L’epilogo abiurato di Freud

Sognavo di ergere intorno ai confini netti tra il dove sto io e dove giunge notizia molesta che sul serio il là fuori esiste e il sole non s’è ancora annoiato di salutarlo con grandi speranze più pena mi fa del cocciantiano poerodiavolo, una palizzata di GrissinBon, per sicurezza.

Pubblicato da

Pare che io sia il boss dell'intellighenzia universale.

8 thoughts on “L’epilogo abiurato di Freud

  1. ma io mi sento tanto cretina perchè leggo le tue cose più volte e mi scervello nel decidere dove andrà la virgola, dove le pause….e più mi scervello più rido perchè sei geniale!!! Forse non capisco il senso perchè sono un pò tocca 🙂 ma mi piace un casino!!!

    Liked by 1 persona

  2. Poesia pura. Prosa pura mi pare non si usi. Virgole o non virgole, che qui non servono, hai scritto qualcosa di bello, quale che sia il nesso tra le parole e il valore che ha per te! Buon sabato – caldamente scaldato!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...