Ribollita con l’avena per i giorni freddissimi

Buon lunedì, dopo esservi letti questo folgorante articolo di Dissapore, beccatevi la mia personale blasfemìa sulla ricetta originale della mi nonna Celìna – già quella del prezioso ineguegliabile unto e bisunto tomo letto e riletto consultato e auscultato di Paolo Petroni, della vera cucina fiorentina, sul comodino insieme alla Bibbia (cioè la bibbia un c’è, c’è solo il Petroni sul comodino😜) ché la mi nonna unn’aveva inventato nulla😜 😉: tranne l’Arte e l’Amore di farci quotidianamente dammangiare. (e se non è da Nobel questo…beh lo dovrebbe diventare in mezzo a medicina fisica e letteratura)

IMG_4746

Quindi: Fase decongelamento avviata! Fa-fa-fa troppo frrreddo-do-do-do😱…è subito RIBOLLITA di cavolonero e cannellini ! E siccome ci dobbiamo difendere dall’Art-ic-attack☃️, la rinforziamo anche con una manciata di fiocchi di #avena che sono nutrienti, sazianti e scaldano da dentro😋😍…ragazzi ma che ne sanno gli eschimesi😆😂😜 venissero un po’ a scaldassi a Firenze la smetterebbero di baciassi coi’naso👃🏻😆😂. E vabbuò, li mettete mai voi i #fiocchidiavena nella zuppa? sono comodi🙌🏻! Della serie cuoci nel fiasco i fagioli per 4 ore e poi -genio😅😂- non hai voglia di cuocere anche l’orzo o il #farro o i classici #cereali in chicco da zuppa zupposa per 40minuti, visto che quelli che cuociono in 10minuti di solito sono perlati e brillati e completamente privati della fibra e del germe vitale👎🏻? allora questa è una buona furbata provate garantisce Betta👍, io l’ho imparato dalla Monica @lalunasulcucchiaio🙏🏻, e da allora me li rigiro un po’ ovunque voglia dare corpo a un piatto, i fiocchi di avena al naturale di buona qualità preservano un ottimo profilo nutrizionale🔝, #fibre e #proteine a gogo basta leggere l’etichetta, oltre al buonissimo #porridge a colazione si possono usare in tante preparazioni, ho un bel sacchettino pieno tutto da immaginare😍…e che vuoi fà, co sto freddo, mentre lavoro, quando faccio un po’ di pausa relax vuoi che io😌, Betta= portatrice sana di pigiama😂, mi metta a uscire alla viacolventoappassionatamente???❄️😁no no… #relax grattugiando e assemblando cibo sano al teporino dei fornelli, musica, un libro sempre sul tavolo, un po’ di stretching alle spalle incriccate a scrivere al mac…quale migliore scarica tensioni conoscete? altro che jogging😜 altro che campane tibetane!!! Alzi la mano chi del cibo ama anche la preparazione e i vari passaggi che catturano tutti i sensi, il cric crock degli ortaggi, il rumore di qualcosa che bolle o scoppietta sul fuoco, l’attesa di un timer, il profumo che cambia, i colori casuali astratti di natura, i pensieri che diventano più lucidi, ma nello stesso tempo si riposano. Quanta bellezza dobbiamo al cibo, che si cucini un arrosto di 20 ore o che si apra una busta o scartocci un panino: nessuno dovrebbe mai viverlo con dolore🙏🏻, ne so qualcosa.💙

 

ZUPPA RIBOLLITA FIORENTINA con l’Avena

Ingredienti

  • 400 gr fagioli cannellini secchi
  • 1 mazzo di cavolo nero bolloso
  • mezzo cavolo verza
  • 3 mazzetti di bietola
  • 3 pomodori costoluti maturi
  • 2 gambi di sedano
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 1 porro
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 manciate abbondanti di fiocchi di avena integrali al naturale
  • timo
  • olio Extravergine di Oliva toscano
  • sale e pepe q.b.

