Minestrone con miglio e lenticchie

Minestrone con miglio e lenticchie

🌀Bloggerz ma oggi che giorno gliè?

Io quando arriva Dicembre un ci capisco più nulla!😆😂
😳TILT⚡️

😌Comunque posso sbagliare anche mese anno o secolo, ma l’importante è che la Betta sappia sempre quando è ora di pranzo 🙋🏻💃😁😜

Lo zuppino Goodmoodfood 🍃 di oggi è…

 

⭐️🍵Minestrone con miglio piselli e lenticchie⭐️

XREXE9219
😋🍃

 

*(😍 Fatto con il ganzerullissimo mix biologico per zuppa di miglio di Etisolbio che è pratico da morire:
lo cuoci direttamente dentro al #minestrone 🔝😍🍃💃diventa piatto supersano e comfort!!!

👉🏻verdure+cereali+legumi+liquidi vegetali idratanti caldi+olio bono toscano a crudo😜

= Betta felice 💃
Sempre grulla, ma felice 🙌🏻😂)

Ingredienti per 4 persone

  • 230g mix zuppa di miglio
  • 200 gpiselli
  • 3 carote
  • 2 cipolle
  • 2 zucchine
  • 1/2 costa di sedano
  • 2 pomodori
  • 1 spicchio di verza
  • 100 g di fagiolini
  • 3/4 foglie di bietole
  • 2 patate
  • 1 porro
  • sale e pepe
  • circa 1lt e 1/2 di brodo vegetale
  • 1 foglia di alloro

Procedimento

Pulite e lavate accuratamente tutte le verdure. Tagliatele a pezzetti.
Mettete un goccio d’olio in una pentola capiente, fate stufare le cipolle e i porri per 10 minuti aggiungendo poca acqua di tanto in tanto.

Aggiungete il brodo, i piselli, le carote, le patate, la verza, i fagiolini, le bietole e il sedano e cuocete per 15 minuti, quindi buttate in pentola anche le zucchine e i pomodori insieme al mix per zuppa di miglio e lenticchie, aggiustate di sale e pepe.
Aggiungete la foglia di alloro, e cuocete tutto insieme per altri 25 minuti.

**

Vi garba la fondina nuova per minestra della stessa linea del mio piatto preferito😍?

è della Gabbianella e adoro la rustica e discreta raffinatezza nelle loro ceramiche!
😒Se i coolkatz me la rompono volano loro dalla finestra 😆😼😅
Buon appe  e buona giornata bloggerz, qualsiasi giorno sia!!!💙🤗

Annunci

Ribollita con l’avena per i giorni freddissimi

Ribollita con l’avena per i giorni freddissimi

Buon lunedì, dopo esservi letti questo folgorante articolo di Dissapore, beccatevi la mia personale blasfemìa sulla ricetta originale della mi nonna Celìna – già quella del prezioso ineguegliabile unto e bisunto tomo letto e riletto consultato e auscultato di Paolo Petroni, della vera cucina fiorentina, sul comodino insieme alla Bibbia (cioè la bibbia un c’è, c’è solo il Petroni sul comodino😜) ché la mi nonna unn’aveva inventato nulla😜 😉: tranne l’Arte e l’Amore di farci quotidianamente dammangiare. (e se non è da Nobel questo…beh lo dovrebbe diventare in mezzo a medicina fisica e letteratura)

