Rubrica: Betta of the week

Vi spiego. Non che il mio blog abbia bisogno di organizzazione. Nonnò.😌😆. Fate finta che io non stia organizzando il blog. Se volessi organizzare il blog lo dividerei in rubriche. Per dargli un’aria, uhm, no aspé, una spolverata di cadenza, ecco. Mi faccio un regalo, mi do una regolata nei pensieri. Ovvero, le solite cose, semplificate perché sono troppe. E vorrei farle tutte insieme. E mi stresso, sì mi stresso, sono peggio di voi. Ora che lo sapete, da qui a natale delle mille idee che c’ho vorrei estrap(p)olarne alcune, quali? Le migliori. Vorrei sapere prendere con le pinzette e quindi dare valore alla dispersione con cui mi approccio al mondo, con cui do i morsi al mondo, con cui fagocito il piatto che mi va e mi piace, meraforicamente -e non- parlando, che mi preparo, e che poi con la foga della liberazione di averlo “sudato” e reso di mio e solo mio (ma se vi piace non disdegnate, uh) gusto, addento e forse voracemente poco assaporo. Perché morso dopo morso divento newyorkese e ho già le mani e il cervello nel prossimo, che sia un piatto, che sia un’idea, che sia una volontà, che sia una parola una frase o una riscrittura o un’ispirazione o un modo poetico con cui vorrei rivoltare il mondo, che sia una fame d’aria, una fame di migliore, e sono poco contenta. e penso che forse non dovrei scrivere tutta questa intimità delle ore sul mio blog. Ma invece la scrivo e il fatto che io la assapori mentre la scrivo, dice molto di me stessa, del mio blog, del mio essere violentemente Scrittrice. Come si dice, pare che scrivendo, si rischiarino e chiariscano le idee. Io penso che nel mio caso rendano anche i nodi semplicemente dei fiori di possibilità. E a quelle non c’è limite, nel loro essere astratte io darò solo una forma. Una mia assurda forma, il fiore raro che non si è mai visto, il fiore selvatico che non finirà mai in un erbario. Ma c’è. Si scalano montagne, si trova nelle vette impervie, e c’è. Lì resta. Lì rimane tuttaltro che immobile lui a osservare il mondo.

Per cui con l’incoerenza che mi contraddistingue, e per la discontinuità del discorso che invece sappiate che ha una sua logica, inauguro il mio best of the….(inserisci un lasso di tempo qui, facciamo boh), non potrà chiamarsi altro che Betta of the il tempo inserito sopra. Sì sono la matta che lascia gli appunti autorali di scrittura e bozza nel post definitivo che va in pubblicazione oltre la bozza.

Cominciamo che ancora non v’ho detto nulla. I miei preferiti in tutti i sensi in tutti i campi in tutte le asimmetrie nella vita in tutti gli ambiti ambibili e anche in tutti i luoghi in tutti i laghi in tutti i vari ‘azzi miei.

Ciao! Ci si ede presto via via che mi vengano in mente. (Ma non dovevano essere organizzati??? Sì, oggi però vo dalla psicologa. State bonini lì e molto tuned come sempre💙)

SalvaSalva

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0
Annunci

Gli insonni che hanno preso i tonni

Riassunto: sono quelli un po’ furbi e un po’ no che non dormivano quando passava il banco.

Aggiorniamo due o tre istanti di vita di Creativa (ma quanti sono, gli istanti, e vi va di lusso che non ve li metto tutti!😂, ringraziate il cielo che il GENIO ce l’ho io se no sai che palle a dovervi districare tra idee, parole, pensieri, epifanie….ummamma😱 tranquilli mi faccio parafulmine io👍😂

 

 

