Blog o post-automations?

Il mio blog è autorale, cioè scritto cucinato e impiattato da me😜, metaforicamente parlando, non ci saranno mai articoli copincollati da comunicati stampa o “news” proposte da un aggregatore programmato per sfrittellare più notizie possibile al secondo. Che poi si riconoscono. Io, almeno, un blog i cui post sono “notizie” (?), di qualunque argomento esse “trattino”, lo sniffo lontano un miglio (ma trattano poi di qualcosa🤔? vi siete mai accorti che gli articoli dei giornaletti sia online che su carta, non parlano mai davvero di niente? sono uguali con lo stampino anche la stessa ritmica è identica da notizia a notizia, non ti spiegano nulla, sono del tutto impersonali, e alla fine i cinque segreti miracolosi per (…) non te l’hanno manco detti😂

A volte basta semplicemente leggere i titoli per capire la morbosità ripetitiva di certe frasi o locuzioni tipiche dei fake blog macina notizie schedulizzate da un bot.

Estate. Uno studio rivela i gusti di gelato perferiti degli italiani

Cibo. Fa bene o fa male? 😂🤔

Amsterdam. 5 cose che devi assolutamente vedere nella Venezia del nord.

Venezia. cosa fare e dove mangiare nella Amsterdam del sud.

Alitosi. Tutti i cibi che puoi mangiare liberamente da solo.

bla bla bla. ecco, anche a inventarmeli mi viene da scrivere qualche cavolata perché la mia tastiera si vergogna. La fiera delle banalità.

Oltretutto, a me e a tutti coloro che su quella tastiera strimpellano, che si scriva tanto o poco, piace raccontare quello che vivo, che faccio, o che immagino, o che penso, quando lo vivo e quando lo penso, non ho bisogno di farmi sfornare delle news pronte per farmi venire un argomento, anzi, l’argomento di un blog, che in teoria si dovrebbe differenziare dai giornali proprio perché è personale, spesso spazia nella vastità degli stimoli e pensieri,  o quando tratta temi specifici allora mostra scrive e approfondisce un proprio interesse in modo appassionato, svolto in prima persona o in base ai ricordi, alle esperienze, alle immagini, alle suggestioni, alle idee e alla cultura che ci si fa giorno giorno, imparando, leggendo, pensando, relazionandosi in vari modi con gli altri, sbagliando, vivendo a passettini una vita, (o un hobby, un lavoro, l’amore per qualcosa, l’amore per qualcuno) il cui pregio più grande, anche se in molti preferiscono negarsela, è la nostra unicità.

Che non ha un titoletto, e non è una notizia.

*

Blogger che siete persone reali, siete d’accordo?? Forza!💙💪💪

Annunci

Zuppetta ai frutti di mare e ceci

Zuppetta ai frutti di mare e ceci

Giovedì pesce!

ULZBE1099

Ditemelo, ma io poteeevo aspettare venerdì, per mangiarmi sta zuppetta spaziale 🔝??😍

Stanotte rincasando ho preso l’acqua (e anche i miei panni stesi hanno preso l’acqua😒)….e per la serie elemento che attira elemento…😌 zuppa di mare🌊 sia!

Ma versione veloce e healthy, niente caciucchi che sobbollono due ore e passatoni di pomodoro🍅😂 e brodi di pesce: vai coi pomodorini freschi!!💃😍

E al posto dei crostini o del pane bruscato ci metto i ceci😱 …

*Avete mai provato?? per me è un mega sì!👍🔝😋

*

C’è qualcosa di magico nella semplicità e profumo di queste zuppette di pesce che mi fa dimenticare il brutto tempo, lo stress del periodo, le preoccupazioni in famiglia, i cambiamenti, questa #primavera che sembra non farcela a esplodere e sconfinare nell’estate, le piccole soddisfazioni che quando cominciano a arrivare ti prendono alla sprovvista, totalmente impreparata, perché non le hai mai davvero avute, almeno non per qualcosa di completamente tuo, che ti sei creata da sola: chi parte dal “nulla” spesso fatica davvero a credere fino in fondo a “qualcosa”, soprattutto a se stesso, e allora ne sei immensamente grata, ma anche un po’ spaventata.

