Focaccia pere gorgonzola e pinoli

…..Vabbé ma non mi dite nulla del nuovo logo? 😂lo sento così tanto mio, sta roba la fo la notte coi gatti uno spiattellato sul mac padrone del mondo ma che è😱, già gli ho dovuto smollare il mouse come balocco per evitare danni più gravi alla parte compatta, e devo caricare di nascosto nei cinque minuti in cui sonnecchiano (con un occhio solo😂) e fare tutto senza cavi, quell’altro direttamente artigliato alla coda di cavallo senza ritegno. No ma fate pure eh 😜

Comunque😌

View this post on Instagram

La perfezione non è di questo mondo. La mia focaccia pere gorgonzola e pinoli sì! 😂Anzi, è direttamente nel mio forno gente😍😁 (Ricetta di un grande classico per la coppia di ferro formaggio e pere, nonché mio asso nella manica se come me non siete degli assi e dei gradassi😌😜 per fare sempre gli impasti in casa e infarinarvi impiastricciarvi il sabato che per me significa -aaaaa😱- trasformarsi per una mattina in cenerentola che ripulisce il macello delle sorellacce: “Peter 🐱🐾e Tobia🐱🐾”😂 -ma anche il mio , via 😂🙌🏻-, io la trovo davvero gustosissima, parte il balletto 💃quando ogni tanto la sfodero😜 oggi mi andava proprio, una vera golosità e per me non c’è pizza del sabato sera che tenga, lo weekend sfizio perfetto per me comincia con la focaccia bianca al formaggio. Se pensiamo che ero e sono una bambina così grulla che da piccola ero già una streghetta nera antipatica a tutti ordinando in pizzeria sempre e solo biancaneve😜, il gusto si evolve e moltiplica e contadinizza oh😂🍐🧀, ma il pomodoro con buona pace di anto’pummarò che sinceramente la fa meglio di me quella vera e la mangio se vo a napoli, il pomodoro lo metto nel caciucco io, e nella pappa😜😂 Ricetta ora sul blog link diretto in alto in BIO!💙⭐️⤴️) …e già che il forno è accesso, siccome c’avevo poca roba da fare no…è in corso le prove di un esperimento cervellotico che se viene bene finisce dritto dritto in pacchettini di natale insieme ai miei acquisti preferiti e best-found amazon (correte a darci un’occhiata se siete in cerca di ispirazione! utilissimo per organizzare tutti i regali comodamente da casa—>Link sul blog) E mo addentiamo un pezzo di paradiso, che sarà un pomeriggio infernale anche se ha le sembianze di un ghiacciolo, brrrrrrr!!!❄️have a great weekend of your tastes, ig friends see ya next time!#IFeelBetta #december2017 #recipeoftheday #creaconstuffer #weekendfood #pranzoitaliano #pizza #focaccia #natale #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #eating #vegetarian #pizzarecipe #incucinaconstuffer #photooftheday #instafood #onmytable #yummy #instagood #foodstyle #lifestyle #AmazonInfluencer

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Ingredienti

(x 1 Focaccia pere gorgonzola e pinoli #IEatBetta💙)

-1 base per focaccia rotonda già stesa in rotolo (io uso la Stuffer che viene davvero croccante fuori e soffice dentro!)

-1 rametto di rosmarino fresco

-1 pizzichino scarso di sale

-1 e 1/2 pere abate

-80g gorgonzola cremoso dolce

-30g pinoli

-1 cucchiaio e 1/2 di olio extravergine di oliva

-Pepe nero q.b.

Procedimento

Preriscaldare il forno a 200g

Stendere su una leccarda da forno un rotolo di pasta per focaccia di diametro rotondo direttamente con la sua carta, spianarla leggermente con i polpastrelli vicino ai bordi per ottenere un cerchio quasi perfetto nel caso notassimo fosse più allungata da un verso o più spessa e “alta” in alcuni punti

Lavare bene, asciugare e affettare verticalmente in spicchi e poi a fettine sottili mezzo centimetro una pera di qualità abate ( la cui buccia verde non troppo rugginosa non diventerà troppo scura in forno)

Disporre le fettine di pera a raggera a piacere sulla basa di focaccia e qualche aghetto di rosmarino fresco qua e là.

