Al mulino no no nò

Al mulino no no nò
Cena o colazione? Una poesia in prosa.
 Stasera mi va così, perché hahaha la famiglia del mulino non esiste!💃😂 e se esiste son dei criminali latenti🤔, io non ci vorrei mai fare colazione insieme ecco, in un mulino sperduto chissà dove poi, irraggiungibile anche da paperinik che mi viene a salvare!
➡️La mi’ colazione tipica: io che brancolo nel buio alla ricerca del caffé e 8 volte su 10, nel microonde, invece che la tazzina d’acqua, ci infilo il barattolo di caffè, tappo incluso, non me ne accorgo finché non lo vedo girare🌀 bellinobellino lì dentro sotto le onde radioattive.
Solo dopo aver ripetuto questo step 4/5 volte e bevuto il caffé, comincio (in piedi, due mezze fessure negli occhi) a arraffare quello che mi va (e che c’ho in frigo/dispensa😁) quel giorno e lo metto insieme non-instagrammabile.
Poi lo porto con tovaglietta a base di scottex, quella, sai, con broccoli trapuntati sopra come fantasia, sul tavolo, e lo mangio coi gatti sulla pancia inquieti e sconsolati che curiosano ogni cucchiaiata/morso. Sempre che non abbia infilato loro nel microonde e me ne accorgo quando li vedo girare🌀.

*Vi piace la mia colaccena?😋 Yogurt bianco, biscotti del legaccio 8anche detti biscotti della salute), mirtilli, crema pura di nocciole 100% #enza zucchero @damiano_organic mescolata a cacao in polvere, gocce bianche di cioccolato 😍IMG_E5020 

fate mai una cena dolce in stile colazione e coccolosa nel silenzio e nella pace delle vostre ciabatte a fine giornata? Che sfizio! notte Bettabloggerz!

Annunci

Cioccolato per l’anima e non da salotto

Cioccolato per l’anima e non da salotto

Come sapete sono stata al Salone del cioccolato a Milano e come sapete i miei non sono articoli di cibo (né di altro) preconfezionati senza un perché.

Voglio e amo confezionarli, se parliamo di cioccolata, io con la carta laminata dorata e vergata del mio gusto, avvolgendo qualcosa di qualità: da me non troverete MAI la solita agenzia stampa che parla di tutti e di nulla, da me non trovate la frase fatta, da me non trovate un comunicato guidato, troverete solo il mio sentire.

Tornata da Milano Betta ha bisogno, innanzitutto, oltre che di un urgente detox glicemico 😜 di far affiorare come granellini di sale sulla cioccolata, ciò che DAVVERO si porta a casa da una bellissima e -posso dirlo?- un pelo “soffocante” esperienza multisensoriale

Ci sono cose che mi hanno interessato e colpito, al di là della botta glicemica, e sono a mio parere da valorizzare e in cui credere. Ci sono belle cose come in tutto che ti fanno sentire a casa e nello stesso tempo ti portano lontano.

Sono, manco a dirlo, mi conoscete, il cibo, i prodotti e le aziende che mi hanno raccontato una storia e che raccontano una storia mentre danno la parola al gusto, una storia fatta di persone, non solo di numeri, dati, e grandi nomi deputati al grande show espositivo:

racconti  il cui aroma di fondo e l’ingrediente definitivo è stata l’emozione. Ho percorso un piccolo viaggio sensoriale e evocativo dal tatto alla lingua, ho sentito, tra i tanti assaggi  e pur non essendo, è cosa nota, un’esperta di dolci, il cuore vibrare.

A cose fatte posso dirvi che ho assistito a diversi cooking show, a qualche conferenza, a qualche speaking, ho stretto alcune mani, elargito e ricevuto sorrisi, ho preso appunti, ho scritto il mio nome con il sac a poche sotto istruzioni di una maestra cioccolataia,sono stata in mezzo a tanta gente entusiasta e ho visto e ricevuto anche la noia e l’eccesso.

A cose fatte e a salone concluso, devo dirvi che da FoodjournaList & Lost e nel mio stile, il viaggio più bello (e più buono) l’ho fatto attraverso un assaggio accompagnato dalle parole da chi ha dato materia, letteralmente, ai piccoli morsi che mi venivano offerti, la persona che mi ha raccontato la sua cioccolata era infatti quella che quella cioccolata l’aveva fatta. Interamente in Italia.

