Ravioli di ceci e patate al rosmarino

Ravioli di ceci e patate al rosmarino

 

Ieri la mi nipote piccina m’ha commosso gridando “zia zia zia😍 guarda ho il braccialetto della zia😍 ” il che, detto rivolgendosi alla vasta platea di masha + orso + peluche di masha&orso è quantomeno inorgogliente! (ma l’ho mai avuto, io, quel braccialetto, ora che ci penso🤔??😱)

….poi però m’ha anche attaccato la febbre, ce l’ho alta e va bene, ma non benissimo🤔 dato che

1)avevo il mio appuntamento settimanale psicologa che necessitava di inoltramenti nell’outback selvaggio ( o chiamalo se vuoi far west) ovvero in centro firenze, e non so con che faccia ci sono arrivata (ma ce l’ho fatta!)

2) m’ero preparata sti raviolini deliziosi vegani di ceci dello scoiattolo con un sughetto golosissimo di patate a cubetti intingolate nella curcuma e rosmarino….un pranzetto coi fiocchi!😋 uffa! la febbre non mi fermerà dal gustarmeli, però gente, che malessere palloso che ottunde i sensi😕, mi sono stonfa nel piumone, mi fa una rabbia la febbrucola soprattutto perché mi priva un po’ dell’appetito e del gusto nel momento preferito della giornata quello in cui mi rilasso in cucina dove tutti i pensieri gli eventi quotidiani possono lasciarsi andare in un respiro e a tu per tu con me stessa, e pensare solo a cose serene e riposanti…

3) c’ho da assistere quell’adorabile piaga della mi mamma che di nuovo si opera agli occhi e mi va di coccolarmela e subirmi le lagne varie doloranti ( e comprensibili) cercando di fare la forte ma se mi vedono in giro per le corsie co sta febbre o mi mettono in quarantena tra le malattie rare o mi rispediscono a casa dritta con una supposta dicendo a mammà piena di bende “signora faccia venire una badante seria a ripigliarla post-operazione, la prossima volta.”

Comunque.

Visto che sono costretta a ciondolare in casa con la febbre, ne approfitto per fare le tadaaaaaaan! leggendarie pulizia di pasqua!!! ….se dalla polvere, dalle cianfrusaglie, dal disordine, dai vestiti appallati e dai calzini spaiati risorgo precisa il 1° di Aprile vi avverto, c’ho 33 anni, cominciate a fondare una chiesa in mio nome 😌😜.

 

Ricetta Ravioli vegan di ceci al sughetto di patate e rosmarino

IMG_E5366

Ingredienti x 2 persone

  • 1 confezione di ravioli freschi di ceci alle patate e tofu (io marca scoiattolo nel banco frigo reparto paste fresche)
  • 5 patatine novelle cotte al vapore con la buccia e poi spellate
  • 1 rametto di rosmarino fresco
  • 1 cucchiaio raso di curcuma e 1 punta di curry
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale e pepe q.b.

 

 

Procedimento

IMG_E5366

Portate a ebollizione abbondante acqua salata per i travioli di ceci, aggiungete a quest’acqua un filo appe d’olio per non farli attaccare tra loro e renderli lucidi.

Pelate e riducete a cubetti di uguali dimensioni le patatine novelle, versatele in un tegame o padella con l’olio e il rametto di rosmarino e fate saltare per qualche minuto rigirandole spesso delicatamente con un cucchiaio di legno, prima di spegnere aggiungete la curcuma e una punta di curry in polvere e amalgamate bene in modo che si sciolga uniformemente fino a formare un sughetto denso dato dall’amido rilasciato dalle patate, eventualmente aggiungete un cucchiaio di acqua calda della pasta per sciogliere bene il tutto, salare e pepare e tenere in caldo.

Cuocete i ravioli di ceci per il tempo suggerito scolandoli bene al dente (anche 1 minuto prima) e versateli nell’intingolo di patate mescolando delicatamente per non romperli, accendendo la fiamma per qualche secondo per saltarli insieme al condimento.

Servite nei piatti insieme a tutto il sughetto.

 

 

 

 

Annunci

C’è ciambella e ciambella

C’è ciambella e ciambella

Stamattina ho visto la mi mamma al bar che si pappava una ciambella fritta alla crema sai di quelle ricoperte di zucchero semolato e mi fa

“oh, c’ho da prendere la pasticca per il diabete, la devo pigliare a stomaco pieno se no mi fa male.
…..
😒🤔 aaaah.

allooora!😂😒

C’è da chiedersi davvero Ma come mai?, ma per quale assurdo complotto e disegno dell’universo, dico io, c’abbia il diabete, gli sia capitata sta rogna piovuta dal cielo mah io non lo so veramente.🙈😂

Detto questo, dovrete convenire con la mi mammina poera martire: i soliti vecchi du biscotti secchi prima della pasticca tu lo chiami stomaco pieno? tutti i torti non ce l’ha😁!

E quindi se non tutte le ciambelle vengono con la crema e fritte:

La Betta A tutto bagel! This is goodmoodfood! alzi la mano chi se li sogna la notte🙋🏻 quelli mangiati a new York! Vi piacciono come tipo di panino? Come li farcite voi o quali preferite quando li mangiate all’estero, o raramente fatti bene, nei locali italiani? oggi c’è il sole, ne arraffo uno (ma quale prima!😱🤔) e me lo mangio in terrazza!☀️

RJGRE1741

Idee per farciture bagel

⬅️A Sinista Bagel VEGAN ai semi di sesamo farcito con:

radicchio rosso di chioggia, a fette e cremoso, ravanelli crudi, fettine di seitan tagliate sottili brasate alla salsa di soia, poco olio evo.

➡️A Destra Bagel VEGETARIANO con sesamo e quinoa farcito con:

Lattuga riccia e valeriana, pomodori datterini gialli, frittatina semplice alle erbearomatiche (prezzemolo, cumino, erba cipollina) e curcuma.

Uno a pranzo e uno a cena. 😋🔝.

Comprateli di buona qualità magari in panetteria freschi e non nelle bustacce del super, o meglio ancora fateli voi a regola d’arte, il procedimento è un po’ lungo e laborioso, ma a volte ne vale la pena, un giorno voglio provare a farli, questi li ho comprati in un forno “neutri, spennellati in superficie con latte di soia (quello veg) e con albume d’uovo (quello vegetariano), ricoperti di sesamo e di semi di quinoa e dorati in forno prima di farcirli.

Giocare sano e goloso col cibo: assolutamente si può! Ed è solo gioia, Mai guerra tra le due cose. Sono contenta che anche il libro che sto leggendo* mi stia non solo incentivando nella mia filosofia del nutrimento in senso più ampio, sia fisico che mentale, ma che sia riga dopo riga di ulteriore stimolo e approfondimento e che neanche una delle storie che sto leggendo contenga la parola né il concetto di “dieta” , e nello stesso tempo tuttavia invogli a prendersi cura di sé a vari livelli in cui il cibo è collaborativo o protagonista, quando non addirittura la base, a volte il primo passo di una vita densa di valore, per noi stessi e per tutti. Urrà!

*Note: Ecco il libro di cui sopra

View this post on Instagram

Buona nottebuonasera? Non so se da altre parti di Firenzeidem ma su tutto il lungarno stasera è #blackout TOTALE😱 da ben tre ore e più! (vedi stories) mi stanno finendo anche i mozziconi di candele rimaste da natale!😫 gliè 'sto tempo da balordo ne stanno succedendo di ogni in queste lande nelle ultime sett… è come se l'anima superba di firenze si stesse ribellando dalle viscere a che non gli sta bene "qualcosa" nell'aria (io so cosa…😒 ma non mi inoltro 😂)😫 già devo arrabattarmi a trovare sopravvivenze bettesche alla libertà del mio essere comunque positiva in tutto, voglio dire😌, cosa c'è di non bello di una serata alternativa a lume di #candela in cui cerchi la mira a tentoni anche per fare pipì o per non rovesciare la pappa al gatto nella ciotola dell'acqua mentre coi piedi accendi la miccia di un accendino bruciando la coda stessa del gatto che scodinzola nella sua indifferenza visto l'occhio telescopico notturno?? Tutto bello!😝 La mi #cena? 😕⁉️incognita! Vai a distinguere un uovo sodo da un uovo crudo nel frigo buio! son mica Colombo! Se mi apro un pacchetto di patatine ci sta che becco sicuro i croccantini del gatto. per la pizza surgelata che si sta scongelando inconsolata e avariando secondo dopo secondo, devo aspettare almeno 5/6 ore me la mangerò non cotta, ma almeno molliccia e mordibile, come minimo a mezzanotte (ma la disperazione!🙈) la mi nonna al tempo di guerra se la cavava meglio mangiando direttamente la calcestruzza dei muri. Con la fortuna che c'ho se mi metto a leccarli becco la presa della spina nel momento esatto in cui ritorna la luce. 😂⚡️⚡️⚡️ ….è tutto il giorno che aspettavo la sera per leggere sto libro che mi ha gentilmente regalato il produttore di una azienda di formaggi 100% veg a base di #mandorle e #anacardi fermentati @welovecicioni durante #IGmi18 Identità Golose (per altro buonissimi assaggiati e apprezatissimi, provateli🔝😍), sembra una #lettura interessante😍📚ci sono storie di persone vere a cui in un modo o nell'altro il "cibo" in tutti i suoi sensi, ha cambiato, e spesso salvato, la #vita. non potrebbe avere una lettrice più attenta e coinvolta di me🙏🏻: vi dirò cosa ne penso man mano che lo leggo💙. Buona (…?🤗🌚🤗)

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Basta un poco di zenzero e il tofu va giù

Basta un poco di zenzero e il tofu va giù

IMG_3556

Basta un poco di zenzero🎶…e il tofu, va giù, e il tofu, va giù.🎶

😯Beeeeh🙃, che c’è??!?😌: il copione di marypoppins diceva così è lei che ha voluto a tutti i costi improvvisare ed è rimasta nei posteri e negli annali ma l’avevo scritta io la sceneggiatura originale sai!😌😜 tz!

View this post on Instagram

Buon #pranzodelladomenica igz!🙌🏻🤗… ve lo avevo detto stamattina 😌 che dopo due giornate di scialo totale, complici weekend e compleanno di mamma e anche un po’ che son contenta di una cosa -piccola, semplice, e quindi immensa- di cui vi parlerò, anzi, che lo verrete a sapere presto da voi con i miei istanti😆 perché figuriamoci se non mi metto a documentarla pe’filo e pe’segno tipo radiocronaca… e vabbè direte che sarà mai, e INVECE per me è tanto. Tanto quanto può essere la bella sensazione che ti da quando conosci una persona (un po’ grulla come te e un po’ parecchio più seria, uguale e diversa) e l’istinto ti dice porcarciderbolina, questa potrebbe diventare PROPRIO una mia amica! E nulla sei contenta. Soprattutto se succede con delle personagge🔝 che ti ritrovi su ig e da cui impari tanto, e forse pure tu dai qualcosa (mah😆🤔😅?!?) però appunto adesso sto ancora in fase anteriflessione, lo scopriremo vivendo, magari è na bestiaccia odiosa arpia carognona che te la raccomando😂😂🤣🤣🤣 e che mi mette l’arsenico nella ciotola di ramen vero @lemongrassandoliveoil ???? 😂😂😋(mmm… bono! Son capace di farmi piacere pure quello!😋😋😂🙌🏻) … comunque, torniamo ai miei piattini SUPERSANI E MULTICOLOR: oggi andiamo di detox🌱 ma niente di miserère e tristume, Coleslaw di tofu e sedano alla crema di curcuma #zenzero e #broccoli, (e cuoricini di kiwi gold) praticamente avvolti da una Maionese Dorata speziata fatta di superfood!!!! Una gioia a vedersi e mangiarsi ve lo dico, il tofu piglia tutto un altro andazzo così… 😍 dairetta!!!🙌🏻 se volete sapere come lo ho insaporito ve lo scrivo qui sotto e poi nel blog, e ci ripuliamo bellini bellini per domani, che è Lunedì e Lunedì notoriamente leggibene: NON si sta a dieta: bensì si “comincia a dire” “da lunedì(prossimo) dieta!”….all’infinito. Se ho detto il prossimo è IL PROSSIMO, oh!😌😂😂😆 …voi che avete mangiato di buono? buona domenica a tutti grazie di aver letto mi bischerata domenicale #ifeelbetta #curcuma #goldenmilk #tumeric #ginger #kiwi #salad #superfood #smartood #detox #vegan #healthyfood #foodforsoul #golden #eatgreen #fresh #cibosano #ricettavegana #organic #veggieful #foodblogger #senzaglutine

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Ricetta sanissima superdetox di

Coleslaw di tofu e sedano in salsa dorata

Come fare:

Su un letto di insalata misticanza orientale con cicorino rucola e red chards unisci questo coleslaw fatto di: tofu naturale a cubetti circa un panetto da 150 grammi, lo mescoli a una cremina speziata fatta emulsionando (come una maionese): 1/2 vasetto di yogurt naturale di soia, 1 pizzico di sale, 1 cucchiaio di olio evo, succo di 1/2 limone, 1 cucchiaino di curcuma in polvere, 2 fettine di zenzero fresco tritate, 1 macinata di pepe nero, 1 cucchiaino di senape al naturale non zuccherata, 1 cimetta di broccolo crudo senza gambo, 5 mandorle spellate non tostate e se ti piace una punta di curry. Frulla finché viene bello gonfio e mescolalo ai cubetti di tofu. Aggiungi questo coleslaw all’insalata e decora con fettine di kiwi gold per un gusto semiagrodolce, aggiusta di sale olio e limone se ti piace ben condita l’insalata. 🙌🏻 sanissima io l’ho mangiata accompagnandola con creckers al sesamo, una delizia depura fegato assicurata, ma gustosa!

Azz, Così leggera che ho ancora fame!😁

Ecco la salsina protagonista immortalata da sola:

IMG_3540

Ok buona notte anche dai coolkatz:

Due ricette oggi, per la memoria, sempre.

Due ricette oggi, per la memoria, sempre.

View this post on Instagram

…In occasione della Giornata della memoria domani 27 gennaio 🙏🏻 ho appena infornato un pane speciale💙, che porterò alla cena con Letteratura a cui partecipo stasera, insieme ad altri assaggini “in Tema” Ebraico e/o ingredienti tipici che ho ritrovato spesse volte citati nei libri sull’argomento (sapete che mi piace fare ste cosine🤗) e che mi sono andata a ricercare sul sito della favolosa @labna (la conoscete?? massima fonte e punto di riferimento quando si tratta di cucina e tradizioni ebraiche, se non lo avete già fatto oggi è l’occasione giusta per scoprire il lato culinario di questa cultura!) Per testarli prima di farla diventare una CenaConDelitto🙈😁😂, mi ci faccio il pranzo🤗, e intanto dal forno si sprigiona un profumino… io che coi pani in genere sono piuttosto incapace, pigra, e sinceramente svogliata, un pane così ricco, facile e fruttato non lo avevo mai fatto. Dopo lo posto😍 se non combino guai, laricetta è quella collaudatissima di @labna, veniamo alle salsine e alle verdure🍃 che sono invece più “pane” per i miei denti😜: simil-Hummus Vegan di lenticchie, spalmabile cremosissimo al rosmarino, pepe e curcuma, e Crauti al cumino fatti in casa, ricchissimi di fermenti lattici vivi (no, tranquilli, si chiamano lattici ma non c’è il latte! li avete mai fatti? sono un toccasana per la flora intestinale, altro che tubetti di bulgariHos, streTTococcos, Yam’n’kul, actiBell e Passivia😂😂.) Ricetta del patèVeg ➡️arriva sul blog (link alto in BIO) e qui nei commenti⤵️ questa cremina è deliziosa sul pane azzimo, normale, e sui crostini! 😋 E voi, preparerete o farete qualcosa di speciale in questo weekend? Buona giornata e weekend friends🤗, perché non si dimentichi oggi e -soprattutto- né Ieri né Domanilaltro💙 grazie di aver letto le mi bischerate e vicende quotidiane #cucinaebraica #lenticchie #IFeelBetta #hummus #healthyfood #vegan #homemade #sauerkraut #fermentati #ciboecultura #crauti #antipasti #patèvegetale #pane #instadaily #instamood #tradizioni #mangiaresano #foodideas #giornatadellamemoria #instafood #realfood #solocosesane #healthyblogger #foodblogger #ricettaveloce #cuisine #food #spread

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Patè vegan spalmabile di lenticchie aromatico facilissimo

Ingredienti x una terrina grande di salsa

  • 400g di lenticchie secche brune
  • Curcuma
  • Pepe nero in grani
  • 2 rametti di rosmarino freschi
  • 3 cucchiai di Olio extravergine di Oliva
  • Sale q.b.
  • 1 confezione di Tofu Seta (Silk Tofu) o formaggio fresco vegetale o crema di tofu in vasetto

Procedimento

Sciacquate e Cuocete le lenticchie secche brune senza ammollarle prima con acqua non salata fino a coprirle, per circa 25/30 minuti, salare solo a cottura ultimata, scolarle bene e semplicemente metterne 3/4 della quantità in un frullatore con 1 cucchiaio di curcuma in polvere, una macinata abbondante di pepe nero in grani e tre cucchiai di olio evo in cui abbiamo fatto rosolare due rametti di rosmarino per profumarlo bene, aggiungere mezza confezione (circa 70g) di tofu spalmabile tipo Silk/Seta o anche di “formaggio” fresco vegan e azionate il mixer fino a ottenere una cremina densa e vellutata, unite a questa salsa anche le lenticchie tenute da parte intere per arricchire la consistenza, aggiustate eventualmente di sale. Si conserva per 2 giorni in frigo pronto da spalmare😋 su ogni bendiddio, anche le dita😅 😍….. (ehi aspetta sulle dita NON è Vegan!🙈😂)🌱🤣

View this post on Instagram

Eccolo qua pronto per il trasporto alla cena!!!!! non è bellissimo???😍😍😍Il vegan Apfelbrot 🍏🍞 FANTASTICO di @labna !!!!! Pieno zipillo di mele, spezie, frutta secca e essiccata. Il profumo non potete capire anzi sì lo so che lo capite, paninari/e che non siete altro😂😂😂😜!!!😍🙏🏻💙 sto pane dolce contiene il mondo!!!! Sono supersoddisfatta ricetta Vegan🌱infallibile se amate il pane che sa di noci, semidolce, integrale, denso e appagante da condividere, come solo il pane che è simbolo sacro e la base della vita può essere, declinato in tutto il mondo e in tutte le culture. Io oggi ho scelto di plasmarlo così. 🙏🏻 . vi trascrivo la ricetta originale di @labna , voi andatevi a vedere anche la sua raccolta di ricette (tutte sane, per giunta🙌🏻) e ditemi qual è il tipo di pane che preferite di più al mondo. Io quello sciocco toscano (ovviamente😍😅🙌🏻), seguito dalla baguette🥖 , seguito da quello alle noci. Poi vabbé non è che una michetta la lancio dalla finestra eh🤣🤣🤣😂😂😂😘Buona serata e buon weekend igerz! #applebread #veganbaking #foodblogger #bread #apfelbrot #norefinedsugar #healthysweets #plantbased #annafrank #bookstagram #organic #fruitbread #panfrutta #giornatadellamemoria

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Apfelbrot

Apfelbrot direttamente dal blog di @labna (link originale a: http://www.labna.it/apfelbrot.html)

Ingredienti

750 g di mele pelate, tagliate in piccoli cubetti
250 g di zucchero
250 g di uva secca
200 g di mandorle pelate intere
1 cucchiaio di cacao
1 cucchiaio di acquavite
1 pizzico di sale
500 g di farina (io ho usato la integrale)
1 sacchetto di lievito per dolci
canella

Procedimento

Preparare le mele e lo zucchero un giorno prima: mescolare e lasciare in una ciotola coperta durante la notte.
Mettere tutti gli ingredienti insieme alle mele. Mantecare e lavorare ottenendo una pasta abbastanza dura.
Mettere in una forma per dolci quadrata o rettangolare, poi cuocere a 175° per 75 minuti.
Durante il tempo di cottura spennellare due volte con un una mistura di acqua, zucchero e succo di limone.

 

Con questa ricetta partecipo al contest “LE  FARINE” del blog  Lastufaeconomica

lefarine_lastufaeconomica-1

Dicembre che

Dicembre che

View this post on Instagram

Dicembre, sei qui e sei un mese ricco. Di date e giorni importanti, di significati, Dicembre che è nata mia sorella e lei non sa che me lo ricordo, Dicembre che é nata la mia prima nipote e lo saprà perché glielo ricorderò ottocentomilavolte (so vecchia😂) e la farò sentire importante come è, come non deve MAI scordarsi….. Dicembre che sono ufficialmente parte di Cucina Mancina il più bel luogo online e riferimento culturale di alimentazione (e non solo) di coloro che fanno della coscienza e della loro unicità un boccone e una scoperta quotidiani🙏🏻@cucinamancina💙(oggi con la mew entry Betta 😜🙌🏻😍) , e di progetti belli e appassionati e temuti, di incognite lavorative e personali. Dicembre che in ballo il progetto grafico di Pandora nel mondo in mano e questa volta devo vincere perché sono così. Perché sono una che è così antipatica da rimanerci male se da meno del possibile di se stessa. E quante volte l’ho dato. E quante volte ho chiuso la finestrella mercantando con la delusione di me che potesse essere tollerabile, che potesse addirittura essere preferibile, apparentemente tranquillizzante. E quante volte ho rassegnato un Dicembre dimesso che invece non voglio indossare le cose non voglio ricevere le cose le voglio creare. Dicembre che non sei un compromesso né una promessa né una scadenza Dicembre che sei Freddo, Dicembre che mentre io mangio un’insalata Tiepida di riso ceci e cavolfiori verdeblu, uno va a vedersi sul mio blog ADESSO come da stamattina conservo e arricchisco un Cuore Caldo🙏🏻💙Curiosi? (link diretto in alto in BIO!💙⭐️⤴️) have a lovely december ig friends see ya next time! #IFeelBetta #instadaily #recipeoftheday #risointegrale #buonappetito #healthyfood #tentarnoncuoce #pranzo #december2017 #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #goldenmilk #foodlove #foodaddict #vegan #cavolfiore #instamood #photooftheday #instafood #tastingtable #delicious #instagood #foodstyle

