Per questo, mio padre. Couscous alla marocchina.

Per questo, mio padre. Couscous alla marocchina.

 

C’era una volta la festa del papà.

…Poi ho voluto fargli un pranzo vegetariano.

….😒 (lascio a voi immaginare la mia espressione – e la sua.)
Comunque.

La felice uscita del giorno del mi babbo…

”te Bettina eri una bambina brava PERCHÉ non chiedevi mai nulla.”

Il fatto che non chiedessi nulla, perché vivevo in un clima di terrore psicologico che mi guardava bene dal farlo, non significa che NON ne avessi bisogno…

😒 (lascio a voi immaginare la mia espressione. in questo caso soltanto la mia.)

C’era una volta la festa del papà.
Finché non ha voluto a tutti i costi e provare in tutti i modi e colori a rompere i coglioni e a farmi cascare le braccia.
Riuscendoci.
( e non sto parlando del menù.)

 

IMG_E5529

 

 

Come ogni festa del babà che si rispetti sono stata costretta poi a portare fuori il mi babbo a pranzo (visto che cosciente com’è e interessato a quello che fa sua figlia -e come lavoro, e come passioni- in pratica è rimasto ancora a livello di ascolto di quello che- appunto amerei condividere con lui – ad anni miei 3 quando chiaramente non sapevo neanche arrotolare uno spaghetto nella forchetta e li mangiavo col cucchiaio, spezzetati….dicevo amerei condividere e chiacchierare con lui, se solo , non appena osassi accennare di qualcosa per una volta che riguarda ME, e non lui (e che nella mia ingenuità ancora spero possa minimamente fargli piacere, non parliamo di esser orgoglioso di su figlia, ma almeno fargli un filino piacere, nulla, i mulini a vento) invece tocca scontrarmi con un muro d’autismo autocentrato in cui la risposta al mio solo esitare prendendo fiato a una frase, è iniziare di punto in bianco a virare violentemente il discorso in sua direzione con una qualsiasi cosa a caso che non c’entra un cavolo con la mia purché riguardi altro e non si prenda la briga di legittimarmi, e che dimostra la totale assenza di tatto, sensibilità e pure educazione, nella sua totale indisponibilità nei miei confronti, finisco a ascoltare i suoi prolissi monologhi a senso unico ove l’unico oratore e interlocutore dei nostri “discorsi” è univocamente lui.

Che se le parla, che se le ascolta, che se le compiace, e che soprattutto se le racconta. (e io non ci casco più); a fine di tutto, si vanta e si glorifica, magnificandosi, per poi cadere nel vittimismo più lamentoso, tossico , ed emotivamente vampirizzante, lungo da che ricordo: la solita lagna dell’accanimento del destino cattivo che ce l’ha coi buoni e equilibrati come lui, e del mondo di poracci che lo circonda (tra cui- sottinteso ma esplicito- noi sue figlie che ci ostiniamo ad amarlo), e che lui, come un bimbo santo dalla troppa bontà, stoicamente ogni giorno sopporta in questa dolorosa e misera esistenza.

….ecco mio padre.

…..stringiamo tutti la mano a mio padre. 👏🏻 …adesso diciamogli bravo bravo.

E poi giriamo i tacchi o le superga o le rebook dissuolate per un’altra strada. La nostra vita. In cui così tante certezze non le abbiamo. Ma siamo disposti a comunicarle e ad ascoltare le bellissime incertezze degli altri. Non viviamo nell’ingratitudine e non passiamo ogni signolo giorno a disprezzare la qualunque per non dover mai guardare dentro di noi, ma siamo pronti e aperti, felici o arrabbiati e infelici, a scoprire, che la vita può sorprenderci, che noi stessi possiamo sorprenderci: se solo abbiamo il coraggio di guardarci e accettare il nostro io, per poter guardare con occhi curiosi fuori del nostro ego. Scoprire che possiamo essere amati, ma che soprattutto siamo CAPACI di amare. Quella che tu chiami poraccitudine, è la mia forza, babbo.

Per questo, lungo la mia strada, ti vengo a prendere e ti porto fuori a pranzo, perché a te piace così, e IO non ti farei mai quello che tu fai a me. Cioè non riconoscere, non vedere, non ascoltare, non rispettare, l’impalcatura della vita che ti sei scelto e difeso.

