Spaghettoni alle vongole veraci

Spaghettoni alle vongole veraci

View this post on Instagram

…il piatto preferito in assoluto di mi nipote number 1? Lo spaghetto alle volgole!😱😂🤣🙌🏻la soddisfazione che mi da😍🙌🏻🙌🏻 direte…. è una bimba di bocca buona… che mangia tutto quello che gli si propone… MA PER NULLA!!!🤣🤣🤣😂 TUTTO il resto non lo mangia…gli spaghetti alle vongole veraci li mangia meglio di me… la soddisfazione vederla guardare dentro i guscini uno a uno e e non lasciare nemmeno il sughetto…misteri della vita… allora la zia Betta fa gli spaghetti alle vongole😌😌😍. Ed è la felicità quando dice mm, Bono😋. E allora lo dico anch’io😂😂😜. la ricetta è quella classica, pura e semplice, rigorosamente con lo spaghettone grosso @rummo al dentissimo, e una micrograttugiata di scorza di 🍋 che mi piace tanto sulla pasta alle vongole. …😍 Sabato sera…. 🎶se stiamo in casa ci sarà un perchéeeeee🎶 come diceva cocciante no😌…. 😋Però appena mi guarisco dall’allergia è subito 🍕😂😂 (e non vedo l’ora sia dopo pasqua perché mi vedo con la @moniqu_ph , forse una delle prime amiche artefici…. o meglio dire COLPEVOLI…. di sto viziaccio de magnà🤣🤣🤣che m’è entrato nella pelle😜) buonaserata igerz che fate di bello stasera? Io mi leggo tipo peterconiglio, la pimpa, la peppapig… i pigiamini…. insomma letteratura da tesi di laurea🤣🤣🤣💙#ifeelbetta #pastaallevongole #spaghettiallevongole #clams #pastaalloscoglio #piattitipici #ricettetipiche #grandiclassici #fasolari #vongoleveraci #spaghettoni #pasta #saturdaynight #whatsfordinner #foodlover #foodie #foodwriter

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Spaghettoni alle vongole veraci

IMG_E5760

Ingredienti x 4 persone

  • 340g spaghettoni di grano duro
  • 1 kg di vongole veraci
  • 2 spicchi di aglio
  • olio evo
  • prezzemolo tritato
  • sale,pepe,peperoncino q,b
  • scorza di limone bio non trattato

 

Procedimento

Spurgare per 1-2 ore le vongole in guscio in acqua fredda, da cambiare più volte, per eliminare la sabbia contenuta nei fasolari. Scolatele bene e fatele aprire in una padella capiente con 2 cucchiai d’olio extravergine e uno spicchio d’aglio schiacciato con le mani. Non appena si saranno aperte, toglietele dal fuoco e buttate quelle che sono eventualmente rimaste chiuse. Filtrate l’acqua che i molluschi hanno emesso aprendosi nella padella,  e passatela attraverso un colino fitto, raccogliendola in una ciotola.

Fate scaldare nella stessa padella ormai vuota un poco di olio e mettetevi 1 altro spicchio d aglio che toglierete appena avrà preso un po’ di colore. Unitevi  l’acqua delle vongole e fate prendere il bollore; salate, pepate e insaporite per pochi istanti in questo fondo le vongole aperte, aggiungendo alla fine anche abbondante prezzemolo tritato.

Nel frattempo cuocete gli spaghettoni in abbondante acqua salata, scolateli al dente e fateli saltare nella padella con le vongole, aggiungendo peperoncino a piacere. Servite nei piatti e completate all’ultimo con una leggera grattugiata di scorza di limone biologico non trattato

Annunci

C’è ciambella e ciambella

C’è ciambella e ciambella

Stamattina ho visto la mi mamma al bar che si pappava una ciambella fritta alla crema sai di quelle ricoperte di zucchero semolato e mi fa

“oh, c’ho da prendere la pasticca per il diabete, la devo pigliare a stomaco pieno se no mi fa male.
…..
😒🤔 aaaah.

allooora!😂😒

C’è da chiedersi davvero Ma come mai?, ma per quale assurdo complotto e disegno dell’universo, dico io, c’abbia il diabete, gli sia capitata sta rogna piovuta dal cielo mah io non lo so veramente.🙈😂

Detto questo, dovrete convenire con la mi mammina poera martire: i soliti vecchi du biscotti secchi prima della pasticca tu lo chiami stomaco pieno? tutti i torti non ce l’ha😁!

