Libri che t’ammazzano, ma noi mangiamo

Approfitto del mio riposo forzato-febbrucola per sfoderare parole sempre messe in ombra dalle più liete ricettine 😜

9788838935848_0_0_2480_75

C’ è questo libro di cui non mi sono mai decisa, titubante e forse a lungo turbata in modalità silenziatore-latente, a scrivere apertamente se ne fossi infine giunta a conclusione. Alla luce di una digestione metabolizzazione lunga mesi, in cui mille parole mi sono venute in mente e mile altre mi hanno fatto scuotere la testa cestinandole o addirittura mancandomi, posso riassumere con una bozza spezzata non più lunga di un post, che un parere ce l’ho, e cosa per me strana, è un sommerso e salvato a maturazione inoltrata.

C’è questa Una vita come tante che fino a pagina 800 ti chiedi dove voglia andare a parare: troppo dolore, troppo marcato, troppo eccessivo anche per chi di dolore ne ha visto e vissuto in abbondanza sulla pelle reale, troppo, finanche, scritto male stilisticamente parlando, locuzioni prolisse, spiegazioni immotivate in pessima consecuzio tempore, verbi spaiati e inconcordanti tra persone, tempi e modi: spiegazioni lunghe senza spiegare nulla. nemmeno mia nonna con la terza elementare distillava il tempo così ingenuamente facendo i famosi preamboli della guerra.

Poi.

SbaBam! Da pagina 801 (più o meno)…. cambia. Sembra neanche scritto dalla stessa persona.  Non rimedia al dolore gratuito inflitto al lettore, ma , quanto meno, ne da una spiegazione, una radice, un mezzo parafulmine in cui farlo estinguere, un senso in cui il dolore si può inserire nella terra:  finalmente invece che aggratis il dolore che da al lettore te lo fa pagare snocciolandosi, la stessa storia diventa se possibile più vivisezionante, più una fitta affilata, e meno un morbo cronico degenerativo senza un perché.

Un libro che vale la pena di essere ODIATO fino a tre terzi, per poi sopportare, arrendersi, e scoprirsi amare la propria ingenua e indistruttibile voglia, l’infinita sete, d’un impossibile lieto fine e finale vittoria della forza umana, contro i mulini a vento dell’ineluttabile cruda realtà.

 

….

Comunque il momento ricettina per tirarsi su il morale ve lo lascio và😜, se no qui mi muoionogli amati seguitors dall’angoscia e dal digggiuno

View this post on Instagram

BuonWvenerdì!!! Che si mangia Betta? ⭐️#Insalata tiepida di 5 cereali, lenticchie rosse e zucchine!⭐️😋 Condita da un emulsione di olio, #limone e pepe, e accanto la mia superinsalatafresca #indiviabelga #pere e #mandorle, stesso condimento emulsionato. This is GOOD MOOD FOOD!😍 (Te pareva che l’avvicinarsi tanto agognato del weekend non fosse direttamente proporzionale all’impennata (vooooooooom✈️) del mio raffreddore, ma io dico che ci mettono nella tachipirina invece delle molecole, le morositas🍇 ???😳🤔 Voi che programmi avete igerz per il fine settimana? Io devo assolutamente farmi forza e fare un salto al super: la settimana prox mi arrivano tanti bei prodottini nuovi e sani da provare e di cui scrivere per cui voglio avere un po’ di basi in dispensa per scatenare igggenio creativo😂 e poi mega rifornimento shampi e balsami che sono tutti a fine e non mi par cosa di lavarmi col gingerino😂 (non fosse altro perché me lo voglio bere, e che lo spreco così?😌)) ➡️⭐️Ricetta leggera, sana, completa e veloce dell’insalata di cereali lenticchie e #zucchine (se ne fate in quantità doppia è ottima anche fredda da portare nella schiscetta al lavoro, o al picnic, o sul divano😜) x 1 persona * 60g mix di #cereali in chicco a cottura veloce (#riso, #avena, #farro, orzo, grano #integrale) * 60g #lenticchie rosse secche decorticate * 1/2 zucchina grande (o 1 piccola) * 1 cimetta di broccolo tagliata fine * olio evo * limone * sale e pepe q.b Versate le lenticchie in una pentola e ricoprite d’acqua fredda per il doppio della loro altezza, portate a ebollizione leggera e lessate a fuoco medio per 5 minuti senza salare, versate nella stessa pentola anche il mix di cereali, le zucchine mondate e tagliate a cubetti, e i pezzettini di broccoli, aggiungete poco sale e portate a cottura tutto insieme per il tempo necessario a cuocere i cereali (di solito 12 minuti) e le lenticchie finiscono di cuocere. Scolate lenticchie, cereali e verdure e trasferiteli in una ciotola o tazza. Condite ancora tiepido con una emulsione fatta sbattendo 1 cucchiaio di olio, il succo di mezzo limone, poco sale e abbondante pepe nero, mescolate per far amalgamare i sapori. ⤵️

