Befanini di Tonfano e Pizzoccheri della ValBettina

Befanini di Tonfano e Pizzoccheri della ValBettina

…e chi è che non li conosce, oh😜😌

 

IMG_2767

I befanini sono i biscotti che si fanno dalle parti della Versilia in questo periodo e specialmente, come suggerisce il nome, in occasione del 6 gennaio. Così è come li faceva la mi nonna e che non ho più mangiato da quando la gioia più grande era che fossero fatti da lei, in questa giornata speciale di cui noi bambini ignoravamo il significato profondo e religioso sul calendario tranne che era invece un po’ la nostra festa , una magia a volte ancor più speciale che il natale, cioè che i grandi, e addirittura gli ancor più grandi coi capelli bianchi, donassero a noi qualcosa che ci sarebbe Veramente piaciuto e interessato: dolci e dolcetti e ancora dolcetti o giochini e poco più, e non certo utili fazzoletti golfini cappelli e sciarpe che puntualmente mi gonfiavano gli occhi di pianto e una sottile amarezza che allora non sapevo nemmeno spiegare. Sono sciocchezze, lo so, anche un po’ blasfeme a ripensarci con tutto ciò che di importante crescendo impari del mondo, formando -se proprio non siamo delle merde- ad esempio la coscienza di non aspettarsi più di quanto dovrebbe spettare a tutti, o altrimenti a nessuno, o altrimenti sarebbe giusto avere in parti uguali. Ma non voglio scadere in un discorso socialista che neanche mi appartiene, lasciatemi il ricordo e il diritto di voler esser stata semplicemente bambina con il suo pacco di dolci e minipony: la cosa migliore di sta Befana, per la Betta, era che a differenza del natale o i compleanni, I GRANDI non ricevevano alcun regalo. Tiè.😂 💃 (Ma come ero tremenda già??? 😂)

 

Vi lascio la ricetta dei Befanini di Tonfano della mi nonna.. Fateli che siano solo per voi.

Ingredienti (x una teglia grande di biscotti)

  • 500g di Farina
  • 150g di Burro
  • 300g di Zucchero semolato
  • Mezzo bicchiere di Latte intero
  • 4 Uova
  • Mezza bustina di lievito per dolci
  • 1 Arancia
  • 1 pizzico di Sale
  • Granella colorata tipo monpariglia o codette

Procedimento

Lasciare ammorbidire il burro a temperatura ambiente una ventina di minuti prima di cominciare a preparare la ricetta.

Grattugiare la scorza di un’arancia biologica non trattata.

Mettere la farina a fontana su un piano di lavoro e impastarla bene con 3 uova sgusciate e versate all’interno della farina, lo zucchero semolato e il burro ormai semi-sciolto, il lievito per dolci in polvere, la scorza di arancia grattugiata, e infine 1 pizzico di sale.

Se ci fosse bisogno usare mezzo bicchiere di latte per ammorbidire l’impasto, come per fare una frolla morbida, senza lavorarla troppo a lungo.

Una volta formata una palla di impasto, avvolgere con una pellicola da cucina e conservare almeno mezzora in frigorifero.

Infarinare bene una spianatoia, stenderci la pasta tolta dal frigo con un mattarello sempre infarinato, fino a uno spessore di meno di 1/2 centimetro di altezza.

Ritagliare con formine varie per biscotti e metterli su una placca ricoperta di carta forno, rimpastando eventuali ritagli e formando altri biscottini.

Spennellare i befanini con l’ultimo uovo rimasto sbattuto e cospargerli con un po’ di monpariglia colorata.

Infornare poi a 180° per circa 10/12 minuti.

I befanini non devono scurire troppo in cottura.

Buoni sia così che inzuppati.