E quindi se non tutte le ciambelle vengono con la crema e fritte:

La Betta A tutto bagel! This is goodmoodfood! alzi la mano chi se li sogna la notte🙋🏻 quelli mangiati a new York! Vi piacciono come tipo di panino? Come li farcite voi o quali preferite quando li mangiate all’estero, o raramente fatti bene, nei locali italiani? oggi c’è il sole, ne arraffo uno (ma quale prima!😱🤔) e me lo mangio in terrazza!☀️

RJGRE1741

Idee per farciture bagel

⬅️A Sinista Bagel VEGAN ai semi di sesamo farcito con:

radicchio rosso di chioggia, a fette e cremoso, ravanelli crudi, fettine di seitan tagliate sottili brasate alla salsa di soia, poco olio evo.

➡️A Destra Bagel VEGETARIANO con sesamo e quinoa farcito con:

Lattuga riccia e valeriana, pomodori datterini gialli, frittatina semplice alle erbearomatiche (prezzemolo, cumino, erba cipollina) e curcuma.

Uno a pranzo e uno a cena. 😋🔝.

Comprateli di buona qualità magari in panetteria freschi e non nelle bustacce del super, o meglio ancora fateli voi a regola d’arte, il procedimento è un po’ lungo e laborioso, ma a volte ne vale la pena, un giorno voglio provare a farli, questi li ho comprati in un forno “neutri, spennellati in superficie con latte di soia (quello veg) e con albume d’uovo (quello vegetariano), ricoperti di sesamo e di semi di quinoa e dorati in forno prima di farcirli.

Giocare sano e goloso col cibo: assolutamente si può! Ed è solo gioia, Mai guerra tra le due cose. Sono contenta che anche il libro che sto leggendo* mi stia non solo incentivando nella mia filosofia del nutrimento in senso più ampio, sia fisico che mentale, ma che sia riga dopo riga di ulteriore stimolo e approfondimento e che neanche una delle storie che sto leggendo contenga la parola né il concetto di “dieta” , e nello stesso tempo tuttavia invogli a prendersi cura di sé a vari livelli in cui il cibo è collaborativo o protagonista, quando non addirittura la base, a volte il primo passo di una vita densa di valore, per noi stessi e per tutti. Urrà!

*Note: Ecco il libro di cui sopra

View this post on Instagram

Buona nottebuonasera? Non so se da altre parti di Firenzeidem ma su tutto il lungarno stasera è #blackout TOTALE😱 da ben tre ore e più! (vedi stories) mi stanno finendo anche i mozziconi di candele rimaste da natale!😫 gliè 'sto tempo da balordo ne stanno succedendo di ogni in queste lande nelle ultime sett… è come se l'anima superba di firenze si stesse ribellando dalle viscere a che non gli sta bene "qualcosa" nell'aria (io so cosa…😒 ma non mi inoltro 😂)😫 già devo arrabattarmi a trovare sopravvivenze bettesche alla libertà del mio essere comunque positiva in tutto, voglio dire😌, cosa c'è di non bello di una serata alternativa a lume di #candela in cui cerchi la mira a tentoni anche per fare pipì o per non rovesciare la pappa al gatto nella ciotola dell'acqua mentre coi piedi accendi la miccia di un accendino bruciando la coda stessa del gatto che scodinzola nella sua indifferenza visto l'occhio telescopico notturno?? Tutto bello!😝 La mi #cena? 😕⁉️incognita! Vai a distinguere un uovo sodo da un uovo crudo nel frigo buio! son mica Colombo! Se mi apro un pacchetto di patatine ci sta che becco sicuro i croccantini del gatto. per la pizza surgelata che si sta scongelando inconsolata e avariando secondo dopo secondo, devo aspettare almeno 5/6 ore me la mangerò non cotta, ma almeno molliccia e mordibile, come minimo a mezzanotte (ma la disperazione!🙈) la mi nonna al tempo di guerra se la cavava meglio mangiando direttamente la calcestruzza dei muri. Con la fortuna che c'ho se mi metto a leccarli becco la presa della spina nel momento esatto in cui ritorna la luce. 😂⚡️⚡️⚡️ ….è tutto il giorno che aspettavo la sera per leggere sto libro che mi ha gentilmente regalato il produttore di una azienda di formaggi 100% veg a base di #mandorle e #anacardi fermentati @welovecicioni durante #IGmi18 Identità Golose (per altro buonissimi assaggiati e apprezatissimi, provateli🔝😍), sembra una #lettura interessante😍📚ci sono storie di persone vere a cui in un modo o nell'altro il "cibo" in tutti i suoi sensi, ha cambiato, e spesso salvato, la #vita. non potrebbe avere una lettrice più attenta e coinvolta di me🙏🏻: vi dirò cosa ne penso man mano che lo leggo💙. Buona (…?🤗🌚🤗)

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Puccia vegan è tutto un puccipucci

Puccia vegan è tutto un puccipucci

Amici buon lunedì, qui a Firenze oggi non è esattamente un buon giorno. 🙏🏻💜

Davide Astori. Un dispiacere che le parole faticano a trovare il loro posto.
“Cerchiamo” di continuare a sorridere.

Poche chiacchiere: cibo buono, ritorno al lavoro alla stesura blogcoaching, serve qualcosa di rasserenante e goloso per concentrarmi▶️

Quell’ottava meraviglia del mondo che è la puccia salentina??😍

la conoscete? La facciamo sana e vegan🌱, la farciamo con hummus, spinacino, tofu e erba cipollina. Buonissima anche così, no?😋
*********

Puccia salentina con hummus tofu e erba cipollina

RBLBE7423
Ricetta semplicissima, completa e ricca di #proteine vegetali, adatta anche per un pranzo al lavoro, nessun pugliese si farà male prometto😜▶️

Ingredienti x 1 panino

  • 1 #puccia #biologica di grano duro
  • 1/2 barattolo di #ceci bio sottovetro
  • 1 cucchiaio di #Tahin (pasta di sesamo)
  • 1/2 limone spremuto
  • sale, pepe, paprika
  • 1 panetto di tofu da circa 100g
  • erba cipollina
  • spinacini baby crudi
  • olio extravergine di oliva

Procedimento

Fare l’hummus frullando i ceci sgocciolati col succo di limone, il tahin, 1 filo d’olio evo, pizzico di sale, 1 cucchiaino di paprika e pepe fino a ottenere una crema spalmabile. Grigliare il tofu tagliato a metà da entrambe le parti, salare e cospargerlo di erba cipollina su tutti i lati. Aprite la puccia a metà e farcitela su entrambe le parti con l’hummus di ceci, le foglie di spinacino e le fette di tofu. Potete usare l’insalata che volete per la farcia, ci stanno bene anche le fette di melanzate grigliate😋
Vi piace? 😋 Qual è il vostro #paninopreferito? Buona settimana igers 💜

Ribollita con l’avena per i giorni freddissimi

Ribollita con l’avena per i giorni freddissimi

Buon lunedì, dopo esservi letti questo folgorante articolo di Dissapore, beccatevi la mia personale blasfemìa sulla ricetta originale della mi nonna Celìna – già quella del prezioso ineguegliabile unto e bisunto tomo letto e riletto consultato e auscultato di Paolo Petroni, della vera cucina fiorentina, sul comodino insieme alla Bibbia (cioè la bibbia un c’è, c’è solo il Petroni sul comodino😜) ché la mi nonna unn’aveva inventato nulla😜 😉: tranne l’Arte e l’Amore di farci quotidianamente dammangiare. (e se non è da Nobel questo…beh lo dovrebbe diventare in mezzo a medicina fisica e letteratura)

