Penne integrali ai gamberi, crema di cocco e menta

Penne integrali ai gamberi, crema di cocco e menta

View this post on Instagram

Martedì sotto l’acqua e penne integrali ai gamberi menta e crema di cocco! Insolita bontà😍😱 Ricetta ORA💙 sul blog (link diretto all’ultimo post in alto ⤴️in BIO) ma si puòòò 😫son tutta fracida, mèzza e zuppola peggio che un orosaiwa stato 10 minuti nel latte😂oiccchéé è non ha smesso un secondo da stanotte uffa io son anche sotto le travi sul soffitto di camera pupum pupum pupum ci diventavo grulla…e poi il pupum pupum pupum pure ni cervello direttamente in testa perché io fo tanto la ganzina “esci esci e chi mi ferma a me, cappuccio e via!” sì e ora mi posso tranqullamente stendere in terra e strisciare fino alla cucina e ho dato bello che il mocio per tutta la casa! Mi ci vuole una pasta coccola per ripigliarmi!😂 Penne integrali con gamberetti, crema di latte di cocco, e menta😍😋. Siamo a copacabana! Ollè! 😂💃 Oggi pienissimo di daffare in girocittà mi doccio e esco di nuovo (vorrò privarmi mica di assaporare tuuuutta fino all’ultimo una splendida giornata così😂) ehhhh ma io SON FURBA oh, senti che genio che ho pensato😁:DOPO PIGLIO l’OMBRELLO! Tiè, segnatevela questa😂😜 Buon appetito e buon pome ig friends beato chi è a casetta🏠 oggi pome perché è la giornata PERFETTA per fare i biscotti😍 e stampare la mia lista della spesa che trovate sul blog, una dispensina FREE da scaricare editare e personalizzare con i vostri ingredienti preferiti da avere a disposizione e utilizzare al posto dei foglietti volanti⭐️🙌🏻see ya next time😘!💙 #IFeelBetta #ricetta #recipeoftheday #foodstagram #pasta #fish #checosastaicucinando #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #cocco #tasty #homemade #foodart #photooftheday #instafood #onmytable #foodlove #healthy #cibosano #florenceofig #lifestyle

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Pennette integrali ai gamberi, salsa di cocco e menta

Ingredienti x 2 persone

  • 160g Penne integrali di grano duro
  • 10 Gamberi sgusciati
  • 1 confezione da 200ml di Latte di cocco al naturale
  • 1 cipolla rossa piccola
  • 5/6 foglioline di menta fresca o mentuccia
  • 1 cucchiaio di Olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai succo di lime fresco spremuto
  • 1/2 tazza di brodo vegetale homemade di cipolla sedano e carote, salato
  • 2 fettine di zenzero fresco tritato
  • Sale
  • Pepe q.b.

Procedimento:

Sbucciare lavare e affettare la cipolla a anelli sottili

Risciacquare o pulire i gamberi privandoli del carapace e zampine e rimuovendo il filo nero inserendo uno stecchino lungo il dorso e poi tirandolo via delicatamente per tutta la lunghezza. Tritarli a pezzettini piccoli lasciandone da parte qualcuno intero.

In una pentola portare a ebollizione abbondante acqua salata per cuocere la pasta integrale.

Intanto preparare la salsa, in una padella capiente (o meglio wok) far appassire la cipolla a fuoco medio-dolce con 1 cucchiaio di olio evo e il trito di radice di zenzero fresco per circa 7/8 minuti finché è trasparente e morbida mescolando spesso per evitare che bruci, allungare appena i succhi di cottura della cipolla con due cucchiaiate di brodo vegetale fatto in casa,.

Non appena il brodo ha insaporito la cipolla e si è quasi ritirato unire il succo di lime fresco spremuto e versare tutto il latte di cocco (mi raccomando, la “panna” di cocco, non il latte di cocco bevanda dissetante, quello denso ricco e cremoso che di solito si trova nel reparto etnico dei comuni supermercati o negozi biologici) e mescolare bene, versare anche i gamberi crudi e puliti tritati e quelli interi in questa salsa semiliquida continuando a cuocere a fuoco medio per cinque minuti. Unire le foglioline di menta spezzettate con le mani, mescolare bene questa salsa per 2 minuti per farla un pochino addensare e poi spegnere il wok, tenendolo in caldo.