Procedimento

  • Cuocere i fagioli in abbondante acqua meglio se nel classico fiasco da fagioli. Tenete l’acqua di cottura che servirà per allungare la zuppa.
  • Prendere circa 2/3 dei fagioli e passarli, facendo cadere la purea nella loro acqua.
  • Pulire tutte le verdure.
  • In un grande tegame di coccio, fare rosolare 8 cucchiai di olio d’oliva con la cipolla affettata fine e uno spicchio di aglio.
  • Aggiungere il sedano, la carota, il porro, tutti affettati finemente.
  • Lasciare cuocere qualche minuto, poi aggiungete i pomodori, la bietola, la verza e il cavolo nero.
  • Aggiustare di sale,spolverare con il timo e un pizzico di pepe nero.
  • Aggiungere tutto il liquido dei fagioli e far cuocere per almeno un’ora.
  • Quando le verdure saranno cotte, aggiungere i fagioli interi lasciati da parte.
  • Versare una manciata di fiocchi di avena sul fondo di una zuppiera capiente, e ricoprire con la zuppa.
  • Far riposare almeno mezz’ora così i fiocchi si gonfiano e ammorbidiscono bene, servire con un generoso giro di olio extravergine d’oliva toscano di frantoio.

Note della Betta

 

Va bene essere blasfemi con Avena integrale perché è buona sana e nutriente e non c’avevo il pane raffermo essendo tornata da Torino😁, ma il formaggio sopra, per questa ricetta, NO! Ok??? Quello lo mettiamo sulla pasta al tonno😜😜

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0
Annunci

Due ricette oggi, per la memoria, sempre.

View this post on Instagram

…In occasione della Giornata della memoria domani 27 gennaio 🙏🏻 ho appena infornato un pane speciale💙, che porterò alla cena con Letteratura a cui partecipo stasera, insieme ad altri assaggini “in Tema” Ebraico e/o ingredienti tipici che ho ritrovato spesse volte citati nei libri sull’argomento (sapete che mi piace fare ste cosine🤗) e che mi sono andata a ricercare sul sito della favolosa @labna (la conoscete?? massima fonte e punto di riferimento quando si tratta di cucina e tradizioni ebraiche, se non lo avete già fatto oggi è l’occasione giusta per scoprire il lato culinario di questa cultura!) Per testarli prima di farla diventare una CenaConDelitto🙈😁😂, mi ci faccio il pranzo🤗, e intanto dal forno si sprigiona un profumino… io che coi pani in genere sono piuttosto incapace, pigra, e sinceramente svogliata, un pane così ricco, facile e fruttato non lo avevo mai fatto. Dopo lo posto😍 se non combino guai, laricetta è quella collaudatissima di @labna, veniamo alle salsine e alle verdure🍃 che sono invece più “pane” per i miei denti😜: simil-Hummus Vegan di lenticchie, spalmabile cremosissimo al rosmarino, pepe e curcuma, e Crauti al cumino fatti in casa, ricchissimi di fermenti lattici vivi (no, tranquilli, si chiamano lattici ma non c’è il latte! li avete mai fatti? sono un toccasana per la flora intestinale, altro che tubetti di bulgariHos, streTTococcos, Yam’n’kul, actiBell e Passivia😂😂.) Ricetta del patèVeg ➡️arriva sul blog (link alto in BIO) e qui nei commenti⤵️ questa cremina è deliziosa sul pane azzimo, normale, e sui crostini! 😋 E voi, preparerete o farete qualcosa di speciale in questo weekend? Buona giornata e weekend friends🤗, perché non si dimentichi oggi e -soprattutto- né Ieri né Domanilaltro💙 grazie di aver letto le mi bischerate e vicende quotidiane #cucinaebraica #lenticchie #IFeelBetta #hummus #healthyfood #vegan #homemade #sauerkraut #fermentati #ciboecultura #crauti #antipasti #patèvegetale #pane #instadaily #instamood #tradizioni #mangiaresano #foodideas #giornatadellamemoria #instafood #realfood #solocosesane #healthyblogger #foodblogger #ricettaveloce #cuisine #food #spread

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Patè vegan spalmabile di lenticchie aromatico facilissimo

Ingredienti x una terrina grande di salsa

  • 400g di lenticchie secche brune
  • Curcuma
  • Pepe nero in grani
  • 2 rametti di rosmarino freschi
  • 3 cucchiai di Olio extravergine di Oliva
  • Sale q.b.
  • 1 confezione di Tofu Seta (Silk Tofu) o formaggio fresco vegetale o crema di tofu in vasetto

Procedimento

Sciacquate e Cuocete le lenticchie secche brune senza ammollarle prima con acqua non salata fino a coprirle, per circa 25/30 minuti, salare solo a cottura ultimata, scolarle bene e semplicemente metterne 3/4 della quantità in un frullatore con 1 cucchiaio di curcuma in polvere, una macinata abbondante di pepe nero in grani e tre cucchiai di olio evo in cui abbiamo fatto rosolare due rametti di rosmarino per profumarlo bene, aggiungere mezza confezione (circa 70g) di tofu spalmabile tipo Silk/Seta o anche di “formaggio” fresco vegan e azionate il mixer fino a ottenere una cremina densa e vellutata, unite a questa salsa anche le lenticchie tenute da parte intere per arricchire la consistenza, aggiustate eventualmente di sale. Si conserva per 2 giorni in frigo pronto da spalmare😋 su ogni bendiddio, anche le dita😅 😍….. (ehi aspetta sulle dita NON è Vegan!🙈😂)🌱🤣

View this post on Instagram

Eccolo qua pronto per il trasporto alla cena!!!!! non è bellissimo???😍😍😍Il vegan Apfelbrot 🍏🍞 FANTASTICO di @labna !!!!! Pieno zipillo di mele, spezie, frutta secca e essiccata. Il profumo non potete capire anzi sì lo so che lo capite, paninari/e che non siete altro😂😂😂😜!!!😍🙏🏻💙 sto pane dolce contiene il mondo!!!! Sono supersoddisfatta ricetta Vegan🌱infallibile se amate il pane che sa di noci, semidolce, integrale, denso e appagante da condividere, come solo il pane che è simbolo sacro e la base della vita può essere, declinato in tutto il mondo e in tutte le culture. Io oggi ho scelto di plasmarlo così. 🙏🏻 . vi trascrivo la ricetta originale di @labna , voi andatevi a vedere anche la sua raccolta di ricette (tutte sane, per giunta🙌🏻) e ditemi qual è il tipo di pane che preferite di più al mondo. Io quello sciocco toscano (ovviamente😍😅🙌🏻), seguito dalla baguette🥖 , seguito da quello alle noci. Poi vabbé non è che una michetta la lancio dalla finestra eh🤣🤣🤣😂😂😂😘Buona serata e buon weekend igerz! #applebread #veganbaking #foodblogger #bread #apfelbrot #norefinedsugar #healthysweets #plantbased #annafrank #bookstagram #organic #fruitbread #panfrutta #giornatadellamemoria

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Apfelbrot

Apfelbrot direttamente dal blog di @labna (link originale a: http://www.labna.it/apfelbrot.html)

Ingredienti

750 g di mele pelate, tagliate in piccoli cubetti
250 g di zucchero
250 g di uva secca
200 g di mandorle pelate intere
1 cucchiaio di cacao
1 cucchiaio di acquavite
1 pizzico di sale
500 g di farina (io ho usato la integrale)
1 sacchetto di lievito per dolci
canella

Procedimento

Preparare le mele e lo zucchero un giorno prima: mescolare e lasciare in una ciotola coperta durante la notte.
Mettere tutti gli ingredienti insieme alle mele. Mantecare e lavorare ottenendo una pasta abbastanza dura.
Mettere in una forma per dolci quadrata o rettangolare, poi cuocere a 175° per 75 minuti.
Durante il tempo di cottura spennellare due volte con un una mistura di acqua, zucchero e succo di limone.

 

Con questa ricetta partecipo al contest “LE  FARINE” del blog  Lastufaeconomica

lefarine_lastufaeconomica-1

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Quel che passa il convento

…. ah beh Io ho sempre sentito dire che camnionisti e preti mangiano parecchio bene comunque 😂. Anche da voi risuona questo luogo comune? ci sarà pure un briciolo di verità anche nelle peggio leggende metropolitane.

In ogni caso qui ho fatto visita alla tenuta Frescobaldi, e sono tornata a casa col fagottino di roba bona da provare e conservare. Anche se  stamani avevo fatto una ricettina da urlo che però essendomi mangiata svergognatamente appena uscita dalla padella, ovviamente per testarla per voi,😂, toccherà rifarla e impiattarla decente per darvi dosi e ricette che lèvati ennesimo guru del fitness, roba sana sempre di classe e senza metodo, nanni! Le focaccine glutenfree 100% farina di granosaraceno pronte in tre minuti.  Perfette per accompagnare dolci e salati e mangiate così sono uno sfizio salutare al massimo, non gonfiano perché totalmente senza lievito, digeribilissime.

io in preparazione delle focaccine voilà

 

E quindi che c’entrano camionisti e preti? Nulla. però mi sono fermata per un caffé al barettino dell’agippe a pontassieve e secondo me c’era un nugolo -ora non saprei dire se -di preti o di camionisti che attendeva una special fritturina di pesce😱 che non te l’aspetti proprio dall’agippe e invece, daretta, io mi ci sarei anche dilungata ma avevo da fà

View this post on Instagram

hahahaha (risatona con leggero sarcasmo😂) ig friends Buon lunedì hahahaha finisco il risatone gutturale ormai -ecco ho finito😂- quanto può essere buono il lunedì? 😫io mi so svegliata già stanca😱😂che io poi mi diverto nonostante il non essere assolutamente pronta a partire e anche ehm..leggermente sullo sfavatino andante stamattina😅per varie ragioni poi alla fine ho fatto pure un sacco di cose belle per lavoro (e stendiamo un velo pietoso che giusto giusto ieri per gradire 🙄quella gran simpaticona e zen donna della mi mamma me n’ha tirate dietro cento a proposito del mi lavoro palesando quello che lei “crede” di “NON” pensare e che giurerebbe con lo statuto del su partito adorato😒 in mano che “NON” pensa di me e del mi lavoro ma che in realtà pensa e infatti le esce fuori dall’anima appena molla un attimo le redini e si svela per quello che è: una con nessun rispetto né stima né considerazione della su figliola: infatti il mio è un lavoro di m*. la mia non è una vita. sì mammabuon pome hai ragione 😂quiiiiiiiiindi visto che la mia è una vita di m* e faccio cose di m* vedi di andarti a fare un po’ la tua😂 che è bella invece di essere sempre qua a cacareilcà😂😂 come si dice a firenze, no viaaa🙈😂ma anche a voi fanno così i vostri genitori anche se siete così grandigrossievaccinati che sul bus quasi vi lasciano il posto???? no via ma io un no so😂😂🙈no comment. Vabbò insomma se avete visto le stories stamattina avevo preparato quelle goduriosissime focaccine di #granosaraceno (di cui ovvio vi darò la ricetta perché sono il top e vi confesso che me le sono magnate due alle 10 appena uscite😅ops) e poi na cosa e un’altra succede che ti portano a visitare gli uliveti e ti lasciano le damigiane di olio novo, un tocco di #pecorino senese e un fettone di #gorgonzola fresco che fa la goccia ammiccante….che fai non assaggi il bottino col pane di altopascio? 😍La meglio cosa! La semplicità😍! Assaggini di materia prima che ci senti la terra e decine di secoli dentro. Il lunedì prende tutta una piega in armonia col bellissimo sole☀️ che splende oggi😍 buona settimana a tutti ig friendssee ya next time 💙#IFeelBetta #instadaily #recipeoftheday #olionuovo #food

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

Vorrete mica anche la ricetta della mitica fettunta? E io ve la do lo stesso😌 anche se io oggi presa dalla gola di assaggiare ho saltato ZOOOOMP a piè pari la tostatura del pane eh oh sarete belli e perfetti voi pallini😌 IO NO 👏🏻

Questa ricetta è peggio del mitico pollo di elisabetta canalis, tanto per star nel tema cose rimaste leggendarie (nel bene e nel male😂ciao Elisabetta eh che ti chiami come me 🙌🏻 quindi 🔝a prescindere)

La mi Fettunta all’olio nuovo toscano

Ingredienti per una persona

3 fette alte 1cm di pane toscano sciocco di altopascio o di Prato (sciapo)

1 pizzico di sale per ogni fetta

1 spicchio di aglio

Griglia per brustolire il pane

Olio extravergine di oliva di nuovo raccolto, meglio toscano e fruttato con sentore erbaceo semipiccante

Procedimento

Tagliare con un coltello da pane seghettato qualche fetta di pane a piacere alto massimo 1 cm

Scaldare una griglia apposita per abbrustolire il pane sul fuoco medio

Appoggiare le fette di pane e girarle dalle due parti cuocendole ognuna per 1 minuto circa senza bruciarle (stateci dietro, all’inizio sembra di no ma poi volgete le spalle e bruciano facile)

Nel frattempo privare della buccia secca e della prima camicia di uno spicchio di aglio e tagliarlo a metà per il senso lungo

Strusciare i due spicchi sulle fette ancora calde per insaporire le fette di pane brustolite col suo succo, lasciarle da parte, si deve sentire solo il sapore

Salare appena ogni fetta con un pizzichino di sale se piace (a me piace il pane sciapo col sale aggiunto da me)

Disporle in un piatto o tagliere e irrorarle di abbondante olio nuovo toscano.

Gustare e degustare assaporando il profumo e l’aroma di questo incredibilmente semplice boccone di oro della natura, con tutti i cinque sensi😍.

 

 

 

 

 

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Quello che instagram non dice

Ovvero i retroscena torbidi della superficie patinata. (La mia vita non è patinata manco in superficie ma vabbè😂 facciamo il torbido del torbido).

PHOTO of the day:

View this post on Instagram

Buon marte amici come ve la passate? io e i coll-kats 😺siamo reduci da una mega trasferta al dottorGatto😱 (per la cronaca, tutto a posto🙌🏻gioia infinita per questa notizia, almeno i mimmi stanno bene!😍vorrà dire che saranno i’bbastone della mi vecchiaia🔝😂) a pranzo, complice il tempo grigiognolo, mi andava proprio una bella zuppa corroborante e comfort, coi funghi che ho trovato per la strada freschi freschi di bosco (oh, non per la strada che li ho raccattati dall’asfalto eh😂 per quanto io sia totalmente di filosofia antisprechista non arrivo a tanto😂: c’era l’ortolano con sti bei ciccioloni sulla via di casa 😍😂non ho resistito! Una zuppa vellutata che l’unica bega è pulire i funghi per bene prima perché poi l’ho fatta in meno di mezz’ora, è divina!!!! Vi giuro che fa gola anche a Peter e Tobia – non mi sorprendo, a colazione mi mangiano tranquillamente e avidi un terzo del porridge con lo yogurt di soia ma io dico!!!! Non ci son più i gatti d’una volta😂) mangio mentre seguo un webinar 🔝di #Buzzoole4transparency per lavoro abbinato a triangolini di mais e legumi (con ottime qualità nutrizionali pochissimi additivi e ingredienti strani e quasi più addicting delle patatine😍, li conoscete ?😍 ) e albicocche essiccate che amo per darmi energia nel pome, anche se in questi giorni sono veramente piena di lavoro e di richieste, però ora ditemi che non vi voglio bene😁 stanotte mentre non pigliavo sonno ho cominciato a disegnare il calendario e i daily planner #IfeelBetta 2018 scaricabili e stampabili free dal blog, per la vostra scrivania ufficio, bagno, indo vu volete, cominciamo a organizzarci per essere casinari anche l’anno prox😂! per ora ho fatto gennaio😂(anche perché devo scegliere le mie citazioni “famose” e “infami” mese per mese, così si ride un po’🙈) Lo trovate nella pagina gadget del blog, insieme alle mie vicende e ricettastre e tutte le mie trovate. Che mangiate di bono voi? Io stasera forse faccio i biscotti presi da qualche vostra ricetta 🔝😍 è che non so quali provare son tutti golosissimi😱 Buon pome igers, 😍 see ya next time 💙#instadaily #recipeoftheday #eating #cucinare #buonappetito #vegetarian#healthy #instafood #comfortfood