IMG_4746

Quindi: Fase decongelamento avviata! Fa-fa-fa troppo frrreddo-do-do-do😱…è subito RIBOLLITA di cavolonero e cannellini ! E siccome ci dobbiamo difendere dall’Art-ic-attack☃️, la rinforziamo anche con una manciata di fiocchi di #avena che sono nutrienti, sazianti e scaldano da dentro😋😍…ragazzi ma che ne sanno gli eschimesi😆😂😜 venissero un po’ a scaldassi a Firenze la smetterebbero di baciassi coi’naso👃🏻😆😂. E vabbuò, li mettete mai voi i #fiocchidiavena nella zuppa? sono comodi🙌🏻! Della serie cuoci nel fiasco i fagioli per 4 ore e poi -genio😅😂- non hai voglia di cuocere anche l’orzo o il #farro o i classici #cereali in chicco da zuppa zupposa per 40minuti, visto che quelli che cuociono in 10minuti di solito sono perlati e brillati e completamente privati della fibra e del germe vitale👎🏻? allora questa è una buona furbata provate garantisce Betta👍, io l’ho imparato dalla Monica @lalunasulcucchiaio🙏🏻, e da allora me li rigiro un po’ ovunque voglia dare corpo a un piatto, i fiocchi di avena al naturale di buona qualità preservano un ottimo profilo nutrizionale🔝, #fibre e #proteine a gogo basta leggere l’etichetta, oltre al buonissimo #porridge a colazione si possono usare in tante preparazioni, ho un bel sacchettino pieno tutto da immaginare😍…e che vuoi fà, co sto freddo, mentre lavoro, quando faccio un po’ di pausa relax vuoi che io😌, Betta= portatrice sana di pigiama😂, mi metta a uscire alla viacolventoappassionatamente???❄️😁no no… #relax grattugiando e assemblando cibo sano al teporino dei fornelli, musica, un libro sempre sul tavolo, un po’ di stretching alle spalle incriccate a scrivere al mac…quale migliore scarica tensioni conoscete? altro che jogging😜 altro che campane tibetane!!! Alzi la mano chi del cibo ama anche la preparazione e i vari passaggi che catturano tutti i sensi, il cric crock degli ortaggi, il rumore di qualcosa che bolle o scoppietta sul fuoco, l’attesa di un timer, il profumo che cambia, i colori casuali astratti di natura, i pensieri che diventano più lucidi, ma nello stesso tempo si riposano. Quanta bellezza dobbiamo al cibo, che si cucini un arrosto di 20 ore o che si apra una busta o scartocci un panino: nessuno dovrebbe mai viverlo con dolore🙏🏻, ne so qualcosa.💙

 

ZUPPA RIBOLLITA FIORENTINA con l’Avena

Ingredienti

  • 400 gr fagioli cannellini secchi
  • 1 mazzo di cavolo nero bolloso
  • mezzo cavolo verza
  • 3 mazzetti di bietola
  • 3 pomodori costoluti maturi
  • 2 gambi di sedano
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 1 porro
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 manciate abbondanti di fiocchi di avena integrali al naturale
  • timo
  • olio Extravergine di Oliva toscano
  • sale e pepe q.b.

Procedimento

  • Cuocere i fagioli in abbondante acqua meglio se nel classico fiasco da fagioli. Tenete l’acqua di cottura che servirà per allungare la zuppa.
  • Prendere circa 2/3 dei fagioli e passarli, facendo cadere la purea nella loro acqua.
  • Pulire tutte le verdure.
  • In un grande tegame di coccio, fare rosolare 8 cucchiai di olio d’oliva con la cipolla affettata fine e uno spicchio di aglio.
  • Aggiungere il sedano, la carota, il porro, tutti affettati finemente.
  • Lasciare cuocere qualche minuto, poi aggiungete i pomodori, la bietola, la verza e il cavolo nero.
  • Aggiustare di sale,spolverare con il timo e un pizzico di pepe nero.
  • Aggiungere tutto il liquido dei fagioli e far cuocere per almeno un’ora.
  • Quando le verdure saranno cotte, aggiungere i fagioli interi lasciati da parte.
  • Versare una manciata di fiocchi di avena sul fondo di una zuppiera capiente, e ricoprire con la zuppa.
  • Far riposare almeno mezz’ora così i fiocchi si gonfiano e ammorbidiscono bene, servire con un generoso giro di olio extravergine d’oliva toscano di frantoio.

Note della Betta

 

Va bene essere blasfemi con Avena integrale perché è buona sana e nutriente e non c’avevo il pane raffermo essendo tornata da Torino😁, ma il formaggio sopra, per questa ricetta, NO! Ok??? Quello lo mettiamo sulla pasta al tonno😜😜

A carnevale niente aria fritta

A carnevale niente aria fritta

Buon lunedì bellini!!!! Vorrei innanzitutto partire sta settimana facendo un sentito Complimentone 🎉👏🏻alla Bloggeuse La vie pink per essere la mia 1900 esima seguitors online del blog  IFeelBetta  (+ 3320 iscritti via email, il che è tantaroba per un blog🙌🏻 (fatevi due conti) prima di me c’è solo grillo ma tra un po’ va in pensione come il mi babbo😌 (che, per chiunque abbia avuto dei genitori appena pensionati, non è sempre poi sta gran pacchia, vann in depressione, frignano, perdono il capo, ti smaronano il doppio di quanto già non facevano, ecc ecc, lo sapete ecco😒.)