—–

Questo invece è il mio contributo salato al pranzo di oggi😋 i “famigerati” e celeberrimi pizzoccheri della ValBettina, dai retta 😂

View this post on Instagram

Vi capitano mai quei momenti un po’ così, in cui senti -in generale- di “dover soltanto” avere un po’ di pazienza nella tua vita, o anche nella tua giornata, ma in realtà di pazienza non ne hai neanche mezza briciola? Ecco, in questa terra di mezzo, trascinandomi come un quasimodo giù dal campanile (cioè il letto😂) e farneticando lamenti incomprensibili di dolori non ben localizzati e febbrazza che non mi voglio misurà per fare lo struzzo sìsìsì (cioè: se NON guardo il termometro magari la febbre NON esiste!!! E’ chiaro!!!😂 💃roba che freud con me avrebbe gettato le armi e gridato alla sconfitta della psicanalisi😜), ho cucinato e portato i miei contributi al pranzo di Epifania: i famigerati pizzoccheri della valBettina😜😂 e i biscotti Befanini di Tonfano come li faceva la mi nonna!!! Se volete la ricetta di questi semplicissimi biscottini versiliesi, che si fanno con ciò che abbiamo tutti in casa, conditi delle mie considerazioni grulle, vi aspetta Adesso sul blog al link diretto in alto in Bio⤴️ Fateli. Oggi. Domani. La notte. A ferragosto. Quando avete pazienza, e quando no💙. Buona epifania e buon appe!!! Che avete trovato di bello e bono😍 nella calza voi😋? Io tanti snackini e barrette raw bio di semi e nocivarie😍🙌🏻 Su su ditemi ditemi mentre mi rinfagotto a 😴 💙see ya next time!!- #IFeelBetta #pizzoccheri #formaggio #vegetarian #comfortfood #befanini #ricettetipiche #foodforthesoul #foodblogger #homemade #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #granosaraceno #lunch #instafood #photooftheday #onmytable #buonappetito #epifania2018 #ricetta #familyrecipes

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

,

Annunci

Castagnaccio in corner

Castagnaccio in corner

View this post on Instagram

Igers un Freeeedddo 😱che si bubbola: tutto-iggiorno fuori-a-pranzo-un-panino-e adesso-un-ci vedo-più-dalla-fame????!!??😂 mannimmanco per idea!!!😂🙌🏻torno dalla psicologa intirizzita con le dita che si staccano dal freddo, volevo “solo” girellare meditando ma ho svaligiato tiger, nel frattempo, voglia di dolce però non quelli da collasso diabetico, il cuore è caldo e pieno ma ci vogliamo scaldare e riempire della cosa più vera che conosco antighiaccio??: CASTAGNACCIO!🔝😍CastagnaccioSUBITO! Castagnaccio in corner! Mezzo bruciato? Meglio!😍 E chissenefrega del dolce stellato. Nutriente si fa presto e è pure sano e vegan🌱😍😋. Nonsolobiscottianatale😬. Castagnaccio is the new panettone alla betta’s😂 (Ricetta vera tratta dal vero libro della cucina fiorentina ORA sul blog ifeelbetta.com link diretto in alto in BIO⤴️. ) 🤗Buon appe, pome, e lavoro a tutti see ya next time💙 #IFeelBetta #december #recipeoftheday #cucinatoscana #comfortfood #pranzo #castagnaccio#dolcitipici #florence #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #eating #yummy#homemade #foodstagram #photooftheday #instafood #onmytable #yummy #instagood #foodstyle #healthy #cuisine

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

(Tratta e trattata dal Vero Libro della Cucina Fiorentina di Paolo Petroni)

Ingredienti x una teglia:

-300g Farina dolce di castagne o marroni

-Uvetta 70g

-40g Pinoli sgusciati

-40g noci sgusciate

-1 rametto Rosmarino (ramerino a firenze)

-1 pizzico Sale fino

-5 cucchiai di olio extravergine di oliva toscano

-1 arancia biologica non trattata

Procedimento:

Setacciare la farina dolce di castagne in una zuppiera capiente e diluirla con tanta acqua fredda (circa mezzo litro) fino a ottenere una pastella piuttosto liquida e liscia senza grumi.