IMG_4746

Quindi: Fase decongelamento avviata! Fa-fa-fa troppo frrreddo-do-do-do😱…è subito RIBOLLITA di cavolonero e cannellini ! E siccome ci dobbiamo difendere dall’Art-ic-attack☃️, la rinforziamo anche con una manciata di fiocchi di #avena che sono nutrienti, sazianti e scaldano da dentro😋😍…ragazzi ma che ne sanno gli eschimesi😆😂😜 venissero un po’ a scaldassi a Firenze la smetterebbero di baciassi coi’naso👃🏻😆😂. E vabbuò, li mettete mai voi i #fiocchidiavena nella zuppa? sono comodi🙌🏻! Della serie cuoci nel fiasco i fagioli per 4 ore e poi -genio😅😂- non hai voglia di cuocere anche l’orzo o il #farro o i classici #cereali in chicco da zuppa zupposa per 40minuti, visto che quelli che cuociono in 10minuti di solito sono perlati e brillati e completamente privati della fibra e del germe vitale👎🏻? allora questa è una buona furbata provate garantisce Betta👍, io l’ho imparato dalla Monica @lalunasulcucchiaio🙏🏻, e da allora me li rigiro un po’ ovunque voglia dare corpo a un piatto, i fiocchi di avena al naturale di buona qualità preservano un ottimo profilo nutrizionale🔝, #fibre e #proteine a gogo basta leggere l’etichetta, oltre al buonissimo #porridge a colazione si possono usare in tante preparazioni, ho un bel sacchettino pieno tutto da immaginare😍…e che vuoi fà, co sto freddo, mentre lavoro, quando faccio un po’ di pausa relax vuoi che io😌, Betta= portatrice sana di pigiama😂, mi metta a uscire alla viacolventoappassionatamente???❄️😁no no… #relax grattugiando e assemblando cibo sano al teporino dei fornelli, musica, un libro sempre sul tavolo, un po’ di stretching alle spalle incriccate a scrivere al mac…quale migliore scarica tensioni conoscete? altro che jogging😜 altro che campane tibetane!!! Alzi la mano chi del cibo ama anche la preparazione e i vari passaggi che catturano tutti i sensi, il cric crock degli ortaggi, il rumore di qualcosa che bolle o scoppietta sul fuoco, l’attesa di un timer, il profumo che cambia, i colori casuali astratti di natura, i pensieri che diventano più lucidi, ma nello stesso tempo si riposano. Quanta bellezza dobbiamo al cibo, che si cucini un arrosto di 20 ore o che si apra una busta o scartocci un panino: nessuno dovrebbe mai viverlo con dolore🙏🏻, ne so qualcosa.💙

 

ZUPPA RIBOLLITA FIORENTINA con l’Avena

Ingredienti

  • 400 gr fagioli cannellini secchi
  • 1 mazzo di cavolo nero bolloso
  • mezzo cavolo verza
  • 3 mazzetti di bietola
  • 3 pomodori costoluti maturi
  • 2 gambi di sedano
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 1 porro
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 manciate abbondanti di fiocchi di avena integrali al naturale
  • timo
  • olio Extravergine di Oliva toscano
  • sale e pepe q.b.

Procedimento

  • Cuocere i fagioli in abbondante acqua meglio se nel classico fiasco da fagioli. Tenete l’acqua di cottura che servirà per allungare la zuppa.
  • Prendere circa 2/3 dei fagioli e passarli, facendo cadere la purea nella loro acqua.
  • Pulire tutte le verdure.
  • In un grande tegame di coccio, fare rosolare 8 cucchiai di olio d’oliva con la cipolla affettata fine e uno spicchio di aglio.
  • Aggiungere il sedano, la carota, il porro, tutti affettati finemente.
  • Lasciare cuocere qualche minuto, poi aggiungete i pomodori, la bietola, la verza e il cavolo nero.
  • Aggiustare di sale,spolverare con il timo e un pizzico di pepe nero.
  • Aggiungere tutto il liquido dei fagioli e far cuocere per almeno un’ora.
  • Quando le verdure saranno cotte, aggiungere i fagioli interi lasciati da parte.
  • Versare una manciata di fiocchi di avena sul fondo di una zuppiera capiente, e ricoprire con la zuppa.
  • Far riposare almeno mezz’ora così i fiocchi si gonfiano e ammorbidiscono bene, servire con un generoso giro di olio extravergine d’oliva toscano di frantoio.

Note della Betta

 

Va bene essere blasfemi con Avena integrale perché è buona sana e nutriente e non c’avevo il pane raffermo essendo tornata da Torino😁, ma il formaggio sopra, per questa ricetta, NO! Ok??? Quello lo mettiamo sulla pasta al tonno😜😜