 

—–

 

Ma ora pranzo! 💃🏻* Couscous alla marocchina versione vegan con una cisterna di cumino dentro che è una tra le mie spezie preferite 😍in assoluto, quanto mi piace! voi ne avete una preferita?? ditemela!!!! Vi piace il cous cous quello vero😂alla marocchina? oh comunque anche il mio è bono lo faccio con la ricetta del libro! Di solito si mette il cous cous sotto e si versa la verdura coi ceci col loro brodino speziato sopra, io ho mescolato tutto insieme perché tanto poi anche quando lo faccio secondo la ricetta original, prima di mangiarlo lo mescolo poi tutto insieme😂 e quindi mi sembrava giusto farvelo vedere pronto al morso😜😘

Couscous alla marocchina

IMG_E5529

Ingredienti x 4 persone

.

Per il cous cous

2 tazze di couscous precotto
2 tazze di acqua bollente
sale fino
olio evo

Per le verdure

2 cipolle dorate
2 spicchi d’aglio
4 carote
3 zucchine
2 patate
2 pomodori maturi o concentrato di pomodoro
1/2 kg di zucca
1 rapa bianca
1 scatola di ceci lessati
1 cucchiaio di dado vegetale fatto in casa
sale marino integrale fino
olio evo

Per il “Ras el Hanout” originale

1 cucchiaino cumino
1 cucchiaino coriandolo
1 cucchiaino curcuma
1 cucchiaino aglio granulare
1/4 cucchiaino pistilli di zafferano
1 cucchiaino zenzero
1/2 cucchiaino peperoncino rosso (o e preferite paprica forte)
1 cucchiaino pepe nero macinato
1/2 cucchiaino pepe cubebe o pepe grigio
1/2 cucchiaino noce moscata in polvere
2 pezzetti macis (o aumentate le dosi di noce moscata)
1/2 cucchiaino cannella in polvere
1/2 cucchiaino chiodi di garofano in polvere
1 bacca cardamomo nero
1 bacca cardamomo verde
1 cucchiaino semi di finocchio
1/2 cucchiaino anice stellato
2 foglie alloro secco
1 cucchiaino boccioli di rosa o fiori di gelso
1 cucchiaino lavanda

▶️Ma potete trovare la miscela già pronta come ho fatto io e procedete nella ricetta usando questa al posto delle migliaia di spezie da tostare e pestare al momento.

Procedimento

Pelate e tagliate le verdure a dadini e tenetele da parte. Affettate la cipolla e tritate l’aglio. Intanto portate a bollore acqua per preparare il brodo con il dado preferibilmente fatto in casa da voi.

In una pentola capiente rosolate l’aglio e la cipolla, unite il mix di spezie dosandolo secondo il vostro gusto “speziato”, unite il pomodoro e il brodo e quando avrà ripreso bollore le verdure in ordine di cottura: per prime carote, zucchine patate e per ultime zucca rape e ceci. Cuocete la zuppa per circa 30 minuti a fuoco dolce.

Preparate il cous cous portando a bollore l’acqua salatela aggiungete l’olio, spegnete la fiamma e unite il cous cous coprite e lasciare riposare per 5 min. Trascorso il tempo versatelo sui piatti singoli e formate un leggero foro nel mezzo. Versate sopra il cous cous le verdure e servite il brodo caldo a parte da cui ognuno potrà servirsi.