IMG_4264

Si tratta della linea  Aruntam di Joyflor, già azienda selezionatrice, importatrice e distributrice di eccellenze alimentari di tutto il mondo per l’Italia, tra cui Pacari, e di cui la creatrice, Pia Rivera, che mi ha letteralmente accompagnata in questo piccolo viaggio percettivo, è titolare.  Aruntam è una serie di tavolette di puro cacao Raw ovvero processato al minimo, completamente vegan e certificate biologiche, dolcificate con solo Zucchero di Fiori di cocco, che sappiamo essere meno impattivo sulla glicemia del comune zucchero di canna, tutte con la medesima percentuale di cacao, 72 1/2 % (un numero che simbolicamente rappresenta la Terra e concepito apposta per dare risalto alle differenze nel gusto e nelle aromaticità, della zona climatica e culturale di nascita del seme crudo, grezzo della fava di cacao. I semi utilizzati provengono infatti -solo come materia prima-  da coltivazioni locali di varie parti del mondo tutte rigorosamente portate avanti nel rispetto e ancor più nella positività del lavoro dignitoso delle persone e delle piccole comunità che hanno in quella terra le radici, secondo i principi di una Filosofia direct & Ecotrade, che in questo modo non è che si “riscattano” (che è parola brutta e degna davvero solo della mentalità di noi occidentali del bel mondo), bensì si Esaltano nel loro valore e nelle loro splendide realtà e complessità.

Un viaggio piccolo sì, ma intenso,  al primo boccone legnoso, sapido, pregnante, poi floreale,  tenue, infine sorprendente e  un pizzico misterioso -mi ha vagamente ricordato la magia della signora del film Chocolat- e poché le nostre preferenze spesso e sempre rispecchiano ciò che siamo, il mio cuore va, inaspettatamente, a occhi chiusi, con uno sguardo all’etichetta a posteriori, a un cioccolato che, udite udite- tra le tante rinomatissime qualità di cacao autoctone che siamo abituati a conoscere del sudamerica- proviene dall’Africa.

Coltivato anche da Donne.

Fatto, Lavorato, e raccontato in Italia.

 

Voglio rifare questo viaggio in mille tavolette da gustare lentamente, e sono sicura ne ordinerò a livello personale in futuro, un granello alla volta, perché come il nostro destino, affiora impercettibilmente, rispecchiandoci. E se un libro come le persone non si giudicano dalla copertina, un’ottima cioccolata  è un ottimo contenuto. Come un libro, ci porta lontano e vicino a noi stessi.

E adesso un buon Brodo detox della Betta:

View this post on Instagram

Tornata da Milano Betta needs🙈 some TRUE #RESET😱 😂, tutto bello e ve lo racconterò -sono già al lavoro per un articolo su cosa alla fine a me ha interessato e colpito davvero ed è da valorizzare, lo trovate in serata sul Blog⤴️); E allora, domandina⁉️, cosa fate voi amici quando avete bisogno di resettare depurarvi da un overdose di cibo e di dolci che vi lascia rincoglioniti😫? personalmente, ho una mia #ricetta infallibile🙋🏻miracolosa e depurativa di pasto-del-giorno-dopo😜 che non mi tradisce MAI in questi casi, che mi reidrata, che mi ricostituisce e reintegra e detossifica🔝, ed è il Brodetox di Betta😍. Questo vi rimette al mondo e ora vi spiego come farlo: provatelo se avete esagerato "con qualunque cosa", io di solito ne faccio una pasto-medicina🍃insieme, come oggi, a una padellata 100% #vegan spesso costituita dalle stesse #verdure con cui faccio il #brodo o altre, più del #risointegrale e una quota di proteine vegetali come gli edamame e/o il tempeh, sono tutti alimenti altamente depurativi ed energetici, niente di triste e sconsolato (figuriamoci, io 😜) scommettiamo che il vostro stomaco vi ringrazia e vi fa tornare la voglia di ripartire a bomba a fare quello che amate😍?🙏🏻 ⭐️Il mio brodetox depurativo RICETTA: Ingredienti per circa 1/2 litro di brodo (si conserva 1/2 giorni in frigorifero) 500ml acqua 1 pizzico di sale marino integrale 1 manciata di funghi prataioli 1 fungo secco shitake 1/4 cipolla bianca 1/4 cipolla rossa 1/2 carota e le sue foglie 1/2 zucchina 1 foglia di verza spezzettata 1/2 gambo di sedano con foglie 2 ravanelli con foglie 1 cucch. di prezzemolo tritato 1 chiodo di garofano 1/2 cucch. cumino essiccato 1 cucch. di #miso bianco 1/2 cucch. #Curcuma 1 pezzetto di zenzero Tagliare tutte le verdure a fettine, aggiungere il prezzemolo e le spezie e il fungo shitake secco, ricoprirle di acqua e lasciarle sobbollire insieme a un pizzico di sale marino per circa 1/2 ora, successivamente aggiungere lo zenzero e, (mi raccomando a fuoco spento se no perde gli enzimi) sciogliere nel brodo 1 cucch di pasta di miso e la curcuma. Accanto le stesse verdure saltate con #tempeh, #edamame , riso, olio e #semidizucca . BUONA DOMENICA!!!🙏🏻