 Potresti tirarti indietro, come hai sempre fatto. O potresti vedere che adesso hai da qualche parte la forza, fisica e mentale, per andare avanti. 

Perché “amare qualcosa” è più forte che “non ce la faccio a fare nulla”. 

In questo, il colore, il profumo, e il nutrirmi di cose buone per i sensi, mi hanno aiutato tanto a uscire piano piano da rigidità e da una malattia che è secchezza dell’anima, prima ancora che del corpo. 

Può essere un cibo, un libro, una chiacchierata, un’immagine, una musica, una risata, un momento o un istante, anche un pianto, ma è Vitamina incamerata per sempre.

 A spazzolare 1/2 chilo di #cozze a 30 chili non ce la fai. A 60 sì e ti diverti pure 😜, ti cercano per lavoro per scrivere di cibo, puoi stare una giornata a imparare come migliorare le tue passioni, puoi finalmente Ascoltare gli altri, puoi finalmente “Sentire”  te stessa. 

Ecco perché “I FEEL” Betta🙏🏻💙

Buon pranzo bloggers! 🤗

*

🌟Zuppetta veloce ai #fruttidimare e ceci 🌟

ULZBE1099

Ingredienti x 2 persone

 

  • 1/2 chilo di cozze
  • 1/2 chilo di vongole
  • 6 gamberoni
  • 100g ceci già cotti ( anche in vetro, scolati e sciacquati)
  • 1 spicchio di aglio
  • 3 cucchiai olio evo
  • 100g pomodori ciliegini
  • 1 cucchiaio prezzemolo tritato
  • sale e pepe q.b.

Procedimento:

 

Pulite le cozze mettendole in una bacinella capiente e sciacquatele sotto l’acqua corrente più volte, togliete la barbetta/bisso che fuoriesce dalle valve sempre con l’acqua che scorre. Poi sempre sotto l’acqua sfregate le cozze con una paglietta di acciaio pulita, o una spazzola per frutti di mare, per eliminare le impurità.

 

Ripetete il lavaggio per le vongole senza staccare nulla ma sciacquandole più volte e battendole su un tagliere per verificare ed eliminare eventuale sabbia.

 

Tagliate i pomodorini in quattro parti a spicchi e tritate finemente il prezzemolo e l’aglio.

Una volta puliti bene i molluschi fateli aprire mettendo in una pentola le cozze e poi le vongole  con l’aglio tritato. Coprite con un coperchio e fate cuocere a fuoco vivo senza ulteriori condimenti, per far aprire le valve, circa 4/5 minuti.

 

Non appena tutti i molluschi si saranno aperti, scolate il liquido di cottura e filtratelo in un colino, quindi ributtatelo nella padella con le cozze e vongole, e aggiungete i gamberi interi, l’olio, i pomodorini a spicchietti, 1 pizzico leggerissimo di sale, e i ceci scolati, cospargete di prezzemolo, coprite con il coperchio e fate andare tutto insieme per 5 minuti rigirando più volte in modo che tutti gli ingredienti si insaporiscano del sughetto.

Poi togliete il coperchio e fate saltare l’ultimo minuto a fiamma viva per far restringere ed evaporare il liquido.

 

 

Il crostino se volete ce lo potete mettere lo stesso eh 😜

SalvaSalva

E non chiamatemi più Spaventapasseri

E non chiamatemi più Spaventapasseri

IMG_9695

Ieri sera ero a mangiare un’ottima e semplice insalata di mare al circolino di Sanfrediano a Firenze coi miei in riva all’arno, ma guardate in realtà chi è stato il mio VERO interlocutore commensale e ospite a cena😂😍…. zac, beccato 📸!!! fortuna che avevo l’iphone in mano proprio in quel momento, adooooro quando gli animaletti di ogni genere (tranne le zanzare😒) mi circondano, girellano, svolazzano, e vivono intorno😍, come se fossi una biancaneve canterina in mezzo agli usignoli😌😂….così imparano quelli che mi trattano da strega cattiva, tiè…. gli animali sono saggi, non mentono, la sanno lunga, sanno tutto🙏🏻, e vedono nel profondo del cuore😌!!!! Non si avvicinerebbero MAI all’insalata di mare di una carogna di persona!😌 meditate genitori meditate😂😂.( vi giuro che nessun Delpiero è stato ucciso per fare questa pic!😜)
*
Anche Voi rimanete incantati per questi piccoli semplici attimi di vita, o correte via disgustati da ogni cosa che vi ricolleghi alla semplicità, al contatto, allo stupore di ciò che ci coabita, come un petit amì alato,che nella sua fragilità è coraggioso e spavaldo, senza paure, si prende la scena, rende la serata graziosa e leggera…., Vi piace quando la natura vi strizza l’occhio?
Comunque il passerotto si è portato via un anello di totano, si vede che anche tra loro gira voce che venerdì pesce 😂🙈…

Avevo da fare 3000 cose prima del weekend, su tremila ne ho fatte cinque, fatte benino eh, al limite del collasso e dello stress, ma cinque😕, maledetto perfezionismo, andrò a letto pensando a 2995 cose che non ho fatto e che tutti sembrano capaci di fare senza dare un cenno di stanchezza, senza avere momenti di down, di depressione, di “basta io mollo tutto”, di “un ce la fo”…., come se fossero tutti dei robot, vedi persone che sembra abbiano 50h al giorno e per ogni ora fanno dicono postano scrivono lavorano alle cose a mitraglia tutte impeccabili, io li ammiro,ma come fanno boh, ci sono tanti treni e occasioni che ho perso, che mi sto perdendo, perché mi sono “persa” in un momento in cui tutto era perfetto per me, ma NON per il mondo. Non sarò mai perfetta, non sarò mai una macchina. Sarà forse la mia rovina, ma potrà essere la mia forza.

in fondo in tanti abbiamo bisogno di poche ore soltanto, e forse pochi momenti al giorno, ma di qualità, vissuti senza dover rispondere di niente a nessuno, senza sentirsi schiavi di una jungla di connessioni socialità e aspettative di genitori creditori, datori orari calendari standard prestazioni condivisioni ecc,  e senza dover per forza lottare per fare la propria strada….

se per inseguire un sogno mi devo massacrare, sgomitare, far scoppiare il cervello, passare sopra cadaveri ed emozioni, impedirmi di piangere e ridere, non avere tregua, vivere in trincea, essere sempre pronta, essere sempre prestante, e non fermarmi mai a guardare il semplice e bellissimo nulla…. beh allora non lo chiamo più sogno, ma guerra.

Ci sono “connessioni” meravigliose nella vita che sono belle anche quando nessuno lo sa o chi le vive con te non parla, eppure vive e respira.

 

Buon weekend amici😜💙

 

 

SalvaSalva

Crema fredda di piselli al latte di cocco e patè di olive

Crema fredda di piselli al latte di cocco e patè di olive

Buon LUNE-dì! 😱

stamani alle 5 ho fatto dei biscottini 🔝 ,che poi vi posto,

… che se fosse stato VENERDÌ 😒, sarebbero stati ancora più BUONi!😜

****

Passiamo alle cose “serie”😁

Una ricetta favolosa che ho fatto nei giorni precedenti e che vi ho promesso su instagram? eccola!
IMG_8799

..le mie zuppette fredde e calde vi perseguiteranno anche nel pieno dell’estate, vi avverto!!!😜
…è curiosa è vero..avete presente il classico goccio di panna, quel tocco “raffinato” anni-ottantissima, che usa mettere nelle zuppe fumanti? ecco, ho voluto sperimentare a renderla cremosa col latte di cocco (non quello liquido acquoso per la colazione eh😝, quello bello ciccio denso pastoso, per i curry indiani😍… una chiccheria che è anche sanissima e nutriente🔝: io nei grassi saturi ci credo😁🙌🏻💃➡️ fanno bene al cervello, nse ne può più di tutti quelli che all’arrivo dell’estate cominciano a usare e comprare solo i prodotti light pensando di “mangiaresano”😒: quelli sì che fanno moooolto male, al cervello, al portafoglio, e sono infinocchiate pazzesche per la nostra intelligenza!
tornando alla mia zuppina…se poi volete impastrugnare ancora il tutto, e renderlo ancor più “Bettoso” e weirdo😍…una bella sventagliata allegra di scaglie di cocco fresco o essiccato, pepe nero in quantità tossiche😂, e patè di olive nere a maculare la superficie, mescolare….
😋😋😜troppo buona!!

