Penne al forno al ragù bianco toscano

C’era la mi nonna che faceva le penne con un ragù bianco pazzesco 😍
profumatissimo di aromi, salvia, rosmarino, alloro, di cui -da brava pecora nera- andavo pazza contro tutti i fedelissimi del classico ragù rosso della domenica.😆.

 

😁(🤔un giorno uscirà il mio manifesto ufficiale contro il povero pomodoro🍅, ma che m’avrà fatto mai di maleee?boh!🙈)😂

 

👵🏻La nonnetta Celìne mi faceva il ragù bianco di soppiatto e di nascosto nei giorni della settimana al ritorno da scuola (sì, ero una cocca bella😌😁)

☝🏻la domenica invece zitta e mangia il pomodoro🙈😂..

 

**
💡Ma io gli rendo nuova gloria con la trita AmicaNatura e ci faccio le pennette golose al forno💃🎉
perché è super delizioso, verace, toscano e goodmoodfood 🍃

E’ un peccato non provare!

**

 

⭐️Penne al forno al ragù bianco toscano⭐️

LCSFE7595

Ingredienti per 4 persone

 

  • 320g penne rigate
  • 400g Trita Di Manzo
  • 1 rametto rosmarino
  • 8 foglie salvia
  • 1 carota
  • 1 costa sedano
  • 1 cipolla
  • 5 cucchiai Olio Evo
  • 1 bicchiere Vino Bianco secco
  • Sale e pepe
  • Brodo vegetale
  • 250g besciamella
  • 2 cucchiai Parmigiano

 

Procedimento

In un tegame fate scaldare nell’olio carota, cipolla, sedano e aglio a tocchetti. Aggiungete un trito di rosmarino e le foglie intere di salvia.
Fate insaporire.
Aggiungete la trita di manzo e fate insaporire. Aggiustate di sale e pepe.
Sfumate con il vino, fate evaporare poi abassate la fiamma al minimo, coprite la pentola con il coperchio e lasciate cuocere per circa 1 h mescolando di tanto in tanto e aggiungendo eventualmente poco brodo alla volta. Il sughetto è pronto quando è ben ristretto.
Usate questo sugo per condire delle penne rigate scolate molto al dente.
Amalgamate la besciamella e il parmigiano grattugiato alla pasta condita e infornate le penne in una pirofila oleata (o pirofiline individuali) per 15/18 min finché la superficie forma una crosticina croccante.

 

Meno male che ho fatto la versione monoporzione😋😍

Altrimenti teglia intera addio!😜
Buon martedi bloggerz!🤗💙

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0
Annunci

Ti va bene se ti faccio una semplice pasta al pomodoro?

Che tempo strano oggi a Firenze! ☁️☔️☀️⛈☀️

.. Arriverà il giorno in cui potremo finalmente uscire tranquilli a mezze maniche senza il rischio di prenderci una grandinata addosso da un momento all’altro?

Nel frattempo le mezze maniche le affogo come pasta nel sugo di pomodoro 🍅😜😜😋 ⭐️Mezzemaniche al sugo sugoso😋di pomodoro, fatto con la passata bio Alcenero che è davvero un ottimo jolly da dispensa, capperi dissalati, e cipollina fresca di tropea. Un grande classico della semplicità, la sempreverde (rossa?) e sempre buonissima pasta al pomodoro😋😍 vero?  tanto si reclina come piatto senza fronzoli “vieni a pranzo/cena da me ti va bene se si fa una semplica pasta al pomodoro” come se ci si scusasse, quando si dovrebbe dire ti va se ti faccio Il regalo della pasta al pomodoro???

oggi con la variazione sul tema della cipolla fresca in bulbo di tropea e erba cipollina al posto del fondo di aglio e/cipolla e il profumo di basilico/prezzemolo. Una piacevole dviazione da provare per una sferzata diversa e dare un tocco fresco a un capolavoro base della cucina italiana e gloria nel mondo 🙌🏻🍅, vegan per sua natura, e soprattutto a un capolavoro dei minuti contati e una fame incontenibile ma che sia buono😜tornata tardi frigo magari vuoto e spesa da fare🙏🏻, è il 🔝, forse non il mio piatto preferito in assoluto, ma di certo si fa ben mangiare con gioia.

Chi è un fan della pasta al pomodoro nelle sue mille declinazioni e formati?🙋🏼‍♀️per me non è MAI noiosa!!!! Sono PUNTI FERMI della vita😂, tra le poche certezze che abbiamo, in cui avere fiducia come in noi stessi.  ognuno ha la sua preferita, che sia pommarola, carrettiera, puttanesca, senza odori, con aglio, con cipolla, con tutto insieme, coi tre pomodori, con la salsina pronta, con aggiunta di formaggi o meno, come mia nonna che la rifiniva col tocchetto di burro a crudo, come ci va, piace ai bambini e piace ai nonni e piace anche a chi dice io la pasta no ma in realtà vorrebbe mangiarla.

finalmente a casina, piova grandini o splenda il sole, mi rimbocco le maniche arrotolando il pigiama, inizio a lavorare.

⭐️Mezzemaniche semplici al sugo di pomodoro, capperi, tropea ed erba cipollina⭐️

IMG_5084

Per 2 persone Ingredienti

160 g mezzemaniche rigate trafilate al bronzo di buona qualità

3 cucchiai di olio evo

500ml (1 barattolo medio) di passata di pomodoro rustica biologica (io uso quella di alce nero mi piace al gusto e consistenza)

una ventina di capperi sottosale risciaquati e ben dissalati sotto acqua corrente e strizzati

1 bulbo di cipollina fresca di tropea privato della radice

1 mazzettino di erba cipollina fresca tritata sottile

sale, pepe

 

Procedimento

Mettere a bollire abbondante acqua salata per la pasta come al solito, nel frattempo preparare un trito di cipollotto fresco di tropea e scaldarlo in un pentolino nell’olio insieme ai capperi ben dissalati e strizzati, dopo pochi minuti quando è imbiondita e morbida (essendo di piccolo diametro ci vorrà poco, versare la passata di pomodoro e salare, coprire e far ritirare il sugo per una decina di minuti finché la pasta cuoce nel tempo suggerito dalla confezione (scolata al dente). Togliere il coperchio, spegnere il fuoco, aggiungere il trito di erba cipollina, e con questo sughetto saporito e fresco condire la pasta mescolando delicatamente. Per la delicatezzadi questa variante non aggiungerei formaggio né peperoncino, ma solo una leggera macinata di pepe. Ma come sempre sono per la libertà di opinione e gusti!

 

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Tortiglioni integrali carciofi e cozze

 

Ingredienti x 2 persone:

  • 160 g Tortiglioni
  • 4 Carciofi
  • 1/2 chilo Cozze
  • 2 spicchi Aglio
  • 1 ciuffo Prezzemolo
  • 3 cucchiai Olio di oliva extra vergine
  • Q.b. Pepe bianco
  • 1 pizzico Sale
  • 1 presa Sale grosso per la pasta

Procedimento:

Privare delle spine, del gambo e delle foglie esterne 4 carciofi morelli toscani lasciando la parte interna e tenera per la ricetta (o qualsiasi varietà di carciofi nostrani e tipici della vostra regione

Lavarli bene e togliere se presente la peluria interna al cuore, tagliare ogni cuore di carciofo mondato a metà e poi ancora in tre quattro spicchietti sottili.

Spazzolare, Lavare e spurgare le cozze con il loro guscio sotto l’acqua corrente privandole del bisso ovvero del filamento che si trova nella chiusura dei due mezzi gusci, tirandolo via delicatamente

Scaldare in una padella capiente 2 cucchiai di olio con 1 spicchio di aglio intero (a me piace lasciarlo nel sughetto infatti lo metto direttamente a fettine e ne adoro consistenza e sapore quando li trovo tra un tortiglione e l’altro ma se non gradite trovarli nel piatto se li imbiondiamo interi potete tirarli via appena hanno rilasciato il loro aroma)

Appena l’olio è caldo versare gli spicchietti di carciofi nella padella insieme ad alcune foglie di prezzemolo, spolverare di un pizzico di sale e 1/2 bicchiere di acqua, coprire e lasciar stufare con il coperchio mescolando con un mestolo di legno di tanto in tanto fino a che non sono teneri e cotti, ci vogliono circa 10/15 minuti.

Spegnere il fuoco e tenere da parte.

Nel frattempo portare a ebollizione abbondante acqua salata  per cuocere la pasta e in un’altra padella capiente o wok fare aprire le cozze con il loro guscio precedentemente spazzolate pulite e spurgate sotto l’acqua e private del bisso con il coperchio a fiamma medio alta con un cucchiaio di olio, con l’altro spicchio di aglio, ancora foglie di prezzemolo e abbondante pepe bianco senza salare poiché le cozze trattengono in sé la loro naturale sapidità marina. Appena sono tutte aperte e profumate spegnere il fuoco e sgusciarle tenendone da parte alcune con il guscio da mettere sulla pasta ultimata come decorazione.

Quando l’acqua bolle versare i tortiglioni integrali e portare a cottura per il tempo suggerimento sulla confezione della marca di pasta scelta e appena è al dente scolarla e versarla nel tegame dei carciofi e saltarla brevemente aggiungendo insieme anche i molluschi sgusciati, per circa un minuto.

Impiattare nei singoli piatti da portata decorando con due o tre cozze col guscio e una spolverata di prezzemolo tritato finemente al coltello.

 

Nota dell’anticheffa betta: Come tocco finale aggiungere scorza di limone biologico non trattato grattugiata su ciascun piatto, sentirete che storia la sferzata fresca e agrumata di sapore 😋


 

 

 


 

e ora venitemi a dì che ero un’odiosa anoressicaccia delle più sfracellazebedei riluttante di ogni-cosa-che-si-mangia: io non VI credo😂non parlate di me😜😌 e sai una cosa, ne sono proprio TANTO fiera. Tanto da condire sta pasta coi lucciconi di gioia. 💙

View this post on Instagram

Buon gelodì😂 megafreddo oggi!!! Ho dovuto spannare l’iphone tipo col tergicristalli che mi stava facendo la brina glassata sullo schermo😱😂oggi a pranzo una ricetta 🔝per me e per voi la trovate già sul blog 😍(link in alto nella bio⤴️)adesso datemi il tempo de magnarla😂! Ispirata nel formato di pasta da @atavolaconwilli degli strepitosi Tortiglioni integrali ai carciofi e cozze😍😍😍, non vi dico niente, è una meraviglia e non ci avrei mai scommesso sull’abbinamento e invece un gusto particolarissimo e insolito che mi è piaciuto tanto quindi provatela🙌🏻🙌🏻(link diretto in alto in bio⤴️) è anche molto facile e fa un sacco di scena secondo me e poi non so perché, ma io i carciofi che ad esempio non sempre mi ispirano quando fa freddo diventano la mia verdura preferita specialmente trifolati o nella pasta, boh le stranezze dei gusti, vanno a stagioni pure loro mi sa, e questo è bello no alla fine, che anche noi come la natura seguiamo un ‘ritmo’ e una volubilità di cose che a istinto e pelle ne sentiamo il bisogno e la voglia e le sentiamo in armonia con noi e altre hanno il loro tempo, o il loro spazio, o magari non sono proprio nelle nostre corde dovremmo ascoltare qualcosa forse più semplice ma più grande della nostra mente fatta di regole e scomparti che non hanno noente a che vedere con ciò che semplicemente ci sta dicendo la nostra natura, senza necessariamente doverla ‘capire’ o giudicare. Bono, correte a segnarvi la ricetta, è sana e ricca di cose che ci fanno bene. E non è vero che le cozze hanno il colesterolo studiamoci cosa è esattamente il colesterolo prima di tacciarlo come il male assoluto, e soprattutto porelle😂non sono ‘Brutte’😂🔝🙌🏻vado al lavoro buon pome state al caldo ig friends see ya next time 💙#IFeelBetta #instaeats #recipeoftheday #carciofi #buonappetito #healthyfood #cozze #pastaintegrale #autumn #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #fashionfood #tentarnoncuoce #foodshare #healthy #pesceincucina #cuisine #foodphotography #photooftheday #instafood #onmytable #delicious #instagood #foodstyle #thefeedfeed

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

 

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0