Penne integrali ai gamberi, crema di cocco e menta

Penne integrali ai gamberi, crema di cocco e menta

View this post on Instagram

Martedì sotto l’acqua e penne integrali ai gamberi menta e crema di cocco! Insolita bontà😍😱 Ricetta ORA💙 sul blog (link diretto all’ultimo post in alto ⤴️in BIO) ma si puòòò 😫son tutta fracida, mèzza e zuppola peggio che un orosaiwa stato 10 minuti nel latte😂oiccchéé è non ha smesso un secondo da stanotte uffa io son anche sotto le travi sul soffitto di camera pupum pupum pupum ci diventavo grulla…e poi il pupum pupum pupum pure ni cervello direttamente in testa perché io fo tanto la ganzina “esci esci e chi mi ferma a me, cappuccio e via!” sì e ora mi posso tranqullamente stendere in terra e strisciare fino alla cucina e ho dato bello che il mocio per tutta la casa! Mi ci vuole una pasta coccola per ripigliarmi!😂 Penne integrali con gamberetti, crema di latte di cocco, e menta😍😋. Siamo a copacabana! Ollè! 😂💃 Oggi pienissimo di daffare in girocittà mi doccio e esco di nuovo (vorrò privarmi mica di assaporare tuuuutta fino all’ultimo una splendida giornata così😂) ehhhh ma io SON FURBA oh, senti che genio che ho pensato😁:DOPO PIGLIO l’OMBRELLO! Tiè, segnatevela questa😂😜 Buon appetito e buon pome ig friends beato chi è a casetta🏠 oggi pome perché è la giornata PERFETTA per fare i biscotti😍 e stampare la mia lista della spesa che trovate sul blog, una dispensina FREE da scaricare editare e personalizzare con i vostri ingredienti preferiti da avere a disposizione e utilizzare al posto dei foglietti volanti⭐️🙌🏻see ya next time😘!💙 #IFeelBetta #ricetta #recipeoftheday #foodstagram #pasta #fish #checosastaicucinando #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #cocco #tasty #homemade #foodart #photooftheday #instafood #onmytable #foodlove #healthy #cibosano #florenceofig #lifestyle

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Pennette integrali ai gamberi, salsa di cocco e menta

Ingredienti x 2 persone

  • 160g Penne integrali di grano duro
  • 10 Gamberi sgusciati
  • 1 confezione da 200ml di Latte di cocco al naturale
  • 1 cipolla rossa piccola
  • 5/6 foglioline di menta fresca o mentuccia
  • 1 cucchiaio di Olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai succo di lime fresco spremuto
  • 1/2 tazza di brodo vegetale homemade di cipolla sedano e carote, salato
  • 2 fettine di zenzero fresco tritato
  • Sale
  • Pepe q.b.

Procedimento:

Sbucciare lavare e affettare la cipolla a anelli sottili

Risciacquare o pulire i gamberi privandoli del carapace e zampine e rimuovendo il filo nero inserendo uno stecchino lungo il dorso e poi tirandolo via delicatamente per tutta la lunghezza. Tritarli a pezzettini piccoli lasciandone da parte qualcuno intero.

In una pentola portare a ebollizione abbondante acqua salata per cuocere la pasta integrale.

Intanto preparare la salsa, in una padella capiente (o meglio wok) far appassire la cipolla a fuoco medio-dolce con 1 cucchiaio di olio evo e il trito di radice di zenzero fresco per circa 7/8 minuti finché è trasparente e morbida mescolando spesso per evitare che bruci, allungare appena i succhi di cottura della cipolla con due cucchiaiate di brodo vegetale fatto in casa,.

Non appena il brodo ha insaporito la cipolla e si è quasi ritirato unire il succo di lime fresco spremuto e versare tutto il latte di cocco (mi raccomando, la “panna” di cocco, non il latte di cocco bevanda dissetante, quello denso ricco e cremoso che di solito si trova nel reparto etnico dei comuni supermercati o negozi biologici) e mescolare bene, versare anche i gamberi crudi e puliti tritati e quelli interi in questa salsa semiliquida continuando a cuocere a fuoco medio per cinque minuti. Unire le foglioline di menta spezzettate con le mani, mescolare bene questa salsa per 2 minuti per farla un pochino addensare e poi spegnere il wok, tenendolo in caldo.

Nel frattempo buttare la pasta integrale nella pentola con l’acqua in ebollizione seguendo i suggerimenti sulla confezione per il tempo di cottura, scolarla bene al dente e versarla nella padella con la salsa ai gamberi e cocco, accendere il fuoco a fiamma alta e mescolare delicatamente le penne nel condimento cremoso facendo amalgamare e insaporire per 1/2 minuti.