Cospargere di un pizzico scarsissimo di sale e irrorare con 1 cucchiaiata e mezzo di olio extravergine di oliva

Quando il forno ha raggiunto la temperatura infornare la leccarda con la foccaccia per 8 minuti finché le pere si ammorbidiscono e la base di focaccia comincia appena a dorare.

A questo punto prelevare la teglia e distribuire sulla superfice fiocchetti o fettine di gorgonzola dolce privato della crosta e una manciata di pinoli.

Infornare nuovamente per 3/4 minuti controllando spesso affinché il formaggio si scioglie, i bordi della focaccia diventano completamente dorati e fragranti e i pinoli tostati.

Sfornare e mangiare subito ben calda tagliandola in spicchi

Non aggiungere ulteriormente sale data la sapidità del formaggio gorgonzola ma una bella macinata di pepe nero in grani

SalvaSalva

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0
Annunci

Water, baby, water

Bettablogger buondì! Per i miei regalini di natale ho appena ordinato questo😍

portaburro a forma di balena troppo adorabile nel mio colore del cuore (non si vede eh😜) lo sto imponendo a chiunque ehm 😁ora lo piglio anche per me

Poiiiiiiiiiii per lavarsi la coscienza😂

ho scoperto e provato queste acque aromatizzate alla frutta fa vo lo se!!!! per me che non amo particolarmente il “non-sapore”  trinstanzuolo 😂dell’acqua neutra e liscia, sono una manna da’ccielo😍, altrimenti mi “scordo😅 casualmente” sempre di bere la giusta quantità di acqua ogni giorno e fa male, infatti a volte magari quando è freddo non so voi ma io proprio istintivamente la boccetta la rifuggo, è uno strazio un supplizio, e poi mi ritrovo con dei mega malditesta e lo sapevate che cala la concentrazione avere il cervello disidratato? (Vabbé poi se uno ce l’ha bacato e bucato di suo è n’altra storia😂 ma non vorremo certo averlo perché ci stiamo prosciugando eh, vogliamo essere grulli E idratati, noi🙌🏻 che i belli e dannati ce fanno😌 le scarpe) invece così, devo dire che la frutta si sente davvero, sono dolci, sono a zero calorie paripari come l’acqua, non contengono dolcificanti chimici o strani e sinceramente i gusti invogliano e è divertente trovare il mio preferito golosa diPer i frutta come sono, ora non vedo l’ora ti tirare un sorso!

 Adesso sono anche in superofferta😍 su Amazon ve l’ho detto che vi scovavo anche le più nascoste e imperdibili, beh, solo quelle che mi garbano da pazzi😁, poi se volete c’è anche c’è anche la lettieraWater😅 elettronico per miaos🐾 col timer ma presumo ne vogliate fare tranquillamente a meno della mia recensione per ora😂

Si può acquistare qui il mix Variety pack che ho provato io ancora per pochi giorni in supersconto, con Prime arrivano in 48ore, poi mi fate sapere se non sono ottime😍 e riuscite a bere di più in inverno, brrrrrrr😂, darètta alla Betta

Guardatevi anche la mia frequently updated personal page Amazon Influencer per tutti i suggerimenti, commenti e recensioni sui miei prodotti preferiti del momento😍da scoprire.