A voi altri 1900 non v’ho featurizzato coi complimentoni e il link in prima pagina? ma è solo 😌che non siete cifra tonda esteticamente nanni 😁come son simpatica, sto scherzando vi voglio bene a tutti uguale 🤗 e vi sono grata all’infinito perché il blog e tutto il lavoro appassionato, stressante, bellissimo e non sempre facile che c’è dietro è ciò che ha permesso all’orso selvatico e scorbutico che è in me di ammettere e meravigliarsi di quanto io abbia bisogno e voglia di dare, mettere, ricevere amore e confronto fatto di emozioni per quello che faccio. Sì, anche quando dico le bischerate sto alleggerendo un sentito vivere profondo, chi mi legge dalla notte dei tempi lo sa🙏🏻, spero trapeli un briciolino dalle righe del mio blog, al di là di tutto degli sbagli delle cazzate, e un pelo attraverso i quali🙏🏻, del mio essere tutto tranne che perfetta, tranne che cuoca, tranne che cool, tranne che bella, tranne che truccatissima, tranne che sempre sul pezzo, tranne che alla moda, tranne che…yawwwwn, noiosa e qualunque.

Basta con le ciance. Facciamoci du chiacchiere, asciutte,  terra terra piuttosto, prima che colombe e ovinikinder monopolizzino la nostra attenzione e pazienza quanto le imminenti elezioni blah chissenefrega😝

IMG_E3961

Sì sì sì lo so che pensate vedendo la foto: Ce n’avevo poco di zucchero a velo risicato nel cassetto e non c’avevo voglia di uscire a comprarlo, embèèèèèèè?????😂😌. Golose goduriose buonissime uguale. Ricetta della vera cucina fiorentina di paolo petroni la pietra miliare di casa betta, casalinghe, veraci e vere, chiacchiere di sostanza insomma, metaforicamente parlando📚

Cenci di carnevale ricetta originale del Petroni (ve ne viene un botto, meglio)

Ingredienti:

600 gr di farina

100 gr di zucchero

100 gr di burro fuso ( o 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva)

4 uova

4 cucchiai di vin santo ( o grappa se non amate il sentore di vinsanto)

la scorza di un’arancia o di un limone

sale

olio per friggere

zucchero a velo

Procedimento

Mettere la farina a fontana, al centro mettete lo zucchero, il sale, le uova,il burro, la scorza di arancia o limone e il vinsanto. Fate una pasta, lavoratela sino a che non sarà elastica ed omogenea, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare per almeno mezz’ora. Tirate la sfoglia, a mano o con la sfogliatrice. Ripiegatela su di sé e ristendetela pià volte. I vostri cenci verranno gonfi e friabili benché siano senza lievito. Friggeteli in abbondante olio bollente, il massimo sarebbe usare olio extra vergine di oliva ma andrà benissimo anche un olio di semi di arachide. Girateli più volte nel vostro tegame e quando saranno dorati tirateli su e metteteli a scolare su carta assorbente. Serviteli cosparsi di zucchero a velo o come la Betta un po’ e un po’.

View this post on Instagram

Non ce la fo a tenere le ova ni’paniere via🙈 merendino FRIGGOANCH’IO anybody????chi è con me???? 😍🙋🏻🎉 lo sapete che son la peggio per i dolci🙈 ma ok roviniamoci… quel geniaccio della Betta 😂😂😂 si prospetta una settimana di cuori troppi cuori 💕aiutoH….🙈😒😱🤣👍🏻 piuttosto: mentre trottolate con le padelle tra le frittelle e io assaggio i #cenci #homemade #fattoacasodallabetta 😋. boni, seguitemi dal 15 al 18 febbraio in sala “sVampa” 😂 = stampa official al #salonduchocolat 🍫😍🎉#milano 😍2018 vi porto inside con me dall’Interno con tutte le news succose in direttissima😜 da Knamme Ernesto #ernstknam eccetera eccetera nomi da poco ultimi arrivati insomma 😌😂momento per momento in trasferta📷 di #foodjournalist (o diciamo JournaLOST😂) altro che cenette afrodisiacheeeeeee col peperoncino rinsecchito🌶 e il toppino 💋intimo tezenisse, QUI parliamo di PURA #cioccolata😍 oh: mollate TUTTO, mollate anche il fidanzato che puah sisì: -tranquilli- non se ne accorge 😂🤣come non si accorge del resto che avete cambiato pettinatura e dedichiamoci all’UNICO vero #amore di noi #donne single sagge e illuminate🙋🏻🔝: non è lo shoppinghe hahaha👎🏻buuuu😴😆😌 Ma sì È il CIOCCOLATO!!!!!😂😂😂😘😍😍😍😍😍 non vedo l’ora di scrivervi due belle bischerate in diretta dal palchetto dei vippeS😍🍫🍫🍫🍪…. (mi trovate tra una conferenza e l’altra a fare da tappa fissa agli stand rifornimento spuntino 😋fatemi fare un po’ la toscanaccia campanilista w i cioccolatari toscani . oh ci sono bloggerall'appello per combinare guai con la Betta ci sieeeeete battete un colpo!!!!😬???🙌🏻🙌🏻🙌🏻😋orgogliosa io💃🏻) #cioccolato #chocolate #milano #milanodavedere #gourmet #foodblogger #eventi #foodwriter #bloggeritaliani #frappe #frittura #chiacchiere #fritto #dolci #carnevale #humor #italianblogger #foodblog #blogtour #travelgram

