Cioccolato per l’anima e non da salotto

Cioccolato per l’anima e non da salotto

Come sapete sono stata al Salone del cioccolato a Milano e come sapete i miei non sono articoli di cibo (né di altro) preconfezionati senza un perché.

Voglio e amo confezionarli, se parliamo di cioccolata, io con la carta laminata dorata e vergata del mio gusto, avvolgendo qualcosa di qualità: da me non troverete MAI la solita agenzia stampa che parla di tutti e di nulla, da me non trovate la frase fatta, da me non trovate un comunicato guidato, troverete solo il mio sentire.

Tornata da Milano Betta ha bisogno, innanzitutto, oltre che di un urgente detox glicemico 😜 di far affiorare come granellini di sale sulla cioccolata, ciò che DAVVERO si porta a casa da una bellissima e -posso dirlo?- un pelo “soffocante” esperienza multisensoriale

Ci sono cose che mi hanno interessato e colpito, al di là della botta glicemica, e sono a mio parere da valorizzare e in cui credere. Ci sono belle cose come in tutto che ti fanno sentire a casa e nello stesso tempo ti portano lontano.

Sono, manco a dirlo, mi conoscete, il cibo, i prodotti e le aziende che mi hanno raccontato una storia e che raccontano una storia mentre danno la parola al gusto, una storia fatta di persone, non solo di numeri, dati, e grandi nomi deputati al grande show espositivo:

racconti  il cui aroma di fondo e l’ingrediente definitivo è stata l’emozione. Ho percorso un piccolo viaggio sensoriale e evocativo dal tatto alla lingua, ho sentito, tra i tanti assaggi  e pur non essendo, è cosa nota, un’esperta di dolci, il cuore vibrare.

A cose fatte posso dirvi che ho assistito a diversi cooking show, a qualche conferenza, a qualche speaking, ho stretto alcune mani, elargito e ricevuto sorrisi, ho preso appunti, ho scritto il mio nome con il sac a poche sotto istruzioni di una maestra cioccolataia,sono stata in mezzo a tanta gente entusiasta e ho visto e ricevuto anche la noia e l’eccesso.

A cose fatte e a salone concluso, devo dirvi che da FoodjournaList & Lost e nel mio stile, il viaggio più bello (e più buono) l’ho fatto attraverso un assaggio accompagnato dalle parole da chi ha dato materia, letteralmente, ai piccoli morsi che mi venivano offerti, la persona che mi ha raccontato la sua cioccolata era infatti quella che quella cioccolata l’aveva fatta. Interamente in Italia.

IMG_4264

Si tratta della linea  Aruntam di Joyflor, già azienda selezionatrice, importatrice e distributrice di eccellenze alimentari di tutto il mondo per l’Italia, tra cui Pacari, e di cui la creatrice, Pia Rivera, che mi ha letteralmente accompagnata in questo piccolo viaggio percettivo, è titolare.  Aruntam è una serie di tavolette di puro cacao Raw ovvero processato al minimo, completamente vegan e certificate biologiche, dolcificate con solo Zucchero di Fiori di cocco, che sappiamo essere meno impattivo sulla glicemia del comune zucchero di canna, tutte con la medesima percentuale di cacao, 72 1/2 % (un numero che simbolicamente rappresenta la Terra e concepito apposta per dare risalto alle differenze nel gusto e nelle aromaticità, della zona climatica e culturale di nascita del seme crudo, grezzo della fava di cacao. I semi utilizzati provengono infatti -solo come materia prima-  da coltivazioni locali di varie parti del mondo tutte rigorosamente portate avanti nel rispetto e ancor più nella positività del lavoro dignitoso delle persone e delle piccole comunità che hanno in quella terra le radici, secondo i principi di una Filosofia direct & Ecotrade, che in questo modo non è che si “riscattano” (che è parola brutta e degna davvero solo della mentalità di noi occidentali del bel mondo), bensì si Esaltano nel loro valore e nelle loro splendide realtà e complessità.

Un viaggio piccolo sì, ma intenso,  al primo boccone legnoso, sapido, pregnante, poi floreale,  tenue, infine sorprendente e  un pizzico misterioso -mi ha vagamente ricordato la magia della signora del film Chocolat- e poché le nostre preferenze spesso e sempre rispecchiano ciò che siamo, il mio cuore va, inaspettatamente, a occhi chiusi, con uno sguardo all’etichetta a posteriori, a un cioccolato che, udite udite- tra le tante rinomatissime qualità di cacao autoctone che siamo abituati a conoscere del sudamerica- proviene dall’Africa.

Coltivato anche da Donne.

Fatto, Lavorato, e raccontato in Italia.

 

Voglio rifare questo viaggio in mille tavolette da gustare lentamente, e sono sicura ne ordinerò a livello personale in futuro, un granello alla volta, perché come il nostro destino, affiora impercettibilmente, rispecchiandoci. E se un libro come le persone non si giudicano dalla copertina, un’ottima cioccolata  è un ottimo contenuto. Come un libro, ci porta lontano e vicino a noi stessi.

E adesso un buon Brodo detox della Betta:

View this post on Instagram

Tornata da Milano Betta needs🙈 some TRUE #RESET😱 😂, tutto bello e ve lo racconterò -sono già al lavoro per un articolo su cosa alla fine a me ha interessato e colpito davvero ed è da valorizzare, lo trovate in serata sul Blog⤴️); E allora, domandina⁉️, cosa fate voi amici quando avete bisogno di resettare depurarvi da un overdose di cibo e di dolci che vi lascia rincoglioniti😫? personalmente, ho una mia #ricetta infallibile🙋🏻miracolosa e depurativa di pasto-del-giorno-dopo😜 che non mi tradisce MAI in questi casi, che mi reidrata, che mi ricostituisce e reintegra e detossifica🔝, ed è il Brodetox di Betta😍. Questo vi rimette al mondo e ora vi spiego come farlo: provatelo se avete esagerato "con qualunque cosa", io di solito ne faccio una pasto-medicina🍃insieme, come oggi, a una padellata 100% #vegan spesso costituita dalle stesse #verdure con cui faccio il #brodo o altre, più del #risointegrale e una quota di proteine vegetali come gli edamame e/o il tempeh, sono tutti alimenti altamente depurativi ed energetici, niente di triste e sconsolato (figuriamoci, io 😜) scommettiamo che il vostro stomaco vi ringrazia e vi fa tornare la voglia di ripartire a bomba a fare quello che amate😍?🙏🏻 ⭐️Il mio brodetox depurativo RICETTA: Ingredienti per circa 1/2 litro di brodo (si conserva 1/2 giorni in frigorifero) 500ml acqua 1 pizzico di sale marino integrale 1 manciata di funghi prataioli 1 fungo secco shitake 1/4 cipolla bianca 1/4 cipolla rossa 1/2 carota e le sue foglie 1/2 zucchina 1 foglia di verza spezzettata 1/2 gambo di sedano con foglie 2 ravanelli con foglie 1 cucch. di prezzemolo tritato 1 chiodo di garofano 1/2 cucch. cumino essiccato 1 cucch. di #miso bianco 1/2 cucch. #Curcuma 1 pezzetto di zenzero Tagliare tutte le verdure a fettine, aggiungere il prezzemolo e le spezie e il fungo shitake secco, ricoprirle di acqua e lasciarle sobbollire insieme a un pizzico di sale marino per circa 1/2 ora, successivamente aggiungere lo zenzero e, (mi raccomando a fuoco spento se no perde gli enzimi) sciogliere nel brodo 1 cucch di pasta di miso e la curcuma. Accanto le stesse verdure saltate con #tempeh, #edamame , riso, olio e #semidizucca . BUONA DOMENICA!!!🙏🏻

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Annunci

Come non si usa un blog

Come non si usa un blog

Alert: post che richiede minimo Q.I. (conoscendovi, so che molti di voi ce la possono fà 😜💙😁)

Io sono un po’ come quei bischeri ammericani del fightclub.

L’unica regola è nessuna regola, ti ricordi?

L’unico modo di essere Blogger è di non essere Blogger solo per contornare un social, perché fa anonimo non avere un link cliccabile, per finire a seguire uno stravisto tutorial passopasso per attirare un pubblico altrettanto annoiato. Il Blogger è Asocial per definizione, il Blogger è fuori moda, il Blogger è scorza.

Sebbene ‘Crescere’ (ma che vol dì, poi😝, c’ho già 33 anni casomai vorrei ringiovanire! Che termine orrendo…) su instagram, o nei vari social, lo sappiamo,  sia facile, in particolar modo coi mezzucci (chiamali bot, chiamali gruppi, chiamali prostituzione) di cui purtoppo facciamo conoscenza anche nostro malgrado perché ce provano a arruolarti senza neanche il consenso: ad esempio chi come me c’ha scritto in fronte grosso come una casa un cartello in caratteri nonna-friendly: NON mi invitate, graZie, non ME lo fate il ‘gentile’ pensiero di onorarmi con inviti a gruppi, sette, regolamenti, intrallazzi massonici, ecc ecc😂  su telegramme whatsappe facebookke ecce ecce di ‘scambio ‘ favori per ‘crescere insieme’. Io so ANTIPATICA, lasciatemi restà piccina e spennacchiata da sola✌🏻.

 

Sono in molti a chiedermi in privato via email e/o messaggi privati (e altrettanti a contrariarsi indispettirsi e lanciarmi le macumbe😂🙌🏻: cosa che io con molta semplicità esorcizzo a suon di economiche trecce d’aglio per altro già appese in casa sopra i mestoli -mica le compro apposta- se funziona bene se no pazienza ci fo i funghi trifolati😅) di come un blog come il mio senza nicchia né specializzazione di settore alcuno,  tranne le contraddizioni e la vastità delle emozioni e umori della vita, possa avere tanto séguito – meritato o immeritato non è questo il punto- e lettori Veri come sono Veri i rastrellatori di conchiglie, come sono Veri i raccoglitori di Storie. Mi si chiede Come fare a non essere ilSolitoEnnesimoBlog di corredo -giusto per avere il suo posticino nella BIO – corredo a una massiccia quanto inquietante popolarità nell’inconsistenza dei social,  quel linkino tutto nome e niente Arrosto che esclama la sua esistenza tantoper:

anch’io hounblog!” (ma dai😒!??) “misofattailblog!” (a firenze diciamo sì, bella fiha😂) “vieni a trovarmi sul mio blog! ” “Clicca mi piace al mio blog!” (Leggi il mio blog, quanto meno, sarebbe una sfrontatezza più pertinente, se proprio si deve chiedere un’elemosina), Macchè! “Metti like perché ho la faccia di bronzo di chiedertelo in quanto perfetto nessuno, mica perché mi conosci, perché di sicuro , dai, perdi meno tempo a cliccare il cuoricino che a conoscermi e a farti magari pure il problema di che cafone sei se a una richiesta svergognata e estorta non sai come spiegare che ti imbarazza, e un po’ crea disagio, sta confidenza sta invasione molesta, ti tappi il naso e assecondi per tagliare la testa al toro un narcisismo imperante come linguaggio che ti inorridisce, ma a cui -a mmettiamolo- per far presto e togliersi la crisi esistenziale ogni due secondi, cuoricizza e taci insomma.

Deprimenti le ridicole linee-guida-tutorial e le liste di consigli per fare il perfetto blog portandoti ad avere il perfetto delusion-blog che smonta e sconsacra sconsolatamente la suddetta fama che uno ha sui social per via del Sovrano Algoritmo che si è sostituito al già agghiacciante Re televoto. Il linkino a Un contenitore senza contenuti, male aggiornato, mal impaginato mal-amato mal scritto e soprattutto mai letto nel bene e nel male quindi neanche sottoponibile a fregiarsi di macumbe 😁, mi si chiede di come posso essere Incisiva e appassionante blogger senza seguire alcuna moda o trend o filone o meme (menchemai facendomi incalappiare in nazi-gruppi di  cosiddetto mutuo-aiuto come scorciatoia per forzare a suon di mezzucci e minacce psicologiche -che nemmeno vannamarchi-un Consenso un Talento che evidentemente non c’è ), ma ancora ancora più come mai – mi si chiede– ho un blog che Funziona (non tecnicamente, caro wordpress,😒, quello no) in quest’era in cui avere un blog è tremendamente da sfigati, o tremendamente difficile, o tremendamente da ossi duri, o tremendamente da pazzi suicidi outsider, e tremendamente considerato –a ragioneSuperfluo e innecessario.

Ecco che qui il Blogger Vero, è di nessuna galassia la stella polare a cui si guarda per orientarsi senza saperne il perché, senza altra regola che non sia scritta fin dall’inizio nella pelle, senza che quel punto dell’universo sia nientaltro che se stesso: un agglomerato di incandescenza e pietre nere, probabilmente pure già estinto e spento 5000anniluce fa.😱

Porcatroia Nietzche a me m’avresti fatto da paggetto. Da Semola della spada della roccia o forse da Anacleto iggufo. Da passeggero e consigliere se proprio ti ripescavan di riserva😂😌

Avere un blog “sentito”, libero da formalità impostate, che le persone effettivamente leggono amandolo o detestandolo da più di 15 anni, e che nella sua spontaneità ha la sua fortuna: Questo non è da tutti, è da temerari e quel pizzico incoscienti -ce ne sono tra voi ottimi adorabili esempi, vi vedo💙-  che prima di essere Blogger sono e saranno sempre Lettori.

È molto da “Betta”. 💙

In parole povere e soldoni: Se siete Perfetti e volete solo convincervi e convincere dell’utilità e vantaggio di avere un blog: Non avete bisogno di un blog. E nemmeno noi.😇😁

vai, Domani mi riopero e si vede che son melodrammatica e lirica oh😂, abbiate pazienza, guarda il polpettone che t’ho sfrittellato per pranzo😍. Roba buonissima😋 che sarebbe bastata a non dare questa cazzo di importanza alle parole.

View this post on Instagram

Avete mai provato a mettere in casseruola Ceci, funghi porcini, e gamberi? Eccco: FATELO. Adesso. IIn barba a ogni pregiudizio sui sapori fuori dai tradizionali abbinamenti. Perché viene una cremina profumata avvolgente e calda che armonizza tutti i contrasti degli ingredienti dal mare, dai monti, e dalla terra. Inaspettatamente un piatto ispirato dal fatto che c’era stamattina lil delirio prefestivo al super e presa dallo sconforto ho giusto tirato su a istinto due cose per far la cassa veloce e surclassare i carrelloni galattici con: Risultato da leccarsi i baffi e da coronare con una generosa scarpetta di baguette fresca di forno. 😍E poi mi dite se non c’avevo ragione.😍PranzoRidendo come una matta (come me stessa😅) per il tbt di un amico @rrcorsi che ha ritrovato note folli scritte da me a penna nel leggendario 2003 (orcaboia…una vita fa!😱) e constatando che in effetti la mia firma stranchia è sempre uguale😅, così come lo stile innato di uscirmene con le peggio cazzate nonsense che un senso ce l’hanno tutto eccome nella mia logica (se poi mi sono servite su un piatto d’argento adoooooro😍 la gente che me le serve su un piatto d’argento) montando un gioco sul gioco su un dramma su un gioco nel profondissimo codice d’onore che unisce e rende complici, litigiosi, sputanzani, pavoni teatranti due anime trovatesi a loro discapito a essere uguali nel paradosso di chiedersi cosa è più amore: ridere fino alla morte o farsi male fino alla morte? E se fosse un misto fra le due e non avessimo mai dovuto Scegliere tra l’una e l’altra? Se non avessimo pensato di doverci per forza e sotto torchio Salvare e quindi scappare da qualcosa che erano insopportabilmente tutti i meno artificiosi pensieri della nostra vita? non sarebbero rimaste cose poi così Aliene in fondo, che in fin dei conti, sono le più vere e umane. Il sorriso, e la morte. Per tutti. In pratica siamo scappati -pensando di salvarci- dall’essenza pura e semplice della vita stessa. E ora facciamoci i complimenti, amico, che siamo due amabili idioti, uh, e magari c’è tempo di ridere fino alla morte di me che do lo straccio(hahaha) e tu che fai la pasta al tonno (hahahah)😜! see ya next time💙#IFeelBetta