See ya next time💙

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Prepariamo il Gomashio con la Betta

View this post on Instagram

Oggi a pranzo Passato di verdure e patate con #gomasio (ricetta diretta sul blog in alto in bio⤴️) homemade e l’olio novo 😍appena comprato reduce da una splendida mattinata alla tenuta di Nipozzano @frescobaldivini 😍🔝in cui le nuvolone si intersecavano ai colori splendidi delle vigne infiammate di autunno comprar regali per amici di famiglia, ho preso freddo a far foto (video fatti pieni di meraviglia in macchina😂😂) e a dilungarmi in chiacchiere perché curiosavo dappertutto come una vera ricercatrice scientifica di csi #cosedafoodblogger 😂 e arrivo a casa e ho voglia solo di zuppa. Al passino come la nonna. E Il gomasio con le alghe che è un portento e che ho fatto nel mortaino della nonna😍. E le galatine perché vi giuro😅a me fanno da calmante per la gola in fiamme (sisì, le mangio per la gola😂😂😂ESATTO😂😂😂🙌🏻) Il procedimento per farlo è ADESSO sul blog correte a prender nota: facilissimo, fa bene, e pestarlo rimette al mondo, una piccola meditazione pratica per ricentrarsi in se stessi, e dare il via a un lungo pomeriggio di completo svacco… ehm… relax coi miei gatti, e i miei libri😍 in un tuttuno col divano😂😂😂😍😍😍. buon sabato pome a tutti amici see ya next time 💙 #ifeelbetta #checosastaicucinando #instagood #foodstyle #weekend #instadaily #recipeoftheday #pranzo #buonappetito #hot #healthyfood #comfortfood #autumn #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #veggies #foodlove #ricette #tasty #sesamo #photooftheday #instafood #tastingtable #vegetarian #instagood #cuisine

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

In commercio nei negozietti biologici o ai vari Naturasì sparsi per l’italia trovate anche quello già pronto. Può essere una soluzione pratica e io stessa l’ho spesso usato, ma ogni tanto mi piace prepararlo in casa (vogliamo o no mettere a frutto sei mesi di corso di cucina macrobiotica che ho frequentato di sottecchi mentre nessuno sapeva, per amore di curiosità o forse per le vibrazioni buone che mi dava dedicarmi all’istinto e all’addomesticamento delle mani quando la mente non era un porto sicuro, in cui ho imparato due cose fondamentali e contrastanti  apparentemente tra loro che: 1) le linee guida generali come indicazioni di salute a lungo termine di un alimentazione naturale di tipo (e sottolineo tipo, stile) macrobiotico sono -a mio parere- il 🔝 per la salute psicofisica, sperimentate sulla mia pelle, il ché non significa né mangiare MENO, né seguire una “dieta” e tantomeno mangiare male 2) che non voglio far parte assolutamente di nessun filone, stile alimentare o personale e recintarmi dentro alcuna regola di alcun tipo e in ultima istanza dover dimostrare qualcosa per essere riconosciuta qualcuno degno di amore infinito a patto che e soprattutto che esclude tutto il resto, e il cui amore infinito è qualcosa di nascosto, qualcosa da tenere per sé.

Io amo le cose alla luce del sole. Anche quando si viene dal buio. Anche quando è buio perché è nuvolo e piove grigioebigio e tempo da lupi come oggi mannaggiallui😂. Ci siamo capiti😁

E quel che di buono mi ha dato, col cavolo che lo sotterro con una croce solo perché il contorno non mi garbava tanto. Col cavolo che lo rinnego. Solo che lo tengo e maneggio a modo mio. Quando mi pare e piace e fa star bene. Come tutte le cose della mia vita.

Viva il

Ricetta Gomashio alle alghe hijikii

(ricche di proteine, calcio e iodio)

Liberamente Tratto dal libro dei rimedi macrobiotici di Michio Kushi, dosi per una decina di usi.

Per prepararlo lavare e tostare delicatamente in un pentolino dal fondo spesso, controllando di non bruciarli, una ventina di cucchiaini di sesamo chiaro e un cucchiaino di alghe hijiki essiccate sbriciolate con le mani.

Aggiungere un cucchiaino di sale marino integrale -lo trovate in qualsiasi supermercato fornito o nei negozi specializzati biologici, così come le bustine di alghe, e anche in alcune erboristerie- e versare il tutto in un mortaio meglio zigrinato sui lati, che in Giappone prende il nome di Suribachi, ma io non sarò rigorosa e vi dico che con un po’ di pazienza funziona anche il mortaio liscio che usava la mia nonna per il pesto, ci vorrà solo appena più tempo e olio di gomito 🙂

Pestare e mescolare insieme per un dieci minuti buoni finché circa 2/3 dei semi di sesamo sono sbriciolati e polverizzati e si sprigiona un gradevole aroma.