Nel frattempo buttare la pasta integrale nella pentola con l’acqua in ebollizione seguendo i suggerimenti sulla confezione per il tempo di cottura, scolarla bene al dente e versarla nella padella con la salsa ai gamberi e cocco, accendere il fuoco a fiamma alta e mescolare delicatamente le penne nel condimento cremoso facendo amalgamare e insaporire per 1/2 minuti.

Impiattare con la sua salsa e decorare con foglioline di menta a piacere.

ehi, è un primo piatto o un mix di cocktail tropicali? Shakeshakeshake😂 see ya next time!

 

Annunci

Sfoglia salata zucca fagiolini e arachidi

Sfoglia salata zucca fagiolini e arachidi

Che mi piacciono le verdure come argomento non è una novità. Sarà perché per ventanni ho mangiato (poche) solo quelle costringedomi a farmele piacere per forza perché dovevo trarci il massimo nutrimento possibile (impossibile, non ci si vive, lo sappiamo bene, servono a vivere bene insieme al resto di cose che fanno bene, in un personale equilibrio, succhiarci la vita dentro è costringere piuttosto il corpo poi a succhiare e divorare se stesso= andare contro se stessi, a qualsiasi livello emotivo o fisico= morte. fisica e psichica e emozionale, questo giusto per non scordarselo MAI, alla luce di quante persone guariscono trovando se stesse e di quante rovinosamente invece continuano a subire il fascino idiota dell’idiozia), ora che tranquillamente son capace di mangiarmi due etti di pasta bianca in bianco al burro per dire quanto non ho paura di nulla, finché rispetto come sono e come in definitiva mi garba pure essere, in realtà le cerco, le verdure verdurose😍. Anzi, trovo il modo di infilarle dappertutto. Mi fanno stare bene. Insieme al resto di ciò che mi fa stare bene che è: NON esclusione né terrore di alcuna possibilità che si armonizzi a me.  Sembra strano a dirsi ma io ho dovuto e fortunatamente potuto impararlo a dai 32 anni. (e ora n’ho 33 eh).

Ciò che non fa per me, imparo a rispettarlo, semplicemente non appartenendogli. E mai mai mai dipendente né succube.

View this post on Instagram

Buona doneniHa da Firenze e il gelo polare❄️!😱Per la prima volta – e io sento tanto il freddo sempre😭- oggi mi son messa i nuovi guantini U.S.A direttamente da Amazon😍 (le guardate no le mie liste di tutti i Best-finds e i miei super consigli per le idee e i must dello shopping del momento??: ovvero quelli che non ce l’ha nessuno😌 perché li scelgo senza seguire nessuna moda e nessun andazzo, ehbbbehh😜 insomma le statistiche dicono di sì😍🙏🏻cioè non so chi sia 😁😅ma mi ci surfano e curiosano in tanti poi magari è sempre lo stesso unico e solo che ci si intestardisce ci passa le giornate perché non sa usare internet vabbè😂 evviva! )Vi sono estremamente grata anche perché – come scriverò a breve nel blog, non fregandomene un cavolo dei meccanismi individualisti che regolano il lato ridicolo e mostrificante dei social in realtà io senza nessuna scorciatoia né mezzucci a dir poco viscidi (che mi sentirei più a mio agio a tapparmi il naso 🤢e fare una cavolo di escort hotline piuttosto, per la glacialità e superficialità di certe interazioni di puro opportunismo attraverso il web😒-per la cronaca, non la faccio eh, un c’ho iffisico😂né abbastanza pelo sullo stomaco😂) c’ho un sacco di persone VERE che mi leggono💙Oggi golosissima SFOGLIA salata family version🔝😋 Zucca Fagiolini e arachidi senza latticini con pasta sfoglia Vegan senza grassi idrogenati, cubetti di cotto magro e panna veg e nessuno si lamenta “ndo sta la pancetta e l’emmental”…c’è solo l’uovo fresco bio il resto è salute, ma sfiziosa😍. Ricetta ORA sul Blog link in alto in Bio insieme alle mie cronache e vicende. E ora chi viene con me a vedere LOVELESS 🎬e mi tiene le manine calde fino a arrivare al cine😍?Se lo avete visto com’è? Perché se no c’è anche l’opzione libro coperta e 🐱 che non è nienteniente male😜😍Buon pome ig friends see ya next time!💙 #IFeelBetta #december #recipeoftheday #quiche #pranzodelladomenica #pastasfoglia #vegetarian #dairyfree #recipebooks #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #eeeeeats #homemade #checosastaicucinando #photooftheday #instafood #foodaddict #yummy #foodie #foodlove

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Ingredienti per una torta salata zucca fagiolini e arachidi.