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

I Feel a Better Blogger

I Feel a Better Blogger

C’ho sto problema dei plug in che wordpress manco se ento nel codice sorgente me li salva ora gli scrivo che son sempre tanto carini alla silicon valley ti rispondono in due nanosecondi tutti gentili ma non ti risolvono un ciospo😡 MA LASCIAMO STARE!😁😁

Cosa è successo cosa ho mangiato cosa ho fatto sti giorni insomma vita morte e miracoli della Betta e lasciatemi entrare un attimo nella vostra vita da Blogger con una bella novità in preparazione per voi💙🙏🏻. Mi spiego e riassumo in pochi attimi e li condisco di due piattini sani e veloci che ti risolvono le giornate molto più degli espertoni tecnici della piattaforma wordpress (no ma wordpress ti voglio bene lo sai💃💙😁😍)

 

View this post on Instagram

😱😱😱😱💙💙💙oh cccielo!!!!… pure l’Arno stamattina si tingeva di rosa sopra i’Torrino di Santa Rosa🌹🤣🤣👎🏻👎🏻👎🏻💙💙👎🏻👎🏻👎🏻buuuuuuu hahahha vado a lamentarmi e scrollarmi di dosso un po’ di cuori nell’armadio e mi levo qualche cuoricino dalle scarpe😂😜👊🏻. Voi che programmi avete per oggi amici? Io oltre alle solite cose sto buttando giù di buzzo bono idee e appunti per prepararvi un corso-blogger e comunicazione multimediale comprensivo di materie e argomenti fondamentali passo passo, lo sto studiando che sia perfetto a puntino bellino bellino, al BACIO proprio!😜😘 🌹💙🤣🤣🤣😫 credo che a primavera dovrei riuscire a darvi tutte le info💪🏻💪🏻💪🏻, nel frattempo buona giornata igerz!!!!🙏🏻💙💙 x #firenze #lifestyle #instadaily #florenceitaly #instaflorence #phootooftheday #instamood #creative #florenceofig #iloveflorence #art #socialmedia #planning #coaching #landscapes #wanderlustitalia #vibrant #florenceeats #storytelling #firenze #onthego #worldexplorer #thoughts #florenceofinstagram #italianblogger #casual #tuscany

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

Alloraaaaaaaa ig🙌🏻come la si và?Basta cuori!😁 c'è un sole fuori che me ne sarei stata volentieri a zonzo ma no, oggi si lavora giù peso a definire le bozzette del progetto editoriale del mio supercalifragilistichespiraliCORSO😂😍 di #Blog #Coaching: voglio che sia PER-FET-TO e che sia utile a voi come #blogger singoli, team, futuri blogger, ex blogger (😅?) iomainellavita-blogger😁, che vogliate un blog #fattobene a titolo personale o in termini lavorativi (sì, lo sapete no che ora anche le #aziende di qualsiasi tipo per essere al Top devono avere un blog aggiornato e curato?) di qualsiasi cosa vogliate bloggare, gggente😍fatelo bene! vi aiuta Betta da questa primavera, utile a voi così come è stato utile a me sapere tante cosine tecniche e nozioni e dritte e consigli di una (poeragrulla😅)che blogga dal 2003, frutto di costanza tenacia e passione che non smetterò mai di imparare giorno per giorno io stessa e che mi da, ne sono fiera, anche delle sincere notevoli soddisfazioni (+ un sacco di rogne perché così è la vita eh 😂😜) ora mangio na cosetta veloce ma Sana🍃 #GNOCCHI INTEGRALI con #zucchine saltate al #Tahini (la crema di #sesamo) e #ricottasalata grattugiata😋 (ok🙈, sembra la granella di zucchero della colomba😂) e poi sbaracco chiudo tutto preparo lo zainetto piglio il treno -come Emma 😂💃- e mi preparo per il tour del #salonduchocolate, siete pronti per la manifestazione più #golosa che ogni healthy 🍃blogger😂 non vede l'ora inizi per infarcirsi e spalmarsi di #cioccolata con la scusa di "dover documentare" il tutto e scriverne? 😂ecco. Buon appetito grazie di leggere le mi bischerate 🙏🏻!!!! #ifeelbetta #healthy #socialmedia #vegetarian #plantbased #bio #foodblogger #lavoro #creativity #instafood #pasta #foowriter