Conservare in un barattolo di vetro ben chiuso. Usarne uno/due cucchiaini alla volta come condimento per cereali in chicco bolliti, verdure, pesce o qualsiasi pietanza salata -tranne forse la carne per via del sapore delle alghe che non combina-. Io l’ho provato anche sulla pasta, i funghi, e le minestre di verdura ed è un ottimo sostituto al comune sale da cucina con in più il sapore tostato del sesamo e particolare delle alghe.

 

 

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Quello che instagram non dice

Ovvero i retroscena torbidi della superficie patinata. (La mia vita non è patinata manco in superficie ma vabbè😂 facciamo il torbido del torbido).

PHOTO of the day:

View this post on Instagram

Buon marte amici come ve la passate? io e i coll-kats 😺siamo reduci da una mega trasferta al dottorGatto😱 (per la cronaca, tutto a posto🙌🏻gioia infinita per questa notizia, almeno i mimmi stanno bene!😍vorrà dire che saranno i’bbastone della mi vecchiaia🔝😂) a pranzo, complice il tempo grigiognolo, mi andava proprio una bella zuppa corroborante e comfort, coi funghi che ho trovato per la strada freschi freschi di bosco (oh, non per la strada che li ho raccattati dall’asfalto eh😂 per quanto io sia totalmente di filosofia antisprechista non arrivo a tanto😂: c’era l’ortolano con sti bei ciccioloni sulla via di casa 😍😂non ho resistito! Una zuppa vellutata che l’unica bega è pulire i funghi per bene prima perché poi l’ho fatta in meno di mezz’ora, è divina!!!! Vi giuro che fa gola anche a Peter e Tobia – non mi sorprendo, a colazione mi mangiano tranquillamente e avidi un terzo del porridge con lo yogurt di soia ma io dico!!!! Non ci son più i gatti d’una volta😂) mangio mentre seguo un webinar 🔝di #Buzzoole4transparency per lavoro abbinato a triangolini di mais e legumi (con ottime qualità nutrizionali pochissimi additivi e ingredienti strani e quasi più addicting delle patatine😍, li conoscete ?😍 ) e albicocche essiccate che amo per darmi energia nel pome, anche se in questi giorni sono veramente piena di lavoro e di richieste, però ora ditemi che non vi voglio bene😁 stanotte mentre non pigliavo sonno ho cominciato a disegnare il calendario e i daily planner #IfeelBetta 2018 scaricabili e stampabili free dal blog, per la vostra scrivania ufficio, bagno, indo vu volete, cominciamo a organizzarci per essere casinari anche l’anno prox😂! per ora ho fatto gennaio😂(anche perché devo scegliere le mie citazioni “famose” e “infami” mese per mese, così si ride un po’🙈) Lo trovate nella pagina gadget del blog, insieme alle mie vicende e ricettastre e tutte le mie trovate. Che mangiate di bono voi? Io stasera forse faccio i biscotti presi da qualche vostra ricetta 🔝😍 è che non so quali provare son tutti golosissimi😱 Buon pome igers, 😍 see ya next time 💙#instadaily #recipeoftheday #eating #cucinare #buonappetito #vegetarian#healthy #instafood #comfortfood

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

PHOTO of the day: LA CRUDA -e bellissima- REALTà 😂

IMG_1411

Comunque ho portato i coll-katz stamani dalla veterinaria e dice tutto bene, fissati tutti i vaccini di routine schedati pesati e radiografati dalle vibrisse alla puntina della coda. Miao! Abbastanza tranquilli, avevano meno paura di me quando vo dal dottore che sbianco e vado in iperventilazione dalla fifa che pare ogni volta vada lì solo per raccattare i mezzi litri di acqua e zucchero e caramelline golia dalla signorina dell’accoglienza😱

Ma passiamo a cose serie: 😍MUST HAVE!!!