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

 

Annunci

I taste betta – Targato Fi

Quanto piace alla Betta quando spuntano i posticini carini dammangiare e da vivere nel suo quartiere del cuore (anche perché ci abita 😜- coi coolkitz😅-, quindi doppio orgoglio campanilistico nel campanilistico del campanilistico, alla radice tricubica🙌🏻)

SanFrediano in oltrarno a Firenze, aaaaah, amore e odio ma più amore. Cià che un tempo era il massimo del popolare oggi is the NEW fashion, sarà che ci sono nata, sarà che c’è nata la mi nonna (no vabbè io in ospedale so nata😁 lei invece n casa= è autoctona 😜).

Ce n’è tanti e ce n’è stati e ce ne saranno, di posti bellini ( alcuni più alcuni meno). la giornata è piena di sole. Mi trascino il mi babbo che come dicevo su Instagram sopra lo devo un po’ intrattenere per non dire ciucciarmelo😴 ché m’è andato in pensione e se avete o avete avuto un genitore in questa fase della vita potete capire cosa intendo dire e che significa, ti perdono completamente i’ccapo, persone integerrime e tutta una vita a fare un personaggio che improvvisamente ti trascinano a accompagnarli a comprare intere collezioni di VINILI che ascoltavano appena usciti dal liceo e che poi hanno sempre d’ufficio rinnegato e disprezzato, battute che non li hanno mai fatti ridere e cose di cui hanno rimproverato TE figlia/o fino a ieri, adesso si mettono a farle e decantarle loro come se fossero l’unica cosa per cui vale la pena vivere. E vabbè ce lo ciucceremo. E allora me lo porto in giro a testare i posticini per i miei articoli di giornalista. Lui si diverte io Lavoro 😁 e intanto mentre c’ha la bocca piena almeno se ne sta zitto due minuti!

Oggi sono andata al TargatoFi undici rosso ecco cosa abbiamo mangiato e alla fine la non ardua sentenza con tanto di votazioni (coi miei soliti cuoricini Blu: da 1💙 a 5💙 per ogni categoria.)

Spaghetti tonno olive di gaeta e capperi – Insalata di Pachino Avocado e scaglie di Pecorino Toscano – Straccetti di manzo ai carciofi- Scaloppine alla senape e pepe rosa con spinaci freschi

Commento: mi sono trovata bene, pranzo molto piacevole la location è bellina alla moda senza spocchia, gentili, cibo buono abbondante con menù del giorno che cambia,  e menù dedicato al pranzo sempre comodo e che permette una alternativa di respiro al solito panino del bar o al primopiatto congelato in pausa di lavoro, cucina che si vede: piatti espressi che escono, caotico e ben frequentato, non caciarone ma nemmeno troppo fighetto, insomma per me il posto giusto! In una location semi-industriale ma calda ho mangiato a un tavolino accanto a un nerissimo pianoforte😍. C’era di tutto intorno a noi, dall’operaio in pausa ai colleghi più impostati di lavoro, e gente rilassata di tutte le età che si godeva il pranzo e chiacchierava. Acqua per il cane spontaneamente, gentili e sorridenti il personale, cameriera simpatica che mi dava gusto a ridere di battute e bischerate tra me e il mi babbo senza essere mai invadente. E per finire a pranzo anche economico che ci sta sempre bene.

L’unica cosa di cui il mi babbo (visto che a me non me ne frega nulla 😂) ha potuto lamentarsi è che per il bellissimo bancone che hanno, la scelta di birre è stata obbligatoria: bottiglietta da 33 di menabrea. Io non me ne intendo, ecco su questo delucidatemi voi se sia una pecca o no.

Location e design: 💙💙💙💙💙

Servizio: 💙💙💙💙💙

Quoziente fashion: 💙💙💙💙💙

Cibo e menù:💙💙💙💙

Instagrammabilità: 💙💙💙💙💙

Veg/intolleranze-options: 💙💙

Prezzo:💙💙💙💙💙

 

Ciao dalla vostra Betta, nel weekend a Milano per raccontarvi il Salone del Cioccolato!

Metti un cinese dopo i ceci, c’è cinesi!

sì vabbè, ….Mamma li turchi! (vabbè questa era per dire.🙈)  A proposito ma lo sapete da dove deriva questo famoso detto che io ho sempre sentito dire riferendosi alla qualunque ma senza mai capirne il significato? Ora che mi ricordo ‘è stato spiegato in una visita guidata nei quartieri meno bazzicati di Istanbul quando ci sono andata ( e lasciatemelo dire, uno dei viaggi più belli della mia vita 💙 un ricordo indelebile che solo a pensarci mi batte il cuore – sì, per una città mi batte il cuore a me, altro che sanvalentino- e che se la batte a pari merito con New york ma questa è un’altra storia ancora che vi racconterò).

Colgo l’occasione per La betta-dritta di oggi:

IMG_E3948

Mangiare sano al cinese? si può si può!!!🙌🏻😜

oggi per questioni di lavoro sono dovuta rimanere fuori a mangiare e tra una cosa e un’altra dovevo pure fare alla svelta, bene, ora, io a dispetto di ogni pregiudizio devo dire che amo la cucina cinese (e spero un giorno di poter assaggiare in loco “quella vera”, perché non so quanto questa nei posti italiani sia effettivamente ciò che mangia una famiglia cinese di pechino, per dire, fatto sta che mi piace comunque), da quando ero bambina per me non era il buco (buho in fiorentino) di emergenza in cui infilarsi all’ultimo minuto o da ordinare al takeaway nelle vaschette di alluminio a tarda sera quando non sai che pesci pigliare: nada😌, ci andavo con le mie amiche, ci andavo con mi sorella e eran le uniche volte in cui si rideva insieme🙏🏻, ci portavo le nonne (disperate😂), ci trascinavo i miei che fingevano di saper usare le bacchette, respingevano con aria di supponenza le gentili cinesine che ci portavano e porgevano insieme ai chopstick commosse e impietosite -intuendo l’andazzo- di tanta tenacia e poi infilzavano gli involtini primavera come uno spiedo nel girarrosto🙈😂 in un ultimo tentativo frustrato di arrivarselo alla bocca😂,se mi chiedevano dove volevo festeggiare il compleanno, anche quando mi veniva offerto di festeggiare in un posto “speciale” e bello io rispondevo prontamente: AL cinese!😁