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

oooooo sarete mica a cena fòri???😍…avete visto le mi stories? 😂 Io sono già in pigiama pigiamoso ovviamente ( e se vogliamo dirla tutta sono già pure con il mac sulle zampe infilata a letto e il libro pronto sul comodino😌 e i gatti abbarbicati uni ai piedi uno sulla testa😳) Mi sono fatta una cena last minute tarda tarda ché alla fine sono stata a scrivere fino a ora dietro le quinte e gna fo più, mi stavo spatasciando lemme lemme sulla scrivania poi mi ritrovano come i'mi babbo che crolla sulla minestra guardando le repliche di csi a cena e bisogna tirarlo su col ramaiolo la mattina dopo, tutto lesso con la faccia nella scodella e ci si meraviglia di come non sia annegato nel brodo MA abbia dormito pure benone😂🙈!!! insomma FILETTO DI SALMONE su dadolata di verdurine, fettazza di pane di segale che col salmone CIAOOO😋, la mia mayo #vegana solita, i piatti si rigovernano domani, rimpinzata di omega 3, il mio antidepressivo per eccellenza🙌🏻, non voglio sognare nulla, stasera non sono sola, ho me stessa 💙 che mi do il più caldo abbraccio. 🙏🏻E lo do anche a voi 🤗 #ifeelbetta #fish #salmon #functionalfood #moodfood #smartfood #latedinner #tired #healthyfood #foodforthoughts #foodstagram #eatclean #dinner #foodblog #blogitalia #bloggers #stirfried #veggies #lemon #omega3 #cibosano #buonanotte #sanvalentino #positivity #nourishing #vegmayo

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

STAY HUNGRY AND TUNED che il mio fantasticoso corso di BLOG COACHING #fattoacasodallabetta #FATTOBENEDALLABETTA 😍 credo di farcela a lanciarlo a metà PRIMAVERA😍🙌🏻 , chiedetemi pure informazioni con il modulo di contatto che trovate qui o direttamente a elisabettapend@gmail.com senza alcun impegno:

sto rispondendo (un po’ presa dal panico di prestazione tipico dell’insegnante umano e umile e quindi il migliore😜🙏🏻) a decine e decine di richieste di interesse e maggiori info sul progetto (😱grazie, non me lo aspettavo!😍🙏🏻) per cui per il primo round di partenza seguirò un numero limitato di persone fate in modo di darvi questa possibilità e poi volate liberi💙

 

🍃Nelle foto due idee di pasti sani e veloci perché a noi oltre che a lavorà ci piace anche de mangià😜 BAU SETTETE!

IMG_E4086nel frattempo io me ne vado all’Evento #salonduchocolate 🍫nel weekend, alla prossima Betta bloggerz!💙

Chi ha paura della quinoa?

Chi ha paura della quinoa?

Io ho paura di molte altre cose tipo di Sanremo😅 e del fatto che poi col gusto dell’orrido e del trash finisco comunque a buttarci un occhio🙈, quindi ho paura di me stessa, alla fin fine!😜

View this post on Instagram

… Buon martedì tardisssimo! esco di corsa dopo essermi fatta la sauna il bagno turco e l’hammam nelle stories😂🙈 eeee 🤔😬chi è che aveva detto che la Quinoa unn’era bona??? 😍😜😋😋riallacciate i rapporti amici, diamogli il mignolino e facciamo pace con questo ingrediente che ormai ce n’ho un sacchettone ‘mi tocca’ mangiarla😂🤣che ne dite della versione al cioccolatooh???😍😍😍🙋🏻‍♀️ pura libidine 😍praticamente è un ciocorì e un kinder cereali in forma di budino cremoso😍😍😍spezziamo un’ARANCIA verso la quinoa 😂😂😂 vi piace??? Golosa e sanissima cotta nel latte di riso non c’è un filo di zucchero solo i grassi buoni delle noci brasiliane ma sembra da coma glicemico😋😍😜 , insieme al tè 🍵 al bergamotto che è uno dei miei preferiti e invece il vostro qual è? Che ci leggiamo il futuro dentro!!! Nel mio vedo nebbia😅tanta nebbia😂😂😂☁️☁️Buona giornata agrumosa a tutti🙌🏻🙌🏻😘 #porridge ##lemiecolazionisuig #ifeelbetta #quinoa #cioccolato #cacao #chocoholic #aranciaecioccolato #vegan #colazionesana #senzaglutine #glutenfree #porridgediquinoa #ricettavegana #healthy #smartfood #fluffy #colazionegolosa #chocolate #oranges #nocidelbrasile #foodforsoul #foodblogger #cleaneats #healthycuisine #foodinspiration #instamood