 

Il premio per il black Friday deal del giorno va a

che io mi accaparro immediatamente, MIO SUBITO, ovvio lo prendo per le mie nipoti😁😁

➡️Altre trovate bellissime da avere SUBITO commentate e recensite per essere originali (e un po’ scemi come me) li trovate sulla mia pagina dedicata ai recommended Amazon!

Avete già scaricato l’anteprima del daily plan qui 😍 in attesa del calendario 2018 #IFeelBetta che sto disegnando per voi? Ogni mese uno strafalcione iconico come citazione tra i miei best of. Che potrete tranquillamente rivogare a chi vi rompe gli ammennicoli. Sia come rispostacce silenziatrici e imbarazzanti, che come carta straccia per fargli capire quanto NON ci tenete a loro. See ya next time!💙

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Patè vegan di melanzane per crostini

Buon lunedì ricomincia il tran tran (o come dicevo da piccina: il tramtram😂), vi sembra che a pranzo io abbia preparato nientemeno che i mitici leggendari #crostini di fegatini del tipico apripasto toscano? Ebbene, per quanto io ne abbia mangiati una quantità a dir poco esagerata nell’arco della mia vita (vabbè, tranne la parentesi poco amena e durata pure troppo in cui non mangiavo proprio😷-follia-) e per quanto debba confessarvi che ne sono estremamente ghiotta: quelli della mi nonna, quelli del pizzicagnolo, quelli del ristorante, quelli della bettolaccia, e perfino quelli in vaschetta tutti li ho assaggiati se c’erano li pigliavo🙈 fino a che…ehm….nonna nonna!!!! mi dici com’è che “si fanno” i tuoi buonissimi crostini, cosa ci metti??? Bene. Non hanno smesso di piacermi.😂 Ma giuro che ci penso due volte ora prima di prenderli e ordinarli, e quindi siccome però mi andava un bel crostino oggi, per me e per voi ho ricettato questa crema completamente vegetale, sana, ie stuzzicantissima della stessa tonalità, che di certo non inganna il gusto—> non sanno di carne e acciughe, ovviamente!!!! ma lo sorprende perché sono di patè di melanzane supersaporiti e buonissimi e secondo me possono essere una valida alternativa in un antipasto misto per noi o per i nostri amici vegani/vegetariani ora che si va verso pranzi e cene festivi, nonnina adorata perdonami ma anzi sii fiera, tanto non li avrei mai saputi fare, “quelli”, buoni come i tuoi 😜 Ricetta ORA sul blog! e sui miei canali ricettosi, dove trovate anche tutti i best deals dei miei prodotti preferiti musthave (commentati nel mio stile🙋🏻‍♀️)anche a voi in questo periodo cominciano a saltarvi in testa idee per i pranzi delle prox feste? vola vola il tempo e io metto giù sta salsa che me la mangerei a cucchiaiate 😋e volo a lavorà 😂Buon pome igers, 😍 see ya next time 💙

 

Patè vegan di melanzane per crostini

(Ingredienti per 4 persone circa)

  • 4 Melanzane
  • 1 spicchio Aglio
  • 2 cucchiaio Olio di oliva extra vergine
  • 1 ciuffo Prezzemolo tritato
  • 1 Limone
  • 1 cucchiaino Capperi sotto sale
  • 1 pizzico Sale fino
  • Quanto basta Pepe nero
  • 1 cucchiaino Erba cipollina

Preparazione

Step 1

Lavare bene 4 melanzane e infornarle intere su una placca ricoperta di carta oleosa per circa 30 minuti fino a che la buccia diventa nerissima e quasi carbonizzata (non preoccupatevi, useremo solo la polpa che così diventerà morbidissima e cremosa)

Step 2

Una volta sfornate lasciare raffreddare qualche minuto e poi tagliarle a metà per il lungo prelevando con un cucchiaio tutta la polpa a pezzettoni e porla in una terrina

Step 3

Nel frattempo tritare uno spicchietto di aglio fresco e un ciuffo di prezzemolo insieme a qualche cappero dissalato abbondantemente sotto acqua corrente fino a togliere ogni residuo di sale.