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

 

Castagnaccio in corner

Castagnaccio in corner

View this post on Instagram

Igers un Freeeedddo 😱che si bubbola: tutto-iggiorno fuori-a-pranzo-un-panino-e adesso-un-ci vedo-più-dalla-fame????!!??😂 mannimmanco per idea!!!😂🙌🏻torno dalla psicologa intirizzita con le dita che si staccano dal freddo, volevo “solo” girellare meditando ma ho svaligiato tiger, nel frattempo, voglia di dolce però non quelli da collasso diabetico, il cuore è caldo e pieno ma ci vogliamo scaldare e riempire della cosa più vera che conosco antighiaccio??: CASTAGNACCIO!🔝😍CastagnaccioSUBITO! Castagnaccio in corner! Mezzo bruciato? Meglio!😍 E chissenefrega del dolce stellato. Nutriente si fa presto e è pure sano e vegan🌱😍😋. Nonsolobiscottianatale😬. Castagnaccio is the new panettone alla betta’s😂 (Ricetta vera tratta dal vero libro della cucina fiorentina ORA sul blog ifeelbetta.com link diretto in alto in BIO⤴️. ) 🤗Buon appe, pome, e lavoro a tutti see ya next time💙 #IFeelBetta #december #recipeoftheday #cucinatoscana #comfortfood #pranzo #castagnaccio#dolcitipici #florence #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #eating #yummy#homemade #foodstagram #photooftheday #instafood #onmytable #yummy #instagood #foodstyle #healthy #cuisine

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

(Tratta e trattata dal Vero Libro della Cucina Fiorentina di Paolo Petroni)

Ingredienti x una teglia:

-300g Farina dolce di castagne o marroni

-Uvetta 70g

-40g Pinoli sgusciati

-40g noci sgusciate

-1 rametto Rosmarino (ramerino a firenze)

-1 pizzico Sale fino

-5 cucchiai di olio extravergine di oliva toscano

-1 arancia biologica non trattata

Procedimento:

Setacciare la farina dolce di castagne in una zuppiera capiente e diluirla con tanta acqua fredda (circa mezzo litro) fino a ottenere una pastella piuttosto liquida e liscia senza grumi.

Aggiungere due cucchiaiate di olio extravergine di oliva, un pizzico di sale e l’uvetta precedentemente ammollata in acqua tiepida.

Mescolare ancora e poi versare l’impasto in una tortiera tonda o rettangolare unta bene d’olio sul fondo e pareti di dimensioni tali che il castagnaccio risulti alto circa 1centimetro. E’ un dolce che ovviamente non lievita quindi come lo mettiamo è come rimane 😉

Cospargere la superficie con i pinoli, le noci spezzettate e qualche foglia di rosmarino

A me piace aggiungere qualche scorzina d’arancia ovviamente non trattata possibilmente biologica, qua e là tra gli aghetti di ramerino.

IMG_1805

Appena prima di metterlo in forno irrorare sulla superficie due sottili giri d’olio (2 cucchiai)

Cuocere in forno caldo per circa 30minuti e come da tradizione la prova più autentica della sua cottura ottimale è quando la superficie diventa bella abbronzata, croccante e screpolata

Note della Betta:

Questo è il mio preferito e la ricetta del cuore da sempre, a mio parere immeglio, a casa mia si mangia così, il dolcenondolce più dolce che ci sia, per chi ha il cuore già dolce e un po’ di scorza dura (vi ricorda qualcuno??? 😂) ma voi fatelo come vi garba. per me lo potete fa pure senza castagne 😉

Buon castagnaccio a tutti!