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Porridge goloso di quinoa al cacao e arancia

IMG_3632

 

Una tra le mie colazioni preferite, massima carica e buonumore garantito, no zucchero raffinato, no lattosio, solo roba buona e sana😜):

per 1 dose da colazione: (ma fatene di più che lo tenete in frigo dura tre giorni in un contenitore ermetico)
50g di quinoa bianca
1/2 bicchiere di Latte di Riso al naturale non zuccherato (è naturalmente dolce!)
1 pizzico di sale marino
3 cucchiai abbondanti di cacao amaro in polvere non zuccherato
Il succo di mezza arancia non trattata
Mezza arancia a fettine e una grattugiata della sua scorza
4 noci del brasile sgusciate e tritate
A piacere si può aggiungere un cucchiaio di miele di fiori d’arancio 😋per una dolcezza perfetta

Semplicemente in un pentolino con coperchio portate a ebollizione la quinoa sciacquata sotto acqua corrente con il doppio del suo peso di latte di riso (per 50g di quinoa= 100ml di latte di riso). appena raggiunge l’ebollizione abbassate la fiamma, coprite e e fate assorbire tutto il liquido per 10 minuti. Spegnere il fuoco e lasciate riposare nel pentolino con coperchio per 5 minuti, dopodiché sgranare la quinoa cotta nel latte con una forchetta. Aggiungere tre cucchiaiate di cacao e il succo di mezza arancia, e se piace un cucchiaio di miele di fiori d’arancio, mescolare bene finché diventa tutta cioccolatosissima e aggiungere granella di noci brasiliane, decorare con fettine di arancia sbucciata e pelata dalle parti bianche e una grattugiata di scorza purché sia biologica e non trattata. La quinoa ha un potere addensante incredibile se lasciata appena riposare, verrà cremoso e profumato come un budino al gusto di fiesta!😘

 

Poi, se uno volesse vedè che s’è mangiata la Betta a pranzo e leggere le sue bischerate…

View this post on Instagram

Martedì ore 13 piove e tutto va beeneee (grossomodo😅)! io appena entro in casa la prima cosa che faccio è coccolarmi per due ore i gatti e voi invece? Giuro anche prima delle ciabattones! Magari so’ di fretta o ho poco tempo o ho fame o so stanca e mi dico “via, ora gli fo un carezzino un salutino e poi mi metto a fare quello che devo fare” e nulla, finisco ogni volta a parlarci ( sì, certo che mi rispondono! Dicono anche cose intelligenti😁) a fargli il pancino a fare i versini scemi e stucchevoli che se glieli fai a un baby di 2 anni ti dice: SEI SCEMO😅😂, eppure quanto mi piacerà😍! Io son come loro, una rospaccia con grugno artigli per la maggior parte del tempo ma poi ci sono delle cose in cui veramente mi sciolgo e mi dilungherei in momenti fuori dal tempo e dello spazio perché a me se mi porgi una zampa🐾 o un appiglio uno spunto qualsiasi di “gioco”, puoi star sicura che vengo a “baloccarmi” al balzo, lo faccio anche con le parole! Poi però si mangia eh, bruttigattacci😝malefici😜 It’s time 🕑of: 🍃Zucchinette marinate a carpaccio al limone e avocado olio e pepe con flan di zucchine veg @zerbinati_cucinadifamiglia pronto in 2 minuti il tempo che affetto le zucchine e che carino😍 che mi risolve il pranzo🔝😋, li avete mai provati? stanno vicino al tofu oh😂🙈, non l’ho fatto apposta!😂così alterno la consistenza morbida da del budinello con la croccantezza delle #zucchine #raw e la burrosità dell’#avocado, non so voi ma io non sempre c’ho voglia di mettermi a “spippiare” il ragù dalle 5 di mattina 😅 specialmente se già la mattina mi sono affumicata la casa con gli esperimenti cioccolatosi (che buoni però, fatelo il porridge di stamattina! vi metto la ricetta!) #fattoacasodallabetta quindi benvengano i piatti pronti sani da tenere in frigo al bisogno (ehi tranqui coolkatz🙀, che mi si sono già agitati😱: a scanso di equivoci NON sono i quattro gatti in padella😜😳: ma vi chiedo, chi pianifica e strategizza la sua vita minuto x minuto, è mai davvero spontaneo? #flan #IFeelBetta #sformatino #budino #healthyfood #verdure #foodphotography #foodideas #veganrecipe #salad #marinato #cucinavegana #plantbased #insalata #healthycuisine #eatgreen #smartfood

