Spatzle come albero di Natale

View this post on Instagram

Buon mercole di ritorno dall’ultima seduta dalla psicologa del 2017 e poi si può stare grulli e sbroccare di cervello fino al 2018😂🙌🏻 alè💃scherzo! Mangio con il mio albero di natale🎄 sotto forma di pranzo 😋😁: Spatzle (#gnocchetti) tirolesi agli spinaci con sughetto fresco di porri pomodorini e #mozzarella, e entriamo in pieno mood della settimana di Natale, un idea carina no in questi giorni? perché noi l’atmosfera di Natale ce l’abbiamo dentro! Dentro lo stomaco!😂 🙌🏻Una ricettina semplice vegetariana leggera che può essere una fresca alternativa ai grandi classici primi della tradizione natalizia, sempre per la serie virale #nataleantiabbiocco (aderisci!😍) ma soprattutto per questi giorni di attesa emozione e preparativi vari che lo precedono in cui vogliamo spender poco tempo aifornelli magari mentre siamo intente a montare la torre di pisa infiocchettata del nostro centrotavola pandoro farcito di panettone tenuto su con le lastre di torrone😂 ricoperto di tiramisu che non tiene su nulla che crollerà rovinosamente nel brodo della socera (ops), La RICETTA la trovate ORA sul blog (link in alto in BIO⤴️) sono buonissimi😋e ovviamente ipersupercolorati e allegri anche per i bambini, e ora mettiamoci al lavoro voi che fate di bello siete in ferie? Io no a meno che non me le forzo da sola, ma sono contenta perché i miei progetti sono scalmanati e mentalmente faticosi tanto quanto gratificanti, e le parti ingrate preziose tanto quelle belle, posso affrontarle a muso duro, anzi, posso affrontarle con un grande sorriso, fierezza e qualche dignitosissimo festoso vaffa, scegliere l’importanza che voglio da dare alle mie palle di Natale, quelle sbrillucicose e leggere e preziose che mi riflettono in alto, quelle pesanti e che non emanano luce, in basso, presenti a gravar le fronde, vicine alle radici, ma lontane dalla mia stella⭐️!!Buon mercole pome see ya next time💙#IFeelBetta #december #recipeoftheday #happyfood #comfortfood #pranzodinatale #mangiaresano #foodblogger #foodblog #italianfoodphotography #foodpics #food4thoughts #foodlove #recipes #yummy #homemade #vegetarian #photooftheday #instamood #onmytable #tasty #foodstagram #healthy #christmastree

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Spatzle (gnocchetti tirolesi ) albero di natale

 Ingredienti x 2 persone

1 confezione di Spatzle gnocchetti tirolesi verdi agli spinaci freschi

1 porro grande

150g Pomodorini datterini verdi, gialli e rossi

3 foglie di basilico fresco

1 mozzarella fiordilatte da 125g

2 cucchiai Olio extravergine di oliva

Procedimento

Portare a bollore abbondante acqua salata in una pentola

Pulire, tagliare la radice e le foglie esterne del porro lasciando un po’ di parte verde, lavarlo bene e affettarlo a rondelle sottili.

Lavare bene i pomodorini e tagliarli a metà e poi a spicchietti.

Aprire la mozzarella dalla confezione e lasciarla leggermente sgocciolare del siero liquido che rilascia per il tempo di preparazione del resto degli ingredienti.

Scottare in una padella ampia tipo wok con due cucchiai di olio le rondelle di porro per 2 minuti girando sempre con un cucchiaio di legno per farle appena appassire, aggiungere all’ultimo qualche pomodorino tricolore tagliato a metà e poi a spicchietti solo per colorare il condimento e lasciare sul fuoco ancora solo 1 minuto, spegnere e profumare con una foglia di basilico fresco spezzettata con le mani.

Lasciare insaporire il sughetto nella padella a fuoco spento mentre gli gnocchetti cuociono e tagliare la mozzarella a fettine e poi a cubetti molto piccoli.

Cuocere gli gnocchetti nell’acqua salata per 1 minuto come descritto sulla confezione, scolarli in una ciotola e condire subito con il sugo di porri e pomodori appena fatto, aggiungere a crudo tutti gli altri pomodorini a spicchietti e la mozzarella a dadini.