Impiattare con la sua salsa e decorare con foglioline di menta a piacere.

ehi, è un primo piatto o un mix di cocktail tropicali? Shakeshakeshake😂 see ya next time!

 

Polenta integrale con calamaretti grigliati e broccoli

Polenta integrale con calamaretti grigliati e broccoli

View this post on Instagram

Buon marte💙 igers e buon polentaday a tutti! ah non è il polenta day😱??? evabbè oggi a casa ho istituito questo evento clamoroso in cui mi cimento si e no na volta al secolo -giustificata eh! vedi le storie e capitemi/compatitemi😂, sembravo pronta per imbarcarmi nella corazzata potempkin durante la spedizione russa: guantoni, tuta ignifuga, la cucina immersa nelle fumenti e nebbie padane a perdita di vista😂….almeno mi so fatta la ginnastica quotidiana vai, ora c’ho un muscolo potente e l’altro smencio come issolito 😂) però son proprio contenta, con Polenta di Mais integrale100%😍non so come ho fatto a resistere fino alle 2 co sti calamaretti alla piastra che mi strizzavano l’occhio mentre lavoro, troppa roba da fa, mi ci sto stressando e io continuo continuo anche a riempirmi di cose ulteriori 😅e belle e importanti da fare: mi piacciono troppo tutte e mi piace troppo farle bene tutte, ma soprattutto farle mettendoci tanto di me di quello che sono, per me questo è farle bene🙌🏻il bene come voto o bravura poi è relativo ed è la parte meno interessante , credo anche nei risultati l’intensità si trasmetta di più con l’essenza personale, che con una bella pagella impersonale. Poi ora mangio 😍😋ogni tensione vedi come si allenta, benedetta polenta 😂 (e w la poetessa di sanfrediano oh!😂) RICETTA trooooppo appetitosa e superSANA😍: facilissima e #senzaglutine ORA 😍su IFeelBetta.com (link diretto in alto in Bio⤴️⤴️) credo insieme ai miei consigli cialtroni😂😌 per combinare casini in cucina in libertà, 🔝tantaroba!😂 Buon polenteriggio see ya next time!💙 #IFeelBetta #december #recipeoftheday #fashionfood #comfortfood #pranzo #polentaintegrale #cucinare #natale #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #eating #yummy#homemade #foodideas #photooftheday #instafood #onmytable #tasty #instagood #foodstyle #healthy #healthyrecipes

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

 

Polenta integrale con calamaretti grigliati e broccoli

Ingredienti x 2 persone

400g di broccoletti verdi freschi

400g di calamari surgelati interi (già puliti e eviscerati)

1/2 busta di Polenta di mais 100%integrale precotta

1 spicchio di aglio

1 ciuffo di prezzemolo fresco

Pepe nero in grani

Sale marino integrale fino e grosso 1 pizzico e 1 presa

Procedimento:

Un’ora prima della preparazione togliere i calamaretti congelati dalla busta e lasciarli scongelare a temperatura ambiente fino a che rilasciano gran parte dell’acqua di surgelazione.

Sciacquare i broccoletti, mondarli di parte del gambo e delle foglie esterne e fibrose, lasciando le cimette e il cuore centrale del gambo che tagliato a cubetti è saporito e tenero, così non lo sprechiamo

Portare a ebollizione abbondante acqua salata in una pentola a bordi alti e scottare per pochi minuti (circa 7/8 max)  le cimette di broccoli lasciandole piuttosto croccanti, in questo modo si mantengono verdi brillanti e ricche di gran parte delle vitamine e dei sali minerali.

Prelevare il filo cartilaginoso se presente dai calamari scongelati, i ciuffetti si staccheranno naturalmente ma va bene tanto li griglieremo dopo le sacche.

Scaldare una piastra di ghisa antiaderente sul fornello finché è rovente, girgliare i calamari da entrambi i lati piatti 4 min circa per parte e metterli in un piatto, dopodiché grigliare anche tutti i ciuffetti 2 minuti in tutto girandoli spesso finché sono croccanti e arriciolati.

Mettere sul fuoco ora in un tegame o casseruola 500ml acqua salata a piacere e appena raggiunge il punto di bollore versare a pioggia 1/2 confezione di polenta integrale precotta, mescolando con una frusta da cucina, cuocere 8 minuti girando sempre.

