Feed your Inner smile!

La tentazione di esistere Self

Jaele è sulla buona strada
0 (0)

E anche oggi non aveva vomitato, ed erano due giorni, e Jaele era soddisfattittissima di sé, certo era affascinata dal foodporn perché non poteva mangiare con la bocca e allora si rifaceva con gli occhi, si saziava di tutte quelle prelibatezze vegan che la confortavano mentre tutti in sala mangiavano normalmente mentre lei doveva rimanere in camera chiusa ad aspettare la sigaretta. Però le bastava, era felice di se stessa, stava cominciando a volersi bene, ora doveva solo proseguire per la strada giusta, senza più rubare il cibo, senza più ingannare se stessa e gli altri, voleva essere una persona migliore, e pronta per andare a visitare la clinica specializzata a savona per l’anoressia-bulimia, poi essere messa in lista d’attesa ed uscire finalmente da quella maledetta psichiatria che la sfiniva, l’abbatteva, la deprimeva e la deprivava del proprio io. Doveva solo aspettare, pazientare, tranquillizzarsi, finire il suo libro, e sarebbe tornata a vivere, volare come la libellula interiore che non era ancora riuscita a librare le sue ali, tutto il suo potenziale stava per esplodere, doveva solo volersi più bene, e tramutare la forza distruttrice che la pervadeva in voglia di vivere, fino in fondo, la vita che le era stata donata. Buona fortuna Jaele in questa tua nuova vita, Betty.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Elisabetta Pendola

SEO specialist. Specialista SEO organica appassionata di cibo, alimentazione sana, colori e buonumore.

Potrebbe anche interessarti...

Dimmi tutto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: