Il trinciapollo

Oggi ho mangiato 10 cose intere. Le unghie. Ora mi lecco le dita perchè non voglio godere solo a metà e poi le lascio asciugare sgocciolare al sole così domani ho le croste crostose e almeno rimangio. A fanculo vado e è pure troppo lungo il viaggio, fortuna che il ritorno è una carrozza riservata agli abbienti e non l’ho preso e mi concentro di beccare io l’ambulanza che non dovrebbe mai capitare a nessuno là fuori quella che arriva troppo tardi. I rimuginanti impenitenti del suicidio si illudono e nutrono una fede presuntuosissima che è segreta speranza e stufetta del cuore che il mondo starà meglio senza di loro, che levandosi dai coglioni e dicendo proprio mi levo dai coglioni / levoildisturbo /stqi tranquillo non ti creerò più problemi (perché trovatemene uno che non ne dice -almeno- una delle tre ) a alta voce ma anche a alto silenzio e alto tasso di intimo confort, rendono giustizia e spazio e pulizia al mondo. La beffa e l’inganno è che il mondo poi rimane dimmerda uguale, paripari. Lo so perché io sono così, sono quella che ha fede. 

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0
Annunci