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Quindi: Avete mai fatto e provato il Golden Milk a colazione? E’ il primo dicembre, fa freddo e umido, mille cose da fare, ancora nessun senso di magico per strada finché non lo si guarda con magia, chiudo un attimo tutto il lavoro, posso immaginare di avere una bacchetta magica, di spargere nella mia stanza un po’ di quella polverina dorata che alle fate le fa volare, ai miei gatti fare le fusa, e a me volermi bene da dentro? Ho adottato questo rituale a colazione da pochissimi giorni, prima lo conoscevo solo per averlo letto e spiegato uso e benefici qua e là in qualche rivista di cucina o alimentazione naturale che però, o sono estremamente e anche troppo enfatizzate e specializzate in un certo tipo di filone e filosofia sprezzante verso chi-banalmente- vorrebbe fare da sé e vivere di sé e prendere il buono delle cose, oppure ahimé viene liquidato con poche righe come esotismo miracoloso e la lista degli ingredienti per per le ricette e poi magari ti consigliano vattelo a far fare alla spa da vippe taldeitali (faccio esempi paradossali eh, ma per capirci) In ogni caso ho fatto ricerche serie 😌 (vabbé serie per quanto posso esserlo cioè MOLTO😂ripetiamo in coro😂 ha da finì sta storia che la gente pensa che sto a ride di tutto dalla mattina alla sera come na scema, rido di tutto perché sono intelligente, tiè😌🙌🏻) perché effettivamente è una pura e semplice verità che dietro tutte le tradizioni e culture ci sia fondamentalmente del buon senso, tutto quello che passa  attraverso i nostri sensi e i nostri pensieri ci nutre, e ci cura, così come può amareggiarci, intossicarci. Come augurio per questo dicembre mi piace pensare che nella vita non dobbiamo metaforicamente “ingoiare” niente che non ci faccia stare bene. Che sia un cibo, o che sia una parola. Oggi mi fa stare bene questo, e adesso lo giro a voi nel mio stile. Se vi farà stare bene, e se siete curiosi di come lo ha fatto suo la Betta con le sue spezie preferite, qui la semplice ricetta

IMG_0184

GOLDEN MILK alla Betta

Per 1 tazza (tazzona da colazione 😋)

200ml di latte vegetale (io mi trovo bene con il Soya ‘mild’, della Alpro)

50ml di acqua naturale

1 cucchiaio colmo di curcuma

1 macinata di pepe nero in grani

1 punta di zafferano in polvere

1 cucchiaino di zenzero in polvere

In un pentolino stemperare tutte le spezie con mezzo bicchiere di acqua (50ml circa) per circa due minuti fino a che si nota il composto addensarsi.

Spegnere il fuoco e lasciarlo intiepidire. Si può conservare questa miscela in un barattolino di vetro a chiusura ermetica in frigorifero una volta completamente raffreddato al massimo per 3 giorni, per preparare circa 3/4 dosi, prelevandone 1 cucchiaino ogni mattina e aggiungendolo alla porzione di latte.

Scaldare senza portare a ebollizione 200ml di latte o bevanda vegetale a nostra scelta  senza zuccheri e additivi aggiunti (soia, mandorle, avena, riso) e non appena raggiunge il calore diluire un cucchiaino di composto speziato preparato precedentemente mescolando vigorosamente fino a che si amalgama del tutto in una consistenza cremosa e setosa, rendendo il latte caldo di un bellissimo colore giallo/dorato.

Gustare caldo o freddo prima o in aggiunta a colazione come bevanda calda comfort, io personalmente lo lascio stiepidire e unisco una bella manciata di fiocchi avena al naturale, 1 cucchiaio di semi di chia, della frutta fresca a tocchetti come mele o pere e a piacere una spruzzata di succo di limone, per renderla una colazione nutrizionalmente completa energizzante salutare che apre i cinque sensi e riempie di carica,  e il giusto pepe per affrontare la giornata, ma questo lo lascio decidere al vostro gusto, non si disdegna ogni tanto gustarla affiancandola a dei biscotti speziati alla cannella, date retta alla betta😜


 

…..e Dicembre …..che poi arriva babbo natale🎅🏼😁

SalvaSalva

Cremolata di cavolo nero spinaci e carote con Tofu alle mandorle e paprika

Cremolata di cavolo nero spinaci e carote con Tofu alle mandorle e paprika

Questo accadeva ieri:

View this post on Instagram

Buon grigercole😂igers ,pioggia pioggia nero pioggia grigio nuvole e ..toh!, un raggio di sole ☀️ ops è già andato via dove scappi!!! Nulla, se la tira vabbè😌oggi tutto il gg fuori, mattinata dalla psic, e se penso a tutto il lavoro che mi aspetta, neanche un minuto e panciola che brontola da un’ora, sulla via del ritorno aspetta che ti riaspetta il bus tutta ingorgata firenze basta na goccia d’acqua si imbottigliano tutti in via nazionale indo passo io stranooooo…son di fretta a casa non c’ho quasi nulla di veloce e pronto e devo anche andare a far la spesa base stasera, mi fermo dal benedetto pakistano che di solito maledico sempre perché mi vo vendere i noodles in busta 2 al prezzo di 3 (sì, sono una che c’ha la faccia evidentemente di chi si fa fregare ma lo piglia sempre in tasca perché io un mi fo intortare da nessuno) comunque oggi c’aveva tutto nascosto e losco il forziere delle cose ganze che mi ispiravano troppo e che secondo me lui manco sa di star vendendo: tutta na fila di prodottini bio e naturali ma un assortimentooo che non vi dico roba da far impallidire il naturasì quasi, tentatissima ho preso delle carotine colorate che per altro non avevo mai assaggiato e così le provo, e una serie di prodottiveg bellini bellini, crostini di kamut e di grani antichi, funghi shitake, platani moringhe e okre varie ecc, io occhi a cuore che ste robe non le trovo mai e non mi piace comprarle “per moda” ma questo sì che è un modo che mi garba: nel posto losco, diventano affascinantissimi. Oggi last minute ho fatto tardi e devo fare presto il raggio di sole scappato me lo metto nel piatto, l’insalata salva-vita di rucola, carotine multicolor, affettato alla curcuma e semi di lino, scaglie di mandorle e semi vari oleosi in dotazione amazon, creckers di kamut bio, davvero bella sana croccante colorata e allegra, si prospetta un pienissimo pomeriggio disorganizzatissimo ma almeno è a modo mio (mani ne capelli🙈😂) Buon appe buon lavoro e pome ig friends see ya next time 💙#IFeelBetta #instadaily #recipeoftheday #buonappetito #healthyfood #superfoods #cibosano #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #onthetable #foodlove #vegan

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Oggi in direttissima vicende e ricetta:

View this post on Instagram

buongiorno e buona colazione dalla mia tortina…non esattamente arrivata a farsi ‘immortalare’ intera🙈😂😅🙋🏻‍♀️: 🍐 Pere e cioccolato🍫 !! …bisogno di dire altro???😌😍😍😋😋…. (vi metto la ricetta nel blog 💙) …cioè a parte che non si vede per nulla che ogni mattina alla mia vita si aggiuge una pallina di natale, una lucina, una spezia a caso…. noooooo vero che dite 😂😂😂😂🤔🤔🤔secondo me non si nota che mi va di entrare in mood natalizio… eh??? 😂😂😂c’è una cosa però che SI METTE IN MEZZO TRA ME E LA CASA DI BABBO NATALE. Indovinate cosa????😺😺😺😺😺🐾🐾🐾🐾🐾 Buona giornata ig friends buon lavoro e non fatevi rompere le palledinatale da nessuno okkkkkei🙌🏻🙌🏻🙌🏻💙💙see ya next time #ifeelbetta #colazione #colazioneitaliana #breakfast #instamoment #instadaily #instafood #dolci #onmytable #foodblogger #foodlove #healthy #cookies #cakes #chocolate #pereecioccolato #fondant #food4thoughts #lifestyle #foodstyle #natale #dolcimomenti #thefeedfeed #lavitainunoscatto

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

Buongiove pranzo💙, tra sole e nuvoloni io c’ho fame! 😂Assaggiamo un po’. Oggi mi sentivo creativa tra un file e l’altro durante il lavoro non vedevo l’ora di mettere in pratica l’idea di piatto che si stava piano piano materializzando nella testa (ma che in realtà mi sa che me lo so pure sognato) ma che era tutto da sperimentare: Crema di cavolo nero, spinaci e carote con tofu alla piastra e sbriciolata di parmigianoveg di mandorle alla paprika. Vi piace? E’ una ricetta che, prova di gusto in direttissima😋😋, è NOW sul blog😍 (link in alto nella BIO⤴️ ) nel compartimento roba salutare veg ecc in cui ultimamente mi sento particolarmente avviata😍 traendone beneficio… (ma tutto è salutare se fatto e gustato con presenza e amore!😍E io non sono lo sapete per i divieti, ci mancherebbe, mi piace dare un posto nella mia vita a tutto, con tutta la storia dietro di divieti e deprivazione con cui mi sono torturata 20anni come un’idiota, sì, come un’idiota esatto😒. Perché imprigionarsi in categorie armarsi di barriere e divieti autoimposti in una cosa che fortunatamente per noi dovrebbe essere solo fonte di libertà, proprio per questo mi piace spaziare a seconda dell’istinto e di quello che chiede il corpo e il cuore, come se non ci fossero già abbastanza muri fisici e mentali nel mondo a comprimere e angustiare e ostilizzare, vi pare? ad esempio io la “guerra” tra credi alimentari non la concepisco😡 – vabbè in realtà nessuna- ne abbiamo davvero bisogno di ulteriore odio, di fanatismo? Mangiamo quello che ci fa star bene nella nostra pelle e viviamo con curiosità e apertura, vogliamo rendere gratitudine a questa immensa fonte e simbolo di vita e di gioia che è la cultura e il piacere del cibo che più di ogni altra cosa forse ci rende uguali e meravigliosamente diversi? ma quanto penso, eh! tantaroba ) Buon appe buon lavoro e pome ig friends see ya next time 💙#IFeelBetta #instadaily #recipeoftheday #grilledtofu #buonappetito #healthy #superfood #solocosebelle#autumn #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #parmiveg #lovefood #lifestyle #vegan #mandorle #instamood #photooftheday #instafood #tastingtable #spicy #instagood #food

