AtHomeBetta, IEatBetta, IThinkBetta, ITravelBetta, Ricettario della Betta, SighSobBetta

Quel che passa il convento

…. ah beh Io ho sempre sentito dire che camnionisti e preti mangiano parecchio bene comunque 😂. Anche da voi risuona questo luogo comune? ci sarà pure un briciolo di verità anche nelle peggio leggende metropolitane.

In ogni caso qui ho fatto visita alla tenuta Frescobaldi, e sono tornata a casa col fagottino di roba bona da provare e conservare. Anche se  stamani avevo fatto una ricettina da urlo che però essendomi mangiata svergognatamente appena uscita dalla padella, ovviamente per testarla per voi,😂, toccherà rifarla e impiattarla decente per darvi dosi e ricette che lèvati ennesimo guru del fitness, roba sana sempre di classe e senza metodo, nanni! Le focaccine glutenfree 100% farina di granosaraceno pronte in tre minuti.  Perfette per accompagnare dolci e salati e mangiate così sono uno sfizio salutare al massimo, non gonfiano perché totalmente senza lievito, digeribilissime.

io in preparazione delle focaccine voilà

 

E quindi che c’entrano camionisti e preti? Nulla. però mi sono fermata per un caffé al barettino dell’agippe a pontassieve e secondo me c’era un nugolo -ora non saprei dire se -di preti o di camionisti che attendeva una special fritturina di pesce😱 che non te l’aspetti proprio dall’agippe e invece, daretta, io mi ci sarei anche dilungata ma avevo da fà

Vorrete mica anche la ricetta della mitica fettunta? E io ve la do lo stesso😌 anche se io oggi presa dalla gola di assaggiare ho saltato ZOOOOMP a piè pari la tostatura del pane eh oh sarete belli e perfetti voi pallini😌 IO NO 👏🏻

Questa ricetta è peggio del mitico pollo di elisabetta canalis, tanto per star nel tema cose rimaste leggendarie (nel bene e nel male😂ciao Elisabetta eh che ti chiami come me 🙌🏻 quindi 🔝a prescindere)

La mi Fettunta all’olio nuovo toscano

Ingredienti per una persona

3 fette alte 1cm di pane toscano sciocco di altopascio o di Prato (sciapo)

1 pizzico di sale per ogni fetta

1 spicchio di aglio

Griglia per brustolire il pane

Olio extravergine di oliva di nuovo raccolto, meglio toscano e fruttato con sentore erbaceo semipiccante

Procedimento

Tagliare con un coltello da pane seghettato qualche fetta di pane a piacere alto massimo 1 cm

Scaldare una griglia apposita per abbrustolire il pane sul fuoco medio

Appoggiare le fette di pane e girarle dalle due parti cuocendole ognuna per 1 minuto circa senza bruciarle (stateci dietro, all’inizio sembra di no ma poi volgete le spalle e bruciano facile)

Nel frattempo privare della buccia secca e della prima camicia di uno spicchio di aglio e tagliarlo a metà per il senso lungo

Strusciare i due spicchi sulle fette ancora calde per insaporire le fette di pane brustolite col suo succo, lasciarle da parte, si deve sentire solo il sapore

Salare appena ogni fetta con un pizzichino di sale se piace (a me piace il pane sciapo col sale aggiunto da me)

Disporle in un piatto o tagliere e irrorarle di abbondante olio nuovo toscano.

Gustare e degustare assaporando il profumo e l’aroma di questo incredibilmente semplice boccone di oro della natura, con tutti i cinque sensi😍.

 

 

 

 

 

AtHomeBetta, IEatBetta, ISpeakBetta, IThinkBetta, Ricettario della Betta, SighSobBetta

Prepariamo il Gomashio con la Betta

In commercio nei negozietti biologici o ai vari Naturasì sparsi per l’italia trovate anche quello già pronto. Può essere una soluzione pratica e io stessa l’ho spesso usato, ma ogni tanto mi piace prepararlo in casa (vogliamo o no mettere a frutto sei mesi di corso di cucina macrobiotica che ho frequentato di sottecchi mentre nessuno sapeva, per amore di curiosità o forse per le vibrazioni buone che mi dava dedicarmi all’istinto e all’addomesticamento delle mani quando la mente non era un porto sicuro, in cui ho imparato due cose fondamentali e contrastanti  apparentemente tra loro che: 1) le linee guida generali come indicazioni di salute a lungo termine di un alimentazione naturale di tipo (e sottolineo tipo, stile) macrobiotico sono -a mio parere- il 🔝 per la salute psicofisica, sperimentate sulla mia pelle, il ché non significa né mangiare MENO, né seguire una “dieta” e tantomeno mangiare male 2) che non voglio far parte assolutamente di nessun filone, stile alimentare o personale e recintarmi dentro alcuna regola di alcun tipo e in ultima istanza dover dimostrare qualcosa per essere riconosciuta qualcuno degno di amore infinito a patto che e soprattutto che esclude tutto il resto, e il cui amore infinito è qualcosa di nascosto, qualcosa da tenere per sé.