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Ditemi i vostri jolly del pranzo/cena veloce quando avete poco tempo e voglia ma che comunque vi soddisfano e facciano saltare un pasto (malissimo!), che son curiosa!

Il silenzio prima che nevichi

Il silenzio prima che nevichi

Non è silenzio. Nè freddo. E’ il pieno di vita e calore che radica dentro quando siamo al sicuro e al riparo con le persone e la vita che si è scelto.

Auguri di cuore a tutti Voi.💙

View this post on Instagram

Vigilia!!😍caldissimi auguri a tutti in questo giorno freddissimo da neve, ho fatto il fagottino da scoiattolo preso coraggio e nella mia mattina ho sfidato il vento😂e compiuto la mission impossible della Spesa last minute tra gli assatanati in corsa alle corsie…. ma felice delle spese quelle belle mie😍😍😍🙌🏻🙌🏻🙌🏻🔝, che mi garbano con le robe che mi garbano per fare creare e mangiare il cibo che mi garba🙌🏻🙌🏻 —quali di queste cosine vi piacciono o acquistate/usate Voi? Su su fatemi vedere la vostra 😍 #corsaallaspesasanatalizia 😍 :tra unnpandoro schivato e un torrone gigante che salta a nostra insaputa ‘misteriosamente’ di sua volontà 😂nel carrello mentre eravamo intente e concentratissime a pesare l’alga spirulaus???😜😂😂😂 Vi auguro tutto il bene del mondo, di volere bene al vostro cuore, bene alla vostra mente, bene alla vostra personalità, bene al vostro gusto e alle vostre cose più care, bene alle vostre emozioni, bene alle vostre pance😋. 💙💙See ya nexttime!!!🎉🎅🏻🎄🌲 #hault #spesasana #natale #christmasmood #instadaily #cibo #shopping #favoritefood #foodblogger #foodproducts #groceryshopping #healthy #decemberfaves

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

Che state facendo di bello in questo pranzo e giornata di vigilia? io dopo aver ordinato ammodino la dispensa di cucina e pulito casa sono passata per gli auguri vari di ordinanza, poi ho sistemato alcune cose di lavoro anche se non ho tutto sbrigato se e riparla dopo santo stefano, ho voglia di riposarmi, di vivermi tutta la semplicità che posso e dilungarmi sulle emozioni, dando loro il respiro la libertà di rapirmi e il valore che meritano, in linea con questo oggi mi gusto l’eleganza che ha la semplicità nel piatto, cuocendo le varie verdure lesse che sono un classico must in toscana almeno le ho sempre viste per ogni festa ci può essere il mondo di primo secondo antipasti dolci e portate varie ma non esiste che non ci sia il coccino di verdura mista lessa verde in tavola😂da una parte (di solito patate fagiolini biete qui da me, inutile dire che è una delle cose più buone ed è stata spesso la mia ancora di salvezza e bottino obbligatorio qualora comparissero i piatti “creativi” del natale che sìsì tanto bellini però li mangiava solo chi poi si ciuccava di spumante per dimenticarseli😂 e non fa per me grazie. Quindi un ottima riflessiva e profondamente gioiosa pasta Rummo farfalle con biete fresche appena preparate, lenticchie, olio bono piccantino e una spolverata di noci sbriciolate, abbondante macinata di pepe. Il cuore si riempie. E si dilunga a sentirsi colmo e grato. Questa vigilia auguro a tutti un regalo speciale: al di là delle solite bontà salute e pace, sempre valide per carità, vorrei per me e per voi di AscoltarCi, Sentirci, di essere Ascoltati, di essere Espressivi. Buona vigilia!!💙 se see ya next time💙#IFeelBetta #vigiliadinatale #pasta #happyfood #comfortfood #fgreens #mangiaresano #lenticchie #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #pensieri #simplygood #vegan #homemade #vegetarian #photooftheday #pranzo #onmytable #flatlayeats #merrychristmas #vegetables #superfoods #bestwishes

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Come non si usa un blog

Come non si usa un blog

Alert: post che richiede minimo Q.I. (conoscendovi, so che molti di voi ce la possono fà 😜💙😁)

Io sono un po’ come quei bischeri ammericani del fightclub.