E non c’è biscottino della fortuna che mi abbia detto cose non sagge, incomprensibili, enigmatiche, criptiche e apodittiche ma sicuramente, proprio perché sensza senso, intelligenti. Un po’ come me insomma😌😁💃. E allora che si fa? al cinese non ci si va perché si pensa che sia solo robaccia? beh ecco dipende da cosa scegli e da che cinese vai, come in tutto c’è cinese e cinese! Ora che mi piace mangiare sano ci sono delle ottime cosine che si possono trovare anche al cinese qualunque e che possono andare bene. Ad esempio, vuoi andare sul sicuro? piglia roba saltata con la verdura, la verdura non c’è verso che non sia fresca, per di più le cotture veloci non mentono e preservano le sostanze nutritive che compensano, in qualche modo l’utilizzo, ok, di qualche ingrediente meno sano tipo le salsine o il fritto. poi il fritto parliamone, se non viene usato un olio di pessima qualità ( e qui sta a noi scegliere i posti giusti) ogni tanto fa bene all’anima, le salsine idem, alla fine non è nulla di così spaventoso: da brava rompicoglioni foodwriter oggi sono entrata du minuti sull’argomento col còco cinese che ci vado da anni: sono fatte semplicemente con l’amido di riso e il fondo di cottura del piatto + soia, si trovano ingredienti ben peggiori nella maggioranza dei ketchup da banco del supermercato, per dire.

Insomma oggi un pranzo x2 ci siamo fatti i ravioli di verdure alla piastra, per me piatto di tofu veg e misto di verdure (tante, colorate, e belle) e per la personaggia con me pollo piccante ai peperoni. Se vi interessa: Sì, si può mangiare vegetariano da un cinese🍃 !!! e si può mangiare nel complesso sano, con le scelte giuste, godendosi un pranzo veloce, economico, e pure divertente e meno impegnativo di uno snobbissimo modaiolo sushi ( che poi è fatto dai cinesi, sappiatelo😂😌 ).

E a voi piace bazzicare i cinesi ogni tanto? Cosa prendete? Scrivetemelo nei commenti che son curiosa!

Io corro al lavoro, sto già ricevendo una barcata di richieste per il mio corso di blog coaching non me lo aspettavo e vi ringrazio appena torno dalle mie trasferte da foodie di queste settimane organizzo un calendario e un bel programmino per dare il massimo nella mia prima prova e debutto da insegnante!🙏🏻😱! Buon PLANZO🙏🏻😘

UPDATE BLOG COACHING

Per tutti coloro che mi stanno scrivendo, aiuto grazie!!!!!🙏🏻😍 richiedendo informazioni su questo blog coaching,  intanto vi ringrazio tantissimo🙏🏻😍, sono alle prese con il programma perché anche per me è una cosa nuova un progetto che ho lanciato attraverso i mio blog e che ha subito, inaspettatamente, riscosso interesse, dovrebbe essere pronto per la primavera, si tratta di una consulenza online e di lezioni corredate di dispense nel mio stile, che sto scrivendo dalle basi alle tecniche più avanzate, su come gestire e impostare e scrivere un blog e farne anche un modo di coltivare le proprie passioni facendo sì che arrivino a un discreto pubblico e siano quindi un onesto metodo di confronto e anche, perché no, una fonte di futuro lavoro indipendente che gratifichi da tutti i punti di vista, con la mia umile ma sempre curiosa esperienza di blogger con i suoi discreti risultati. Se vi interessa vi farò sapere tutti nei dettagli appena ho stilato un programma completo, easy, e con la possibilità anche di interagire con tutoraggio personalizzato sulle vostre esigenze telefonicamente. Per adesso è un progetto in divenire che voglio sistemare bene in modo che sia perfetto per ognuno di voi, ma ci sto lavorando sodo e sarà pronto con la data di inizio sarete i primi a saperlo (effigurati😜) su queste pagine, nel frattempo scrivetemi a elisabettapend@gmail.com per richiedere ulteriori informazioni e prenotarvi senza alcun impegno (ovviamente!) e nel frattempo guardatevi qui l’idea di partenza dove spiego il progetto.