Io amo le cose alla luce del sole. Anche quando si viene dal buio. Anche quando è buio perché è nuvolo e piove grigioebigio e tempo da lupi come oggi mannaggiallui😂. Ci siamo capiti😁

E quel che di buono mi ha dato, col cavolo che lo sotterro con una croce solo perché il contorno non mi garbava tanto. Col cavolo che lo rinnego. Solo che lo tengo e maneggio a modo mio. Quando mi pare e piace e fa star bene. Come tutte le cose della mia vita.

Viva il

Ricetta Gomashio alle alghe hijikii

(ricche di proteine, calcio e iodio)

Liberamente Tratto dal libro dei rimedi macrobiotici di Michio Kushi, dosi per una decina di usi.

Per prepararlo lavare e tostare delicatamente in un pentolino dal fondo spesso, controllando di non bruciarli, una ventina di cucchiaini di sesamo chiaro e un cucchiaino di alghe hijiki essiccate sbriciolate con le mani.

Aggiungere un cucchiaino di sale marino integrale -lo trovate in qualsiasi supermercato fornito o nei negozi specializzati biologici, così come le bustine di alghe, e anche in alcune erboristerie- e versare il tutto in un mortaio meglio zigrinato sui lati, che in Giappone prende il nome di Suribachi, ma io non sarò rigorosa e vi dico che con un po’ di pazienza funziona anche il mortaio liscio che usava la mia nonna per il pesto, ci vorrà solo appena più tempo e olio di gomito 🙂

Pestare e mescolare insieme per un dieci minuti buoni finché circa 2/3 dei semi di sesamo sono sbriciolati e polverizzati e si sprigiona un gradevole aroma.

Conservare in un barattolo di vetro ben chiuso. Usarne uno/due cucchiaini alla volta come condimento per cereali in chicco bolliti, verdure, pesce o qualsiasi pietanza salata -tranne forse la carne per via del sapore delle alghe che non combina-. Io l’ho provato anche sulla pasta, i funghi, e le minestre di verdura ed è un ottimo sostituto al comune sale da cucina con in più il sapore tostato del sesamo e particolare delle alghe.

 

 

AtHomeBetta, IEatBetta, ISpeakBetta, IThinkBetta, ITravelBetta, Ricettario della Betta, SighSobBetta

Zuppa di lenticchie rosse al curry e fagiolini

IMG_1468

Buongiove BUONPRANZO! avete mai assaggiato il Dahl di lenticchie nei ristoranti indiani, o addirittura in India? E’ un senso di appagamento per la mente e per lo stomaco che davvero riscalda l’anima, fa sentire in pace, non certo perché è un piatto punitivo anche se è completamente vegetariano anzi total veg (come è gran parte della popolazione indiana per cultura e antropologia, o chiamiamola come vogliamo religione, sebbene non sia intesa da quello che ho letto e studiato nello stesso modo in cui concepiamo noi occidentali la religione e neanche come concepiamo noi le stesse religioni o filosofie orientali deviandone i concetti al puro vanto come se fosse una cosa originale e alternativa che dona una certa aurea “interessante” e particolare: sappiatelo, pseudo-buddisti e interessanti e ‘profondi’ con i braccialettini col terzo occhio venduti in spiaggia(state anche comprando da schiavi di varie mafie) e con siddartha in mano che è “il libro più bello mai-letto della vostra vita😂” per moda son bravi anzi son scemi tutti a esserlo, questo vale per qualunque cosa fede ideale e convinzione nella vita, da secoli su secoli) MA COME SARò ANTIPATICA e ODIOSA quando dico la cruda verità eh😂 invece essere aperti e curiosi perché è bello e da gioia e ci aggiunge qualcosa invece che togliere, e non soltanto sbandierarlo a tutta la compa e magari ammorbare una cena di natale additando artificiosamente inorriditi il piatto dei vostri commensali o chi non sbandierando nulla né professando gruppi mistici di ascetismo –  e che però vi prendono soldi profumati uguali a tutti gli altri- non ha intrapreso un cammino identico al vostro, per semplicità ignoranza crudeltà?? ma forse umiltà… quindi -appunto- senza darci e dare tante etichette che davvero farebbero inorridire chi ha cultura o sete di conoscenza vera, allora che gioia l’immergersi senza alcuna pretesa o arroganza in altri sapori e in altre culture e in altre storie, quanto è sul serio gratificante, stimolante dei sensi e dei pensieri, incredibilmente divertente! è inclusione in noi delle piccole cose belle quotidiane e piene di senso come cucinare o creare o curare, dedicarsi, perdersi, e raccontarsi, scoprire, sbagliare, che ovunque condiscono e scandiscono le giornate e dove l’ultima spolverata di spezia la diamo noi con la nostra personalità senza che prevarichi nemmeno l’ultima e più semplice cipolla rimasta in fondo a desiderare borbottando un natale con l’odore di soffritto, e che tutto esploda di sapore, sarà che io sono fatta così, ma è tutto il contrario dell’esclusione e QUINDI del disprezzo di ciò che a noi non torna.

