Il sabato italiano, la pizza, e il #CraccoGate

Il sabato italiano, la pizza, e il #CraccoGate

PizzaCracco??? No! Pizza Cameo!😁😁

IMG_E5478

..perché oh, a me, il vero simbolo nonché orgoglio dell’italianità nel mondo non me lo dovete toccare😌😌😂


*
…a proposito dell’inutile polemica che ha colonizzato pagine e pagine intere di giornali e news, interi reportage di attualità, dibattiti esistenzialisti, peste e corna se ne è detto e scritto, ha scatenato l’italiano sapientino gourmet in ognuno di noi come e più dei mondiali in cui siamo tutti arbitri laureati (tranne i cornuti😂), di tutti i colori se ne sente sull’argomento principe dell’interesse del popolo, chi la difende, chi la sfanculizza, chi la ripropone ammerdina💩e a sfottò nel suo menù dall’alto della sua popolarità modaiola in fatto-pizze, a due passi dalla #galleria e ci costruisce sopra un business lucrando sulle disgrazie e le lacrime amare del povero cracchino (Sorbillo fa il gradasso dall’alto dei suoo calcoli strategici….bah a me me sembrano tutti uguali e tutti vanitosi😒)

…ma poi, la Cameo, è italiana?🤔🤔 mi sa di no, ecco perché se la sta ridendo insieme a tutti i pizzaioli Alfredo Gennaro e Cammeloqualunque di littolitaly americani, che adesso verranno apertamente rivalutati e subiranno un super revival:

”ahhhh le buone vecchie schifose pizze ammmericane con l’ananas”

saremo tutti a dire!!!! 😜…. mi manca solo una tovaglia a quadretti bianchi e rossi, un cugggino del cuggino imparentato col padrino, una polpetta da ficcare nello spaghetto uscito dal barattolo, e passatemi subito quel ketchup squeeze prima che si raffreddi😜)
*
…. e voi blogger e foodies cosa ne pensate del Craccogate? 😂
Io, Betta, non ho opinioni radicali, le stelle non ce l’ho, e la pizza me la mangio anche Cameo senza alcuna spocchia. Sul letto. Col doppio gatto (non come ingrediente eh😜) . E mi garba pure!😋

Ovviamente il ritocchino lifting della betta ci vuole.
Alla mia pizza, quella sai ristorante al gusto verdure, ho aggiunto prima di infornarla cimette di broccoletti e cavolfiori tagliate finissime, un filo d’olio evo, e a crudo una bella grattugiata di ricottasalata pugliese che ha reso il tutto speciale.

Le “ritoccate” mai, voi , le pizze pronte personalizzandole e come vi piacciono? Vai col mio sabato italiano!💃😍 Buon weekend amici💙

Annunci

Inslata di lupini e quinoa con le Camille salate

Inslata di lupini e quinoa con le Camille salate

View this post on Instagram

⭐️INSALATINA tiepida di #LUPINI e #QUINOA con baby #PEPERONI e #VALERIANA, e #MUFFINSALATI di #CAROTE😍. 🍃#vegan #sano #buono 😍 ! *** Buon #pranzodelladomenica igers🤗! Come mi è mancato in questi giorni a al @foodjournalismfest , pur mangiando cose divine in giro per Torino, cucinare i miei piattini supersani e gioiosi a tutta Betta💃 assemblandoli tra le mie cose!😍Come si fa a non amare un posto come casa tua, un posto al pigiama cubico, un posto dove la tua vita è la massima espressione della tua creatività?🙏🏻😍…. Bellissimo perdersi, imparare, conoscere l’Altrove. Bellissimo poi RitrovarSi qui. Lo pensate anche voi? E’ uno stupore diverso: nei movimento di sempre, nel sapersi muovere e calibrare gli spazi, anche quelli mentali, c’è un infinito e sempre nuovo Stupore.⭐️💙 Il racconto di questa esperienza formativa e stimolante che, se possibile, mi ha convinto e confermato sempre più della mia passione e scelta di essere una Narratrice di Cibo, la prossima settimana, a “digestione” avvenuta😜, ho preso appunti per me e per voi, le #polemiche (tantissime😱 e di cui alcune credo giustificate, le lasciamo ai polemisti twittaroli di professione) Noi qui parliamo di #Cibo! Noi qui parliamo d’Amore😍😋! *(Scusatemi se sono una che trova più bello andare sul vero contenuto delle cose, piuttosto che sulle cose dette “intorno”, forse è in questo che mi sento una rivoluzionaria, preferisco pensare con la mia testa e fare le cose che amo, che accodarmi ai commenti degli altri, per quanto ritenga in parte siano ragionevoli: Esempio: Noi “poveri, sempliciotti, #blogger venduti senza la minima cognizione né qualità di contenuti?” può essere in larga parte: MA NON GENERALIZZIAMO PLEASE!! Siete d’accordo?😒🤔👎🏻). *#Ricetta sotto nei commenti e nel blog!✔️ #foodfest18 #italianfoodblogger #organic #ifeelbetta #salad #healthyfood #plantbased #eatclean #smartfood #foodideas #onmytable #food4thoughts #thefeedfeed

