Firenze Hardrock is now this

Cari bloggarelli allora? metti un mercoledì che c’è ancora il sole tiepidino, metti che l’estate se ne va tutta insieme e ti ritrovi a dire già menomale si sta ancora bene fuori che bell’arietta di settembre sì ma stase la copertina mia strucida sul divano con la tazza fumante accanto non me la leva nessuno, e lì ti vedi a sognare padelle bucate di caldarroste sul fuoco. Metti un mercoledì così in cui se lavori meglio! mi fo un giro in centro a firenze, guardo un po’ in alto un po’ in terra (strade e tombini pericolanti, se sei me mai abbassare la guardia😂), svettano i soliti amici e senti il naso di Dante quasi appoggiato sulla spalla indicarti un percorso casuale per raggiungere il bel posto in cui ti hanno invitata. L’evento di presentazione del nuovo menù fresh local Kilometrozero e relativa filosofia alla base nientemeno che del mitico HardRockCafè che prende via proprio dal suo punto fiorentino! In nome di blogger? In nome di reporter? In nome di socialite? (nel caso rivediamo di aver sottolineato bene dappertutto nella mia presenza online e offline le mie anti-Doti al riguardo🤔) ma voglio osare, forse in nome di foodconoisseur nonché Fotografa sperimentale? (😂😂uahahahahahahahahahahahahahahahaha risata di tre minuti, basta, grazie, finita) Fatto sta. Che c’ero. E per me ha fatto la differenza (ovvero l’ha fatta PER ME, che altresì me ne stavo a sciotolare un’insalata alla scrivania😁). Non vi dico la sosta di tre ore prima all’apple store con i nuovi iphoneX lì accanto che ha scatenato la mia bava tennnologica ad aggiungersi a l’appetito che girare per la città mette a qualsiasi ora, e poi lo conoscete il classico menù HardRock? Hamburger pollo fritti costine insalate dolcini libidinosi e tutte le americanate più succulente immaginabili unite alla live music allo store e all’atmosfera easy edivertimento che in tutti gli hrc del mondo ho sempre trovato e sono tentata di bazzicare. Ecco ora prendiamo questa linea che conosciamo bene, e vediamo cosa ci dicono di bello per questa nuova stagione e strada intrapresa e che sono mai ste novità allora in programma!

20170920_120202 Entri e vedi in primo piano affettatrici, apecar del salumiere, prodotti e ortaggi che sembrano usciti dall’orto dinnonno, e poi ti spieghi mano a mano che parlano i personaggi alla mente e alla mano di tutto ciò e capisci che adesso il tuo hamburger verrà cucinato con prodotti di qualità provenienti direttamente dall’Antica Macelleria Falorni, vanto della toscana e d’italia, i formaggi da aziende agricole Palagiaccio di cui ho sempre sentito dire da immi babbo eh io l’ho preso da loro, chi beve avrà una scelta di selezione dal Birrificiofiorentino che fermenta in loco, vini di Tenute rinomate della zona, e l’insalata, perché qui mi volevano😌non viene mica dalle buste bustaurelle come le mie! (non è vero, delle volte anch’io la piglio dai’contadino e la sgrondo, tiè🙌🏻 e infatti un ci corre nulla!!! / trad: non c’è paragone). Ah bene, veniamo aissodo, una preview in anteprima dei nuovi gusti sul menù partito da firenze, a cui 12 location hardrock aderiscono. Ce li hanno portati tutti e per dovere esperienziale, siamo stati veramente costretti ad assaggiarli uno a uno, insomma, bisognava capire bene sulla propria pelle la novità oh! In ordine di menù ho provato una capresina con mozzarella di bufala, una insalata Cesar alla rucola con pecan e frutta, il tagliere toscano di salumi e formaggi.

20170920_121654A caldo sono arrivate le palle fritte di cavolfiore e i Tupelo chicken tenderls, per poi passare all’hamburger Flocal, le costine Hickory sulla griglia, e bocconcini di salmone.

20170920_122324

20170920_123258C’era anche il burger vegetariano che non sono riuscita a assaggiare mannaggia a non essere una che fa la ficosa a tavola delle volte mi garberebbe divertirmi a strinare gli zebedei a destra a manca agli staff ristoratori ma ero impegnata a strinarli a i miei sventurati commensali per fare mezzo video indecente da postare su instagram 😂 e che tanto mi è venuto GIALLOPAGLIA comunque.😂

20170920_124047 Il tiramisù e un cocktail/dessert che era tanto carino in un vasetto di terracotta sembrava uscito da un terrazino dell’impruneta, DjRingo e Irene Grandi con una dedica speciale mi accompagnavano mentre memorizzavo ciò che sinceramente è stato un interessante menù e impegno intrapreso da Hardrock, per la qualità degli ingredienti, e per le implicazioni su piccola e grande scala che la strada del fresco, del locale, portano al panorama dei locali fiorentini di spicco, con un occhio di riguardo all’aiuto di meritevoli e importanti onlus come DinamoCamp.

20170920_130208

20170920_131113

 

Io la foto con Leonardo Romanelli me la son fatta, e me la son sudata con la faccia a chiulo che so sfoderare delle volte, ho incontrato amici blogger fiorentini come i cicalissimi EliFabioKamp e ForchettinaGiramondo, e pure foodblogger simpatici da ogni dove con cui mi piace rimanere in contatto (a proposito, andatevi a leggere pure il resoconto 🔝serio de Le stagioni nel Piatto), ora sarei chiuriosa di sapere quando digerisco a forza di ciotolebowls così ci porto la mi mamma (…nota rocckettara anni60 😂eh se un vu la conoscete fatevi una cultura!)

 

Annunci

14 risposte a "Firenze Hardrock is now this"

      1. Ahahaha
        Non pensavo che arrivassero a tanto, l’ho sempre visto come un posto tra il commerciale e il turistico.
        Per l’insalata va bene il prosiuttino tagliato grosso che s’intona meglio con la disposizione artistica. Mica seghe!

        Liked by 1 persona

        1. t’ha ragione t’hai tagliato di cortello proprio. io sinceramente ho mangiato parecchio bene certo il turistico è nella sua natura come locali anche però hanno davvero il loro fascino io ci entro anche nelle altre città del mondo e mi diverto (insomma, quando mi capita di viaggiare), una volta ci voglio andare a sentire anche la musica live. buon weekend Gianni!!!

          Liked by 1 persona

  1. Si, però: si parla di ‘chilometro zero’, e poi si parla di salmone, che come tutti sappiamo è un prodotto tipico toscano… 😀 Taccio per carità di patria sulle costine Hickory e i Tupelo Chicken Tenders che vabbè, utilizzeranno magari carne italiana, ma sono un segno abbastanza avvilente dell’americanofilia già invadente in locali tipo “Old Wild West” et similia… battezzare un locale “Vecchia, selvaggia Maremma” pare brutto? 😀
    Insomma, sarà pure un impegno agli ingredienti ‘di qualità’, che poi a ben vedere mi pare siano il minimo sindacale, se vado a mangiare fuori, ma la vera svolta sarebbe stata proporre anche ricette del territorio. Salvo la ‘bufala’ e il ‘tagliere’, che vabbé, alla fine ci vuole poco… 😀 😀

    Liked by 1 persona

  2. E’ da parecchio che manco da Firenze, e non ho mai mangiato in un Hard Rock nonostante nelle mie frequentazioni romane abbia strusciato avanti e indrè davanti a quello di via Veneto, ma sia al più entrato un par di volte a comprar magliette…
    Però mi hai fatto venire l’acquolina, che è giusto ora di cena, e dunque al mio prossimo viaggio fiorentino mi riprometto due cose: ammirare finalmente il giardino di Boboli, che ho sempre trovato chiuso, mannaggia, si vede che non era destino, e fare cena all’Hard Rock Cafè 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...