Favolosa zuppa ustionante di lenticchie rosse ai al curry indiano con ditalini rigati e fagiolini, con il mio metodo: facile veloce e senza troppi virtuosismi da chef né perfezionismi. Io perfetta coerente e purista e assente di contrasti e accenti lo sarò forse tra almeno ottocentomila trasmigrazioni in gatto. E volentieri rimarrei gatto.

(E le risorse nascoste😂 della Betta che zittazitta in pausa fa la maglia e iggolfino drittoerovescio le le nipo. mentre intesse la sua vita di spezie e colori, diversamente unici😍, con tanta voglia di esprimerli, condividerli, ascoltarli, sceglierli e rispettarli, e intersecarli con le unicità degli altri!🤗 tanta voglia di vivere a occhi aperti e a bocca aperta, a mani aperte e ancora qualche pugno chiuso da sferrare😜😂)

Buon appe e serata a tutti , bloggers, see ya next time 💙

Ingredienti per 2 persone

200g di lenticchie rosse decorticate

80g di ditalini rigati piccoli

100g Fagiolini verdi spuntati

1 carota

1 gambo di sedano

1 cipolla dorata

1 patata

1 litro Brodo vegetale (preparato con sedano carota cipolla patata, prezzemolo e 1 pomodoro)

1 cucchiaino abbondante di Curry indiano in polvere Garam Masala

3 cucchiai di Olio extravergine di oliva

Sale q.b se necessario

Procedimento:

Lavare sotto l’acqua corrente e sciacquare bene le lenticchie rosse decorticate fino a che attraverso il colino l’acqua diventerà quasi limpida e non farà più alcuna bollicina di schiuma e privarle delle eventuali impurità emerse in superficie (piccoli sassolini ecc)

Sbucciare la cipolla, lavarla bene e tagliarla a tocchi grossiFare lo stesso per la patata, la carota di cui avremo grattugiato la parte esterna, e il gambo di sedano .

Scaldare due cucchiai di olio extravergine in una pentola capiente a fiamma moderata , quindi aggiungere le cipolle, il sedano e la carote. Lasciar soffriggere mescolando per qualche minuto -circa 6/7 essendo i tocchi piuttosto grossi- finché le cipolle saranno appassite e semitrasparenti

Aggiungere adesso il curry che insaporirà tutto sprigionando il suo aroma e una volta amalgamato ai tocchetti per 1 minuto, unire tocchetti di fagiolini spuntati a piccoli segmenti le lenticchie e tutto il brodo vegetale.

Una volta che arriva a ebolizione abbassare la fiamma a fuoco minimo, coprire e fare sobbollire per 15 minuti il tempo di cottura delle lenticchie rosse decorticate, e nel frattempo le verdure si saranno ammorbidite e sfaldate insieme alle lenticchie.

A questo punto controllare che il tutto sia ancora abbastanza liquido/brodoso e eventualmente aggiungere un altro bicchiere di brodo per aggiungere i ditalini rigati alla zuppa, e finire di cuocerli insieme al misto di verdure e lenticchie speziato per il tempo suggerito dalla confezione della vostra pasta

Assaggiare e eventualmente regolare di sale, servite in cocotte o ciotole da zuppa e spolverare di un abbondante macinata di pepe e un cucchiaio di olio a crudo.