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Quinoa e Lupini ai baby peperoni, curcuma e valeriana

Ingredienti x 2 persone

  • 1 busta di bulgur di Quinoa e Lupini sminuzzati precotti “Happyveggie” Pedon
  • 3 baby peperoni (giallo, arancione, rosso)
  • 1 carota
  • 1/2 arancia bio spremuta
  • 100g insalata valeriana/soncino biologico
  • 1 cucchiaio raso di radice di curcuma grattugiata
  • 1 cucchiaio Olio evo
  • Sale e pepe q.b

 

Procedimento

lavare e mondare i peperoni e la carota e tagliarli in parte a rondelle sottili, in parte tritati grossolanamente, mettere le verdure insieme ai ciuffetti di valeriana in una ciotola insaporendo con la curcuma, sale e pepe, il succo di mezza arancia spremuta e 1 cucchiaio di olio, mescolare e lasciar amalgamare bene i sapori.
Scaldare il preparato di quinoa e lupini immergendo la busta in acqua bollente per 1/2 minuti oppure 1 minuto al microonde in un contenitore apposito
Sgranare con una forchetta il mix intiepidito e versarlo nella ciotola delle verdure mescolando delicatamente, aggiustare eventualmente di sale e servire subito su un letto di valeriana accompagnando coi muffin veg alle carote

 

Camille salate Vegan alle carote

Ingredienti

  • 150 gr farina integrale
  • 2 cucchiai di farina di mandorle
  • 200 gr carote private della buccia
  • 1/2 cipolla tritata
  • 4 cucchiai olio evo
  • 8 gr lievito in polvere non aromatizzato
  • 2 cucchiai colmi semi di girasole e zucca
  • 1 cucchiaino pieno sale fino integrale
  • 1 cucchiaio mandorle interle tritate
  • pepe
  • latte di mandorle non zuccherato q.b. (circa 100 ml)
  • 2 cucchiai succo di arancia biologica fresco
Procedimento
Grattugiare le carote ben pelate e lavate.
Assemblare in due ciotole diverse gli ingredienti liquidi (latte di mandorle, arancia spremuta, olio) con quelli in polvere (farina, farina di mandorle, mandorle tritate, semi tritati, sale, lievito,pepe.
Unire i due composti e aggiungere la carota e la cipolla grattugiate al tutto mescolando brevemente.
Versare in stampini da muffin o in pirottini singoli oleati con un cucchiaio e riempiendoli per 3/4, non pieni fino all’orlo se no strabordano.

Infornare in forno già caldo a 180° per 20 minuti circa finché sono belli gonfi.

Chi c’è c’è chi non ce-ci sarà

Chi c’è c’è chi non ce-ci sarà

Buon lunedì bettabloggerz  prima di tutto vorrei mi diceste che ne pensate voi di questo sfogo en passant: (tranquilli son cinque bestemmie in fila nell’arco di 10 secondi NON vi intaserà il pc😂) 😜