Io, come ho detto, porto in tavola già tutto mescolato 😜

Annunci

Nel buio🌧 dipinto di blu💙

Nel buio🌧 dipinto di blu💙

View this post on Instagram

oh so: (c'ho una caterva di lavoro da fare😱sbrigatiiii😂) #lunch veloce bono e Bluocchieggiante di mirtilli💙 e #mozzarella perché mi sembra l'ovvio dell'ovvio no…che azzecco il giorno della mozzarella FREDDA 🙌🏻😂 quando FA FREDDO tipo piove grandina trombada furmina e tòna ecc e le robe in forno INVECE le fo quando c'è 40 gradi che si potrebbero cuocere da sole e forse se le infilo in forno quasi mi stanno al fresco e si conservano bene fino a domani indiper cui tutto sto discorso che i cannelloncini ripieni ribelli che volevo fare stanno lì buoni buoni zitti a domani che "decantano"(?)a e un classico dei miei: usciranno boh la roba più strana, la roba più impensabile e diversa da ciò che doveva, e che, naturalmente, si mangia uguale 😂ecco, l'ho trovato il nome perfetto del mio stile di foodie disastrosa come un diavolodellatasmania gastrOSTROGOTA tipo unno tipo attila appena mi metto a cucinà qualcosa anzi proprio se metto piede dove c'è qualche arnese che ha a che fare col cibo (ma quanto mi diverto!): elisabetta che mangi oggi? ti rispondo CiBOH?!? Faccio piatti BOH, faccio piatti a caso, accàso accàsa, coicchec'è,coicchec'ho, e spesso anche coiccheunc'ho, soprattutto l'ultima. E quindi che ci hai messo? BOH! ci ho buttato un po' di cuore. 💙 —Voi che mangiate invece bellegenti? che rabbia vorrei venirmele a vede tutte e mi devo dare una mossa invece ufff metto itturbo!😂See you with next news and foodWhats?? 💙 deliciously casual accidental homemade lowcost dishes, my food is food? dunno, sure it is FUN, sure it nourish me, sure it feed my happy vibes. a huge hug my ig friends have a great afternoon i'm back on work in 2 minutes so i better munch because i am NOT a multitasking person and food is one maybe lonely thing in life that i prefer to words, both are my dna, by those is made my blood. 🙏🏻 Buon appe😘!!!! 💙Happyisthrnewhealthy💙!#foodstyle #foodblog #eattherainbow #feedyoursoul #foodpassion #nourish #food4thought #realfood #intuitiveeating #instafood #foodporn #foodphotography #kings_Masterchef #thefeedfeed #onthetable #secucinatevoi #ifoodit #llifestyle #tentarnoncuoce #healthyfood #cucinandoarte #italianfood #topitalianfood #food52grams

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

View this post on Instagram

🦁oh so #lunch la madunina se son di corsa😱 e come volevasi dimostrare più c'ho fretta di mangiare per rimettermi subito a far le cose e più comincio a spippolare le manopole (rotelle) come le chiamate voi? difforno😂 brum brummm sembro sai quei piloti INCOMPETENTI quando gli fanno provare la porche😂 o il modellino dell'aeroplanino telecomandato sullo stagno dei cigni ecco uguale….faccio i balocchi e c'ho iffoco sotto al c*** come si dice a #firenze😂 scadenze scadenze confezioni cestini scritture pacchetti x i guests montagne impegni lavoro tutta roba che se io fossi normale QUANTOMENO me la appunterei su un agendino di una cassadirisparmiofallita che me le tira dietro e son pure del 2002…e invece NO, diliri e senza coscienza dei miei sconfinati LIMITI…tutto nel cervello bucato che infatti perde pezzi da tutte le parti, li ritroverò tra un secolo in compagnia di tutti gli accendini che si imboscano da soli mentre non li guardo😂 …comunque ho fatto le #chips di #potatoes e carote con la buccina e l'insalata di gamberetti e zucchine e le scagliette di coccofrescoccobello ci ho buttato a caso l'alloro perché il ramerino era deperito un botto e non si vogliano più noi le robe secche e malaticce da queste parti 🖓💃👐bella la latifoglia panciuta, ci stava parecchio bene, provatela una volta sulle patate arrosto tanto se non vi piace io sarò già sotto protezione testimoni degli intossicatori redenti 😂e pentiti.🙏 Un abbraccione amici hugs my ig friends let's end up eating and see ya next time with my what?the?foods? (coi miei piatti di CiBOH? accaso) e le VOSTRE delizie 😋 bone e belle sul serio a riassestare l'equilibrio nell'universo🙏🏻💙 -ma da voi è anche aria di tempesta? una mia nipo c'ha il febbrone!😭- curioserò da voi spero prima che mi si sradichi l'antenna e i segnali wifi isolandomi dal mondo più di quanto sono già 😂😘💙#foodstyle #foodblog #eattherainbow #feedyoursoul #foodpassion #nourish #food4thought #realfood #intuitiveeating #instafood #foodporn #foodlove #foodphotography #kings_Masterchef #thefeedfeed #storyteller #secucinatevoi #ifoodit my #lifestyle #tentarnoncuoce #healthyfood #cucinandoarte #italianfood #topitalianfood #food52grams

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on