View this post on Instagram

💙oh buonbuongiorno amici igers state a magnà o avete già fatto? bravibravi👏🏻😍 io tornata ora a casa dal viaggione anda e rianda psicologa ho fatto fotina finestra aperta per ovvie ragioni al #lunch 😂(anche se bello potrei creare un bel piattoBUIOtotale🔝ideonacreativa😂🔝tipo indovinachecàhomangiato? tanto vi dico che avete indovinato tutti qualsiasi cosa diciate perché sono una persona accomodante😌io e mi dispiace dire non ci hai preso😂 vipiacevincerefacile uh!!!!😍) e insomma me la sono richiusa subito e mangio così abbarbicata alla ventola che mi vola via l'insalata giuro c'è già il macello in terra 😂 la melanzana no perché ha il peso specifico della ghisa del piombo dell'uranio insieme fusi a lingotto😂. ho fatto sta pasta alla 'ioc…ehm…iochef👻 in pratica mantecata nella crema di latte e peschine sempre cotte nel latte e dadolata di finocchi, #avocado e ovetti sodi quelli nuovi rustici mi sembra si chiamino de #leNaturelle presi stamani per provare mentre tornavo dalla psic…gran discorsi gran discorsi importanti🙏💙…via tra metafore e carote finisco qui e mi metto al lavoro che ho scadenze imminenti e tantetantecose da fare per benino che io son caciarona abbestia cialtrona disorganizzata e non metodica e morirei per la difesa dello spirito libero e BOH🙋 ma poi se una cosa mi viene male mi do di bischera a pallettoni 😂 e INVECE mi voglio sentire sempre il GENIO che sono 😂. sì. 😌…. quello. 😂….eccheccavolo 33annie mezzo di flagelli e silicio e ora mo CI DEVI CREDiCI😂😂👍 💙baci amici have a great afternoon, be yourself AND like it too! 🙌🏻💙see ya next time! #lunch #intuitiveeating #foodblog #feedyoursoul #ricetteperpassione #nourish #food4thought #realfood #instafood #foodporn #foodlove #foodphotography #kings_Masterchef #thefeedfeed #storyteller #instagood #homemade #ifoodit #lifestyle #tentarnoncuoce #healthyfood #cucinandoarte #topitalianfood #food52grams #pranzoitaliano #leNaturelleinTavola #foodbloggeritaliani

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Buon blog, buone retate, e a qualcuno buoni pisolini 💙

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

boomerang banana, gettoni carote, racchette broccoli, frisbee sole, tetris mandorle

In breve, giochiamo? io ci metto la f-oc-accia.

View this post on Instagram

oh so my #lunch il focaccione veloce coi #broccoli l'uovo e la #banana (sbucciaegustaepochicoltelliinmano🙌🏻😍) dopo una luuuunga e caaaaaalda mattinata di psicologa💙 e mezzi pubblici annessi e connessi non me lo toglie nessuno me lo merito zanzan💃! me lo sarei meritato anche fossi restata tutta la mattina in panciolle, a guardare i giardinieriinaffitto coi piedi a sguazzo nel balsamo di cotone, cosa che per la sola idea malsana che mi è venuta come agli antipodi di una mia tipica mattina, non escludo di fare, entro cinque anni. il lusso del lustro, per catabolizzare meningi che scoppieranno dal pensare/fare/pensare/fare/rattoppare/stropicciare la vita vivendola (che è bello, il lato di rammarico è che hai perso un sacco di tempo a non farlo prima ma così è), almeno quando faccio le cose e mi si dirà sta cosa è fatta coi piedi (cioè da cani, che la fanno meglio😂bau) almeno saranno piedini morbidi appena usciti dalla vasca della pedicure, guardando travasi e come si cesoiano talee e innesti, e se il barbecue stia meglio a nord o a sud del giardino,perché uno ce l'ha il giardino, perché uno ce l'ha una casa, un divano, una sedia, un gatto💙in cinque anni dai sì, una sedia sì ce la fo! daje tutta e via al lavoro ché prima o poi pagherà in dignità e "senso" e piacere del Fare e non del bollogiudice/brava/nonbravaapennarossa in assolutosmi che neanche esistono, oh sì, per cui pappa eli e fatti trovare viva quel giorno, fatti trovare a cielo aperto, magari sotto la tempesta ok,ma non sotto un tegolo pericolante a meno che non sia un pezzettino incastonato nel MIO tetto, che ricopre caldo, non mirino puntato al bersaglio per farmi il bernoccolo😂💙🙏 Buon pome amicici igers have a great afternoon my ig friends, eat well and have fun with images and dreams, our fantasy is inestimable dimension to explore, and the scene for the funniest happiest adventures no one says we are not intended/allowed to dare and step in real life, when we decide it's ok to be ourself, a moltitude of thousand bites and thoughs and body as well, sometimes incoherent, yet "whole", and vibrantly real. 💙 see yaa next timeee with next yumminess🤗💙 🦁🙏 #foodstyle #foodblog