Water, baby, water

Bettablogger buondì! Per i miei regalini di natale ho appena ordinato questo😍

portaburro a forma di balena troppo adorabile nel mio colore del cuore (non si vede eh😜) lo sto imponendo a chiunque ehm 😁ora lo piglio anche per me

Poiiiiiiiiiii per lavarsi la coscienza😂

ho scoperto e provato queste acque aromatizzate alla frutta fa vo lo se!!!! per me che non amo particolarmente il “non-sapore”  trinstanzuolo 😂dell’acqua neutra e liscia, sono una manna da’ccielo😍, altrimenti mi “scordo😅 casualmente” sempre di bere la giusta quantità di acqua ogni giorno e fa male, infatti a volte magari quando è freddo non so voi ma io proprio istintivamente la boccetta la rifuggo, è uno strazio un supplizio, e poi mi ritrovo con dei mega malditesta e lo sapevate che cala la concentrazione avere il cervello disidratato? (Vabbé poi se uno ce l’ha bacato e bucato di suo è n’altra storia😂 ma non vorremo certo averlo perché ci stiamo prosciugando eh, vogliamo essere grulli E idratati, noi🙌🏻 che i belli e dannati ce fanno😌 le scarpe) invece così, devo dire che la frutta si sente davvero, sono dolci, sono a zero calorie paripari come l’acqua, non contengono dolcificanti chimici o strani e sinceramente i gusti invogliano e è divertente trovare il mio preferito golosa diPer i frutta come sono, ora non vedo l’ora ti tirare un sorso!

 Adesso sono anche in superofferta😍 su Amazon ve l’ho detto che vi scovavo anche le più nascoste e imperdibili, beh, solo quelle che mi garbano da pazzi😁, poi se volete c’è anche c’è anche la lettieraWater😅 elettronico per miaos🐾 col timer ma presumo ne vogliate fare tranquillamente a meno della mia recensione per ora😂

Si può acquistare qui il mix Variety pack che ho provato io ancora per pochi giorni in supersconto, con Prime arrivano in 48ore, poi mi fate sapere se non sono ottime😍 e riuscite a bere di più in inverno, brrrrrrr😂, darètta alla Betta

Guardatevi anche la mia frequently updated personal page Amazon Influencer per tutti i suggerimenti, commenti e recensioni sui miei prodotti preferiti del momento😍da scoprire.

See ya next time💙

Una ciotola e due poesie in quest’ordine

View this post on Instagram

💙eri bello eri bello sì arno iersera, una fiaba alla pagina prima di riprendere il filo, per il bimbo che caschi a dormire deponga l'esuberanza a volerti vivere a volerti sapere a volerti leggere a pugni stretti, a fare il muso al suo stesso sonno, si lascia vincere e assopire con una promessa, con te addosso la frase nel risvolto sei come le cinta quando avevan le porte aperte e le guardie ciondolavano a scherzi furfanti, che era tempo di pace e una mezza orecchia piegata per lembo segna il punto, rimboccato a protezione il sogno che tu concedi con noncuranza a ricordargli dove ci siamo lasciati con la storia dove riinizia la riga dove riprende il suo corso arrivederci a domani firenze💙 #lifestyle #instadaily #florenceitaly #instaflorence #phootooftheday #instamood #creative #melancholy #autumn #florenceofig #iloveflorence #art #river #landscapes #solocosebelle #wanderlust #wanderlustitalia #vibrant #eventifirenze #storytelling #firenze #onthego #worldexplorer #thoughts #florenceofinstagram #italianblogger #casual #lyrics #impressions