L’unica regola è nessuna regola, ti ricordi?

L’unico modo di essere Blogger è di non essere Blogger solo per contornare un social, perché fa anonimo non avere un link cliccabile, per finire a seguire uno stravisto tutorial passopasso per attirare un pubblico altrettanto annoiato. Il Blogger è Asocial per definizione, il Blogger è fuori moda, il Blogger è scorza.

Sebbene ‘Crescere’ (ma che vol dì, poi😝, c’ho già 33 anni casomai vorrei ringiovanire! Che termine orrendo…) su instagram, o nei vari social, lo sappiamo,  sia facile, in particolar modo coi mezzucci (chiamali bot, chiamali gruppi, chiamali prostituzione) di cui purtoppo facciamo conoscenza anche nostro malgrado perché ce provano a arruolarti senza neanche il consenso: ad esempio chi come me c’ha scritto in fronte grosso come una casa un cartello in caratteri nonna-friendly: NON mi invitate, graZie, non ME lo fate il ‘gentile’ pensiero di onorarmi con inviti a gruppi, sette, regolamenti, intrallazzi massonici, ecc ecc😂  su telegramme whatsappe facebookke ecce ecce di ‘scambio ‘ favori per ‘crescere insieme’. Io so ANTIPATICA, lasciatemi restà piccina e spennacchiata da sola✌🏻.

 

Sono in molti a chiedermi in privato via email e/o messaggi privati (e altrettanti a contrariarsi indispettirsi e lanciarmi le macumbe😂🙌🏻: cosa che io con molta semplicità esorcizzo a suon di economiche trecce d’aglio per altro già appese in casa sopra i mestoli -mica le compro apposta- se funziona bene se no pazienza ci fo i funghi trifolati😅) di come un blog come il mio senza nicchia né specializzazione di settore alcuno,  tranne le contraddizioni e la vastità delle emozioni e umori della vita, possa avere tanto séguito – meritato o immeritato non è questo il punto- e lettori Veri come sono Veri i rastrellatori di conchiglie, come sono Veri i raccoglitori di Storie. Mi si chiede Come fare a non essere ilSolitoEnnesimoBlog di corredo -giusto per avere il suo posticino nella BIO – corredo a una massiccia quanto inquietante popolarità nell’inconsistenza dei social,  quel linkino tutto nome e niente Arrosto che esclama la sua esistenza tantoper:

anch’io hounblog!” (ma dai😒!??) “misofattailblog!” (a firenze diciamo sì, bella fiha😂) “vieni a trovarmi sul mio blog! ” “Clicca mi piace al mio blog!” (Leggi il mio blog, quanto meno, sarebbe una sfrontatezza più pertinente, se proprio si deve chiedere un’elemosina), Macchè! “Metti like perché ho la faccia di bronzo di chiedertelo in quanto perfetto nessuno, mica perché mi conosci, perché di sicuro , dai, perdi meno tempo a cliccare il cuoricino che a conoscermi e a farti magari pure il problema di che cafone sei se a una richiesta svergognata e estorta non sai come spiegare che ti imbarazza, e un po’ crea disagio, sta confidenza sta invasione molesta, ti tappi il naso e assecondi per tagliare la testa al toro un narcisismo imperante come linguaggio che ti inorridisce, ma a cui -a mmettiamolo- per far presto e togliersi la crisi esistenziale ogni due secondi, cuoricizza e taci insomma.

Deprimenti le ridicole linee-guida-tutorial e le liste di consigli per fare il perfetto blog portandoti ad avere il perfetto delusion-blog che smonta e sconsacra sconsolatamente la suddetta fama che uno ha sui social per via del Sovrano Algoritmo che si è sostituito al già agghiacciante Re televoto. Il linkino a Un contenitore senza contenuti, male aggiornato, mal impaginato mal-amato mal scritto e soprattutto mai letto nel bene e nel male quindi neanche sottoponibile a fregiarsi di macumbe 😁, mi si chiede di come posso essere Incisiva e appassionante blogger senza seguire alcuna moda o trend o filone o meme (menchemai facendomi incalappiare in nazi-gruppi di  cosiddetto mutuo-aiuto come scorciatoia per forzare a suon di mezzucci e minacce psicologiche -che nemmeno vannamarchi-un Consenso un Talento che evidentemente non c’è ), ma ancora ancora più come mai – mi si chiede– ho un blog che Funziona (non tecnicamente, caro wordpress,😒, quello no) in quest’era in cui avere un blog è tremendamente da sfigati, o tremendamente difficile, o tremendamente da ossi duri, o tremendamente da pazzi suicidi outsider, e tremendamente considerato –a ragioneSuperfluo e innecessario.