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

(Parentesi in calce: La prossima settimana sono in edicola su TuStyle)

SalvaSalva

Mangio poca cioccolata

Mangio poca cioccolata

Giorgina….riscriviamo una canzone il cui oggetto non può MAI, per sua natura, essere TROPPO! ma poi torniamo a un’apparente decenza😜. e così via. che la vita è una montagna (di cioccolata) russa. ma anche svizzera. ma anche belga. ma anche artigianale. ma anche italiana. purché sia dolce. purché sia tanta.

View this post on Instagram

…Buon Marte! Io VE l’avevo detto eh che qualora mi fossi svegliata da sto impasse mi sarei tuffata in una vasca di cioccolata come fioretto-reverse (chiamasi anche ricatto della misericordia alla Betta’s🙈😂😜)…. “Signorina nessuna indocazione particolare magari si tenga leggera in sti gg…” DETTOFATTO: 😂🙈Guarda come sono ligia e morigerata: 1 fetta di cheesecake sommersa dalla colata di cioccolato, MICA l’intero tondo di cheesecake!!! 😱😬dottore io sono la paziente perfetta! E adesso Venerdì secondo ROUND🙁😕😒😔vabbè vabbè dai, ormai sta settimana è così, almeno si spera di sbrigare tutto prima di Natale così lo passo più serena e tranquilla e anche quello zoo della mia family via. VOLEVO DIRE GRAZIE 🙏🏻🙏🏻🙏🏻gigantesco a tutti coloro che mi hanno pensata o scritto messaggi 💙e auguri LI HO APPREZZATI TANTISSIMO ALMENO QUANTO APPREZZO QUESTA CHEESECAKE ABBOTTA 😂😍ALLE 9 di mattina: ovvero 💙💙IMMENSAMENTE😍😍🙏🏻💙💙grazie di 💙💙💙 buona giornata see ya next time💙 #IFeelBetta #food #instadaily #dolce #pasticceria #foodstyle #food4thoughts #colazione #breakfast #cibo #onthetable #firenze #sweet #eat #chocolate #foodaddict #cappuccino #foodgasm #foodie #florenceitaly #foodlover #foodpics #december #instafood #photooftheday #yum #foodblogger #chocoholic

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

Pranzo a casa!!!!! Tranqui tranqui (me lo dico da sola, ieri non è stato nulla😅in confronto alla fifanera che c’avevo , grazie di tutti i vostri preziosi mess scusate se non sono ancora riuscita a rispondere singolarmente ho fatto un po’ fatica a stare dietro a tutto anche se surfare la timeline di ig mi ha tenuto tanto compagnia 🙏🏻💙con tutte le vostre belle fotine💙 e le vostre giornate di fermento natalizio e non😜🙏🏻💙 ) tanto poi Venerdì rison lì “allegramente” 🙈a terminare il grosso dell’opera, inutile dire che hai voglia a tirarmi le bastonate in capo a mo’ di stordimento, ero grulla e sveglia e pepolina e arzilla come e peggio di’ solito😂 (prendiamola sul ridere và😂) comuuuuunque ORA ci riprendiamo un minimo di DIGNITà e DECENZA eh dopo la troiaiata di stamani🙈😁😂😋 torniamo a un pranzetto sano e super moodfood per non rovinarsi la reputazione di quella un po’ sana (e la glicemia🙌🏻 anche perché così Venerdì a cose fatte posso farmene tranquillamente una seconda fetta della staffa😋 alla pasticceria accanto alla clinica) OGGI Bettabowl in grazia al sole che splende e alla vita di lattughino,Kale, indivia belga finocchi tutto RAW con capperi, riso rosso e affettato di mopur e mix di semi oleosi ai pomodorini secchi, e la mia stella alp…ah no come si chiama, la stella di natale😂felice dono di rientro a casina. Gnam gnam, buon pome a tutti un po’ di riposo e poi recupero il lavoro piano piano see ya next time!!!💙#IFeelBetta #december #recipeoftheday #natale #comfortfood #pranzo #mangiaresano #flowers #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodideas #foodlove #eating #yummy #homemade #vegan #photooftheday #instafood #onmytable #tasty #foodstagram #foodstyle #healthy #healthyrecipes #dietasana #superfoods

