……and I feel

Non sono solita ultimamente scrivere riguardo parti e pensieri intimi e non sempre piacevoli o ridanciane parti di me visto che -effettivamente- I feel bettah😍: nel vero senso della locuzione -come avrete ben notato dai miei argomenti e dagli sviluppi avvenuti in me nell’arco dell’ultimo anno (questo è rivolto a chi conosce la mia storia fin dall’inizio ma può benissimo rivolgersi al primo che passa: in caso ciao!🙌🏻)- ma oggi, in appendice a riflessioni e letture che tra me e me, girovagando per firenze, e lavorando con una mano e con l’altra ahimé fumando una sigaretta, faccio per smaltire il carico emotivo e il suo lato amaro della meravigliosa esperienza del Sentire, sento un grumo e un nodo di forte rimpianto da cui non si scampa e a cui devo far fronte, proprio perché non resti un puro rammarico sterile di lacrime stagnanti, ma un mio ennesimo punto di appoggio affinché un’asticella umida e zuppa di vecchia muffa e piedi feriti e calli e contusioni scivoloni, diventi il trampolino per un salto di gioia, sentire la vita anche sprofondando nell’acqua pure più in alto=uguale più a fondo, come una forza uguale e contraria anzi, complementare, sentire che essere lì da solo -se stesso con se stesso- è il bridvido di non stare a tremare di freddo a guardare dagli spalti e dalle tribune e dai troni gli altri sentire il brivido pieno (e la paura, sì) di me stessa dentro me stessa, sola al mondo con mille respiri trattenuti e indicazioni  su indicazioni e schemi che erano tutto prima e che saranno la moviola il commento la tiritera di poi, sola e libera nel mondo, in quel centimetro sdruccioloso in cui o sono io, o sono io, pimpa. Non c’è scampo : è quel frammento di secondo la lezione più importante che nessun esercizio filosofico -da pulpiti sgretolabili con una risata- al prendere meno spazio possibile, al fare meno schizzi e schiamazzi con tutto il carico nel bene e nel male della mia Persona, mi ha mai insegnato.

Quante cose avrei potuto dire, fare, essere, legittimare, e pensare possibili prima  di buttarmi a pensare che valesse la pena sbrigarsi a morire? Tremila infinite. Una a caso, una semplice, una troppo frettolosamente sminuita e sottovalutata e non solo da me che sono arrivata al livello del farsi il segno della croce da atei per la gravità:

Ma quante????

Una su tutte (e mille altre), una semplice, la prima: ad esempio, MANGIARE.

Sentirsi stupidi e MANGIARE.

 

Io sono STUPIDA!  Io amo AMO essere stupida! io ADORO essere stupida, e se come mi hanno insegnato che sono quelli che ‘poveri loro’ mangiano o vivono perché non pensano a cose più ‘alte‘….che vivono di stupidaggini e piccolezze. Io mangio e sono stupida. Io sono golosa e sono stupida. Io scrivo sui libri le minchiate e sul blog le minchiate alla millesima e vorrei solo essere amata e sono stupida.

Io leggo Heiddegger perché ho paura che altrimenti come potevo essere amabile da mio padre? e beh e lo trovo un idiota (Heiddegger, però anche mi padre non scherza😂. ) E sono stupida.

e sai cosa????

sai  cosa???

and you know what????

I FEEL BETTA, THEN.

💙

View this post on Instagram

Buonblackfriday ragazziiii🙌🏻 Buon appe a tutti siete alle prese con i mega sconti del momento? se ancora non lo avete fatto correte a dare un’occhiata alle mie idee commentate al riguardo sul mio blog, manca poco per i maniaci dello shopping last minute! ma a proposito di last minute ho avuto una mattinanata niente meno che zeppa torrida😱 e ora mi ritrovo a pranzare veloce e vorace senza voglia di sistemare le cose con tutti gli aggeggi che sto piano piano accumulando in vista dei preparativi di natale, addobbi, nastrini, renne, babbinatali, poi magari l’albero lo fo il 24 all’alba ma appena vedo qualcosina che mi può incasinare la casa urlando “Inutilità-leziosa”😂, deve essere mia🙈, e ora ultimo momento piazzo in tavola, nell’unico buchino rimasto libero, la mia ultima scoperta al mercato mai-più-senza: Il cavolo cinese Pak Choooooiii!!!! cioè 🔝😍 leggo online che è una miniera di benessere e vitamine faccio invidia ai più acclamati hashtag pranzofit fitmeal fitdiary e fitworkout e fit-fettunte😂 di ig: Fette croccanti di segale integrale al sesamo con salmone norvegese affumicato e pak choi al vapore con succo e fette di arancia e olio evo………peccato che lo sto mangiando direttamente davanti al mac🙈 mentre scrivo senza quasi masticare: non si faaaaaaaa🙈, anche a voi capita di pensare di dover così assolutamente portare a termine delle cose (che se un fosse stato intelligente avrebbe fatto per tempo a dovere😁) che con la sinistra mangiate e con la destra scrivete? ecco non lo farò più uffa promesso perché sto cavolo è tutto da scoprire e assaporare con calma, e capirne proprietà e cotture per me è una novità, davvero particolare e sicuramente lo rifaccio con le dovute attenzioni e ricettato. Evviva che oggi ultima maratona di lavoro e stress e finalmente weekend!!!! buon pome a tutti ig friendssee ya next time 💙#IFeelBetta #instadaily #recipeoftheday #pranzo #pakchoi #buonappetito #salmon #healthyfood #cavolocinese #autumn #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #natale2017 #foodlove #ricette #atavola #nourish#instamood #photooftheday #instafood #tastingtable #fit #instagood #foodstyle

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Annunci