1 rotolo di pasta sfoglia senza latticini né grassi idrogenati
3 uova medie

1 brick da 200g di panna vegetale senza grassi idrogenati (io panna di soia Alpro)

1 pizzico Sale

q.b pepe

100g Fagiolini spuntati

200g Zucca delica

30g Arachidi non tostate in guscio

100g Prosciutto cotto magro a cubetti

1 cucchiaino di Timo essiccato

1 cucchiaio lievito alimentare in scaglie

Procedimento:

Lavare bene e Mondare la zucca privandola della buccia -attenzione a non tagliarsi ve lo dico perché per me è un classico proprio con la zucca😂 infatti vi scrivo con due dita in meno SCHERZOOOOO😂) e tagliarla a cubetti non troppo grandi (circa 1 cm per lato)

Spuntare i fagiolini e privarli del filamento, lavarli e sgrondarli bene.

Sgusciare le arachidi e togliere la pellicina marrone di ogni coppia sbucciata.

In una ciotola sgusciare le uova, salarle e pepare, versare la panna vegetale e i cubetti di prosciutto cotto, le arachidi sgusciate sbriciolate grossolanamente e le foglioline di timo essiccate.

In uno wok o padella larcga scottare brevemente i fagiolini tagliati a metà, 1 spicchio di cipolla tritato e i dadini di zucca, on 1 cucchiaio di olio, appena finché si inteneriscono ma lasciandoli sodi e croccanti perché finiranno di cuocersi nel forno.

Foderare uno stampo a cerniera tondo di 25/30 cm di diametro con il rotolo di pasta sfoglia vegetale, lasciando alla base il foglio di carta da forno della confezione, facendolo aderire bene alle pareti.

Unire le verdure del wok o padella al composto di uova panna veg e cotto e mescolare bene. Aggiungere una cucchiaiata di lievito alimentare in scaglie che da un buon sapore “formaggioso” e fa le veci del parmigiano

Versare tutto il composto all’interno dello spampo e della pasta sfoglia e rigirare i bordi di pasta sopra il ripieno arrotolandoli formando un cordoncino uniforme lungo tutto il perimetro della torta salata.

Cuocere in forno preriscaldato a 190° per 25 minuti finché i bordi di sfoglia sono ben dorati e l’interno compatto rappreso e colorato.

Gustare appena intiepidita.

 

Nel frattempo fatevi fuori il resto delle arachidi, e che non mi/vi conosco, grullacci😜…

 

Film vincitore a cannes LOVELESS. Ultima chiamata a dirmi se vale la pena se no è LIBROSUBITO😁 😍dai dai ditemi che fa schifo il film così mi impigiamo e vo diretta al libro che non si vede che c’ho voglia della seconda opzione di pomeriggio domenicale😂

 

 

SalvaSalva

L’amore, Davvero.

L’amore, Davvero.

Bettabloggers, il concorso per design creativo e storytelling del marchio Pandora nel mondo non l’ho vinto è fresca fresca la notizia😁, ma considerato quello che è apparso in sti giorni come slogan a caratteroni cubitali per le strade di Milano non posso che essere fiera di non essermi aggiudicata il posto per il Claim creativo vincente visto i (dubbi😒) parametri con cui hanno evidentemente scelto di selezionare il messaggio su cui puntare. (proprio su questo argomento ti rimando al post sempre puntuale e sempre intelligente di Laglasnost  8 dicembre. ) Azdòra Betta o Pandora Betta?🤔 Ai posteri l’ardua sentenza, Io intanto ho inalberato e inghirlandato e arlecchinato un Pandoro gastronomico. 😂 Un gioiello è solo per chi non brilla dentro😂😜😌

In ogni caso domani che lo aspetto a gloria mi son presa il posto all’Indian Festival di Firenze per il super corso di cucina indiana, tra un film e l’altro. Non vedo l’ora! Anche perché mi ci farò il documentario sull’iphone. E poi ve lo rivogo su ig.😜