E sti Bellissimi utensili che ho scovato per voi nel mio scan quotidiano delle cosine #IFeelBetta  must-have preferite, con tanto di opinioni e commenti senzafiltri in merito, quanto sono belli😍😍??? A voi piace questo colore un po’-tanto😂- Bettastyle????😍:

guarda tutta la serie dei miei discovery items del cuore su Amazon!

AtHomeBetta, IFreeBetta, ISpeakBetta, IThinkBetta, ITravelBetta, RandomBetta, SighSobBetta

Calendario della Betta 2018

Per i miei aficionados e i miei seguitors e anche i miei odiators (tengo a voi quanto agli altri, lo sapete😍)—–> Pronto il calendario😍mensile di Gennaio 2018 #IFeelBetta!!!!! (ora io non so a che livello di intelligenza siamo around the webbo ma sì che ci arriamo tutti a capì che I feel better= TRAD: mi sento meglio —-> #IFeelBetta per assonanza col mio nome eqqqqquindi pacioccone gioco di parole for dummies😁🙌🏻. applausi cori da stadio, grandi ce l’abbiamo fatta con la parafrasi!😂)

Il primo mese di prova non poteva che essere del colore del mio personal brand-blog che mi sono appena brevettata (ma è 5 mesi che c’ho sto colore di blog e mood: accorgetevene, ecco😌). Spoiler: ogni mese sarà un colore condìto diverso😜.  E con una mia frase-citazione Topica rimasta nella storia per essere totalmente fuoriluogo e maledettamente azzeccata e puntuale allo stesso tempo. A sorpresa. Si accettano richieste dei colori preferiti tanto poi fo come mi pare🙌🏻😂

Scaricatelo. Stampatelo. Appendetelo. Condividetelo. Usatelo come desktop. Come carta da bidet. Come tovaglietta per la colazione.

Come regalo per il vostro peggior nemico. Riempitelo di cose belle e brutte e soprattutto Vostre.

Soprattutto Vostre💙. Preview: 2018ifeelbetta1 Scaricalo qui in pdf versione stampabile:Ifeelbetta2018pdf.pfd

Visto che fino al 2018 c’è ancora dinnanzi a noi una 30ina di panettoni da scartare nel frattempo date un’occhiata ai miei consigli per lo shopping più uncool e fuori dal solito giro per prendere qualche idea e cominciare a stressarvi di acquisti in clima natalizio-regalizio se non lo siete già abbastanza -stressati o babbonatalizi– di vostro.😍. Occhio ai miei commenti sui prodotti preferiti sulla pagina linkata perché solo per gli ordini fatti attraverso questo link ci sono coupon e promo speciali con offerte e sconti con il mio codice personale fino all’80%:

ergo stay tuned, nanni.

-Instamoment di oggi

https://www.instagram.com/p/BbzHYXyl717/?taken-by=elisabettapend

AtHomeBetta, IEatBetta, IFreeBetta, IThinkBetta, ITravelBetta, RandomBetta, SighSobBetta

Quello che instagram non dice

Ovvero i retroscena torbidi della superficie patinata. (La mia vita non è patinata manco in superficie ma vabbè😂 facciamo il torbido del torbido).

PHOTO of the day:

PHOTO of the day: LA CRUDA -e bellissima- REALTà 😂

IMG_1411

Comunque ho portato i coll-katz stamani dalla veterinaria e dice tutto bene, fissati tutti i vaccini di routine schedati pesati e radiografati dalle vibrisse alla puntina della coda. Miao! Abbastanza tranquilli, avevano meno paura di me quando vo dal dottore che sbianco e vado in iperventilazione dalla fifa che pare ogni volta vada lì solo per raccattare i mezzi litri di acqua e zucchero e caramelline golia dalla signorina dell’accoglienza😱

Ma passiamo a cose serie: 😍MUST HAVE!!!

 

Il premio per il black Friday deal del giorno va a

che io mi accaparro immediatamente, MIO SUBITO, ovvio lo prendo per le mie nipoti😁😁

➡️Altre trovate bellissime da avere SUBITO commentate e recensite per essere originali (e un po’ scemi come me) li trovate sulla mia pagina dedicata ai recommended Amazon!

Avete già scaricato l’anteprima del daily plan qui 😍 in attesa del calendario 2018 #IFeelBetta che sto disegnando per voi? Ogni mese uno strafalcione iconico come citazione tra i miei best of. Che potrete tranquillamente rivogare a chi vi rompe gli ammennicoli. Sia come rispostacce silenziatrici e imbarazzanti, che come carta straccia per fargli capire quanto NON ci tenete a loro. See ya next time!💙

AtHomeBetta, IEatBetta, IFreeBetta, IThinkBetta, Ricettario della Betta, SighSobBetta

Patè vegan di melanzane per crostini

Buon lunedì ricomincia il tran tran (o come dicevo da piccina: il tramtram😂), vi sembra che a pranzo io abbia preparato nientemeno che i mitici leggendari #crostini di fegatini del tipico apripasto toscano? Ebbene, per quanto io ne abbia mangiati una quantità a dir poco esagerata nell’arco della mia vita (vabbè, tranne la parentesi poco amena e durata pure troppo in cui non mangiavo proprio😷-follia-) e per quanto debba confessarvi che ne sono estremamente ghiotta: quelli della mi nonna, quelli del pizzicagnolo, quelli del ristorante, quelli della bettolaccia, e perfino quelli in vaschetta tutti li ho assaggiati se c’erano li pigliavo🙈 fino a che…ehm….nonna nonna!!!! mi dici com’è che “si fanno” i tuoi buonissimi crostini, cosa ci metti??? Bene. Non hanno smesso di piacermi.😂 Ma giuro che ci penso due volte ora prima di prenderli e ordinarli, e quindi siccome però mi andava un bel crostino oggi, per me e per voi ho ricettato questa crema completamente vegetale, sana, ie stuzzicantissima della stessa tonalità, che di certo non inganna il gusto—> non sanno di carne e acciughe, ovviamente!!!! ma lo sorprende perché sono di patè di melanzane supersaporiti e buonissimi e secondo me possono essere una valida alternativa in un antipasto misto per noi o per i nostri amici vegani/vegetariani ora che si va verso pranzi e cene festivi, nonnina adorata perdonami ma anzi sii fiera, tanto non li avrei mai saputi fare, “quelli”, buoni come i tuoi 😜 Ricetta ORA sul blog! e sui miei canali ricettosi, dove trovate anche tutti i best deals dei miei prodotti preferiti musthave (commentati nel mio stile🙋🏻‍♀️)anche a voi in questo periodo cominciano a saltarvi in testa idee per i pranzi delle prox feste? vola vola il tempo e io metto giù sta salsa che me la mangerei a cucchiaiate 😋e volo a lavorà 😂Buon pome igers, 😍 see ya next time 💙

 

Patè vegan di melanzane per crostini

(Ingredienti per 4 persone circa)

  • 4 Melanzane
  • 1 spicchio Aglio
  • 2 cucchiaio Olio di oliva extra vergine
  • 1 ciuffo Prezzemolo tritato
  • 1 Limone
  • 1 cucchiaino Capperi sotto sale
  • 1 pizzico Sale fino
  • Quanto basta Pepe nero
  • 1 cucchiaino Erba cipollina

Preparazione

Step 1

Lavare bene 4 melanzane e infornarle intere su una placca ricoperta di carta oleosa per circa 30 minuti fino a che la buccia diventa nerissima e quasi carbonizzata (non preoccupatevi, useremo solo la polpa che così diventerà morbidissima e cremosa)

Step 2

Una volta sfornate lasciare raffreddare qualche minuto e poi tagliarle a metà per il lungo prelevando con un cucchiaio tutta la polpa a pezzettoni e porla in una terrina

Step 3

Nel frattempo tritare uno spicchietto di aglio fresco e un ciuffo di prezzemolo insieme a qualche cappero dissalato abbondantemente sotto acqua corrente fino a togliere ogni residuo di sale.

Step 4

Unire questi ingredienti alla terrina con la polpa di melanzane. Adesso con una forchetta ammorbidire e spezzare il composto amalgamandolo bene aggiustare di sale e pepe senza esagerare perché i capperi danno una bella spinta di sapidità da soli

Step 5

Irrorare con il succo di un limone spremuto e con un minipimer o un frullatore frullare l’intero composto versando a filo due cucchiai abbondanti di olio extravergine di oliva fino a che rimangono pochi pezzetti di polpa grossolani ma nell’insieme risulti molto cremoso, potete decidere quanto vi piace che si senta la consistenza della melanzana o quanto lo volete liscio al palato.