⭐️Crema fredda vegan di piselli al lattedicocco con gocce di patèdiolive⭐️ 💃

IMG_8799

Ingredienti

  • 400 ml di latte di cocco
  • 500 gr di piselli freschi o surgelati
  • 1 cipolla
  • zenzero fresco a fettine qb
  • sale e pepe
  • olio evo
  • foglioline di menta fresca
  • cocco fresco, o essiccato al naturale in scaglie
  • patè di olive nere in vasetto

Procedimento

Fare soffriggere in un tegame la cipolla tritata grossolanamente con lo zenzero pelato, insieme a poco olio.

Una volta teneri unire il latte di cocco e portare a bollore. Unite adesso i piselli e farli cuocere al suo interno per circa 15 minuti.

Al termine della cottura regolare di sale e pepe e frullare bene, profumando con delle piccole foglioline di menta. Mescolate e lasciate intiepidire o raddreddare a temperatura ambiente.

Guarnite con lamelle di cocco fresco affettato sottile o essiccato al naturale, e fate scendere in ogni porzione, del patè di olive sottolio di buona qualità, con un cucchiaino.

Il sapido delle olive contrasta col cremoso e dolce del cocco e piselli!😋

   

Insalata di riso integrale con zucchine marinate al limone, tofu e menta

Insalata di riso integrale con zucchine marinate al limone, tofu e menta

Chi vuole una fresca insalatina di riso oggi a pranzo?😍

Io ve l’ho fatta (e me la sono fatta 😅) così, frizzantina, #vegan e crudaiola😋, col riso integrale Felix Grandiriso,  insomma quello vero e puro 🍃😍

(credo sia la prima volta che faccio un riso integro e “vivo” che ci vedi la gemma dentro, che senti il chicco poroso e nutriente vivo sotto i denti… ragazzi 40 min di cottura🙈…e vi dico che: ne vale Assolutamente la pena😍! non tornerò mai più indietro al gommoso parboiled!😆..😌 nel frattempo poi potete approfittare della nube di vapore per farvi una bella sauna svedese detossinante direttamente nella vostra cucina😌😜…)

***

⭐️Insalata di riso integrale @grandiriso con zucchine marinate al limone, tofu e menta⭐️

WKMRE8105

Ingredienti x 2 persone

 

  • 120g riso integrale Felix Grandiriso
  • 4 zucchinette chiare medie
  • 1 limone bio non trattato
  • 125g di tofu naturale (o alle erbe)
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 8 foglioline di menta tritate più alcune per decorare
  • sale e pepe nero q.b.

Procedimento

Portate a ebollizione abbondante acqua salata e poi versateci il riso integrale e fatelo cuocere 40 minuti, scolatelo avendo cura di non lasciarlo stracuocere, e passarlo sotto l’acqua corrente per fermarne la cottura e mantenerne la consistenza, ponetelo in una ciotola e conditelo con 1 cucchiaio d’olio, mescolate, e lasciate riposare.

Poi lavate e spuntate le zucchinette, affettatele finemenete e riducetele in cubetti  molto piccoli, irroratele col succo di tutto il limone, 1 pizzico di sale, foglioline di menta spezzetate, il tofu ribotto anch’esso a cubetti di piccole dimensioni, 2 cucchiaiate di olio e una macinata di pepe e lasciate riposare una decina di minuti.

 

Poco prima di servire amlgamate le zucchine e il tofu marinati con il riso ben raffreddato, decorate con ancora qualche fogliolina di menta e una grattugiata di scorza del limone usato per condire, purché non trattato e ben lavato.

