E allora attaccatevi al…Cuore.

E allora attaccatevi al…Cuore.

 

…E allora attaccatevi al…cuore.

NON mi ci iscrivete ai “gruppi”. Di qualsiasi tipo. Nella vita ambisco a qualcosa di più che essere vista per dovere e per forza e non per vero interesse. Voi stateci pure a farvi cuoriciare (?) come se fosse più importante, degno,  di un riscontro sincero.

Mi arrivano in media 2/3 “gentili” inviti selvaggi a gruppi di qualsiasi tipo, ma per lo più di Scambio Like.

Al che la mia risposta è, periodicamente:

Non mi interessano queste cose sono per la spontaneità e la genuinità dei rapporti e dell’eventuale stima sia online che offline. ti ringrazio comunque ma non sono il tipo per scambi di favore e non amo riceverli se non per sincero interesse .

Ormai potrei farne una nota fissa da copincollare per ogni replica e declino. No grazie.

..E quando per ingenuità e inesperienza in passato ho mancato di dissociarmene prontamente, me ne sono amaramente pentita, intristita e inorridita, per uscirmene di corsa lasciando la nessuna traccia che si meritano per avermi invece tracciato e scambiata per una così, di quel tipo di gente la cui conversazione tipo si basa su un botta e risposta di” ehi se hai di meglio da fare”… ⏩Sì ho di meglio da fare, e avevo di meglio da fare anche di leggere sta stronzata, SE SOLO TU NON MI CI AVESSI INTRAPPOLATO subdolamente senza alcuna mia volontà né consenso. 

Non si forza il dover piacere per forza, esclusivamente per avere un ritorno di favore di persone a caso che stanno pensando solo a farsi ricambiare il favore, 9 volte su 10 senza nemmeno inoltrarsi a vedere i contenuti e interagire animati da vera simpatia, stima, o interesse.

Non si piace a tutti: mettetevi l’anima in pace che se dio vuole NON tutti ci conoscono e NON siamo così importanti da estorcere un voto o un cuore o una parola di circostanza, ma siamo ABBASTANZA importanti e intelligenti ( se solo azionassimo il tasto ON del cervello) da pretendere e dare valore alla la limpidezza e onestà in qualsiasi relazionarsi online e offline.

Un singolo e unico cuore simbolico spontaneo vale millemila cuori clicckati finti di cui, personalmente, mi vergognerei.

La verità  fa male ma fatevene una ragione, ci sono persone che Non ci stanno a ste nuove trappole silenziose: il mondo non è SOLO degli opportunisti e degli ipocriti:  (ehi persone con un minimo spettro di coscienza parlo a voi, è RESISTENZA! ribellatevi, dite no, non piegatevi, aprite un libro o leggetevi l’anima e vivete con meno presunzione e più felicità a conti fatti. Non pensiate di essere così meravigliosi, favolosi, per diritto divino, che la gente debba cuoriciarvi/seguirvi/votarvi se no vi indispettite come bambini viziati e capricciosi

non pensiate di far parte sì, ok, di un “gruppo” aleatorio e ipotetico, ma quello di cui aver davvero paura e a che prezzo? (a seconda dei casi e dei livelli patetici dello scambio)

Per cui se non avete proprio intenzione di mettere del contenuto -quale che sia- non pretendete poi a priori un feedback che ci vuole sudore e spesso solitudine, noia, dolore, se mossi da spontaneità e passione nell’esprimerlo e trasmetterlo in immagini, parole, vera condivisione.

Ma quanto vale di più incrociare un cuore meno numerico e più Vero?.

Forse non sapete neanche che significa.

Non si piace a tutti menchemeno se te lo dice una “pseudo-autorità” di capogruppo “social”.

E per fortuna: hai mai visto davvero chi sono “sti tutti”?

Ti piace essere cuoriciato da una persona di mmmerda che vuole solo il tuo cuore indietro????

Da me riceverete solo compassione. Non lo voglio un cuore senza valore. E non svendo il mio. Quello vero.

Poi Contenti voi. Ma Fatevi una cultura, vivete la gioia dell’amicizia vera, e viviate anche il dispiacere – umano-, ovvero la saggezza, di essere né più né meno di tutti e di nessuno.

Concludendo

NON mi ci iscrivete ai gruppi scambisti che ti invitano “gentilmente” ma poi ti stressano, opprimono, intasano la mail o il profilo che nemmeno le sette sataniche, che sia su instagram, su facebook su cazzo ne so.  NON mi mandate messaggi privati a caso per farvi votare per il cazzo-di-concorso-ne-so.

Oltretutto, se proprio non avete il benché minimo rudimento di onestà intellettuale, ma mi fermate alla Forma, è ANCHE cafone e maleducato.

Finisce che vi voto perché, IO, non sono una brutta persona. Ma avete la faccia come il culo e nella vita attaccatevi al Cuore.

Annunci

Una blogger a Torino

Una blogger a Torino

Le cose belle dei convegni e congressi sono le pause.😁 😌

Sto scherzandooo!!!😂 Ovviamente scriverò qualcosa di serio al ritorno da questa bellissima esperienza formativa, personale, culturale e sociale, che sto vivendo nei miei giorni di trasferta a Torino per il festival internazionale del giornalismo alimentare.

IMG_4524

Tranquillissimi, la Betta sta prendendo appunti per voi!!!! ora aspettate un attimo che c’è la pausa pranzo e se funziona come ieri, 3 ore di fila tra giornalisti e personalità, e 5 minuti per mangiare un piatto da blogger. Sicuramente tutti quanti sgomitavamo per farsi posto e non farsi superare dai famelici avvoltoi accanto davanti e dietro di te😂. Non è la morte che ci rende tutti uguali, ma il cibo! 😜

Dicevamo il post serio sulle cose succosissime che sto imparando e esplorando in campo food (guardatevi il programma, roba interessantissima!!!) al rientro a casa, per adesso beccatevi le succosissime perle di bischeraggini collaterali che condiscono il mio quotidiano. Ma che dico, sono il piatto principale di sentire e vivere come una Betta.

Prima di partire:

View this post on Instagram

🌀Ieri una signora, porgendomi tutta esaltata i suoi biscotti fatti in casa. Li guardo e in piena innocenza e nella mi maledetta🤦🏻‍♀️spontaneità me ne esco “aaaaa buonissimi questi biscottini qui! Li conosco li compro sempre anch’io al discount quando li trovo perché sembrano quasi fatti in casa! “🤦🏻‍♀️😆 🌀🌀🤣🙈 sono una brutta persona vero??? 🤣😆🌀🌀🌀😂 ⭐️Buon freddoledì❄️, igz!🙌🏻 comincio a prepararmi per il #Torino #foodfest18 festival del @foodjournalismfest 😍, maaaaa: non è che lì sarà ancora più freddo❄️??? 😱oh come si fa!!😱 Mi sto anche preparardo il #bento sano🍃 da viaggio da mangiarmi nientemeno che= 💃😅,freddo! appunto😅❄️😆 Insalata di avena #lenticchie e fagioli #adzuki, condita con #cipolline peperoniverdi e #agrumi a pezzetti, deliziosa comoda da mangiare fuori e….beh..fredda😅❄️🙈. ve lo fate voi il bentobox quando siete al lavoro e non avete la certezza di potervi fermare a #pranzo da qualche parte e/o non volete ripiegare sul solito paninazzo immaionesato del bar? Questa è un'ottima idea furbissima😍 per una schiscetta #veg un po' diversa dalla classica insalata di riso : niente di più easy🙌🏻si fa con i preparati già miscelati che si trovano in tutti i super nel reparto #legumi secchi e cereali in chicco, che in realtà nascono e sono pensati per farci le buonissime zuppone rustiche, ma perché non usarli lessandoli e scolandoli, magari con qualche erbetta aromatica, per un gustoso mix asciutto da condire con tante verdure e tanto limone come se fosse un tabulè? Questa con gli adzuki è particolarmente sana, in giappone sto legume è considerato una panacea!!! 😍🔝Chissà se alla fine ci arriva da qui a domani nel bento da viaggio st'insalatina😋, o mi toccherà partire che me la son mangiata tutta e domani girachetirigira ripiego sul solito 😅panino immaionesato, magari quello di gomma alla famosa carrozza al centro del treno😂🙈 (ci siamo capiti: quello😆😂), magari pure decongelato e freddo!!😜🙈😝. Buon pome ig sfreccio a finire le ultime cose e letargo presto stasera, piumone chiama Betta! chi di voi è freddoloso come me? o siete più insofferenti al caldo in generale?😜💙 #ifeelbetta

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Il primo giorno di #Foodfest18

View this post on Instagram

Ma te senti che roba stamattina ho perso ittreno 🚄🚊🙈😱alle 6 come una disgraziata a 😭sbattere sui portelloni a smanicarmi a sbracciarmi per fermare i treno volevo morì, e nulla, rimasta lì sotto come un pero a piangere disperata credo di aver maledetto trenitalia abbastanza per tutti i cavolo di ritardi passati e futuri che LORO quando gli gira fi fanno subì e manco rimborsano, ecco, la Betta era lì, il treno era lì… e l’ho visto miseramente filare via sparire all’orizzone nel suo fumo (😂😂😂vabbè, per fare un po’ di DRAMA😅😜) … comunque appena mi son ripresa dall’incredulità isterica e non prima che in dieci mi volessero mandà chi alla neuro chi in galera… ecco😅🙈 con la coda fra le zampe me ne sono andata a testa chinata a cambiare il biglietto e ho preso quello dopo. Ora son dentro🙏🏻💃🏻💆🏻‍♀️. Al congresso. Non il manicomio🤣😂🙌🏻. Ho fame: la prima cosa che fo è staccare un pezzo di mole antonelliana e sbranarmela😂😆🙋🏻‍♀️😜😱💙 vi terrò aggiornati se non succedono altre sfighe🤦🏻‍♀️🙈(abbiate fiducia: 😅SUCCEDERANNO😂😂) Buon pomeriggio a tutti! #ifeelbetta #foodjournalist #festival ##foodwriter #travel #Torino #help #humor #hungry #avocado #salad #pecorinodop #viaggiodilavoro #foodblogger #foodfest18 #travelfood #healthyhabits

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Prima sera

View this post on Instagram

… maaaa😱😱😱se sono stanca…😱 però bellissimo il @foodjournalismfest tutto davvero interessante🙌🏻 La Betta sta pigliando appunti seri per voi🤣 (seguitemi nelle #stories coi miei commenti sul campo ovviamente tutti fuori luogo e ovviamente tutte bischerate🔝😂😆no ma non lo dite in giro eh shhhhhh😜🙄🤐🤐😅)… comunque ve lo avevo detto stamani che c’avevo na #fame 😱 boia e che la prima cosa che facevo era azzannare la #moleantonelliana a morsi😆… diciamo che con tutto sto parlare di #food e il #pranzo peruviano offerto dal convegno e che ho fatto tre ore di fila per arrivarci ma poi ho preso IL mondo c’avevo sto piatto di carta che cedeva dalla roba che ci ho stipato dentro pigiato dentro manco fossi in partenza per l’#isoladeifamosi 😂🤣… (per la Betta piatti capienti e DI GHISA la prossima volta, che si sappia e giro la voce tra i catering!☝🏻ecco!) … bene fame ce l’ho di già mentre faccio capo all’#hotel, però direi che come dimensione questa di #lego #legoarchitecture mi sembra una porzioncina più abbordabile😅. 😋 Buona serata amici! #ifeelbetta #foodfest18 #foodwriter #foodblogger #torino #moleantonelliana #miniatura #negozi #italianblogger #foodjournalist #humor #lifestyle #tired #travelgram #walking #turin #turinitaly #impressions

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Prima notte😱

View this post on Instagram

ore 00.45: Quizzone😱‼️di logica degno del "M.E.N.S.A" ,dove ti diagnosticano il Q.I. quoziente intellettivo se uno lo volesse mai sapere😌 ( e che -è noto🤔-li fanno a quest'ora notturna per confondere gli esaminati e far credere che siamo tutti 'mbecilli e capre😁): allora, test ufficiale: 💡PROBLEMA—>considerata la sequenza di dolcetti-dolciosi nella vetrina, a rigor di logica, quale si è portato via la Betta da mangiarsi in camera in hotel???? la torta UNO, la DUE, o la TRéééh???? eh??? (#mikebongiorno #revival)😜😂 -> uno spicchio generoso a chi individua il pezzo mancante giusto e un diplomino falsificato di Q.I. pari a mille milioni che Einstein lèvati, firmato e controfirmato in fede da me😱 (azz!), da appendere in bella vista alla parete del vostro ufficio/cucina/camion/stanza coi materassi al muro del manicomio, galèra, ecc, insomma fa bella figura ovunque😜😂. Mentre fate due calcoli io la prima fetta la assaggio😍😋 Buonanotte amiciiii (mi mancano i gatti!!!!😫) #ifeelbetta #pasticceria #famenotturna #piemonte #dolci #torte #fragole #cioccolata #gianduiotti #torino #foodjournalismfest #travel #viaggiodilavoro #workshop #onthego #humor #lifestyle #patisserie #food #instafood #cakes #foodblogger #foodwriter #chocolate ##snack #goodvibes #rainyday

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

E ora…

NeviHa!!!!😂❄️

IMG_E4536

devo dirvi, alla luce di questa serata che si spegne annegandosi nella pioggia e defluendo nel po’… le cose migliori dei convegni e i congressi sono le pause.

Che ti permettono di guardare negli occhi le persone, di rilassarti e fare banda teppista con quelli che quasi per caso si rivelano i tuoi migliori compagni, amici scemi come da sempre, ovunque siano nella loro personale strada, per qualche giorno scorre uguale e parallela alla tua.  insegna più un minuto di conoscenza e una risata condivisa davanti al banchetto, che tre ore di speaking da sopra un palchetto.

magari sono anche le stesse persone, concludono, ti hanno arrichito e qualche volta contrariato, scendono, e si mettono a far la fila a sgomitare al buffet come te, prendono e rilanciano un sorriso da te.

 

(Un saluto speciale al mi amico per caso (e per fortuna)  #anchiopurtopposonounblogger 😅@largo_baleno (semi-cit da morire) 🙏🏻)