Step 6

Spolverizzale con qualche stelo di erba cipollina tritata per una sferzata di sapore piccantino. Il patè di melanzane vegetale è pronto per essere spalmato subito su crostini di baguette o fette di pane rustico ma è da provare anche come inusuale salsina per secondi piatti o pasta lunga e corta.

Note

Io personalmente non lo gradisco e lo trovo già abbastanza saporito ma si può aggiungere un pizzico di peperoncino in polvere al composto ultimato o in fiocchi prima di frullarlo. Si conserva in frigorifero anche due/3 giorni e si gusta rigorosamente a temperatura ambiente o freddo.

 


Passando ai superprodotti di qualità in ipersconto che ho trovato oggi nei best deals di Amazon, ora io c’ho avuto un kindle solo il tempo di portarmelo a NewYork, essì nel 2012 ormai, e non certo perché io sia la snob che credete e che io: o la carta l’odor di pagina o la buia ignoranza😂 no no, a me il kindle mi garba #darettaallabetta😂, solosolo che a NewYork, in cui mi è stato utilissimo sia sull’aereo che per le tarde serate passate in albergo – non so voi, ma io dopo 18 ore a camminare in lungo e in largo tra musei, elementi svettanti verticalmente, dato fondo alle scorte americane di noccioline biologiche date in pasto agli scoiattolini eccetera, gente che -a piedi- ti sfreccia accanto come flash gordon guando era vestito di rosso con le saette attaccate alle orecchie, dopo l’ennesimo bagel e l’ultima ciotola di latte di soia caldo al tavolone comune dei finti posticini hipster (quanto faceva cool bere latte di soia col tuo nome scritto a penna sulla tazzona a new york?😂) mi strapiombavo nel lettone a leggere il kindle, e poi non dormivo per l’adrenalina di essere DAVVERO a new york, sì, sono una sempliciona così. eh già. Ora lo rivorrei, e lo riavrò perché è in super offerta (click sull’immagine)

utilissimo soprattutto perché le povere pagine di carta oltre che a me piacciono pure un po’ troppo alle fauci e alle grinfie dei cool-kats 😒😂

Tutte le mie raccomandazioni commentate con le mie dritte (storte), i miei finds preferiti e idee in continuo aggiornamento  così potete dire anche voi #IFeelBetta, le trovate come qui sulla mia pagina AmazonInfluencer.

AtHomeBetta, IEatBetta, ISpeakBetta, IThinkBetta, RandomBetta, SighSobBetta

Rubrica #I FeelBetta Black Friday edition

Ebbene mi sono ciucciata SEGUITA attentissimamente 😁tre ore di webinar della gente che conta lassù a Amazon solo per voi😌 per mostrarvi via via man mano che si avvicina il fatidico black friday che ormai impazza c’è le file più lunghe che davanti al botteghino dell’15esimo harrypotter (ah perché, non esiste?! credeeeeeeete, voi, io so cose retroscena massonici audio trafugati dalle ultime esalazioni di voldemort in pieno trapasso cheeee voi umani….😂) e per fare in modo che né io ne voi vi perdiate i migliori affaroni del secolo e offerte di quel babbo natale e contenitore delle meraviglie che è, per dirla con ken follet, il mondo -amazon- senza fine. (A proposito, l’avete visto veeeeero ieri sera su la 7 il filmone tratto dal libro? Male male avete fatto perché ora ce ne andiamo tutti su Prime con la Betta eccciao repliche di cochiefiamme, ccccciao reti nazionali con le sciacalle delle disgrazie, ccccciao ghost a natale pasqua e ferragosto e prettywoman ogni luna nuova)

Vabbono, vediamo cosa ho cominciato a trovare di imperdibile tra le offerte del momento, ciò che assolutamente voglio per me e i miei cari e di cui penso seriamente di approfittare😍. Ad esempio, che ne dite di:

-Bisogno di un microonde nuovo e sicuro? Io sì cavolo , per scaldarmi i piatti la sera quando son stravolta stanca e sfavata e non c’ho proprio voglia😱 Questo mi piace😍 anche esteticamente e finché Apple non comincia a fare i microonde io vo abbastanza tranquilla sul samsung (che dio jobs mi perdoni).

Oh sto tappetino yoga gliè -quasi-più colorato e psichedelico dei miei piatti in tavola. Mai più un incriccamento o un colpo della strega allungandosi in posizione Pellicano(?) se non poggiando le ciabattones (ehm…i piedi scalzi😁) su una roba mistico-trascendentale caruccia come questa, costa meno che da Tiger ve lo dico!

