Vai al contenuto
Feed the inner smile! Home » AtHomeBetta » Lemme lemme…

Lemme lemme…

Lemme lemme ho traslocato di stanza, una faticaccia, ma sono abbastanza soddisfatta. Prima giornata passata nella nuova stanza: un orribile incubo, solitudine, inquietudine, ieri ho vomitato tutta la cena, per la prima volta, senza autoindurmelo, solo per le fitte che provavano il corpo e i maledetti senzi di colpa per essere sfuggita ancora una volta alla mia pazienza, che già è limitata. Sono una paziente perché devo pazientare? quanto ancora? quanti minuti secondi attimi ancora? Lavoro sodo, mi impegno a scrivere ma la testa è altrove, trovo mille escamotage per far passare il “tic tac (una vita sta passando, la MIA vita….)” dell’orologio rosa di hello kitty che mi guarda torva, come non ha fatto mai.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

2 commenti su “Lemme lemme…
0 (0)

  1. ah ecco..adesso inizio a capire qualcosa in più..almeno su che problema hai..io l’ho avuto-ho sofferto di forte anoressia- tra il 1998 e il 2000, ma poi ne sono venuta fuori. è una terribile bestia lo so cara, ci vuole una gran forza di volontà. e più che dall’aiuto,dal convincimento esterno, ci si riesce solo da soli a venirne fuori. e se lo vogliamo davvero.
    e io lo volli.
    allora non abbiamo in comune solo la Plath!
    vedi.. era destino che io incappassi nel tuo blog stamani 😉
    mi sono già affezionata a te. ho visto che quasi nessuno viene a commentare il tuo blg e me ne dispiace..ora poi che ne avresti bisogno di compagnia, di supporto..x quel che possa poi essere e servire da un blog, da qua, in senso virtuale dico. ma spero che la nostra micro compagnia ti possa allietare e far piacere..almeno un pochino.
    sono logorroica ok.mi zitto. continuo a leggere il tuo blog.

  2. il famoso psichiatra

    Nessuno commenta qui!
    Dov’è la blogstar di un tempo?
    Dov’è, Morte, la tua vittoria?
    Qui nella valle disincantata il famoso psichiatra è diventato Responsabile. I tuoi genitori cercano di recuperare un po’ di soldi, e fanno bene. Ma non ho molte speranze, non c’è più una lira.
    Oggi c’è un po’ di solicello …

Dimmi tutto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: