Chi sono

 

Sono antipaticissima, ma se proprio insistete a disegnarmi adorabile ok va bene🙌🏻. Scrivo, rido, mangio, leggo roba colta, parlo come una bifolca, creo, sconsacro, girello in cerca di posti belli, recensisco, cucino, poetizzo e ipotizzo la vita in sinestesie, appassiono, e spesso menefrego, non rinnego nulla, sottoscrivo, filosofizzo, e mi impigiamo. Pare che io sia Il boss. Amatissima brutta e cattiva. Creatrice di una mia personale Smart-Art, Sono una bloggartista, foodwriter e foodjournalist che non ha usato scorciatoie dal lontano 2003.

Ho avuto il mio periodo blu, rosa, realista, postespressionista iconico, poetico, carogna, misantropo, affilato, ho avuto il mio periodo diva, sfigato, oscuro, letterario, di scrittrice maledetta, di scrittrice mezzasega e di scrittrice pubblicata, il mio periodo di scrittrice esaltata, chiacchierata, e viveur, ho avuto le mie benedizioni ispirate e buone parole nei miei confronti, ho avuto i miei troll, della sana invidia, un po’ di misericordiosa compassione😁, e anche una troppo generosa stima. Qualche punto di riferimento. Una solida preparazione homemade alla luce, di base, e nei sotterranei del web. Sono stata una blogger a digggiuno di parole. E sono stata una blogger senza filtri, una blogger senza difese, una blogger psicopatica, una blogger senza zuccheri né sale in zucca (NotaBene:  *qualora lo siate voi per caso in questo momento spicciatevi a sgrondarvi di questa idiota identità che vi fa diventare delle merdesecche, banalizza e instupidisce*), senza categoria, sono stata una blogger senza blog. E poi mi sono presa come sono stata e come sono e come divento, e adesso il mio blog è me.  Il mio stile è una costante: ci trovo in tutto curiosamente parecchio da ridere, da bloggare, da mangiare, di interessante da fare e raccontare a modo mio.

Però non fidatevi, sono antipaticissima😜 Io non scrivo “di” cibo, ma penso di scrivere Col cibo. Sono affamata di vita e colori, perché ne ho conosciuto l’assenza. Non sapevo cucinare. Forse Non lo so ancora. A volte ho pensato che mangiare e cucinare fosse un dispetto giocato a se stessi, qualcosa di cui essere vittima invece che partecipe, prima di scoprire quanto invece fosse un Regalo da farsi. Allora un giorno impugno un cucchiaio senza il timore di vederne un’arma, affetto ingredienti, afferro una zucchina, canto al ritmo della padella, il fuoco innesca la danza, una spolverata di pepe, speriamo non si veda che me ne è finito mezzo sul foglio della ricetta, e un quarto buono tra i tasti del computer che poi intavoleranno un discorso a caso, espressione di una storia sempre nuova, mai scontata, mai nelle regole e mai tra le virgole, un po’ improvviso, guardo il piatto, scatto e faccio il salto, mi butto, lo mangio. Perdo le parole. Ascolto il racconto del cibo perché poi le parole verranno a fiumi. Come le lacrime. Come la gioia. Come la fantasia. A che gioco mangiamo? Giochiamo ancora? Ne ho di fame abbastanza per me, per te, e da spartire, il sorriso è il più sincero dei buonappetito. Ho un ingrediente segreto irricettabile, non trascrivibile, il mio stile, chiedetemi che ci hai messo alla fine in sta ricetta? ci ho buttato il cuore. Cuore Qb? In abbondanza, l’ho lasciato sul fuoco, ha preso colore da solo.

Vuoi collaborare con me e il genio portafortuna che stagna in me?

Guarda il mio indice crescente di influenza in campo blog-social-web-media e cosa posso fare per te. Scrivimi pure la tua proposta o richiesta o invito o partecipazione a: [ elisabettapend@gmail.com ]

Se sei un blogger newbie, o se vorresti ora o prossimamente aprire un blog, chiedimi pure info, commenta, lasciami un segnale, tanto rispondere campacavallo è cortesia 🤗😂 controlla subito la sezione di Blog Coaching!!!!

 

e infine…

Se hai qualcosa da dire su di me sappi che se è una roba 💙bellina💙 finisce nei miei testimonials e ringraziamenti gongolanti linkati (e lo sai essere linkato da me tantaroba😌)🙌🏻

Se ti stai chiedendo dove ti pare di avermi conosciuta, se ti ricordo qualcuno di particolarmente odioso e tenero, ero quella peste della Dandyna.

Come vuoi che ti si possa non ricordare 🙂 “Gianluca Neri di Macchianera

 

Annunci

91 risposte a "Chi sono"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...