Versare la polenta pronta e densa in un piatto portata. Condire i calamari grigliati e i loro ciuffetti con 1 pizzico di sale marino, pepe nero macinato fresco, il trito di prezzemolo e aglio e 1 cucchiaio abbondante di olio extravergine.

Disporre sopra la polenta accompagnando coi broccoli scottati e irrorare ancora il tutto con 1 cucchiaio d’olio per completare. Mangiare caldo.

😋Bello bono e sano, slogan rivisitato alla betta’s😜

Note:

Ricetta senza glutine/glutenfree a patto di usare una farina integrale per polenta certificata glutenfree (bollino con la spigabarrata)

Ps: se voi vu siete più ganzi di me a maneggiare il pesce fatelo coi calamari freschi, li pulite e denudate per benino, poi me li portate li griglio io😜😜see ya next time!💙

Dicembre che

Dicembre che

View this post on Instagram

Dicembre, sei qui e sei un mese ricco. Di date e giorni importanti, di significati, Dicembre che è nata mia sorella e lei non sa che me lo ricordo, Dicembre che é nata la mia prima nipote e lo saprà perché glielo ricorderò ottocentomilavolte (so vecchia😂) e la farò sentire importante come è, come non deve MAI scordarsi….. Dicembre che sono ufficialmente parte di Cucina Mancina il più bel luogo online e riferimento culturale di alimentazione (e non solo) di coloro che fanno della coscienza e della loro unicità un boccone e una scoperta quotidiani🙏🏻@cucinamancina💙(oggi con la mew entry Betta 😜🙌🏻😍) , e di progetti belli e appassionati e temuti, di incognite lavorative e personali. Dicembre che in ballo il progetto grafico di Pandora nel mondo in mano e questa volta devo vincere perché sono così. Perché sono una che è così antipatica da rimanerci male se da meno del possibile di se stessa. E quante volte l’ho dato. E quante volte ho chiuso la finestrella mercantando con la delusione di me che potesse essere tollerabile, che potesse addirittura essere preferibile, apparentemente tranquillizzante. E quante volte ho rassegnato un Dicembre dimesso che invece non voglio indossare le cose non voglio ricevere le cose le voglio creare. Dicembre che non sei un compromesso né una promessa né una scadenza Dicembre che sei Freddo, Dicembre che mentre io mangio un’insalata Tiepida di riso ceci e cavolfiori verdeblu, uno va a vedersi sul mio blog ADESSO come da stamattina conservo e arricchisco un Cuore Caldo🙏🏻💙Curiosi? (link diretto in alto in BIO!💙⭐️⤴️) have a lovely december ig friends see ya next time! #IFeelBetta #instadaily #recipeoftheday #risointegrale #buonappetito #healthyfood #tentarnoncuoce #pranzo #december2017 #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #goldenmilk #foodlove #foodaddict #vegan #cavolfiore #instamood #photooftheday #instafood #tastingtable #delicious #instagood #foodstyle

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Quindi: Avete mai fatto e provato il Golden Milk a colazione? E’ il primo dicembre, fa freddo e umido, mille cose da fare, ancora nessun senso di magico per strada finché non lo si guarda con magia, chiudo un attimo tutto il lavoro, posso immaginare di avere una bacchetta magica, di spargere nella mia stanza un po’ di quella polverina dorata che alle fate le fa volare, ai miei gatti fare le fusa, e a me volermi bene da dentro? Ho adottato questo rituale a colazione da pochissimi giorni, prima lo conoscevo solo per averlo letto e spiegato uso e benefici qua e là in qualche rivista di cucina o alimentazione naturale che però, o sono estremamente e anche troppo enfatizzate e specializzate in un certo tipo di filone e filosofia sprezzante verso chi-banalmente- vorrebbe fare da sé e vivere di sé e prendere il buono delle cose, oppure ahimé viene liquidato con poche righe come esotismo miracoloso e la lista degli ingredienti per per le ricette e poi magari ti consigliano vattelo a far fare alla spa da vippe taldeitali (faccio esempi paradossali eh, ma per capirci) In ogni caso ho fatto ricerche serie 😌 (vabbé serie per quanto posso esserlo cioè MOLTO😂ripetiamo in coro😂 ha da finì sta storia che la gente pensa che sto a ride di tutto dalla mattina alla sera come na scema, rido di tutto perché sono intelligente, tiè😌🙌🏻) perché effettivamente è una pura e semplice verità che dietro tutte le tradizioni e culture ci sia fondamentalmente del buon senso, tutto quello che passa  attraverso i nostri sensi e i nostri pensieri ci nutre, e ci cura, così come può amareggiarci, intossicarci. Come augurio per questo dicembre mi piace pensare che nella vita non dobbiamo metaforicamente “ingoiare” niente che non ci faccia stare bene. Che sia un cibo, o che sia una parola. Oggi mi fa stare bene questo, e adesso lo giro a voi nel mio stile. Se vi farà stare bene, e se siete curiosi di come lo ha fatto suo la Betta con le sue spezie preferite, qui la semplice ricetta