Spolverare se piace con una generosa macinata di pepe nero.

Adesso ammirare il nostro albero di natale da tavola 😜 Buon appetito!

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0
Annunci

Ricette della felicità

Domenica e non sai cosa fare? 😂eh sì ti ci voglio vedere lì bellino a annoiarti ti ci vedo proprio tra un fondo di sacchetto di pop corn stantio aperto a feragosto (lo conservavi per vedere se i chicchi duri rimasti in fondo cominciavano a scoppiettare da soli animati di muffa-propria macerando nella loro stessa untuosità salina??? dillo! lo faccio anche io!🙌🏻) e una replica del dottor OZ/House/Stranamore/DetectiveInCorsia (per mega nerd il dottorWHO, se invece sei me stai interrogando sul web il dottorPanicoOnLine su ogni cosa che può andar male durante l’intervento chirurgico che ti immola domani al sacrifizio🙈😫 traendone spiegazioni rassicuranti😕) mentre il mondo intorno a te corre in su e in giù a impacchettare con carta gucci il magnete dei cinesi99cents, e a inventarsi il menu di natale vegancrudistafruttarianoetnico che lascerà tutti a bocca aperta perché perché stanno aspettando la dose di tortellini come tossici in piena crisi di astinenza??? Ecco! Ho la soluzione per te! Fatti un giro sulla mia pagina AmazonInfluencer dove colleziono per me e per voi i suggerimenti e i pareri sui prodotti preferiti della Betta😍, per i regali di natale, per te, per avere qualcosa di cui parlare e sparlare in giro con gli amici che seguono la Ferragni, spiazzali dicendo io do retta alla Betta, tiè. Àbbiano pure il coraggio di dire che “chi è sta sfigata?” Tranquilli. Di solito nessuno ha le palle di dire o sentire la verità. Andate sul sicuro.😂🙌🏻  ➡️https://www.amazon.com/shop/elisabettapendola

#Ifeelbetta

 

se poi viene fame questa per la serie diventata virale su instagram #menuantiabbiocco di Natale della Betta (aderite al progggggetto!) è la mia proposta di Primo piatto veramente alternativo in doppia versione: Vegeleggero e PesanteDevastazione per la sòcera da stendere al tappeto prima che vi svuoti le tasche e spenni alla tombola o al mercante in fiera, come tutti gli anni.

Due Proposte e idee di primi piatti di Natale/sansilvestro (entrambe senza glutine e senza uova/lattosio, e usando prodotti e materia prime certificati/e e accertati/e dalla spiga barrata)

IMG_2183

Gnocchi di Polenta integrale al ragù di lenticchie vegetariano

Ingredienti x 4 persone (1 teglia o 4 coccini monoporzione)

1 confezione (400g) Farina di mais per polenta integrale tipo valsugana istantanea

300g Lenticchie decorticate rosse secche

100g Lenticchie brune decorticate secche tipo di castelluccio

1 cipolla

1 gambo di sedano

1 carota

1 foglia di alloro

2 foglie di salvia

1 pizzico di sale

Q.b Pepe nero

3 cucchiai di olio extravergine di oliva

100g parmigiano reggiano grattugiato

Procedimento:

preparare la polenta istantanea come descritto sulla confezione portando a ebollizione l’acqua salata e mescolando continuamente con una frusta mentre si versa a pioggia la farina di mais integrale per circa otto minuti

Una volta pronta versare la polenta su un tagliere o un piano ricoperto di carta da forno fino a ottenere una base che una volta rappreso e raffreddato possiamo intagliare con un coppapasta o uno stampino da biscotti formando degli gnocchi alti circa 1 centimetro

nel frattempo fare il ragù veg di lenticchie partendo con un soffritto di cipolla, carota e gambo di sedano tritati sul fondo di una casseruola con 2 cucchiai di olio, mettere nella casseruola anche 1 foglia di alloro e 2 di salvia fresca ben lavati e aggiungere le lenticchie rosse e brune decorticate con circa 1 litro di acqua non salata. mescolare bene e cuocere per 20 minuti aggiungendo acqua al bisogno e girando di tanto i tanto finché le lenticchie sono stufate, ben ammorbidite e insaporite assorbendo tutta l’acqua.