Step 4

Unire questi ingredienti alla terrina con la polpa di melanzane. Adesso con una forchetta ammorbidire e spezzare il composto amalgamandolo bene aggiustare di sale e pepe senza esagerare perché i capperi danno una bella spinta di sapidità da soli

Step 5

Irrorare con il succo di un limone spremuto e con un minipimer o un frullatore frullare l’intero composto versando a filo due cucchiai abbondanti di olio extravergine di oliva fino a che rimangono pochi pezzetti di polpa grossolani ma nell’insieme risulti molto cremoso, potete decidere quanto vi piace che si senta la consistenza della melanzana o quanto lo volete liscio al palato.

Step 6

Spolverizzale con qualche stelo di erba cipollina tritata per una sferzata di sapore piccantino. Il patè di melanzane vegetale è pronto per essere spalmato subito su crostini di baguette o fette di pane rustico ma è da provare anche come inusuale salsina per secondi piatti o pasta lunga e corta.

Note

Io personalmente non lo gradisco e lo trovo già abbastanza saporito ma si può aggiungere un pizzico di peperoncino in polvere al composto ultimato o in fiocchi prima di frullarlo. Si conserva in frigorifero anche due/3 giorni e si gusta rigorosamente a temperatura ambiente o freddo.

 


Passando ai superprodotti di qualità in ipersconto che ho trovato oggi nei best deals di Amazon, ora io c’ho avuto un kindle solo il tempo di portarmelo a NewYork, essì nel 2012 ormai, e non certo perché io sia la snob che credete e che io: o la carta l’odor di pagina o la buia ignoranza😂 no no, a me il kindle mi garba #darettaallabetta😂, solosolo che a NewYork, in cui mi è stato utilissimo sia sull’aereo che per le tarde serate passate in albergo – non so voi, ma io dopo 18 ore a camminare in lungo e in largo tra musei, elementi svettanti verticalmente, dato fondo alle scorte americane di noccioline biologiche date in pasto agli scoiattolini eccetera, gente che -a piedi- ti sfreccia accanto come flash gordon guando era vestito di rosso con le saette attaccate alle orecchie, dopo l’ennesimo bagel e l’ultima ciotola di latte di soia caldo al tavolone comune dei finti posticini hipster (quanto faceva cool bere latte di soia col tuo nome scritto a penna sulla tazzona a new york?😂) mi strapiombavo nel lettone a leggere il kindle, e poi non dormivo per l’adrenalina di essere DAVVERO a new york, sì, sono una sempliciona così. eh già. Ora lo rivorrei, e lo riavrò perché è in super offerta (click sull’immagine)

utilissimo soprattutto perché le povere pagine di carta oltre che a me piacciono pure un po’ troppo alle fauci e alle grinfie dei cool-kats 😒😂

Tutte le mie raccomandazioni commentate con le mie dritte (storte), i miei finds preferiti e idee in continuo aggiornamento  così potete dire anche voi #IFeelBetta, le trovate come qui sulla mia pagina AmazonInfluencer.

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Black friday? Yay yay yay da da da!

Scrivo mentre sto sugando e impantanandomi con questa:

