Kesgombro!

Mentre mettevo lo sgombro sul piatto del pranzo mi è tornato in mente vivdo il mitico messy panino col pesce mangiato sotto il ponte di Galata tra i fumi dei turchi (e i miei 😂, oh, erano pure avanti con i pacchetti del terrore tre anni prima che in italia, in compenso te le svendevano sciolte anche in strada fatte sicuro coi gusci della cozza cruda che ti regalavano con tanta salute e licenza lì accanto😂😍) e pure l'inconfondibile odore/rumore di quelli dei ferry (chi è stato a #istanbul sa a cosa mi riferisco…e non può non avere almeno sentito dire del leggendario panino collosgombro😂 e sì dai che ve lo siete fatti il trip di estasi papillare dell'orrido con un morsino…ditelo! 😂io sì! e ci so pure ritornata, tanto ero – ora lo riconosco- innamorata di questa città e di quello che io ero, (e sono ancora ogni volta se solo ci ripenso anche a distanza di tempo), chi ero in questa città forse perché nessuno, il tutto si fondeva in me non solo per i 44gradi, e vibrava di amore, di amore e di ombra e di amore e di perdita, ma soprattutto di non avere niente da perdere, a farmi inghiottire, a perdermici. A non sprecare nemmeno il suo e il mio struggimento, il mio dolore, neanche un grammo, neanche un briciolo, neanche un angolo, neanche un tassello, né un silenzio, che erano pochi, e quando erano erano così intensi. (istanbul, ti amo! e non è finita qui, capito, vediamo di rimetterci in sesto, tutteddue, tu e io, eh, bada là eh "ci " tengo d'occhio👀)…e insomma sto panino col pesce sotto al ponte tra un cetriolone gigante e una corolla di #semel che riempivano le mani e tutto-il-resto che riempiva gli occhi, e poteva ipnotizzarli in una catena di istanti sempre eterni, e sempre diversi, la lontananza era vicina e nessuna preghiera allontanava il terreno, o richiedeva il distancco, l'astensione, il superiore, il puro essere "altro" da sé, anche lo stesso digiuno benediceva la presenza, il presenziare, l'esserci, simboleggiava "nutrimento", la città i livelli di profondità del colore le dimensioni tutto ciò che non si distingue per contrasto e per esclusione, si comprende, o meglio si abbraccia, per Respiri. E ci si aggiunge al mosaico di vecchio e di nuovo.

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

….oh comunque un sacco di famine e arretrati di prove esperimenti fooddography che mi fa una fatica boia postare perché sto lavorando dietro le quinte, stanno sempre qui accanto –> in diretta (cioè insomma, quando li carico, cioè non prima di averli mangiati😂) nella galleria instagram! Leggi andateveli anche a vedere da voi, su su che voi non siete dei pigri lessi come me che più che altro sono simpatica equilibrata e amabile. 😂☠️💣💙🦁

Pubblicato da

Pare che io sia il boss dell'intellighenzia universale.

13 thoughts on “Kesgombro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...