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Ecco la ricetta per un ottimo piatto unico 100% vegetale sano e equilibrato dei nutrienti

Cremolata di cavolo nero spinaci e carote con Tofu alle mandorle e paprika

Per 2 persone  Ingredienti:

-Cavolo nero toscano 200g

-Carote novelle 1

-Spinaci 100g

-Porro 1

-Brodo vegetale 1 bicchiere

-Firm tofu (tofu compatto) 250g

-mandorle sgusciate e pelate 50g

-semi di girasole 1 cucchiaio

-paprika dolce in polvere 1 cucchiaio

-paprika piccante in polvere 1 cucchiaino

-olio extravergine di oliva 4 cucchiai

-sale marino integrale 1 pizzico

-pepe nero in grani da macinare q.b

-Per accompagnare e completare: crostini di pane integrale o pane integrale tostato

 

Procedimento:

Lavare bene in una bacinella un 100g di cimette di cavolo nero bolloso toscano, 1 carota novella col suo ciuffo spazzolata, un bel mazzo di spinaci freschi, 1 porro privato della base e della parte esterna (lasciare pure un poca di parte verde darà sapore, useremo anche le foglie di carote per non sprecare nulla, sono commestibili e gustose), sciacquarli abbondantemente ripetendo il lavaggio due volte finché passandoli sotto l’acqua corrente in uno scolapasta non rimane nessun residuo di terra nell’acqua che scola.

Tagliare la carota a tocchetti e il porro a rondelle, e le cimette di cavolo nero in due o tre segmenti.

In una pentola a bordi medio alti versare tutte le verdure pulite e scolate insieme a 1 bicchiere di brodo vegetale meglio preparato in casa come al solito (carota, cipolla, prezzemolo, patata, sedano) e portare a ebollizione e lasciar cuocere finché le carote sono morbide, vedrete che quando le carote sono cotte essendo più coriacee nel frattempo le altre verdure saranno abbondantemente morbide.

Lasciare appena intiepidire questa pentola fino a che non andremo a frullarla.

Nel frattempo prendere due panetti di tofu compatto biologico da 125 g o uno singolo da 250g, tagliare ogni panetto in due sezioni a metà orizzontalmente per rendere delle fette più sottili di spessore, con del panno da cucina tamponare finché non perdano tutta o quasi l’acqua di conservazione e rimangano belli asciutti

Scaldare una griglia/piastra antiaderente e appena raggiunge la temperatura posizionare le fettine di tofu senza olio o grassi salandole da entrambe le parti e girandole delicatamente dopo 2/3 minuti per farle grigliare e dorare da tutti i lati. Spegnere la griglia e tenere in caldo.

A questo punto con un minipimer o frullatore a immersione frullare tutto il contenuto della pentola con le verdure fino a raggiungere una consistenza densa, cremosa, e leggermente cremolata, correggere di sale se se necessario ma vedrete che con il brodo sarà tutto saporito al punto giusto.

Stendere questa crema come letto su una fondina e adagiare sopra le fette di tofu grigliato.

Condire con due cucchiai di olio extravergine di oliva a crudo e il parmigiano vegetale.

Parmigiano vegetale di mandorle alla paprika:

Semplicissimo, in un mixer versare le mandorle pelate, i semi di girasole, la paprika dolce e quella piccante, un pizzico di sale.

Tostare questo composto per 1/2 minuti in un padellino su fuoco medio girandolo continuamente e appena si sente profumo di tostato spegnere il fuoco e con questo mix speziato alla parika esaltato nel suo aroma dalla lieve tostatura condire in superficie il tofu e la crema.

Buon appe see ya next time