IMG_0184

GOLDEN MILK alla Betta

Per 1 tazza (tazzona da colazione 😋)

200ml di latte vegetale (io mi trovo bene con il Soya ‘mild’, della Alpro)

50ml di acqua naturale

1 cucchiaio colmo di curcuma

1 macinata di pepe nero in grani

1 punta di zafferano in polvere

1 cucchiaino di zenzero in polvere

In un pentolino stemperare tutte le spezie con mezzo bicchiere di acqua (50ml circa) per circa due minuti fino a che si nota il composto addensarsi.

Spegnere il fuoco e lasciarlo intiepidire. Si può conservare questa miscela in un barattolino di vetro a chiusura ermetica in frigorifero una volta completamente raffreddato al massimo per 3 giorni, per preparare circa 3/4 dosi, prelevandone 1 cucchiaino ogni mattina e aggiungendolo alla porzione di latte.

Scaldare senza portare a ebollizione 200ml di latte o bevanda vegetale a nostra scelta  senza zuccheri e additivi aggiunti (soia, mandorle, avena, riso) e non appena raggiunge il calore diluire un cucchiaino di composto speziato preparato precedentemente mescolando vigorosamente fino a che si amalgama del tutto in una consistenza cremosa e setosa, rendendo il latte caldo di un bellissimo colore giallo/dorato.

Gustare caldo o freddo prima o in aggiunta a colazione come bevanda calda comfort, io personalmente lo lascio stiepidire e unisco una bella manciata di fiocchi avena al naturale, 1 cucchiaio di semi di chia, della frutta fresca a tocchetti come mele o pere e a piacere una spruzzata di succo di limone, per renderla una colazione nutrizionalmente completa energizzante salutare che apre i cinque sensi e riempie di carica,  e il giusto pepe per affrontare la giornata, ma questo lo lascio decidere al vostro gusto, non si disdegna ogni tanto gustarla affiancandola a dei biscotti speziati alla cannella, date retta alla betta😜


 

…..e Dicembre …..che poi arriva babbo natale🎅🏼😁

SalvaSalva

Cremolata di cavolo nero spinaci e carote con Tofu alle mandorle e paprika

Cremolata di cavolo nero spinaci e carote con Tofu alle mandorle e paprika

Questo accadeva ieri:

View this post on Instagram

Buon grigercole😂igers ,pioggia pioggia nero pioggia grigio nuvole e ..toh!, un raggio di sole ☀️ ops è già andato via dove scappi!!! Nulla, se la tira vabbè😌oggi tutto il gg fuori, mattinata dalla psic, e se penso a tutto il lavoro che mi aspetta, neanche un minuto e panciola che brontola da un’ora, sulla via del ritorno aspetta che ti riaspetta il bus tutta ingorgata firenze basta na goccia d’acqua si imbottigliano tutti in via nazionale indo passo io stranooooo…son di fretta a casa non c’ho quasi nulla di veloce e pronto e devo anche andare a far la spesa base stasera, mi fermo dal benedetto pakistano che di solito maledico sempre perché mi vo vendere i noodles in busta 2 al prezzo di 3 (sì, sono una che c’ha la faccia evidentemente di chi si fa fregare ma lo piglia sempre in tasca perché io un mi fo intortare da nessuno) comunque oggi c’aveva tutto nascosto e losco il forziere delle cose ganze che mi ispiravano troppo e che secondo me lui manco sa di star vendendo: tutta na fila di prodottini bio e naturali ma un assortimentooo che non vi dico roba da far impallidire il naturasì quasi, tentatissima ho preso delle carotine colorate che per altro non avevo mai assaggiato e così le provo, e una serie di prodottiveg bellini bellini, crostini di kamut e di grani antichi, funghi shitake, platani moringhe e okre varie ecc, io occhi a cuore che ste robe non le trovo mai e non mi piace comprarle “per moda” ma questo sì che è un modo che mi garba: nel posto losco, diventano affascinantissimi. Oggi last minute ho fatto tardi e devo fare presto il raggio di sole scappato me lo metto nel piatto, l’insalata salva-vita di rucola, carotine multicolor, affettato alla curcuma e semi di lino, scaglie di mandorle e semi vari oleosi in dotazione amazon, creckers di kamut bio, davvero bella sana croccante colorata e allegra, si prospetta un pienissimo pomeriggio disorganizzatissimo ma almeno è a modo mio (mani ne capelli🙈😂) Buon appe buon lavoro e pome ig friends see ya next time 💙#IFeelBetta #instadaily #recipeoftheday #buonappetito #healthyfood #superfoods #cibosano #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #onthetable #foodlove #vegan

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Oggi in direttissima vicende e ricetta:

View this post on Instagram

buongiorno e buona colazione dalla mia tortina…non esattamente arrivata a farsi ‘immortalare’ intera🙈😂😅🙋🏻‍♀️: 🍐 Pere e cioccolato🍫 !! …bisogno di dire altro???😌😍😍😋😋…. (vi metto la ricetta nel blog 💙) …cioè a parte che non si vede per nulla che ogni mattina alla mia vita si aggiuge una pallina di natale, una lucina, una spezia a caso…. noooooo vero che dite 😂😂😂😂🤔🤔🤔secondo me non si nota che mi va di entrare in mood natalizio… eh??? 😂😂😂c’è una cosa però che SI METTE IN MEZZO TRA ME E LA CASA DI BABBO NATALE. Indovinate cosa????😺😺😺😺😺🐾🐾🐾🐾🐾 Buona giornata ig friends buon lavoro e non fatevi rompere le palledinatale da nessuno okkkkkei🙌🏻🙌🏻🙌🏻💙💙see ya next time #ifeelbetta #colazione #colazioneitaliana #breakfast #instamoment #instadaily #instafood #dolci #onmytable #foodblogger #foodlove #healthy #cookies #cakes #chocolate #pereecioccolato #fondant #food4thoughts #lifestyle #foodstyle #natale #dolcimomenti #thefeedfeed #lavitainunoscatto

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

Buongiove pranzo💙, tra sole e nuvoloni io c’ho fame! 😂Assaggiamo un po’. Oggi mi sentivo creativa tra un file e l’altro durante il lavoro non vedevo l’ora di mettere in pratica l’idea di piatto che si stava piano piano materializzando nella testa (ma che in realtà mi sa che me lo so pure sognato) ma che era tutto da sperimentare: Crema di cavolo nero, spinaci e carote con tofu alla piastra e sbriciolata di parmigianoveg di mandorle alla paprika. Vi piace? E’ una ricetta che, prova di gusto in direttissima😋😋, è NOW sul blog😍 (link in alto nella BIO⤴️ ) nel compartimento roba salutare veg ecc in cui ultimamente mi sento particolarmente avviata😍 traendone beneficio… (ma tutto è salutare se fatto e gustato con presenza e amore!😍E io non sono lo sapete per i divieti, ci mancherebbe, mi piace dare un posto nella mia vita a tutto, con tutta la storia dietro di divieti e deprivazione con cui mi sono torturata 20anni come un’idiota, sì, come un’idiota esatto😒. Perché imprigionarsi in categorie armarsi di barriere e divieti autoimposti in una cosa che fortunatamente per noi dovrebbe essere solo fonte di libertà, proprio per questo mi piace spaziare a seconda dell’istinto e di quello che chiede il corpo e il cuore, come se non ci fossero già abbastanza muri fisici e mentali nel mondo a comprimere e angustiare e ostilizzare, vi pare? ad esempio io la “guerra” tra credi alimentari non la concepisco😡 – vabbè in realtà nessuna- ne abbiamo davvero bisogno di ulteriore odio, di fanatismo? Mangiamo quello che ci fa star bene nella nostra pelle e viviamo con curiosità e apertura, vogliamo rendere gratitudine a questa immensa fonte e simbolo di vita e di gioia che è la cultura e il piacere del cibo che più di ogni altra cosa forse ci rende uguali e meravigliosamente diversi? ma quanto penso, eh! tantaroba ) Buon appe buon lavoro e pome ig friends see ya next time 💙#IFeelBetta #instadaily #recipeoftheday #grilledtofu #buonappetito #healthy #superfood #solocosebelle#autumn #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #parmiveg #lovefood #lifestyle #vegan #mandorle #instamood #photooftheday #instafood #tastingtable #spicy #instagood #food