Intanto oggi…

View this post on Instagram

Buonsabato mondo ig!!🙌🏻 Chi c’era stamattina al mitico stravisto e sempreverde mercatino di Natale🎄 crucco-nordico di SantaCroce?🙋🏻ioioio!😂un classicone dei sabati di dicembre, sarò mica la snobbe che non ci va? effiguriamoci, affionda subito è da ferragosto che l’aspetto😂no vabbè comunque bella girata anche se c’era la ressa so uscita col brutto tempo e invece è venuto fuori un bel solicino e tra wusteroni crautoni pretzeloni e folletti ugrofinnicii e nicolaus svedesi con cosa è tornata a casina la Betta? ma con una norvegesissima bustarella di spezie dorate mediorientali, eccerto😌oh! e vai con le crocchette vegane! Che poi era un esperimento m’è venuto in mente camminando, volevo fare una roba tipo falafel e ho mixato un po’ di trecento ricette insieme🙈nella speranza che mi stessero insieme senza leganti tipo uova ecc….se avete visto le STORIES c’è il tentativo sconsolato 😫 in pieno pessimismo cosmico leopardiano😂 e invece😍 a parte che erano lì lì per carbonizzarsi (memo: dacci un occhio alla padella invece di fischiettare agli uccellini, grulla!😂) son venute proprio niente male, anzi, a boccone in fieri sono di molto ma di molto BONE!!!!! Non sono come i falafel del baracchino turco come consistenza son diverse, ma le sto adorando😋😍 perfeziono, le rifaccio, e vi passo la ricetta perché non hanno nulla da invidiare alle polpette di lesso che faceva la mi nonna😍 ma 100% vegane di fave, ceci, semini misti e un sacco di spezie dorate! 🔝 insieme all’insalata di quinoa multicolor (facilissima Ricetta insieme al nuovo BLOGPOST⤴️💙 LINK IN ALTO IN BIO⤴️). Sto pranzo mi piace quasi anzi di più che lacarrellata di troiai che non vi sto a dire con cui abbiamo festeggiato ieri😁, anzi, a volte ci vuole proprio di farsi del bene con amore e fantasia e tuttasalute e natura, anche se poi ci si fa del bene anche regalandosi la fetta di pandoro alla crema. Un po’ di lavoro e poi relax e libri godetevi questo solicino prima che passi (ariecco Leopardi😂) Buon pome ig friends see ya next time!💙 #IFeelBetta #december #recipeoftheday #mangiaresano #comfortfood #pranzo #quinoa #falafel #vegan #butternut #foodblogger #foodblog #food52

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Invece Dal trapassato remoto con furore (ieri😂)

View this post on Instagram

8 dicembre… solo nelle migliori sale cinematografiche 😂😂😂”LOVE,CATTUALLY.” 🎅🏻🎄🎄il più bel film di Natale di sempre😍😂😍. Quali sono i vostri film del cuore a tema natalizio? Io non tanti ma alcuni sono davvero affezionata. Comunque, oggi me ne vado al compleanno 🎂 della mi sorella. Tanto per aggiungere feste su feste… 😅😱🎂 regalo 🎁 più regalo meno… ormai mi posso anche imballare la casa 😂co tutta la carta da pacchi c’ho in giro (però i nastri la metà so spariti CHISSÀCHILIHAPRESI 🤔🤔🤔🤔uhmmm… vediamo😺😺😺🎉🙈ma non lo so proooooprio boh MISTERI😂😂). AUguri sorellona che oltre a esse la stronzona che sei😆😬😜hai arricchito la mia vita dell’Amore, e dell’Onore, di essere Zia di due piccoleBettinePestifereCresconoMale😆😆😂🤣🤣. Ti voglio bene e te lo dico qui perché sono certa che non lo leggi, tiè😬😍😌, suvvia che un po’ (un microcaccolino dai) ho arricchito la Tua quando sono catapultata nel mondo col nome che tu hai scelto Per me. 💙💙💙 E ora svegliamo i miao per dispetto😂, prima che loro vengano a svegliare me che invece torno altri dieci minuti a letto che dopo ho da far la torta da portare😱😍🎂buona giornata ig friends dalla nostra mattamattagattafamily, see ya next time💙 #instadaily #lavitainunoscatto #catstagram #instamoment #cats #lovemycats #catsofinstagram #natale #cool #photooftheday #gatti #cats #lifestyle #italianblogger #love #happyvibes #solocosebelle #ilovemycat #enjoy #sleepingcat #weekend #humor #kittens #christmascat #birthday #december #ptitzelda2017