Ste cuffie da sport sono oltre che superpratiche (anche quando non si ha voglia di ascoltare i discorsi di chi ci sta intorno facendo finta di essere impegnatissimi in una conversazione o nell’ascolto impegnatissimo di Mahler) pure carine e al 50% cioè se vo dai cinesi me le pago di più e ci sento dentro gli alieni, per dire.

Ok per oggi, a presto per la prossima mandata, starei tutto il giorno ma guarda ste due canaglie beccate in flagrante, è domenica, e non hanno mica tutti i torti, come filosofia.

E di PrimeVideo cosa ne pensate voi?  (Sì quello che fanno anche la pubblicità sui canali di cui sopra) Ho paura che mi abbiano regalato un biglietto sola andata per le occhiaie da tv-series dipendente😂 😱 see ya next time💙

#darettaallabetta #IFeelBetta

 

AtHomeBetta, IEatBetta, ISpeakBetta, IThinkBetta, ITravelBetta, RandomBetta, Ricettario della Betta, SighSobBetta

Black friday? Yay yay yay da da da!

Scrivo mentre sto sugando e impantanandomi con questa:

Considerato che -bene o male – il vnerdì diciassette ce la siamo scampata, o almeno è passato, il mood del momento è Black Friday! Non sapete che cos’è??? Scandalo! Nemmeno io fino a mezz’ora fa😂 Scherzo, ci sono delle offerte bomba su amazon raga, roba bella utile e inutile ora io non è che sia la maestra degli affari eh riesco a farmi sciorinare pure come minimo due monete da 500 lire al posto dei 2 euroni al giorno dai bottegai che c’hanno l’occhio lungo fuuurbi loro (checccavolo di pubblicità mi sto facendo oh!🙈mannaggia a esser trasparenti nell’anima😱) che ne dite di queste cosine?

Io le voglio tutte. Ma si può parlare di BLACK friday in coda a un post dedicato al centenario della rivoluzione russa, o che dir si voglia, ROSSA? Guerra fredda subito!🙌🏻😂

Postilla counseling filosofico:

L’incoerenza, per chi la sa portare con eleganza, sappiatelo, è un’adorabile virtù e diffidare di chi la taccia come difetto, o come poca serietà. Ditegnene anche a chi si veste e pensa dando ai meravigliosi colori significati che non hanno,  siano essi politici, sportivi, religiosi, di genere, di patria o credenze eccettera, e ne fa un’ottusità per partito preso, non certo pensato, solo per urlare l’essere qualcosa. Solo per non sapere o potere reggere l’intensità emotiva dell’infinita e mai uguale combinazione dei colori e degli istanti.

Note della lavapiatti:

prossimamente la ricetta trascritta della zuppa Borsch, che gliè un po’ lunga e pallosa, e sì mi fa fatica, e se lo sapevo prima compravo l’insalata russa surgelata. Nvece ho fatto io pure quella😒. E volevo passare il pome a comprare i regali per la nipo che ieri voleva giocare a fare la zia betty😍. Facciamo la zia betty daaaaaai: così !così! guarda faccio zia betty!!!!!:

Si stende a pesce lesso e dice: sono morta. 😂

🔝🔝🔝

ADOOOOOOOROOOOOO😍

Buon weekend anche dai gatti coolkats💙

 

AtHomeBetta, IEatBetta, IThinkBetta, ITravelBetta, SighSobBetta

C’è da mettere le catene alle suole delle scarpe

Riattacchiamoci con i vagoni persi tra gli starnuti e gli analgesici, che c’è un vento freddo mannaro ci porta via se un ci si tiene aggrappati a qualche istante 😜 brrrrrrr , in ordine cronologico, che poi vi parlo di una cosina…

https://www.instagram.com/p/BbbZw5tlTxY/?taken-by=elisabettapend

Ma quanto sarò profondaaaaaaa eh💙😂😌 Prossimi post con le ricettine dei piatti migliori del periodo, Adesso dirigetevi qui, con le cose migliori e i consigli del periodo-> OMG😍!

 

AtHomeBetta, IEatBetta, ISpeakBetta, IThinkBetta, ITravelBetta, Ricettario della Betta, SighSobBetta

Un pollo coi fiocchi

In amore non vince chi fugge e non vince chi insegue e non vince chi ama, in amore vince chi aspetta.