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Ecco la ricetta per un ottimo piatto unico 100% vegetale sano e equilibrato dei nutrienti

Cremolata di cavolo nero spinaci e carote con Tofu alle mandorle e paprika

Per 2 persone  Ingredienti:

-Cavolo nero toscano 200g

-Carote novelle 1

-Spinaci 100g

-Porro 1

-Brodo vegetale 1 bicchiere

-Firm tofu (tofu compatto) 250g

-mandorle sgusciate e pelate 50g

-semi di girasole 1 cucchiaio

-paprika dolce in polvere 1 cucchiaio

-paprika piccante in polvere 1 cucchiaino

-olio extravergine di oliva 4 cucchiai

-sale marino integrale 1 pizzico

-pepe nero in grani da macinare q.b

-Per accompagnare e completare: crostini di pane integrale o pane integrale tostato

 

Procedimento:

Lavare bene in una bacinella un 100g di cimette di cavolo nero bolloso toscano, 1 carota novella col suo ciuffo spazzolata, un bel mazzo di spinaci freschi, 1 porro privato della base e della parte esterna (lasciare pure un poca di parte verde darà sapore, useremo anche le foglie di carote per non sprecare nulla, sono commestibili e gustose), sciacquarli abbondantemente ripetendo il lavaggio due volte finché passandoli sotto l’acqua corrente in uno scolapasta non rimane nessun residuo di terra nell’acqua che scola.

Tagliare la carota a tocchetti e il porro a rondelle, e le cimette di cavolo nero in due o tre segmenti.

In una pentola a bordi medio alti versare tutte le verdure pulite e scolate insieme a 1 bicchiere di brodo vegetale meglio preparato in casa come al solito (carota, cipolla, prezzemolo, patata, sedano) e portare a ebollizione e lasciar cuocere finché le carote sono morbide, vedrete che quando le carote sono cotte essendo più coriacee nel frattempo le altre verdure saranno abbondantemente morbide.

Lasciare appena intiepidire questa pentola fino a che non andremo a frullarla.

Nel frattempo prendere due panetti di tofu compatto biologico da 125 g o uno singolo da 250g, tagliare ogni panetto in due sezioni a metà orizzontalmente per rendere delle fette più sottili di spessore, con del panno da cucina tamponare finché non perdano tutta o quasi l’acqua di conservazione e rimangano belli asciutti

Scaldare una griglia/piastra antiaderente e appena raggiunge la temperatura posizionare le fettine di tofu senza olio o grassi salandole da entrambe le parti e girandole delicatamente dopo 2/3 minuti per farle grigliare e dorare da tutti i lati. Spegnere la griglia e tenere in caldo.

A questo punto con un minipimer o frullatore a immersione frullare tutto il contenuto della pentola con le verdure fino a raggiungere una consistenza densa, cremosa, e leggermente cremolata, correggere di sale se se necessario ma vedrete che con il brodo sarà tutto saporito al punto giusto.

Stendere questa crema come letto su una fondina e adagiare sopra le fette di tofu grigliato.

Condire con due cucchiai di olio extravergine di oliva a crudo e il parmigiano vegetale.

Parmigiano vegetale di mandorle alla paprika:

Semplicissimo, in un mixer versare le mandorle pelate, i semi di girasole, la paprika dolce e quella piccante, un pizzico di sale.

Tostare questo composto per 1/2 minuti in un padellino su fuoco medio girandolo continuamente e appena si sente profumo di tostato spegnere il fuoco e con questo mix speziato alla parika esaltato nel suo aroma dalla lieve tostatura condire in superficie il tofu e la crema.

Buon appe see ya next time