A post shared by Elisabetta Pend (@elisabettapend) on

PHOTO of the day: LA CRUDA -e bellissima- REALTà 😂

IMG_1411

Comunque ho portato i coll-katz stamani dalla veterinaria e dice tutto bene, fissati tutti i vaccini di routine schedati pesati e radiografati dalle vibrisse alla puntina della coda. Miao! Abbastanza tranquilli, avevano meno paura di me quando vo dal dottore che sbianco e vado in iperventilazione dalla fifa che pare ogni volta vada lì solo per raccattare i mezzi litri di acqua e zucchero e caramelline golia dalla signorina dell’accoglienza😱

Ma passiamo a cose serie: 😍MUST HAVE!!!

 

Il premio per il black Friday deal del giorno va a

che io mi accaparro immediatamente, MIO SUBITO, ovvio lo prendo per le mie nipoti😁😁

➡️Altre trovate bellissime da avere SUBITO commentate e recensite per essere originali (e un po’ scemi come me) li trovate sulla mia pagina dedicata ai recommended Amazon!

Avete già scaricato l’anteprima del daily plan qui 😍 in attesa del calendario 2018 #IFeelBetta che sto disegnando per voi? Ogni mese uno strafalcione iconico come citazione tra i miei best of. Che potrete tranquillamente rivogare a chi vi rompe gli ammennicoli. Sia come rispostacce silenziatrici e imbarazzanti, che come carta straccia per fargli capire quanto NON ci tenete a loro. See ya next time!💙

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Patè vegan di melanzane per crostini

Buon lunedì ricomincia il tran tran (o come dicevo da piccina: il tramtram😂), vi sembra che a pranzo io abbia preparato nientemeno che i mitici leggendari #crostini di fegatini del tipico apripasto toscano? Ebbene, per quanto io ne abbia mangiati una quantità a dir poco esagerata nell’arco della mia vita (vabbè, tranne la parentesi poco amena e durata pure troppo in cui non mangiavo proprio😷-follia-) e per quanto debba confessarvi che ne sono estremamente ghiotta: quelli della mi nonna, quelli del pizzicagnolo, quelli del ristorante, quelli della bettolaccia, e perfino quelli in vaschetta tutti li ho assaggiati se c’erano li pigliavo🙈 fino a che…ehm….nonna nonna!!!! mi dici com’è che “si fanno” i tuoi buonissimi crostini, cosa ci metti??? Bene. Non hanno smesso di piacermi.😂 Ma giuro che ci penso due volte ora prima di prenderli e ordinarli, e quindi siccome però mi andava un bel crostino oggi, per me e per voi ho ricettato questa crema completamente vegetale, sana, ie stuzzicantissima della stessa tonalità, che di certo non inganna il gusto—> non sanno di carne e acciughe, ovviamente!!!! ma lo sorprende perché sono di patè di melanzane supersaporiti e buonissimi e secondo me possono essere una valida alternativa in un antipasto misto per noi o per i nostri amici vegani/vegetariani ora che si va verso pranzi e cene festivi, nonnina adorata perdonami ma anzi sii fiera, tanto non li avrei mai saputi fare, “quelli”, buoni come i tuoi 😜 Ricetta ORA sul blog! e sui miei canali ricettosi, dove trovate anche tutti i best deals dei miei prodotti preferiti musthave (commentati nel mio stile🙋🏻‍♀️)anche a voi in questo periodo cominciano a saltarvi in testa idee per i pranzi delle prox feste? vola vola il tempo e io metto giù sta salsa che me la mangerei a cucchiaiate 😋e volo a lavorà 😂Buon pome igers, 😍 see ya next time 💙