Sì ma che vince?!? un fidanzato ritardatario?😳

leggevo oggi nella mia girata domenicale mattiniera (a proposito, non c’era un cane! -tranne vabbè quello del mi babbo che è venuto a grugnire ai gatti- )questa massima d’autore casualmente in vari contesti dal reale al web da novella40000 ai più profondi siti di contenuti sciamanici trascendentali, della serie distendiamoci tutti come zerbini pur di non restare soli, pur di ricevere briciole di amore ripensato, ripensato troppo. Non parlo solo di fidanzati e fidanzate. E’ così bella l’autonomia, la libertà di pensiero….DOVETE OBBLIGATORIAMENTE PENSARLA COME ME🙌🏻😂. Io comunque sono una puntuale, per virar discorso. Magari non vengo proprio😁, non mi presento, me la sgamo, ma lo faccio puntalmente. E sono arrivati i gattini! Ecco gli aggiornamenti degli insta-ultimi giorni e una spettacolare ricetta geniale  in anteprima mentre mi metto seduta a recuperare tutte quelle che ancora mi manca di inserire perché li odio i debiti di ricette😫 e sistemare un po’ le news e le pagine del blogghe, questa tirata fuori last minute ieri sera per far scrocchiare di salute l’ospedaliero petto di pollo pallido, augh!

Veniamo alla ricetta dei filettini di pollo impanati ai fiocchi avena e cotti al forno. Healthy and flash! Io li ho accompagnati con dei crauti al naturale solo un po’ scaldati e cosparsi di semi di papavero e chia che ci stanno benissimo col gusto “tedesco-crucco” della pseudo-schnitzel, e creckers 100% integrali per restare in tema, starebbe bene anche pane di segale, và.

Petto di pollo ai fiocchi di avena

Ingredienti x 2 persone:

300g circa di fettine sottili di petto di pollo (potete acquistarle già affettate sottili o tagliarle voi stessi dell’altezza di mezzo centimetro)

1 uovo

Farina di avena q.b (una cucchiaiata per la prima impanatura)

50g circa di fiocchi di avena mignon

Sale e pepe q.b

Semi di sesamo 1 cucchiaino

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

 

Procedimento:

In un piatto fondo sgusciare e sbattere bene l’uovo.

Battete con un batticarne se non sono già pronti i filetti di pollo finché diventano sottili circa mezzo centimetro (così diventeranno belli croccanti ma non fibrosi all’interno e cuoceranno in un attimo)

Salare leggermente i filetti da entrambi i lati e pepare se piace.

Disporre la farina di avena in un piatto piano e passarci velocemente ogni filettino di pollo finché è ben ricoperto di uno strato fine, togliete la farina in eccesso, dovrà formare un velo.

Disponete anche i fiocchi avena piccoli (mignon) in un altro piatto piano e versateci un cucchiaino di semi di sesamo e un pizzico di sale mescolando brevemente per uniformare l’impanatura.

Adesso passare le fettine di pollo infarinate da entrambi i lati nell’uovo sbattuto e poi nei mini fiocchi di avena al sesamo finché sono ben ricoperti dappertutto in modo uniforme senza avvallamenti o parti grumose.

In una teglia stendere un foglio di carta da forno e un cucchiaio di olio e disporci tutti i filettini uno accanto all’altro, irrorare con un altro cucchiaio di olio i filetti nella teglia.

Cuocere in forno ventilato precedentemente scaldato a 190°, massimo dieci/12 minuti finché la crosticina di avena e sesamo non comincia a dorare. Non farli bruciare (ovvero il sesamo non deve diventare marrone scuro o nero, ma solo fragrante e tipicamente nocciolato/aromatico)

Servirli ben caldi con un contorno a piacere, i crauti ci stanno bene, ma anche spinaci, insalata,  patatine fritte per annullare l’effetto healthy quel che volete insomma 😂

Buoni! Se fate tardi a pranzo io mangio. ve lo dico😂, che dopo ho da fare shopping venite con me? I miei consigli amazon ve li potete spulciare comodamente in pantofole, col gatto acciambellato in braccio, sognando follie pigre e rimandando al mittente chi ci vuole in un certo modo: stressati, bah, compiacenti, doppio bah, belli buoni e bravi  (e finti) fino alla nausea triplo bah😒. Perché l’amore più grande e profondo e in ascolto che non va davvero mai fuggito o aspettato troppo, è quello per noi stessi. See ya next time!💙