Taci, Piove sulla verzura lontana

Taci, Piove sulla verzura lontana

 

 

Una delle cose migliori, secondo me, nelle giornate grigie di pioggia così come oggi, è confortarsi con qualcosa di caldo e cremoso, possibilmente profumato!

Per la serie che-domenica-bestiale-la-domenica-detox 😁…dopo le varie eccellenze degustate al #fuoriditaste2018 ieri a taste Pitti Firenze,  ma soprattutto gli eccessi 😜 (sti eventi food sono bellissimi da vivere e di cui scrivere, ma esci saturo da tutti i punti di vista😱)…vai col

⭐️Passato cremoso di finocchi, al finocchietto selvatico e…Ananas! ⭐️

This is Goodmoodfood!! come lo chiamo io. Cibo del buonumore.

ma sìììì!😍 Non avevo idea di quel che facevo ma..🤔finocchio= depurativo al max…ananas🤔=depurativo e drenante al max…perché non unirli? Provareprovare, non ci avrei scommesso ma è proprio BUONA😋!

Crema di finocchi finocchietto e ananas

IMG_E5245

Ingredienti x 2 persone:

  1. -600 g circa di finocchi
  2. -200 g di patate
  3. -1 cipollotto
  4. -2 rametti di finocchietto selvatico
  5. -1/2 cucchiaino semi di finocchio
  6. -q.b. di acqua /latte vegetale non zuccherato
  7. -1 presa di sale
  8. -1 fetta di ananas pulita, lasciate il gambo in mezzo + ananas disidratato

Procedimento

  1. Sbucciare le patate e tagliarle a cubetti. Tuffarle nell’acqua fredda.  Ricavate una fetta di ananas togliendo la scorza ma lasciate il gambo se non troppo fibroso.
  2. Nel frattempo, mondare il finocchio e tagliarlo a fette piuttosto sottili, sbucciare e tritare il cipollotto.
  3. Mettete finocchio, cipollotto e patate in una pentola e coprite a filo con l’acqua. Aggiustate di sale ed unire un cucchiaino di semi di finocchio e 1 ciuffetto di #finocchietto selvatico: fate bollire dolcemente le verdure per 20-30 minuti, fino a quando saranno morbide.
  4. A metà cottura aggiungete i dadini di ananas e del suo gambo e fate cuocere insieme alle verdure.
  5. Frullate tutto con il mixer ad immersione ed aggiungere mezzo bicchiere circa di acqua/latte vegetale non zuccherato se lo preferite più corposo.
  6. Servite la crema decorando con l’altro ciuffetto di finocchietto fresco e una fetta di ananas essiccato al naturale.
  7. Completate con crostini di #paneintegrale o ai cereali.

 

 

 

🌀Infine guardate la pioggia e pensate: cara pioggia, sta vellutata mi fa una doccia interna che te puoi andare in pensione tranquilla e vacci, tzè!!!!

E la sera….

View this post on Instagram

☔️grrrr questa #pioggia ininterrotta è snervante!!!😡 da fastidio anche a stare sul divano a guardare i vecchi film e a leggere… voi come l’avete passata? la settimana prossima ho tremila robe da fare, il meteo veda di facilitarmele😌 (io e i miei dialoghi inascoltati a tu per tu con le condizioni atmosferiche…nulla di preoccupante…parlo anche coi tappi sottovuoto dei sottaceti, coi pelati che non si aprono, col ketchup che lo sbatti venti volte a testa in giù e non esce e poi vooooom😱….la valanga splatter🍟 un ettolitro di salsa che sommerge due patatine che c’avevo messo du ore a farle croccanti😒…vi succede?..vabbè😆)…concludo questa #domenica pìssera con un’altra #vellutata #detox 💃sempre super sana ma con tocco sfizioso😂: stasera ⭐️Crema di spinaci con filetti di #branzino e #vongole.⭐️ (fatta semplicemente con un fondo di cipolla #spinaci stufati e mezza patata frullati allungando tutto con #brodo #vegetale, sopra adagiati due filetti di #spigola cotti in padella e vongole aperte nella stessa padella calda e un filo d’olio) + lo stesso filoncino di pane ai cereali di oggi. 🔝😋 Che avete mangiato? Quanti di voi hanno ben scaldato le ciabattones (e/o i forni) oggi? notte a tutti igz #ifeelbetta #realfood #fish #clams #instamood #foodwriter #italianbloggers #instafood #checosastaicucinando #lovefood