 

Patè vegan di melanzane per crostini

(Ingredienti per 4 persone circa)

  • 4 Melanzane
  • 1 spicchio Aglio
  • 2 cucchiaio Olio di oliva extra vergine
  • 1 ciuffo Prezzemolo tritato
  • 1 Limone
  • 1 cucchiaino Capperi sotto sale
  • 1 pizzico Sale fino
  • Quanto basta Pepe nero
  • 1 cucchiaino Erba cipollina

Preparazione

Step 1

Lavare bene 4 melanzane e infornarle intere su una placca ricoperta di carta oleosa per circa 30 minuti fino a che la buccia diventa nerissima e quasi carbonizzata (non preoccupatevi, useremo solo la polpa che così diventerà morbidissima e cremosa)

Step 2

Una volta sfornate lasciare raffreddare qualche minuto e poi tagliarle a metà per il lungo prelevando con un cucchiaio tutta la polpa a pezzettoni e porla in una terrina

Step 3

Nel frattempo tritare uno spicchietto di aglio fresco e un ciuffo di prezzemolo insieme a qualche cappero dissalato abbondantemente sotto acqua corrente fino a togliere ogni residuo di sale.

Step 4

Unire questi ingredienti alla terrina con la polpa di melanzane. Adesso con una forchetta ammorbidire e spezzare il composto amalgamandolo bene aggiustare di sale e pepe senza esagerare perché i capperi danno una bella spinta di sapidità da soli

Step 5

Irrorare con il succo di un limone spremuto e con un minipimer o un frullatore frullare l’intero composto versando a filo due cucchiai abbondanti di olio extravergine di oliva fino a che rimangono pochi pezzetti di polpa grossolani ma nell’insieme risulti molto cremoso, potete decidere quanto vi piace che si senta la consistenza della melanzana o quanto lo volete liscio al palato.

Step 6

Spolverizzale con qualche stelo di erba cipollina tritata per una sferzata di sapore piccantino. Il patè di melanzane vegetale è pronto per essere spalmato subito su crostini di baguette o fette di pane rustico ma è da provare anche come inusuale salsina per secondi piatti o pasta lunga e corta.

Note

Io personalmente non lo gradisco e lo trovo già abbastanza saporito ma si può aggiungere un pizzico di peperoncino in polvere al composto ultimato o in fiocchi prima di frullarlo. Si conserva in frigorifero anche due/3 giorni e si gusta rigorosamente a temperatura ambiente o freddo.

 


Passando ai superprodotti di qualità in ipersconto che ho trovato oggi nei best deals di Amazon, ora io c’ho avuto un kindle solo il tempo di portarmelo a NewYork, essì nel 2012 ormai, e non certo perché io sia la snob che credete e che io: o la carta l’odor di pagina o la buia ignoranza😂 no no, a me il kindle mi garba #darettaallabetta😂, solosolo che a NewYork, in cui mi è stato utilissimo sia sull’aereo che per le tarde serate passate in albergo – non so voi, ma io dopo 18 ore a camminare in lungo e in largo tra musei, elementi svettanti verticalmente, dato fondo alle scorte americane di noccioline biologiche date in pasto agli scoiattolini eccetera, gente che -a piedi- ti sfreccia accanto come flash gordon guando era vestito di rosso con le saette attaccate alle orecchie, dopo l’ennesimo bagel e l’ultima ciotola di latte di soia caldo al tavolone comune dei finti posticini hipster (quanto faceva cool bere latte di soia col tuo nome scritto a penna sulla tazzona a new york?😂) mi strapiombavo nel lettone a leggere il kindle, e poi non dormivo per l’adrenalina di essere DAVVERO a new york, sì, sono una sempliciona così. eh già. Ora lo rivorrei, e lo riavrò perché è in super offerta (click sull’immagine)

utilissimo soprattutto perché le povere pagine di carta oltre che a me piacciono pure un po’ troppo alle fauci e alle grinfie dei cool-kats 😒😂