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

Buona festa dell’immacolata nonché compleanno della mi sorella che zittazitta pisserapissera freddafredda sarà anche nata l’immacolata MA io son double-ZIA😂 mah…uno si fa delle domande, sullo smistamento pacchi delle cicogne😂 scherzo sorellaccia! Comunque mi son svegliata tardi e volevo fare la tortona fashion di compleanno e volevo anche fa un monte di robe e non c’avevo un cavolo di voglia dico la verità perché la roba che avevo in mente necessitava una scappata al super che mi ci vai te sotto l’acqua a dancingintherain felice e beato ecco io no😂però mi uggiava anche non esprimere nulla di me né del mio amore fraterno per quanto silente e spesso incompreso o sconsiderato (ma neanche così tanto cercato da farmi piangere la coscienza, andiamo oltre, roba che ha bisogno di altri due secoli di psicanalisi e forse nel frattempo uno una complicità non canonica e informale adeguandosi alle proprie personalità la trova)… nelle stories due o tre soli passaggi di Tanto di mio con quello che c’era. Metafora della mia vita. Essere in un modo e trovarne il lato fantastico. Prendi un pandoro e prendi il famoso panettonegastronomico come ideona🤣😆Ok. Quindi inventati lì per lì tre farce diverse a casa che ti pare possano andare d’accordo. Taglia cuci e rattoppa un pandoro rigorosamente NON fatto da te perché non lo sai fare e non sei una ganzina né la cocca preferita del maestro lievito. Fai da te le cremine (coi grumi). Farcisci male perché con una mano fai la storia ig. Fai la storia ig e tra un po’ ti ritrovi due ore di sudore😂 sfracellate in terra che se facevi il panettone36oredilievitazione alla fine ci mettevi meno🙈😂. Risultato: Hai fatto il dolcione trashone kitch di natale più tamarro e di dubbiogustodell’universo. 🔝😍. E hai spalmato di marmellata l’ultimo strato che invece DOVEVA essere il coperchio da ricoprire di glassa. Buttaci due codette per rattoppare l’irreparabile. Portalo in bilico incellophanato sotto la pioggia. Arrivi. Auguri!-“Betta! Ma è un compleanno non è Natale, dove sono le candeline??????🙈😂”. Zitta o dico a tutto ig quanti anni hai😜, Irene. Buona festa a tutti see ya next time!💙 #december #pandoro#storytelling

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

 

Polenta integrale con calamaretti grigliati e broccoli

Polenta integrale con calamaretti grigliati e broccoli

View this post on Instagram

Buon marte💙 igers e buon polentaday a tutti! ah non è il polenta day😱??? evabbè oggi a casa ho istituito questo evento clamoroso in cui mi cimento si e no na volta al secolo -giustificata eh! vedi le storie e capitemi/compatitemi😂, sembravo pronta per imbarcarmi nella corazzata potempkin durante la spedizione russa: guantoni, tuta ignifuga, la cucina immersa nelle fumenti e nebbie padane a perdita di vista😂….almeno mi so fatta la ginnastica quotidiana vai, ora c’ho un muscolo potente e l’altro smencio come issolito 😂) però son proprio contenta, con Polenta di Mais integrale100%😍non so come ho fatto a resistere fino alle 2 co sti calamaretti alla piastra che mi strizzavano l’occhio mentre lavoro, troppa roba da fa, mi ci sto stressando e io continuo continuo anche a riempirmi di cose ulteriori 😅e belle e importanti da fare: mi piacciono troppo tutte e mi piace troppo farle bene tutte, ma soprattutto farle mettendoci tanto di me di quello che sono, per me questo è farle bene🙌🏻il bene come voto o bravura poi è relativo ed è la parte meno interessante , credo anche nei risultati l’intensità si trasmetta di più con l’essenza personale, che con una bella pagella impersonale. Poi ora mangio 😍😋ogni tensione vedi come si allenta, benedetta polenta 😂 (e w la poetessa di sanfrediano oh!😂) RICETTA trooooppo appetitosa e superSANA😍: facilissima e #senzaglutine ORA 😍su IFeelBetta.com (link diretto in alto in Bio⤴️⤴️) credo insieme ai miei consigli cialtroni😂😌 per combinare casini in cucina in libertà, 🔝tantaroba!😂 Buon polenteriggio see ya next time!💙 #IFeelBetta #december #recipeoftheday #fashionfood #comfortfood #pranzo #polentaintegrale #cucinare #natale #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #eating #yummy#homemade #foodideas #photooftheday #instafood #onmytable #tasty #instagood #foodstyle #healthy #healthyrecipes