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Tanto prossimamente appena recupero il ritmo di lavoro dopo le vicende della salute da sistemare vi propìno a tutti il menù della salute della Betta del nuovo anno nuovi inzi nuovi buoni piatti e progetti. (insieme a tutti i cattivi propositi😁)

Chi c’è a colazione, metto quanti caffè su

Chi c’è a colazione, metto quanti caffè su

IMG_0338

.. Sì lo so lo so che non vanno più di moda i biscotti “al” o i biscotti “con” o i dolci “da” in genere, ma questa è una ricetta con tutti gli attributi😜, a cui non tolgo una virgola, per una colazione classica, per un buon risveglio, per una coccola, per il tè, confesso che mi ha risolto più di una cena o come lo chiamo io, un pre-divano😂, o una merenda come quella che mi faceva trovare la mia nonna. Con tutto quello che serve, la trovate anche adesso sul mio blog link diretto in alto nella bio!!! I mitici biscottoni da latte tratti dall’altrettanto mitico Pellegrino Artusi (che di parole sue l’ha già descritta benissimo meglio di me nel suo libro caposaldo di ogni cucina) , un classico, a casa mia, che non finisce mai di dare con gioia il buongiorno.

 

Ingredienti per una teglia grande o due piccole

 

  • 250 g Farina
  • 250 g Burro
  • 50 gZucchero a velo
  • 5 gAmmoniaca
  • 1 presa Sale
  • 1 g Vaniglia in polvere
  • 100 millilitro di Latte

 

Step 1

Fare una fontana con la farina e aprire nel mezzo un incavo in cui inserire tutti gli ingredienti elencati tranne il latte

Step 2

Cominciare a impastare con le mani e nel mentre versare a poco a poco il latte per ammorbidire e amalgamare il tutto fino a ottenere una pasta abbastanza consistente ma stendibile, e spolverizzarla con un poco di farina

Step 3

Con il mattarello stendere su un foglio di carta da forno una sfoglia dello spessore di circa mezzo centimetro e bucherellare tutta la pasta con i rebbi di una forchetta

Step 4

Tagliare con uno stampino di forma quadrata o rettangolare o semplicemente a rettangoli con il coltello, io preferisco farli a quadrati piuttosto grossi e larghi circa 5cm x 5cm

Step 5

Porli in una teglia ricoperta di cartaforno ben distanziati tra loro e cuocerli circa 12/15 minuti in forno statico caldo a 180, a seconda della grandezza controllate quando sono dorati è normale che sembrino ancora morbidi ma poi prenderanno la loro consistenza

Step 6

Togliere la teglia dal forno e una volta freddati conservarli in una biscottiera pronti per ogni occasione!

Note

Non facciamoci spaventare dall’ammoniaca in polvere, è un ingrediente comunissimo, può rilasciare un odore acre in cottura ma sparirà una volta cotti e freddati e si trova naturalmente in qualsiasi supermercato, a mio avviso è l’ingrediente chiave che rende questi biscottoni così fragranti adatti per l’inzuppo 💙

Link

Biscotti da latte e colazione dell’Artusi su Manjoo

La torta estòrta

La torta estòrta

…Che quando ho visto la foto caricata ho detto: madonna però guarda che bella pizza al pomodoroche ho fatto.😂 😂

View this post on Instagram

👻Buon marteeeeeee giornatina ventosa e pastasciuttina veloce e calda, Spaghetti integrali fagiolini brie fondente noci e menta, super yummy 😍😍😍😋nella ciotola bazar da istanbul, mi girano♻️ che non ho dormito ma chissenefrega dormo mentre lavoro😂anzi è proprio nei sogni che mi vengono le idee migliori😁comunque stanotte che unn'ho chiuso occhio si vede cambia i'tempo la stagione (mai che mi si cambiasse mai la stagione dell'armadio 👕👖👗da sola oh che c'ho du cose in croce due di numero e ogni volta mi fa una fatica togli UNA maglia mettila in un sacco, leva dal sacco e metti piega UNA maglia che palle🙈😂 – ve l'avevo detto che eran DUE oh😂😂 in effetti ce le potrei lasciare entrambe 🤔😂 ma mi serve spazio per i pigiamoni e i libri) insomma ero entrata un attimo su facebook per tenermi aggiornata che di giorno se dio vòle non c'ho mai tempo per fortuna🙌🏻per ingrullirci, sfrullo i commenti c'era la Paoletta m'ha scritto una roba tipo i tuoi piatti sono una KALAKAGATHIA😂, ora va bene i miei studi umanistici raffinatissimi di un secolo fa😇 ma secondo voi la prima roba che mi viene in mente che potrebbe significare???? ecco, esatto, QUELLA K…ATA "" PAZZESCA famosa😂 ho detto VAIIIIIIII ci siamo arrivati alla voce della verità che son la peggio a cucinare😂👏🏻💃finalmente ve ne siete accorti😂! e ridevo da sola poi m'è venuto un dubbio di dignità straziata😝 hahahah e sono andata per scrupolo a vedere l'etimologia, latino no perché lo avrei saputo, oh era dal greco e in parole povere significa "una cosa insieme bella E buona" ellllllapeppa oh 🎉son andata a nanna contenta😍 và (comunque non ho dormito lo stesso all'idea di'cambio dell'armadio👕👗👖😂) buon tuesday afternoon ig friends see ya next time!!!💙 #conditaarmonia 👑 #instaeat #cucina #foodlove #foodstagram #foodofinstagram #foodie #foodpics #lifestyle #instadaily #recipeoftheday #thefeedfeed #phootooftheday #bonappetit #huffposttaste #buonappetito #instafood #foodblog #solocosebelle #pranzoitaliano #onthetable #food4thoughts #f52grams #ifoodit #foodideas #ricette #healthyfood #spaghetti #vegetarian #yummy

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

eccciaooooo mercole igers💙mattina impelagata dalla psic👍, e chi sono io per non fare anche la mia versione catorcia😁 della #tortadimele ??? No vabbè catorcia oh, a occhio catorcia parecchio😂, ma l'è quella del libro del Petroni👑mica l'almanacco sorgermana&fratendovino🙌🏻!!!(sicuramente bona pure quella infatti la proverò🙋🏻 che credi)!!😂……. è che me la sognavo da giorni, è che avevo un botto di mele, è che la vedevo dappertutto tra chiacchiere, negozi, internet, blog, instagram, e che tra poco ne parlano pure al tg😂, è che il gelato non mi va più a merenda, è che c'è i marmocchi vanno a scuola e intasano i bus, è che a me personalmente me ne hanno fatte poche nella mia turbolenta vita di torte con amore, è che se vedevo una torta o ne pregustavo il profumo di solito era fatta per qualcunaltro, o a me non avvicinabile o permessa, pena il costringermi a chiedere un preventivo perdono dell'insolente arroganza di desiderarla, è che ho sempre voluto essere "consolata" da una torta senza un perché, o festeggiata con una torta dai mille perché da onorare ogni giorno, o magari semplicemente perché fare mangiare e ricevere e condividere una torta è solo bello, insomma non lo vuoi trovare un motivo valido o non valido per correre a casa preparasi uno sbrigativo pranzo con una mano sola mentre con l'altra (e quasi coi piedi😂) si spicchiano le mele si rompono le uova si centellinano i pinoli e si da una mescolata all'impasto ansiosi che il forno la abbracci e ne sprigioni quel momento magico in cui, sempre da un'altra stanza, cominci a sentire il primo profumo e il tepore caramellato di intima gioia, che la torta di mele regala a chi ha voglia di farsela, che non sarà mai solo. Anche quando non c'era, perché so che io di torte di mele ne voglio fare tante.💙Aspettami lì a raffreddare signorina, mentre sgobb…ehm…mentre lavoro in postura elegante😁😂Have a great afternoon and merendes ig friends, see ya next time!!!!💙 #conditaarmonia #foodpics #food4thoughts #f52grams #ifoodit #foodideas #ricette #lifestyle #instadaily #recipeoftheday #thefeedfeed #phootooftheday #bonappetit #huffposttaste #buonappetito #instafood #mele #apples #tortafattaincasa

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Estate sì, di sanmartino, gemmea l’aria e blablablà.

Estate sì, di sanmartino, gemmea l’aria e blablablà.

View this post on Instagram

oh so monday #lunch my irony dose for the week with hamburger meat patties #homemade and #lowcost still juicy and delicious i pattied them as a real spongebob apprentice😂💃🍔🍟🍔🧀 did you watch their deep-profound cartoon when you were younger? i did and was a fan i never lost a time on tv during my university days (well grown adults😂with culture😂), then put on fresh spinach raw salad and trifled garlic/parsley shrooms and carrots 😋, nice brown rice to pair with just olive extravirgin on top for a->top🔝 autum dish best for summer which already annoyed me hahahha lol, have a nice day my ig friends put a smile in our meals and in our mood and manners because those will become our thoughs and colours of soul! 🙏🏻 let's go work see ya next time have a great start kick!💙 #homemade #lowcost 💙👋🏻🦁 #happy #instafood #nofilters #eatwhatYOUare #feedyoursoul #foodlove #foodpassion #huffposttaste #nourish #foodies #food4thought #realfood #intuitiveeating #instafood #instagood #happyisthenewhealthy #recipe #healthy #foodporn #foodphotography #foodblog #foodbloggeritaliani #thefeedfeed #onthetable #secucinatevoi #ifooditalia #otcucino #lifestyle

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

oh so after dinner #treat, ig friends!😍😋 how was your monday have you crawl crying at the floor OR put a smiley shade to our week start??? i chose the latter!!!!!! 😍 🙌🏻 deserve or not i made this #cherry custard #cake called #clafoutis for next days breakfast table-spread, following @profumodicannellaecioccolato 😍 for a twiste on my usual recipes that i sure to trust (Thanks, Valentina!!!🔝), just adding a puff pastry shell base because i had to consume, and the ugly bad-cut corners i kept for my evening #dessert yup😋🍒! (arent they sometimes the best part?!😂) can't decide which slice to eat now and what to leave for tomorrow morningggggg right or left left or right…in the meantime i do pick a cherry with finger and leave a huge unwatchable hole in the cake😂 , i'm having shower🚿 now with full belly because i never respected the rule about waiting 3 hours min after meals 😂 as parents and prudence recommended, did you ever? now or then i will drow there 😫😂 see you next time. hopefully 😂. eat well and have fun and #sweet dreams <3<3 💙 💙👋🏻🦁 #dolce #instafood #nofilters #feedyoursoul #foodlove #foodpassion #huffposttaste #food4thought #intuitiveeating #instafood #instagood #happyisthenewhealthy #foodporn #foodphotography #foodblog #foodbloggeritaliani #thefeedfeed #onthetable #secucinatevoi #ifoodit #otcucino #lifestyle #pastry #ledolcitentazioni

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on