Risotto radicchio e castagne

Vi mancavano i miei risottini???😁 (un’amica di blog una volta mi disse: basta “Liso”, Betta!😂🍚😜) Ma quando c’hai tra le mani un riso così speciale Carnaroli Delta del Po’di Grandiriso, vuoi non sbizzarrirti se ti lanciano letteralmente nel carrello un pacchettino di castagne sottovuoto che paiono bellissime e adattissime a un risotto goloso e sano?

segnatevi questa ricettina per l’’autunno perché è una cosa me-ra-vi-glio-sa!!!😍 vale bene 20 minuti di risottare in cucina (che d’inverno fa pure piacere, poi😜)…una bontà unica, cremosissimo!

Pensate che, quando imparavo a fare il risotto (per l’appunto, con le castagne), è stato uno dei primi incontri di Betta la cucina: molta curiosità, molta paura🙈, un’insegnante e amica sempre speciale come @tre_muffin_e_un_architetto, alcune vicine “di banco” in realtà non tutte memorabili in quanto a simpatia😁 quando io cercavo di stemperare l’atmosfera- inutilmente competitiva e saccente di guardare nel piatto degli altri😒-, con la mia solita cialtronaggine e spontaneità impedita, e un sorriso complice verso chi gentilmente ci accompagnava nella magia e nell’amore che rientra tra gli ingredienti principali di una passione🙏🏻💙. Forse da quel primo colpo di fulmine di lezione risotto non ho trovato e non troverò la ricetta segreta della bravura da nessuna parte, ma non me ne frega niente🙌🏻, perché ho trovato la passione, il divertimento, e la gioia di portare un pizzico di personalità in quello che faccio e di cui scrivo che mi dà non poche soddisfazioni (grazie Angela e grazie a chi ha fiducia in me🙏🏻). E ho trovato tante persone amiche, memorabili abbestia, sì😍 per simpatia, che costellano il mondo foodie tra noi. Come ho sempre sognato, come ho sempre creduto.

Risotto cremoso al radicchio e castagne

Snapseed

Ingredienti per 2 persone

  • 180 g di riso Carnaroli @Grandiriso
  •  2 tazze di brodo vegetale
  • 1/2 cipolla rossa
  • 1 piccolo cespo di foglie di radicchio rosso di chioggia o trevisano
  • 100 g di castagne già lessate e private della pellicina
  • 40 g di parmigiano reggiano
  • sale q.b.
  • 50 g di burro

Procedimento:

Mettete in una pentola il burro e la cipolla tritata finemente, aggiungete metà radicchio tagliato a striscioline e cuocete per 5-6 minuti, dopodiché aggiungere il riso e rosolate facendo tostare il riso per 1-2 minuti.
Aggiungete il brodo vegetale bollente un mestolo alla volta, aggiustate di sale se serve, continuando a mescolare.
Dopo 7/8 minuti, aggiungete le castagne grossolanamente tritate, e il resto del radicchio a striscioline, mescolando continuamente e aggiungendo di tanto in tanto un mestolo di brodo appena viene assorbito dal riso; il tutto per circa 15 minuti fino a cottura completa del riso avendo cura che rimanga abbastanza all’onda (liquido) per un risultato finale cremosissimo. Dopodiché aggiungete il parmigiano grattugiato e mantecate fino a che tutti gli ingredienti si siano amalgamati bene. Coprite e lasciate riposare per 1 minuto e poi Servite immediatamente.
potrebbe essere tranquillamente il mio risotto preferito e adesso che l’ho fatto lo rifarò mille volte questo autunno😍
Quindi Basta Liso? anche no!💙😜 Buon weekend amici bloggers 🤗Snapseed
Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0
Annunci

God Save the W-omen

….Finire a cenare in Via de

IMG_5660

dopo una camminata al freeeddo e al geeeeelo in una Firenze

IMG_E5601

IMG_E5629

resa scintillante e affilata dal mio passo spedito e dai microgranuli di ghiaccio via via cristallizzandosi silenziosi tra le porte le finestre e gli occhiali della gente (o erano pinguini)….segno chiaro e inequivocabile dell’entrata ufficiale in primavera come e più d’una rondine, saresti entrata anche in una Bettola pur di metterti in caldo, ma sei Betta e questa sera entri da Signorvino invitata al bellissimo evento God Save The Wine voluto e organizzato da Andrea Gori , in veste di assistente di Leonardo Tozzi mr Firenze Spettacolo

che non solo ha avuto il fegato il cuore e l’intelligenza di “creare” il Lifestyle fiorentino per eccellenza, Firenze Spettacolo ma pure il fegato di degustare tutti i vini selezionati e il menù di una serata strepitosa di eccellenze, ma pure il fegato di Osare, in questo mondo di uomini, proporre quelle eccellenze con la E maiouscola, cioè la E finale che sottolinea il sostantivo Femminile, e infine il fegato di riporre fiducia e curiosità nella cialtronissima Blogger Betta, che, documentando l’ennesimo successo della Vita che scalda Firenze,

IMG_5655

girellava in mezzo a discorsi, degustazioni, convivio e racconti umani e DiVini narrati calice alla mano, con il suo iphone in mano.

IMG_5602.jpg

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0