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

 

Polenta integrale con calamaretti grigliati e broccoli

Ingredienti x 2 persone

400g di broccoletti verdi freschi

400g di calamari surgelati interi (già puliti e eviscerati)

1/2 busta di Polenta di mais 100%integrale precotta

1 spicchio di aglio

1 ciuffo di prezzemolo fresco

Pepe nero in grani

Sale marino integrale fino e grosso 1 pizzico e 1 presa

Procedimento:

Un’ora prima della preparazione togliere i calamaretti congelati dalla busta e lasciarli scongelare a temperatura ambiente fino a che rilasciano gran parte dell’acqua di surgelazione.

Sciacquare i broccoletti, mondarli di parte del gambo e delle foglie esterne e fibrose, lasciando le cimette e il cuore centrale del gambo che tagliato a cubetti è saporito e tenero, così non lo sprechiamo

Portare a ebollizione abbondante acqua salata in una pentola a bordi alti e scottare per pochi minuti (circa 7/8 max)  le cimette di broccoli lasciandole piuttosto croccanti, in questo modo si mantengono verdi brillanti e ricche di gran parte delle vitamine e dei sali minerali.

Prelevare il filo cartilaginoso se presente dai calamari scongelati, i ciuffetti si staccheranno naturalmente ma va bene tanto li griglieremo dopo le sacche.

Scaldare una piastra di ghisa antiaderente sul fornello finché è rovente, girgliare i calamari da entrambi i lati piatti 4 min circa per parte e metterli in un piatto, dopodiché grigliare anche tutti i ciuffetti 2 minuti in tutto girandoli spesso finché sono croccanti e arriciolati.

Mettere sul fuoco ora in un tegame o casseruola 500ml acqua salata a piacere e appena raggiunge il punto di bollore versare a pioggia 1/2 confezione di polenta integrale precotta, mescolando con una frusta da cucina, cuocere 8 minuti girando sempre.

Versare la polenta pronta e densa in un piatto portata. Condire i calamari grigliati e i loro ciuffetti con 1 pizzico di sale marino, pepe nero macinato fresco, il trito di prezzemolo e aglio e 1 cucchiaio abbondante di olio extravergine.

Disporre sopra la polenta accompagnando coi broccoli scottati e irrorare ancora il tutto con 1 cucchiaio d’olio per completare. Mangiare caldo.

😋Bello bono e sano, slogan rivisitato alla betta’s😜

Note:

Ricetta senza glutine/glutenfree a patto di usare una farina integrale per polenta certificata glutenfree (bollino con la spigabarrata)

Ps: se voi vu siete più ganzi di me a maneggiare il pesce fatelo coi calamari freschi, li pulite e denudate per benino, poi me li portate li griglio io😜😜see ya next time!💙