Tutte le mie raccomandazioni commentate con le mie dritte (storte), i miei finds preferiti e idee in continuo aggiornamento  così potete dire anche voi #IFeelBetta, le trovate come qui sulla mia pagina AmazonInfluencer.

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0

Questo posto è un canaio!

Ovvero, distrarmi ricettando che non sono in spiaggia, ma in visita al 24h vet hosp😜🐶

🍊Buongiorno e buon sabato igers! Partecipo al contest di @mutti_pomodoro con il mitico buglione alla #fiorentina! (e già dal titolo si capisce quanto sia nel mio stile😁caciarone,

Presentazione

Il “Buglione” fiorentino di zucchine fiori di zucca uova e pomodoro al basilicosi è sempre fatto a casa mia, non so se sia una ricetta “registrata” all’anagrafe dei piatti tipici toscani vergata da illustri firme o solo un’istituzione suggerita dalla meravigliosa offerta della stagione, un classico estivo di fine giornata della mia famiglia, ricordo che fosse un piatto unico, piuttosto strapazzato, facile veloce e golosissimo, che chiedevo sempre alla mia mamma, e che con qualche fetta di pane toscano casareccio in accompagnamento riusciva a risolvere una cena estiva e che tutti noi, nonostante anzi grazie alla semplicità, attendevamo con trepidazione il momento in cui nella luce ancora lunga della sera, si sprigionavano dalla casseruola il suo aroma e il suo profumo di vacanza, fiori, e spensieratezza.☀️💙 Oggi ne abbiamo bisogno 💙

  • 600 g Zucchine possibilmente piccole e chiare
  • 2 cucchiai di Concentrato di pomodoro
  • 3 Pomodori perini
  • 6 Fiori di zucca
  • 2 Cipolle bianche
  • 1 ciuffo Basilico
  • 2 pizzichi di Sale fino
  • Qb di Pepe nero
  • 3 cucchiai Olio di oliva extra vergine
  • 1 bicchiere
    Acqua
  • 6 Uova

Preparazione

Step 1

Mondare e asciugare le verdure. Affettare

le cipolle a anelli sottili, tagliare le zucchine a dadini, a tocchetti i pomodori, togliere il gambo e il pistillo dai fiori di zucca

Step 2

In una

casseruola a bordi medi mettere a imbiondire la cipolla in 3 cucchiai di olio extravergine, aggiungere le zucchine, i pomodori e i fiori di zucca

Step 3

Salare e pepare mentre le verdure rosolano leggermente

Step 4

Aggiungere un bicchiere di acqua in cui abbiamo sciolto 2 cucchiai di concentrato di pomodoro

Step 5

Fare stufare a fuoco medio per circa dieci minuti finché si è ritirato quasi del tutto il liquido

Step 6

Aggiungere foglie di basilico fresco spezzettate a mano

Step 7

Sgusciare 6 uova freschissime nella pentola, aggiustare di sale e pepe e sbatterle insieme alla verdura fino a stracciarle portandole a cottura

Step 8

Spegnere il fuoco. Terminare con una foglia di basilico fresco e impiattare

Step 9

Servire con fette di pane toscano casereccio. Buonappetito!

Note

Volendo è buono anche freddo o tiepido😋, o come farcia per un panino!

Trovate tutte le mie ricette ordinate anche sul mio profilo Manjoo!

https://www.manjoo.it/ricette/secondi-piatti/buglione-fiorentino-di-zucchine-e-uova-al-pomodoro/

Like
0
Love
0
Ah Ah
0
Wow
0
Sad
0
Grrr
0