Aggiungere due cucchiaiate di olio extravergine di oliva, un pizzico di sale e l’uvetta precedentemente ammollata in acqua tiepida.

Mescolare ancora e poi versare l’impasto in una tortiera tonda o rettangolare unta bene d’olio sul fondo e pareti di dimensioni tali che il castagnaccio risulti alto circa 1centimetro. E’ un dolce che ovviamente non lievita quindi come lo mettiamo è come rimane 😉

Cospargere la superficie con i pinoli, le noci spezzettate e qualche foglia di rosmarino

A me piace aggiungere qualche scorzina d’arancia ovviamente non trattata possibilmente biologica, qua e là tra gli aghetti di ramerino.

IMG_1805

Appena prima di metterlo in forno irrorare sulla superficie due sottili giri d’olio (2 cucchiai)

Cuocere in forno caldo per circa 30minuti e come da tradizione la prova più autentica della sua cottura ottimale è quando la superficie diventa bella abbronzata, croccante e screpolata

Note della Betta:

Questo è il mio preferito e la ricetta del cuore da sempre, a mio parere immeglio, a casa mia si mangia così, il dolcenondolce più dolce che ci sia, per chi ha il cuore già dolce e un po’ di scorza dura (vi ricorda qualcuno??? 😂) ma voi fatelo come vi garba. per me lo potete fa pure senza castagne 😉

Buon castagnaccio a tutti!

I miei Biscotti di Prato

I miei Biscotti di Prato

IMG_0557

…altrimenti detti Biscotti di Praaao, ehm…Prato detto sciacquandosi un po’ l’italiano in Arno😌😜 o cantucci, o cantuccini, o cantucci di prato, e ancora declinate in altre regioni di Italia con altri nomi, e ho scoperto grazie a Instagram anche in altre parti del mondo, ad esempio la Catalogna! E da voi come si chiamano questo tipo di biscotti? Secchi, non eccessivamente dolci, sgranocchiosi abbastanza da essere irresistibili, si mantengono bene! infatti ne ho sfornati una vagonata proprio stamattina, ci ho fatto subito colazione con🎉i miei “famosi” BISCOTTI DI PRATO!!!! (Nissenso che so famosa nei dolci solo per questi😂😂😂✌🏻🔝 infatti se li conoscete sono i biscotti meno ‘stucchevoli’ tra i vari dolci… ma mi addolciscono sempre il cuore 💙 perché sono stati e sempre saranno uno dei miei primi approcci in assoluto alla farina e a metter piede in cucina, guardarmi intorno, coraggiosamente guardarmi dentro: lì ci ho trovato il mondo, da scoprire, da rendere possibile, forse ci ho ritrovato addirittura proprio il cuore💙😍)

Ricetta per due teglie di biscotti:

Ingredienti:

700g di farina 00

4 uova

400g zucchero

1 cucchiaio colmo di miele

1 pizzico di sale

1 buccia di arancia grattata

1/2 bustina di lievito

300g di mandorle con la buccia

Procedimento

Impastare tutti gli ingredienti della ricetta tranne le mandorle dentro una terrina lavorandolo bene con le mani fino a ottenere un impasto omogeneo.

Dividerlo in 8 parti facendone delle palline.

Dividere le mandorle in 8 mucchietti più o meno della stessa quantità ognuno (non importa essere precisi o contarle una a una! La caratteristica è che sono proprio rustici e asimmetrici)

Spianare una pallina fino a renderla un ovale più lungo in larghezza come una grossa lingua, e metterci sopra le mandorle intere, ricoprendola.

Chiudere ogni linguetta in due a metà ricavandone un filoncino in cui le mandorle resteranno chiuse all’interno, e adagiarla su una teglia ricoperta di carta da forno leggermente spolverata di farina.