Couscous pomodorini, olive kalamata e semi di girasole

Couscous pomodorini, olive kalamata e semi di girasole

View this post on Instagram

Buona settimana ig friends💙! Allora stamattina avevo quell’ansietta😱, no, ansietta-mistofreddo ❄️strisciante🐍 sai, non so se vi succede, che mi perseguitava a fior di pelle, e che forse era solo un fantasmino nel cervello imbastardendosi complice con le cose che non andavano nel verso giusto (ma manco una a pagalla oh! telefoni, connessioni, motori, pagobancomat, tubi, caldaie, wifi, gatti😸 con la “pisciarella” non-proprio-chanel n.5 particolarmente “ispirati”😂, cappotti Burberry🙈😱 “magicamente” diventati olezzanti 😝, lavanderie automatiche dure di comprendonio) , e poi ho pensato che a Betta piace 😍vivere di Sinestesie e Magia💫, e di mettere cerotti alla vita è una mia specialità, sarà un appiglio in corner ma è anche un talento, arrivo a casa, le mail le guardo mentre sgranocchio un pomodorino che non m’è mai sembrato tanto buono, preparo il pranzo….. e mi calmo. mi calmo. mi calmo: esce a caso uno spettacolare😍 😋COUSCOUS al sapore mediterraneo pomodorini spinaci olive greche kalamata e semi di girasole. (ricetta NOW😍🔝 sul blog, link diretto in alto ⤴️in BIO con uno scaricabile utilissimo in arrivo per chi ama ‘calmarsi’ in cucina😍!!!!) Mi CALMO. Dite che è un piatto da estate🌴? NO, è una Sinestesia e una Magia di Natale. ⭐️See ya next time💙! #IFeelBetta #december2017 #recipeoftheday #food #tentarnoncuoce #pranzo #couscous #checosastaicucinando #natale #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #food52 #vegan #homemade #foodideas #photooftheday #instafood #onmytable #tasty #instagood #foodstyle #healthy #lifestyle

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Couscous pomodorini, olive kalamata e semi di girasole

Ingredienti x 2 persone

180g Couscous integrale precotto

5 Pomodorini semisecchi

5 Pomodori datterini

1 spicchio di aglio

1/2 cucchiaino Origano secco

3 foglie Prezzemolo

4/5 foglie Basilico

8 Olive nere greche kalamata

1 punta Peperoncino secco

1 cucchiaino Semi di girasole

3 cucchiai Olio di oliva extravergine

1 presa Sale marino grosso integrale

200g Spinaci freschi

 

Procedimento

Lavare bene sotto l’acqua corrente le foglie di spinaci scolarle e versarle in un tegame con 1 spicchio di aglio intero sbucciato facendoli appassire per pochi minuti con un coperchio senza ulteriore acqua direttamente nel liquido che rilasceranno, salare leggermente e tenere al caldo da parte

Fare un trito fine col prezzemolo fresco, i pomodori datterini, e le olive kalamata private del nocciolo

Far bollire 400ml di acqua (due tazze) con un 1 presa di sale grosso

Versare in una ciotola tutta la semola di couscous, i pomodorini semisecchi spezzettati grossolanamente, il trito di prezzemolo olive e datterini, cospargere con origano secco, foglie di basilico spezzettate con le mani, semi di girasole e irrorare il tutto con 1 cucchiaio di olio

Appena l’acqua salata sul fuoco raggiunge l’ebollizione spegnere il fuoco e versarla sulla ciotola con il couscous e i condimenti e coprirla con un coperchio attendendo 5/6 minuti che assorba tutto il liquido e finisca così di assorbire i liquidi, gonfiarsi e cuocersi ammorbidendo tutti gli ingredienti.

Nel frattempo disporre una base di spinacini preparati in tegame sul fondo di un piatto fondo, eliminando se non gradito lo spicchio di aglio intero.

Togliere il coperchio e sgranare con una forchetta il couscous condito nella ciotola che avrà assorbito tutto il liquido e i sapori

Versare il couscous sul piatto sopra gli spinaci e a piacere profumare e decorare con foglie di basilico, peperoncino in fiocchi, qualche seme di girasole e ancora 1 giro di olio extravergine per finitura.

Prepariamo il Gomashio con la Betta

Prepariamo il Gomashio con la Betta

View this post on Instagram

Oggi a pranzo Passato di verdure e patate con #gomasio (ricetta diretta sul blog in alto in bio⤴️) homemade e l’olio novo 😍appena comprato reduce da una splendida mattinata alla tenuta di Nipozzano @frescobaldivini 😍🔝in cui le nuvolone si intersecavano ai colori splendidi delle vigne infiammate di autunno comprar regali per amici di famiglia, ho preso freddo a far foto (video fatti pieni di meraviglia in macchina😂😂) e a dilungarmi in chiacchiere perché curiosavo dappertutto come una vera ricercatrice scientifica di csi #cosedafoodblogger 😂 e arrivo a casa e ho voglia solo di zuppa. Al passino come la nonna. E Il gomasio con le alghe che è un portento e che ho fatto nel mortaino della nonna😍. E le galatine perché vi giuro😅a me fanno da calmante per la gola in fiamme (sisì, le mangio per la gola😂😂😂ESATTO😂😂😂🙌🏻) Il procedimento per farlo è ADESSO sul blog correte a prender nota: facilissimo, fa bene, e pestarlo rimette al mondo, una piccola meditazione pratica per ricentrarsi in se stessi, e dare il via a un lungo pomeriggio di completo svacco… ehm… relax coi miei gatti, e i miei libri😍 in un tuttuno col divano😂😂😂😍😍😍. buon sabato pome a tutti amici see ya next time 💙 #ifeelbetta #checosastaicucinando #instagood #foodstyle #weekend #instadaily #recipeoftheday #pranzo #buonappetito #hot #healthyfood #comfortfood #autumn #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #veggies #foodlove #ricette #tasty #sesamo #photooftheday #instafood #tastingtable #vegetarian #instagood #cuisine

