’ho spesso usato, ma ogni tanto mi piace prepararlo in casa (vogliamo o no mettere a frutto sei mesi di corso di cucina macrobiotica che ho frequentato di sottecchi mentre nessuno sapeva, per amore di curiosità o forse per le vibrazioni buone che mi dava dedicarmi all’istinto e all’addomesticamento delle mani quando la mente non era un porto sicuro, in cui ho imparato due cose fondamentali e contrastanti  apparentemente tra loro che: 1) le linee guida generali come indicazioni di salute a lungo termine di un alimentazione naturale di tipo (e sottolineo tipo, stile) macrobiotico sono -a mio parere- il 🔝 per la salute psicofisica, sperimentate sulla mia pelle, il ché non significa né mangiare MENO, né seguire una “dieta” e tantomeno mangiare male 2) che non voglio far parte assolutamente di nessun filone, stile alimentare o personale e recintarmi dentro alcuna regola di alcun tipo e in ultima istanza dover dimostrare qualcosa per essere riconosciuta qualcuno degno di amore infinito a patto che e soprattutto che esclude tutto il resto, e il cui amore infinito è qualcosa di nascosto, qualcosa da tenere per sé.

Io amo le cose alla luce del sole. Anche quando si viene dal buio. Anche quando è buio perché è nuvolo e piove grigioebigio e tempo da lupi come oggi mannaggiallui😂. Ci siamo capiti😁

E quel che di buono mi ha dato, col cavolo che lo sotterro con una croce solo perché il contorno non mi garbava tanto. Col cavolo che lo rinnego. Solo che lo tengo e maneggio a modo mio. Quando mi pare e piace e fa star bene. Come tutte le cose della mia vita.

Viva il

Ricetta Gomashio alle alghe hijikii

(ricche di proteine, calcio e iodio)

Liberamente Tratto dal libro dei rimedi macrobiotici di Michio Kushi, dosi per una decina di usi.

Per prepararlo lavare e tostare delicatamente in un pentolino dal fondo spesso, controllando di non bruciarli, una ventina di cucchiaini di sesamo chiaro e un cucchiaino di alghe hijiki essiccate sbriciolate con le mani.

Aggiungere un cucchiaino di sale marino integrale -lo trovate in qualsiasi supermercato fornito o nei negozi specializzati biologici, così come le bustine di alghe, e anche in alcune erboristerie- e versare il tutto in un mortaio meglio zigrinato sui lati, che in Giappone prende il nome di Suribachi, ma io non sarò rigorosa e vi dico che con un po’ di pazienza funziona anche il mortaio liscio che usava la mia nonna per il pesto, ci vorrà solo appena più tempo e olio di gomito 🙂

Pestare e mescolare insieme per un dieci minuti buoni finché circa 2/3 dei semi di sesamo sono sbriciolati e polverizzati e si sprigiona un gradevole aroma.

Conservare in un barattolo di vetro ben chiuso. Usarne uno/due cucchiaini alla volta come condimento per cereali in chicco bolliti, verdure, pesce o qualsiasi pietanza salata -tranne forse la carne per via del sapore delle alghe che non combina-. Io l’ho provato anche sulla pasta, i funghi, e le minestre di verdura ed è un ottimo sostituto al comune sale da cucina con in più il sapore tostato del sesamo e particolare delle alghe.