Ripetere per le altre sette palline la stessa operazione, vedrete che ve ne entreranno quattro filoncini per ogni teglia, a seconda delle dimensioni del vostro forno.

Infornare a 180° per venti minuti circa.

A fine cottura infornare i rimanenti 4 filoncini preparati.

Per ogni teglia sfornata attendere qualche minuto, tipo 4/5, e tagliare a fettine di circa 1 cm appena appena in diagonale, in modo che assumano la tipica forma dei cantucci, e ripetere per la seconda teglia.

Una volta freddati si conservano benissimo per giorni e giorni in una scatola da biscotti di latta o in una biscottiera, pronti per essere inzuppati o sgranocchiati in qualsiasi momento, bevanda e mood della giornata!

 

 

Le implicazioni di esserci

Le implicazioni di esserci

Il mondo che era in un modo fin quando una sorella non dice a dieci anni voglio una sorella (e tu nasci).

View this post on Instagram

Buona domenica amiciiiii🙌🏻 La #pasta #gamberi e #vongole all'alloro che sto facendo per il pranzo domenicale della family! Manca di buttare la pasta!!!!che fame😍ci ho preso gusto oh sta passione di scucinare a destra e a manca coi mezzi salti mortali (tiè) mi ha preso la manoooo😱😍oho mi faccio veramente paura per l'"intenzione" entusiasta per i risultati invece si starà a vedere chahaha ho aspettato 32 anni a aprire bocca come una idiota ho aspettato 33 a aprire i fuochi, ora solo fiamme 😌(di passione, e di gioia di cimentarmi, e anche di parecchi roghi e pentole e tentativi carbonizzati😂 ) la mia autobiografia culinaria il mio piccolo cuore che batte, gli occhi che si illuminano, il divertimento e l'ansia insieme, il voler far bene, ma amarlo comunque, anche quando viene male, anche quando nessuno se ne accorgerà perché tanto rumore per nulla eran meglio quelli pronti senza "sporcare così tanto" "senza viverli così tanto" che palle elisabetta qui che palle elisabetta là ma chi se ne frega elisabetta di quello che fai, del significato che ci trovi, e invece no, cercare il bello anche solo per un istante non è mai tempo sprecato, e ognuno di noi ha il suo preziosissimo e unico punto in cui la propria gioia corrisponde a ciò che ha creato😂 . Ed è la felicità. Mio primo giorno da 33enne ommammaaaaa😂 da domani bisogna mi ritagli un po’di tempo per scrivere un po’di ricette arretrate, per quanto lo sapete io ami scrivere lo trovo la parte più ostica, tipo analfabeta😂😂😂🙈🙈buon pome ig friends have a great sunday see ya next time!!!!💙 #pranzodelladomenica #instaeat #recipeoftheday#solocosebuone#phootooftheday #onthetable #cucinare#flatlays #instafood#instagood#foodblogger#food4thoughts#fish #piattitipici #yummy#food #arteintavola#sharefood #creative #lifestyle#healthy#foodstagram #ricette#lunch#mangiaresano #instadaily

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

Buon lunedì e settimana nuova ig friends✌🏻mentre do un’occhiata al #libro della #mariekondo che m’’ha regalato la mi sorella per il compleanno MA mi vorranno per caso Far capire qualcosa dire qualcosa alla lontanissima??????🤔😂 TIPO CHE DEVO ESSERE MENO CIALTRONA e un pelino ino ino più organizzata e ordinata secondo voi??????🤔….mah…..😂a pranzo ho fatto una buonissima padellata di verdure fresche toscane dell’orto (mica mio! 😂di’contadino: m’ha detto e urlato in un timpano l’avea prese nell’orto magari l’ha colte sbarbate direttamente dalla plastica so assai😂 io mi fido😳😂) con cavolo nero cimette di rapa e bietola rossa e olio sempre toscano, e due cosciotte di pollo arrosto fatte in forno, come i mimmi 😍, moka alla mano per il caffé per il pome di lavoro pronta per l’endovena😂ho un sonno!🙈 buon pome a tutti ig friends che avete pranzato siete belli pimpanti? come state voi a ordine e organizzazione???🙈vabbé lo leggo poi mi ci appicco il fuoc…. ehm… mi ci applico😁😂😂💙have a great sunday see ya next time!!!!💙 #pranzo #instaeat #chickenlegs #recipeoftheday#solocosebuone#phootooftheday #onthetable #cucinare#flatlays #instafood#instagood#foodblogger#food4thoughts#veggies #yummy#food #foodstyle #sharefood #creative #lifestyle#healthy#foodstagram #ricette#lunch#mangiaresano #instadaily

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Il pinolo mio più bello

Il pinolo mio più bello

Te l‘avevo detto, nonna. 💙 Me lo avevi detto, Nonna.

View this post on Instagram

…. e così… la TORTA DELLA NONNA del mio compleanno è pronta!!!!!😍😍😍🎉🎉🎉🎉custodita da un’armata di orsetti di gomma a farle da guardia dalle manine di attila vari della family fino al momento del dolce😜😍😍(vorrei ringraziare con il cuore tutti coloro, quanti siete😱😱😱🙈🙈😍che mi stanno facendo gli auguri e spendendo parole bellissime lunghe o brevi sempre significative per me e anche manifestazioni di affetto sia qui che su facebook o sul blog, siete favolosi, non so spiegarvi la gioia e spero di farvi sempre sorridere e non sarà mai abbastanza per ripagarvi di tutto💙)e adesso mi godo il pranzo e la mia giornata. Che ho 33 anni e se anche nessuno in questo zoo mi fa regalo di non rompere gli zebedei (con affetto eh😂) nemmeno per ste 24ore…. IO mi faccio il regalo inestimabile di NON lasciarmeli rompere, né quelli né l’anima, oggi, domani e d’ora in poi, di prendere solo il bello, di tutto, che è tanto, che è sempre stato anche quando era inguardabile, o francamente ingestibile, e che sarà sempre, perché ci sono stata dentro a viverlo senza che mi ruotasse intorno, ha avuto molte dimensioni, e ha tante possibilità e sentieri e tangenti una per ogni punto della torta del cerchio in cui mi trovo, vie di uscita, vie di entrata, e la libertà di avere la mia fetta di vita, di afferrare con le dita e come voglio e quando voglio il pinolo che mi spetta, la vita che mi aspetta. Auguri a me e un meraviglioso weekend a voi ig friendsssss see ya next time! 💙💙💙🤗🤗🤗🤗😋Ricetta -classica- presto sul blog e #dolci #torta #compleanno #birthday #homemade #solocosebelle #buonappetito #instadaily #instafood #food4thoughts #lifestyle #foodstagram #creative #recipeoftheday#october #foodpics #delicious #phootooftheday #comfortfood #foodblogger #italianfoodphotography #onthetable #dolcipassioni #food #instaeat #birthdaycake

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

33 in trentino con Misya

33 in trentino con Misya

Nella seconda foto la notiziona che mi porta dritta dritta sul cucuzzolo della montagna a fare la foodie-writer, vabbè insomma l’inviata speciale a uno show-cooking. Da domani ne ho 33. E son 33 anni che te la devo, Nonna, vedrai. La cena, la torta, la fioritura della lavanda, la coscienza l’amore di me.