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

In commercio nei negozietti biologici o ai vari Naturasì sparsi per l’italia trovate anche quello già pronto. Può essere una soluzione pratica e io stessa l’ho spesso usato, ma ogni tanto mi piace prepararlo in casa (vogliamo o no mettere a frutto sei mesi di corso di cucina macrobiotica che ho frequentato di sottecchi mentre nessuno sapeva, per amore di curiosità o forse per le vibrazioni buone che mi dava dedicarmi all’istinto e all’addomesticamento delle mani quando la mente non era un porto sicuro, in cui ho imparato due cose fondamentali e contrastanti  apparentemente tra loro che: 1) le linee guida generali come indicazioni di salute a lungo termine di un alimentazione naturale di tipo (e sottolineo tipo, stile) macrobiotico sono -a mio parere- il 🔝 per la salute psicofisica, sperimentate sulla mia pelle, il ché non significa né mangiare MENO, né seguire una “dieta” e tantomeno mangiare male 2) che non voglio far parte assolutamente di nessun filone, stile alimentare o personale e recintarmi dentro alcuna regola di alcun tipo e in ultima istanza dover dimostrare qualcosa per essere riconosciuta qualcuno degno di amore infinito a patto che e soprattutto che esclude tutto il resto, e il cui amore infinito è qualcosa di nascosto, qualcosa da tenere per sé.

Io amo le cose alla luce del sole. Anche quando si viene dal buio. Anche quando è buio perché è nuvolo e piove grigioebigio e tempo da lupi come oggi mannaggiallui😂. Ci siamo capiti😁

E quel che di buono mi ha dato, col cavolo che lo sotterro con una croce solo perché il contorno non mi garbava tanto. Col cavolo che lo rinnego. Solo che lo tengo e maneggio a modo mio. Quando mi pare e piace e fa star bene. Come tutte le cose della mia vita.

Viva il

Ricetta Gomashio alle alghe hijikii

(ricche di proteine, calcio e iodio)

Liberamente Tratto dal libro dei rimedi macrobiotici di Michio Kushi, dosi per una decina di usi.

Per prepararlo lavare e tostare delicatamente in un pentolino dal fondo spesso, controllando di non bruciarli, una ventina di cucchiaini di sesamo chiaro e un cucchiaino di alghe hijiki essiccate sbriciolate con le mani.

Aggiungere un cucchiaino di sale marino integrale -lo trovate in qualsiasi supermercato fornito o nei negozi specializzati biologici, così come le bustine di alghe, e anche in alcune erboristerie- e versare il tutto in un mortaio meglio zigrinato sui lati, che in Giappone prende il nome di Suribachi, ma io non sarò rigorosa e vi dico che con un po’ di pazienza funziona anche il mortaio liscio che usava la mia nonna per il pesto, ci vorrà solo appena più tempo e olio di gomito 🙂

Pestare e mescolare insieme per un dieci minuti buoni finché circa 2/3 dei semi di sesamo sono sbriciolati e polverizzati e si sprigiona un gradevole aroma.

Conservare in un barattolo di vetro ben chiuso. Usarne uno/due cucchiaini alla volta come condimento per cereali in chicco bolliti, verdure, pesce o qualsiasi pietanza salata -tranne forse la carne per via del sapore delle alghe che non combina-. Io l’ho provato anche sulla pasta, i funghi, e le minestre di verdura ed è un ottimo sostituto al comune sale da cucina con in più il sapore tostato del sesamo e particolare delle alghe.