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

E guardo il mondo da un oblò

View this post on Instagram

Oggi questo il convento passava. Anelli fritti abbrustoliti di #totani. Appena pescati, freschissimi, direttamente dal retino dei surgelati. 😂 praticamente mi hanno pagata per portarmeli via. Tardi giustificata per #psicologa. E perché a un certo punto respirando a fondo nel mio tubetto da snorkeling nell'acquitrinio nebuloso che ricopre la mia strada, è tanto meglio che sguazzare in una via limpida, intervallata da pasti migliori e serviti ma circoscritta e diagnosticata e avviata per me come la prescrizione di una ricetta medica a cui attenersi. Pasti girando intorno a un amore di mamma e babbo di cui posso fare a meno di elemosinare la plastica, che sono una medicina amara con troppi effetti collaterali, diventando essistessi la malattia, e l'identità Preferisco il mio pasto amaro, non è più una ribellione una non accettazione della realtà, è una guarigione sottile e sotterranea e a lungo termine, perché sopra ci costruirò il mondo, e le strade per ovunque, perfino quelle per restare qui, in questo punto. Buon appe e daje di calamaro #fritto 💪🦁💖💛💙🦁🦁🦁🦁 #pranzo #foodblog #foodshare #foodforthoughts, #pensieri #anorexiarecovery #diarioalimentare #paleojunk #paleoish #friedfish #nourish #soulnourishment #art #igarts #paintings #friedsquid #foodblogger #frittodipesce #edrecovery #depression #anoressia Mo vado a fare l'ecografia per la tiroide salterina #autoimmunedisease #autoimmune 💪che la luna i suoi anelli del piffero se li è pure alla lontana beccati😂 #cercolavoro #jobsearching

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Essere circolare, al largo

Provo a far tornare tonda una giornata che era iniziata tonda poi si è inspigolita, corrosa e frenata dall’attrito, poi camminando verso la psicologa distesa, acquarellata di sorsi di caffè e camomilla alternati e insieme, reimmatricolata dentro me stessa, sono stata sostanziosa, sono stata in quella stanza, a riempire la mia borsa valori, li ho soppesati: ne sono usciti i più leggeri di fardelli atlantici, e i più consistenti di densità compattezza morale, ecco perché sono quelli che vanno a fondo, che sono andati sempre a fondo, in una marea di ipocrita pellicola d’amore. La mia famiglia è un domopak per tartine per gli amici segreti importanti di fuori, con la mia vita sul vassoio, da asporto per suscitare con un figurone il compatimento. Scremiamo. Scremiamo. Passino la loro a spalmare in superficie le tartine, io sono una polpetta con il fuori sbruciacchiato, e il ripieno dentro. Quindi la giornata torna tonda, io mi acciambello -era l’ora, guarda che orario dimmmmerda per pranzo- a fare il mio gomitolo di puntini da unire: le parole che si ha il coraggio di dire.

//(Ps off topic : causa disperato bisogno economico, vendo l’iphone sei a prezzo misero ma maledettoesubito, fatemi sapere qualora foste o conosceste qualcuno interessato, grazie, fine ps off topic -ma molto pissed off, uff😒☹)

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Cose che scrivo come didascalia

Nel post-psicologa, il motivo per cui vale la pena di volermi bene si illumina. Perché? ….beh perché sì! (È un sì talmente banale e semplice che non semplice da dire, da far dire al cuore dopo aver scartocciato ogni bonbon al veleno, annuendo non basta col gesto della mandibola se piano piano non si scioglie il morso di hannibal con l’acquolina famelica di un pasto fatto-con-le-sue-mani-con le sue mani come pietanza,intendo- è un semplicemente sì che segue tutta una serie di cose che -sempre necessari cestini da portarsi appresso- che no, non fanno parte di me, no, non sono per me, no, non devono piacermi, no, non devo accettarle, no, non devo perdonarle, NO, non NE morirò.

Buon appetit, #nonsimolla guerriere di zia Leoncina🦁💪💪💪💜💛💚💙🌞

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0