Posted on 4 commenti

Autunno

Giorno dopo giorno, ripiegata in involuzione, da e per una vita, ad ascoltare il canto delle balene. Tutto il resto lo disconosco. Ogni cosa nell’universo non è condannata né condannabile come l’essere umano perché non vive nell’ansia di dovere dimostrare qualcosa, per giustificare e giustificarsi il fatto di essere venuto al mondo, quando un’onda, un animale, una pietra, non chiedono, pretendono, lamentano, competono, fingono altra natura e a loro è estraneo il grottesco, la vergogna, mentre è propria la grazia. Disperazione è fare parte di una razza vivente che non può avere maestri, ma si danna per avere parola, si inganna di avere qualcosa da dire, e ha troppi strumenti per farlo.

4 thoughts on “Autunno

  1. Non posso darti torto. Sono convinto che siamo un pericoloso errore evolutivo. Specie in gruppo peggioriamo. Nella solitudine abbiamo qualche speranza.

    1. Boh io sto da sola anche senzasperanze.

      1. la solitudine mi permette di vagliare togliere tutte le verniciate altrui e concentrarmi sui miei scopi. Il prossimo persona/media/potere forte/obbligo/convenzione/trantran tendono a intorbidirmi le acque. Quando se ne vanno dalle palle la superficie del lago torna piatta le scorie tornano nel fondo dove meritano e posso ACQUAZZURRAAAA vabbe’ e’ finita in caciara

        1. battisti va sempre bene, specialmente perché sta sulle palle a mia madre.

Rispondi