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

Venerdì verdure estive questo è un addio troppo ufficiale tra noiiiii😭😭😭😭 ci rivedremo quando a giugno prossimo o al bancone dei surgelati😂😂😂😁😁😁 ci siamo si mangia! Voi andatevi a guardare suuuubito (cioè, quando siete in comodo e già "mangiati" perché capisco la foga isterica di leggermi😂😂😜ma insoooomma prendetevi un po' cura di voi stessi ehhh😁😁) il post nuovo sul blog con i bocconcini cialtroni della mia esperienza al tastingfresh di mercoledì al @hrcfirenze (link diretto lo trovi su nella bio⤴️) anzi me lo rileggo anch'io va così lo correggo(ora che è già online alla gogna pubblica, certo😌😂) invece qui nel pieno del lavoro con la mia bettabowl intrisa di lacrime settembrine😂 caponatina di melanzane zucchine e peperoni con filetti di sgombro grigliato e radicchino verde, panabauletto alla mano e calzini di lana🙈😁 e ci allunghiamo verso il weekend contentiiiiiiiiiiiiiiii???😍buon pome have a nice day ig friends see ya next time!!!🤗💙#lifestyle #instadaily #recipeoftheday #thefeedfeed #phootooftheday #bonappetit #huffposttaste #buonappetito #instafood #foodblog #solocosebelle #pranzoitaliano #onthetable #food4thoughts #f52grams #blogger #foodlove #foodideas #ricette #food #buddhabowls #creative #foodpics #comfortfood #healthy #mangiaresano #ratatouille #pesce

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

BUON SABATOOO ig👐!!! Ho una teglia pronta da infornare causa compleanni🎉🎁 in famiglia imminenti ma😜😁 intanto mangio pranzo fusilli integrali agli spinaci e primosale😋😋😍🔝 perché conoscendo la razza di arnesi inaddomesticabili che sono i forni col loro caratterino singolare non c'è da fidarsi lasci il forno che conosci e non sai quello che troviiiii era così il detto no 😂😂😱😂 quindi nella cieca fiducia dell'intoppo classico che accadrà rimando un eventuale panoramica del mio super #pesce arrosto sperimentale ai giorni prossimi, con clausula di negare spudoratamente di aver mai detto che il pranzo della domenica "sisì tranquilli ci penso io"😉😌😜😜😜 Buon weekend a tutti ig friend tra family e lavoro riuscirò a ritagliarmi due minuti per curiosare nei forni vostri?????😍😍😍😍💙 #lifestyle #instadaily #recipeoftheday #thefeedfeed #phootooftheday #bonappetit #huffposttaste #buonappetito #instafood #foodblog #solocosebelle #pranzoitaliano #onthetable #food4thoughts #f52grams #foodlove #foodideas #ricette #food #buddhabowls #creative #foodpics #comfortfood #healthy #mangiaresano #pasta #cucinare #delicious #foodstagram

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Firenze Hardrock is now this

Cari bloggarelli allora? metti un mercoledì che c’è ancora il sole tiepidino, metti che l’estate se ne va tutta insieme e ti ritrovi a dire già menomale si sta ancora bene fuori che bell’arietta di settembre sì ma stase la copertina mia strucida sul divano con la tazza fumante accanto non me la leva nessuno, e lì ti vedi a sognare padelle bucate di caldarroste sul fuoco. Metti un mercoledì così in cui se lavori meglio! mi fo un giro in centro a firenze, guardo un po’ in alto un po’ in terra (strade e tombini pericolanti, se sei me mai abbassare la guardia😂), svettano i soliti amici e senti il naso di Dante quasi appoggiato sulla spalla indicarti un percorso casuale per raggiungere il bel posto in cui ti hanno invitata. L’evento di presentazione del nuovo menù fresh local Kilometrozero e relativa filosofia alla base nientemeno che del mitico HardRockCafè che prende via proprio dal suo punto fiorentino! In nome di blogger? In nome di reporter? In nome di socialite? (nel caso rivediamo di aver sottolineato bene dappertutto nella mia presenza online e offline le mie anti-Doti al riguardo🤔) ma voglio osare, forse in nome di foodconoisseur nonché Fotografa sperimentale? (😂😂uahahahahahahahahahahahahahahahaha risata di tre minuti, basta, grazie, finita) Fatto sta. Che c’ero. E per me ha fatto la differenza (ovvero l’ha fatta PER ME, che altresì me ne stavo a sciotolare un’insalata alla scrivania😁). Non vi dico la sosta di tre ore prima all’apple store con i nuovi iphoneX lì accanto che ha scatenato la mia bava tennnologica ad aggiungersi a l’appetito che girare per la città mette a qualsiasi ora, e poi lo conoscete il classico menù HardRock? Hamburger pollo fritti costine insalate dolcini libidinosi e tutte le americanate più succulente immaginabili unite alla live music allo store e all’atmosfera easy edivertimento che in tutti gli hrc del mondo ho sempre trovato e sono tentata di bazzicare. Ecco ora prendiamo questa linea che conosciamo bene, e vediamo cosa ci dicono di bello per questa nuova stagione e strada intrapresa e che sono mai ste novità allora in programma!