⬇️

View this post on Instagram

Che fame ragazzi!!!!! Pranzo strapazzato✌🏻😜💙mentre consulto la Bibbia per mettere insieme un piano strategico per il menù homemade della mia cena di compleanno🙌🏻e sì, lo voglio toscano, ma che dico, fiorentinaccio docche!!!🔝😍oh a proposito gliè tutta bloccata Firenze me la sono fatta a piedi da San Marco, vabbè capirai😂😂, vero però dopo tre ore indecisa se rimanere su un bus intrippato fermo a passo d’omo da mezz’ora e con la fame che c’ho… tralasciamo che mi sono fermata anche a ogni Tiger e gingilli vari a guardare…no no non è per quello che fo tardi a mangiare e al lavoro nooooooo è perché c’è Firenze bloccata😜😜🤣🤣 pranzetto flash cariiiiino coi timballini speedy di riso verdure in padella, uova strapazzate e primo tentativo di piselli “cucinati” come la nonna… e di grissini a bacchetta perché qualcosa che non c’entra nulla c’è lo dovevo mordicchiare, boia l’aglio che c’ho lasciato🙈😂😂😂vai all’opera!!!! Buon pome a voi have a nice day see ya next time my ig friends 🤗💙 #pranzo #instaeat #recipeoftheday #solocosebuone #phootooftheday #onthetable #cucinare #vegetables #instafood #instagood #foodblogger #food4thoughts #cucinafiorentina #piattitipici #yummy #food #creative #lifestyle #healthy #foodstagram #ricette #lunch #mangiaresano #instadaily 👑 —�—PS DEVO IMPARARE CHE SUL nuovo iPhone 📱 C’è il correttore mannaro automatico SEMBRA che io sia una capra 🐐 ma la capra è lui😂😂😂😂😂😂🐐🐐🐐🐐📱🙈🙈—�—�-

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

Buongrigiorno!!tempo triste e mogio? io sono ancora maladina anzi peggio che mai visto che ieri so uscita lo stesso spavalda facendo finta di nulla, ma ora 😭 piagno così imparo, voglia di qualcosa di caldo coccola lo stesso per la bimba sciamannata oggi: #crema passata di zucchinette, cucchiaiate di #ricotta fresca, #funghi misti spadellati morbidi e crostini al sesamo croccosi che stanno saltandoci dentro uno per uno (sennò si ammosciano 😂e fanno pappetta, che poi diciamolo è pure il suo bello😍) comunque al tempaccio grigio e al primo malessere della stagione gli do una stangata morale💃 perché sono TROOOPPO FELICE di una bella notizia che ho ricevuto e andatevi a leggere poi il post sul blog eh a cose fatte a fine ottobre, ok vi svelo la news 💣 con cui mi sono svegliata stamattina (anzi che mi ha fatto pure ruzzolare giù dalle scale perché proprio tanto  tanto sveglia non è che ero ancora😂 ho fatto un salto!) Oh sarò anche grullarella ma mi ha emozionato: son stata selezionata con un mio breve scritto tra tanti blogger italiani, per lo showcooking di nientemeno che la super famosissima e mitica @le_ricette_di_misya 😍chi non la conosc proprio LEI sìììì e per produrre dopo e durante la giornata che si svolgerà a Bolzano presso una nota azienda alimentare (che poi vedrete😍 ) dei contenuti web e documentare in 1a persona cosa faremo,  impareremo, la colazione e il pranzo con Misia, e tutti i particolari, ci insegnerà delle ricette in cui ci dovremo cimentare, assaggeremo tanti prodotti e ne scopriremo il loro uso ( e siamo In trentino altoadige!!!!😜 che ve lo dico a fa😋) saremo un pubblico attivo e appasionato di dieci blogger scelti in tutta Italia, io sono curiosissima di capire come si svolge un evento food dall'interno, di conoscere Flavia Imperatore, cioè, un guru di questo mondo oh!, e di condividerlo con voi, quindi StayTuned 👀perché la Vostra combinaguai farà danni  e le peggio scene anche lì 😂✌🏻 a proposito ho preso un ciclamino ieri perché è l'unico fiore che sopravvive un po' di più al mio pollice pece 🙈 quanti giorni gli diamo al poveretto entrato in fase terminale già quando ho messo piede dal fiorista e l'ho adocchiato😂 ?

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on