poi, passando a cose MENO serie 😜

View this post on Instagram

Buonlune bellini💙(o buonlunedì è un ossimoro? Buono e lunedì son du parole che non stanno bene insieme, si respingono a vicenda come calamite spaiate una di ritto una di rovescio😂😝! Già mattina piena,fortuna che è ora di pranzo, chi c’è, c’è i #ceci c’è i ceci! Sì😋 c’è i ceci ma di #pasta affusolati alle #puntarelle che si abbracciano😍quanto ciono ceciosi cicciosi che piaciono anche ai micii!😍😂amo la pasta di #legumi e amo alternarla a tutti i vari tipi di pasta nessuna esclusa (perché privarsene quando ce ne sono di tipi, farine, colori e formati infiniti? la pasta è una gioia per l'anima) se vi piacciono i ceci in questa si si sentono tantissimo l'avete mai provata e con cosa la abbinate? oggi l'ho provata con le puntarelle saltate in olio e #aglio e una tempesta di pepe, piacevolissimo contrasto amarognolo sul cece,da provare🙌🏻 e poi la catalogna oltre a essere una squisitezza contiene sostanze depurative che fanno così tanto bene , e che, se portate in tavola in abbondanza quotidianamente, ci permettono veramente di mangiare quello che ci piace senza eccessive regole o privazioni. Ad esempio, per stasera, dovendo scrivere un'articolo su sanvalentino (si lo so lo so😌poi giuro che basta😂 co sto sanvalentino, e pensare che io so pure appiedata e orgogliosamente singhel😁🔝) ho in programma di fare un dolcino porcoso che più porcoso non si può (oink!😂🐷) dico solo una parola: cioc-co-la-to (l'ho sillabato bene??😁) …ecco. Secondo voi che sto due ore a farci la foto per il titoletto del pezzo e poi lo do al gatto??😌….al gatto NON glielo do SOOOLO perché il #cioccolato "gli fa male poerino"😜, in pratica me lo mangio io per la salvezza e tutela dei miei gattini😇, in pratica sono un'Eroina 😇,una Martire😇, una Santa😇!!!😂😍 lo vedrete sul blog intanto beccatevi la ricetta dei cenci di ieri (link in alto in BIO). 😱oh ma l'avete visto che BANFI mi ha COPIATA😂 con la parodia di #Baglioni???? banfi banfi, non si fa!😜😂 ma forse mi dovrei preoccupare che ho lo stesso senso dell'umorismo di banfi? Scherzo ciao Lino🙌🏻 e Buon appetito buon lunedì igers🤗 che abbia inizio questa settimana di fòco!🔥 #detox #plantbased #vegan #healthy #foodblog

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Fusilli di ceci alle puntarelle

Caratteristiche:
Ricetta 100% senza glutine, primo piatto / piatto completo / ricetta proteica/ piatto unico /depurativa /antiossidanti /verdure amare/no latte/ no uova/ no grano / vegan /vegetariana. Controindicazioni: diete temporanee di tipo lowfodmap per l’alto contenuto di fibre di ceci e catalogna (NB: ma date retta, vi fanno bene, sgrondatevi dalle  “mode” e dalla mentalità “dietetica” nel vostro approccio alla qualunque, ovvia,  ve lo dice una che -lo sapete- con queste fregnacce ci ha fatto quasi lo scalpo: non c’è testimonianza più sofferta per farvelo ficcare nella testa insomma💪, motivo per cui NON vi metterò mai le calorie o i conti dei piatti bensì tutto quello che possono Aggiungere al nostro benessere, poi ditemi pure che sbaglio ma converrete che ho ragione io😜😌 più cose salutari= meno divieti, ecco, io sono sempre per il segno +, nella vita)

Ingredienti x 2 persone:

200g di fusilli freschi 100% di ceci ( io ho trovato queste di lo scoiattolo pasta fresca, ottime)

200g Puntarelle di catalogna già pulite o mondate da voi

3 cucchiai Olio extravergine di oliva

1 spicchio di aglio

1 pugno Sale grosso

pepe nero e peperoncino q.b

Procedimento:

Lavate e mondate i cuori di catalogna fino a ricavare le parti centrali tenere oppure acquistateli già mezzi puliti, privateli del torsolo corciaceo alla base e affettateli verticalmente a metà e poi in quarti per ottenere tanti ciuffetti di simili dimensioni.

Scaldate in una padella l’olio evo con uno spicchio di aglio (intero se preferite toglierlo dopo aver insaporito le puntarelle, o tritato finemente se invece -come me- gradite che rimangano i pezzettini nel piatto insieme alla verdura), fatelo imbiondire leggermente e rilasciare sapore senza bruciarlo, aggiungete i ciuffetti di catalogna e poco peperoncino in fiocchi e coprite cuocendo a fuoco medio per 3 minuti nell’acqua che spontaneamente rilasceranno, dopodiché senza coperchio saltate il tutto rigirando con un mestolo di legno la catalogna per 3/4 minuti finché le puntarelle sono morbide ma non del tutto appassite.

nel frattempo avrete portato a ebollizione abbondante acqua salata e cuocete i fusilli di ceci per 2/3 minuti facendo attenzione a non oltrepassare la cottura, cuociono veramente alla svelta, scolateli e conditeli con le puntarelle preparate e il loro olio di cottura, servite nei piatti con abbondante pepe nero.

Tutto qua, semplice, facile e di gusto pieno, così salutare che ci possiamo fare il dolcino😜 dopo senza problemi e andare al cine senza abbioccarci purché non guardiamo il film stroncato sopra. Sì ce l’ho con Muccino oggi sì😁😌.

Vi beneBettaBlogghedico💙🙏🏻buona settimana!