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Annunci

Rubrica: dialoghi coi miei famosi

..perché anche loro avranno pure avuto fame, qualche volta. #sentiamo_cos_hai_da_dire_ora_te :

La bellezza salverà il mondo, Dostoevskji?.

mmm.
La bellezza sono gli appigli a cui con meraviglia tentiamo di aggrapparci come rapaci e vecchi attaccati alla vita nelle sue manifestazioni tanto armoniche quanto congruenti al nostro stato d’animo, imprimendogli una facoltà e un’azione salvifica che in realtà non appartiene nemmeno alla vita ma alla poesia, sapendo che perderemo tutto, compreso il brutto e l’insomma nel mezzo, evidenziamo adesso la bellezza,  perché il mondo era già perduto e noi l’abbiamo solo trovato, senza salvezza, senza scampo, senza senso, e forse senza una singola cosa da salvare, per viverlo e leggerlo con piena, umana e neanche troppo bella, poesia.
—–
Sul comodino invece:

La felicità del riordino: Il magico potere del riordino-96 lezioni di felicità: 1

Il tema corrente

Sono contenta quando ho lo shampoo nuovo. Sono contenta quando finisco lo shampoo e do la strizzata decisiva per sgorgare l’ultima noce vischiosa, così poi se mi sforzo un pochino, compro lo shampoo nuovo. Sono contenta mentre compro lo shampoo nuovo. Sono contenta per tutti gli altri shampoo nuovi che restano lì accanto in fila dove c’era il mio shampoo nuovo. Lo shampoo lasciato aperto a metà nella doccia mi mette i brividi. Non posso neanche chiuderlo ogni volta col tappo per benino come una maniaca comune e rispettabile perché l’infingardo potrebbe sporadicamente illudermi che io posso girare per casa o stare ferma per casa o dormire in casa o esistere ovunque credendo di avere nella doccia uno shampoo nuovo. Che non è.

 

 

Ante pesto, post arrosto, dolce farniente.

Affezionarsi a un personaggio due giorni dopo che rideva, una decina di sfottimenti vari di assestamento, un milione di megabyte persi nel web in carica di una cazzata di video per fermare il tempo di un giorno che non avresti mai voluto affrontare(così) in realtà sai esattamente perché l’hai voluto fermare, in tutta la sua inutilità, perché quel giorno che stavi malissimo e che non ti tornava nulla e che tutto si distorceva e tutto era un po’ stonato -niente a posto, io non a posto, io non allineata, io non rispettosa delle regole animistiche/logistiche e nemmeno cestinata senza passare dal via che ho infranto un mio schema ora sbatto il mondo fuori e mi perdo nei miei “tantovale” /tantovale fare schifo/tantovale non far più nulla/tantovalevaffanculoecciao/tantovalestaremale- succede che quel giorno di merda, con questa cazzata di essermene testimone, di guardarmi per distrazione come mi potevo girare i pollici mentre facevo zapping, alla fine l’ho affrontato lo stesso. Ci sono stata in mezzo, con fastidio, e ha avuto 24ore brutte ma non una di più, non 25. le solite. come gli altri. peggio degli altri. faticosamente. …perché non è forse ugualmente pesante fare fronte a me stessa quando sono felice? lo è. del resto siamo tutti nati sotto un’ineludibile forza di gravità che ci imprime costante anche quando lo stomaco è vuoto il cervello leggero, o quando gli angoli della bocca sono rivolti in alto.
Si.Può.Fare.

Affezionarsi. Dopo. Ché male o male ce la siamo cavata. Senza saperlo. Prima. Col senno di mai.