Salare  solo a fine cottura assaggiando, e togliere la foglia di alloro e di salvia dal ragù di lenticchie.

Formare con un taglia biscotti dei fiorellini o semplicemente con un bicchiere dei cerchi dalla polenta stesa sul piano e intiepidita e riempire con questi una teglia rotonda grande o 4 singoli coccini unti con un filo d’olio sul fondo, in modo circolare e leggermente sovrapposti l’uno all’altro. (presente gli gnocchi alla romana? ecco, in quel modo). Lasciare nel centro una parte vuota che riempiremo di ragù di lenticchie come da foto e con un cucchiaio irrorare dello stesso ragù anche la superficie degli gnocchi.

Scaldare il forno in modalità ventilata e grill insieme (sempre secondo il vostro forno regolatevi)

Cospargere la teglia singola grande o le monoporzioni con un abbondante spolverata di parmigiano grattugiato e 1 cucchiaio di olio evo Infornare la teglia di polenta e lenticchie per circa 8/10 minuti a 190° finché la superficie comincia a gratinarsi formando una crosticina croccante e saporita.

 

Ricetta 2: Gnocchi di polenta integrale al cotechino e lenticchie

 

1 confezione (400g) Farina di mais per polenta integrale tipo valsugana istantanea

100g Lenticchie brune decorticate secche tipo di castelluccio

1 cipolla

1 gambo di sedano

1 carota

1 foglia di alloro

2 foglie di salvia

1 pizzico di sale

Q.b Pepe nero

100g di burro senza lattosio tipo accadì

100g parmigiano reggiano grattugiato

1 cotechino intero precotto

Stesso procedimento della versione veg con la variante di alternare -quando andate a riempire la teglia o le monoporzioni- ai cerchietti/fiorellini formati con la polenta delle fette di uguale spessore di cotechino precedentemente sbollentato  e riscaldato 30 minuti nella sua confezione di alluminio in una pentola con abbondante acqua e poi aperto con le forbici da un lato stando attenti a non bruciarsi e scolato del liquido formatasi nella confezione, privato della pellicina che lo ricopre e affettato.

Irrorare con fiocchetti burro e cospargere di parmigiano grattugiato e procedere a infornare e gratinare per 8/10 minuti in forno caldo venilato+ grill a 190°

 

Note della Betta:

per una versione 100% Vegana basta sostituire il parmigiano con il Parmiveg fatto di trito di mandorle + lievito alimentare (trovi migliaia di ricette valide online al riguardo) in scaglie reperibile nei negozi biologici, di prodotti naturali o online e che tra l’altro fa molto bene essendo ricco di vitamine del gruppo B. Vi ricordo comunque inoltre che su basi e studi scientifici nonché da effettivo amore e preferenza senza preconcetti il Parmigiano come formaggio NON contiene lattosio nel caso abbiate dubbi sull’uso del formaggio, a mio modesto parere impareggiabile nelle gratinature e importante fonte di calcio, raga, ventanni di osteoporosi mi insegnano qualcosina appena. Come sempre, Betta is: Zero fanatismo, 100% fai quello che ti va e ti piace, fatti il natale con chi vuoi, la tradizione è quella che crei vivendo. Emozionati, incavolati, fuggi, e w iddio che sei  te stesso. Chunque tu sia. vai bene. vai alla grande. Non mi stancherò mai di mangiare di ripeterlo. 😜

 

SalvaSalva

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Dispetto o scherzetto

Sono così sconsolata e depressa in sti giorni che i bambini che mi vengono a suonare a casa per halloween erano partiti che erano folletti di babbonatale dalla lapponia e arrivati qui martoriati e mazzati dalla vita ora hanno già la barba da bulli delinquenti e non mi né si pongono nemmeno la fatidica domandina, vanno dritti al sodo (passano direttamente all’azione) come l’angelo sterminatore.

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0