View this post on Instagram

доброе утро 😂🇷🇺ig friends come state😍? qui fa caldo😱sarà perché ho scorrazzato e rotolato in lungo e in largo fino a ora a dare calci alle foglie di tutti i meravigliosi colori🍃, lanciarle e acchiapparle come coriandoli, saltarci sopra con sempre diversa forza e leggerezza per sentire tutta la gamma di crepitii fino a sbriciolarle, come una bimba😍 vabbè bando alle ciance e ai romanticismi selvaggi, lo sapevate che questo novembre ricorre il centenario della Rivoluzione russa? STUDIATE!😂 Sì lo so lo so che ormai le date si festeggiano solo in nome del pastaday, paneday,leccaleccaday,sonasegasusughiday ecc ecc😂 (e ci sono anch’io alla festa! me ne ricordassi una!😱😂) ma senza cadere nel prolisso nel politico o nel prosaico, c’ho un ricordo grosso come una casa NO, che pensateeee non di quando militavo coi bolscevichi armata di colbacco lungo la Nevka😂 ma che ci ho dato un mega esamone storico un secolo fa da pischella e leggevo fittofitto studiando finendo poi per fare la mia bella porca figura parlando solo di uno dei miei libri preferiti e cari di sempre Delitto e Castigo, letto a 14anni in pratica subito dopo il manuale delle marmotte sono passata a sfracellarmi il cervello di seghe mentali con la letteratura russa😂💙 e quindi in onor di staroba: SABATO PRANZO RUSSO🇷🇺😍!!!! Ricette 🔝 tratte dal vero libro della cucina sovietica che metto stasera nel blog😍perché sto assaggiando è stupendo! (E lungo😫) allora ho fatto per family: Zuppa alla russa tipo Borsch (chi conosce?😍), melanzane al superaglio, insalata “russa” all’aneto con cetriolini agrodolci e non mi ci entrava tutto nella foto, forse stase il pezzo meglio… (anteprima nelle stories) dopo mi fiondo in giro a comprare regalino per le nipo adorate….tutte le mie vicende seguite il blog che ne combino di ogni e mi preparo al blackfriday😱 Buon weekend igers see ya next time 💙#instadaily #recipeoftheday #foodstagram #cucinare #buonappetito #pranzoitaliano #healthy #creativity #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #natale #foodstyle #ricette #piattitipici #cucinarussa #tasty #russianfood #photooftheday #ricetta #foodporn #onthetable

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Considerato che -bene o male – il vnerdì diciassette ce la siamo scampata, o almeno è passato, il mood del momento è Black Friday! Non sapete che cos’è??? Scandalo! Nemmeno io fino a mezz’ora fa😂 Scherzo, ci sono delle offerte bomba su amazon raga, roba bella utile e inutile ora io non è che sia la maestra degli affari eh riesco a farmi sciorinare pure come minimo due monete da 500 lire al posto dei 2 euroni al giorno dai bottegai che c’hanno l’occhio lungo fuuurbi loro (checccavolo di pubblicità mi sto facendo oh!🙈mannaggia a esser trasparenti nell’anima😱) che ne dite di queste cosine?

Io le voglio tutte. Ma si può parlare di BLACK friday in coda a un post dedicato al centenario della rivoluzione russa, o che dir si voglia, ROSSA? Guerra fredda subito!🙌🏻😂

Postilla counseling filosofico:

L’incoerenza, per chi la sa portare con eleganza, sappiatelo, è un’adorabile virtù e diffidare di chi la taccia come difetto, o come poca serietà. Ditegnene anche a chi si veste e pensa dando ai meravigliosi colori significati che non hanno,  siano essi politici, sportivi, religiosi, di genere, di patria o credenze eccettera, e ne fa un’ottusità per partito preso, non certo pensato, solo per urlare l’essere qualcosa. Solo per non sapere o potere reggere l’intensità emotiva dell’infinita e mai uguale combinazione dei colori e degli istanti.

Note della lavapiatti:

prossimamente la ricetta trascritta della zuppa Borsch, che gliè un po’ lunga e pallosa, e sì mi fa fatica, e se lo sapevo prima compravo l’insalata russa surgelata. Nvece ho fatto io pure quella😒. E volevo passare il pome a comprare i regali per la nipo che ieri voleva giocare a fare la zia betty😍. Facciamo la zia betty daaaaaai: così !così! guarda faccio zia betty!!!!!:

Si stende a pesce lesso e dice: sono morta. 😂

🔝🔝🔝

ADOOOOOOOROOOOOO😍

Buon weekend anche dai gatti coolkats💙

 

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0