Ecco che qui il Blogger Vero, è di nessuna galassia la stella polare a cui si guarda per orientarsi senza saperne il perché, senza altra regola che non sia scritta fin dall’inizio nella pelle, senza che quel punto dell’universo sia nientaltro che se stesso: un agglomerato di incandescenza e pietre nere, probabilmente pure già estinto e spento 5000anniluce fa.😱

Porcatroia Nietzche a me m’avresti fatto da paggetto. Da Semola della spada della roccia o forse da Anacleto iggufo. Da passeggero e consigliere se proprio ti ripescavan di riserva😂😌

Avere un blog “sentito”, libero da formalità impostate, che le persone effettivamente leggono amandolo o detestandolo da più di 15 anni, e che nella sua spontaneità ha la sua fortuna: Questo non è da tutti, è da temerari e quel pizzico incoscienti -ce ne sono tra voi ottimi adorabili esempi, vi vedo💙-  che prima di essere Blogger sono e saranno sempre Lettori.

È molto da “Betta”. 💙

In parole povere e soldoni: Se siete Perfetti e volete solo convincervi e convincere dell’utilità e vantaggio di avere un blog: Non avete bisogno di un blog. E nemmeno noi.😇😁

vai, Domani mi riopero e si vede che son melodrammatica e lirica oh😂, abbiate pazienza, guarda il polpettone che t’ho sfrittellato per pranzo😍. Roba buonissima😋 che sarebbe bastata a non dare questa cazzo di importanza alle parole.

View this post on Instagram

Avete mai provato a mettere in casseruola Ceci, funghi porcini, e gamberi? Eccco: FATELO. Adesso. IIn barba a ogni pregiudizio sui sapori fuori dai tradizionali abbinamenti. Perché viene una cremina profumata avvolgente e calda che armonizza tutti i contrasti degli ingredienti dal mare, dai monti, e dalla terra. Inaspettatamente un piatto ispirato dal fatto che c’era stamattina lil delirio prefestivo al super e presa dallo sconforto ho giusto tirato su a istinto due cose per far la cassa veloce e surclassare i carrelloni galattici con: Risultato da leccarsi i baffi e da coronare con una generosa scarpetta di baguette fresca di forno. 😍E poi mi dite se non c’avevo ragione.😍PranzoRidendo come una matta (come me stessa😅) per il tbt di un amico @rrcorsi che ha ritrovato note folli scritte da me a penna nel leggendario 2003 (orcaboia…una vita fa!😱) e constatando che in effetti la mia firma stranchia è sempre uguale😅, così come lo stile innato di uscirmene con le peggio cazzate nonsense che un senso ce l’hanno tutto eccome nella mia logica (se poi mi sono servite su un piatto d’argento adoooooro😍 la gente che me le serve su un piatto d’argento) montando un gioco sul gioco su un dramma su un gioco nel profondissimo codice d’onore che unisce e rende complici, litigiosi, sputanzani, pavoni teatranti due anime trovatesi a loro discapito a essere uguali nel paradosso di chiedersi cosa è più amore: ridere fino alla morte o farsi male fino alla morte? E se fosse un misto fra le due e non avessimo mai dovuto Scegliere tra l’una e l’altra? Se non avessimo pensato di doverci per forza e sotto torchio Salvare e quindi scappare da qualcosa che erano insopportabilmente tutti i meno artificiosi pensieri della nostra vita? non sarebbero rimaste cose poi così Aliene in fondo, che in fin dei conti, sono le più vere e umane. Il sorriso, e la morte. Per tutti. In pratica siamo scappati -pensando di salvarci- dall’essenza pura e semplice della vita stessa. E ora facciamoci i complimenti, amico, che siamo due amabili idioti, uh, e magari c’è tempo di ridere fino alla morte di me che do lo straccio(hahaha) e tu che fai la pasta al tonno (hahahah)😜! see ya next time💙#IFeelBetta

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

(Parentesi in calce: La prossima settimana sono in edicola su TuStyle)

SalvaSalva