20170920_120202 Entri e vedi in primo piano affettatrici, apecar del salumiere, prodotti e ortaggi che sembrano usciti dall’orto dinnonno, e poi ti spieghi mano a mano che parlano i personaggi alla mente e alla mano di tutto ciò e capisci che adesso il tuo hamburger verrà cucinato con prodotti di qualità provenienti direttamente dall’Antica Macelleria Falorni, vanto della toscana e d’italia, i formaggi da aziende agricole Palagiaccio di cui ho sempre sentito dire da immi babbo eh io l’ho preso da loro, chi beve avrà una scelta di selezione dal Birrificiofiorentino che fermenta in loco, vini di Tenute rinomate della zona, e l’insalata, perché qui mi volevano😌non viene mica dalle buste bustaurelle come le mie! (non è vero, delle volte anch’io la piglio dai’contadino e la sgrondo, tiè🙌🏻 e infatti un ci corre nulla!!! / trad: non c’è paragone). Ah bene, veniamo aissodo, una preview in anteprima dei nuovi gusti sul menù partito da firenze, a cui 12 location hardrock aderiscono. Ce li hanno portati tutti e per dovere esperienziale, siamo stati veramente costretti ad assaggiarli uno a uno, insomma, bisognava capire bene sulla propria pelle la novità oh! In ordine di menù ho provato una capresina con mozzarella di bufala, una insalata Cesar alla rucola con pecan e frutta, il tagliere toscano di salumi e formaggi.

20170920_121654A caldo sono arrivate le palle fritte di cavolfiore e i Tupelo chicken tenderls, per poi passare all’hamburger Flocal, le costine Hickory sulla griglia, e bocconcini di salmone.

20170920_122324

20170920_123258C’era anche il burger vegetariano che non sono riuscita a assaggiare mannaggia a non essere una che fa la ficosa a tavola delle volte mi garberebbe divertirmi a strinare gli zebedei a destra a manca agli staff ristoratori ma ero impegnata a strinarli a i miei sventurati commensali per fare mezzo video indecente da postare su instagram 😂 e che tanto mi è venuto GIALLOPAGLIA comunque.😂

20170920_124047 Il tiramisù e un cocktail/dessert che era tanto carino in un vasetto di terracotta sembrava uscito da un terrazino dell’impruneta, DjRingo e Irene Grandi con una dedica speciale mi accompagnavano mentre memorizzavo ciò che sinceramente è stato un interessante menù e impegno intrapreso da Hardrock, per la qualità degli ingredienti, e per le implicazioni su piccola e grande scala che la strada del fresco, del locale, portano al panorama dei locali fiorentini di spicco, con un occhio di riguardo all’aiuto di meritevoli e importanti onlus come DinamoCamp.

20170920_130208

20170920_131113

 

Io la foto con Leonardo Romanelli me la son fatta, e me la son sudata con la faccia a chiulo che so sfoderare delle volte, ho incontrato amici blogger fiorentini come i cicalissimi EliFabioKamp e ForchettinaGiramondo, e pure foodblogger simpatici da ogni dove con cui mi piace rimanere in contatto (a proposito, andatevi a leggere pure il resoconto 🔝serio de Le stagioni nel Piatto), ora sarei chiuriosa di sapere quando digerisco a forza di ciotolebowls così ci porto la mi mamma (…nota rocckettara anni60 😂eh se un vu la conoscete fatevi una cultura!)