Servite fresca per un piatto salutare e denso di nutrienti, fibre e vitamine.

 

***

..E ora il primo che mi stappa un condiriso pronto col wusterino smencio sguazzante nell’olio di gramigna, il cetriolino molliccio, il cubetto di carota appena staccato da un cubo di rubick, il carciofino (sì, uhm, SE lo trovi, il carciofino!!!🤔😂), o svita un tubetto di maionese per la prossima insalata di riso, giuro che lo invasetto e lo intubetto per bene io, e chiudo col coperchio quello ermetico salvafreschezza clic e clac!!!😂 (che poi che ci sarà mai di “fresco” dentro quei cosi…🤔)

😂

L’avete mai provata l’insalata di riso col riso integrale? 😍 (e sì tranquillo, il wusterino vero ce lo puoi mettere, pure, se il tofu abita i tuoi incubi insieme a nightmare, l’uomo nero, it, e l’esorcista!😜)

Buon appetito Betta bloggerz e buon weekend🤗

Sognando la Grecia

Sognando la Grecia

Buon appetito! Il mio pranzo del venerdì si intitola…

 

⭐️Sognando la Grecia⭐️

 

*insalata greca classica….e non si può non parlare di classici parlando di grecia, più classici di loro chi c’è, ditemelo😜

…sì sto sognando le vacanze, e sognando di poterle fare, e io non sono affatto una che sogna una vita in vacanza, quella come certe canzonette piacione dicono (sì hai capito quella che dice anche nessuno che rompe i coglioni ecc😒….le banalità impilate una sopra l’altra in tre minuti di melodia da asilo)…perché si sa che la gente in generale sogna di non far un cà e vorrebbero essere tutti dei furbi e dei furboni e l’invidia la provano verso i furboni, mica verso chi la sua felicità la trova insistendo e resistendo a volersi bene e voler bene a ciò che fa, facendolo……non la voglio la vita in vacanza…MA sogno, certamente, LA vacanza vera e propria e con la v maiuscola. Quella dopo l’impegno. Quella dopo la fatica. Quella dopo i pensieri. Quella che ti studi due mesi immaginando e programmando minuto per minuto le cose da vedere e da fare, e poi stai su una poltroncina di paglia all’ombra tutto il giorno a fare la settimana enigmistica o a leggere un libro che compri in edicola e poi ti annoi e ti piace. E quella che vedi il tramonto e piangi perché non ti accorgi mai 360 giorni l’anno della sua presenza e lui continua ogni volta a meravigliarti, a farti fermare da tutto e costringerti a non staccare lo sguardo.

Alcuni dei più bei ricordi di vacanza Vera che ho fatto nella mia vita sono stati in #Grecia. Sognandola, mangio l’#insalatagreca, perché è strabuona😋, fresca, sana, e sa di una giornata in cui ci diamo il permesso e la possibilità di non preoccuparci, vestirsi di candido, guardare il mare. 💙

 

FCFOE9688

Ricetta x 2 persone

  • 200g di insalata pan di zucchero tagliata a julienne
  • 1/2 peperone rosso medio
  • 6 pomodorini ciliegini
  • 1/4 di cipolla rossa
  • 5 olive nere denocciolate
  • 60g di formaggio feta greco sgocciolato
  • origano essicato q.b.
  • origano fresco a foglioline
  • Piadina o pita per accompagnare

 

Procedimento

Lavate bene i peperoni e i pomodori e affettateli in spicchietti e cubetti piccoli, tagliuzzate le olive nere e sbucciate e affettate a lamelle sottili la cipolla. Lavate e tagliate a julienne l’insalata e disponetela insieme alle verdure preparate in una ciotola da insalata. Tagliate a cubettini la feta sgocciolata e aggiungetela all’insalata, cospargete di origano essiccato e di foglioline piccole di origano fresco se le avete, salate appena perché la feta e le olive sono già molto sapide, e irrorate il tutto con una generosissima girata di olio extravergine italiano , o greco 😜, per condire.

Ho accompagnato la mia insalata con la buonissima Piadina della @polisnack che ha funzionato benissimo come “Pita” il classico pane greco 😋