La Schiacciata con l’uva!Oggi parliamo di Ricette toscane : Ricette super tipiche toscane!

Cosa c’è di meglio a settembre che una Schiacciata con l’uva?

Settembre, Periodo di vendemmia, dall’uva ci fai tutto.

Dall’uva ci fai il vino, vabbè, un classico, dai 😉 , scontato, dai semi dell’uva ci puoi fare un olio, l’olio di vinaccioli, ottimo se usato solo a crudo, dalle bucce dell’uva ci fai qualcosa sicuramente, ora non mi ricordo cosa di preciso ;), lo sapete, s’invecchia, ma non escludo che un giorno ci si possa fare anche un materiale per borse e vestiti ecosostenibili.

Infine, cosa da non dimenticare: nessuno è mai morto per aver ingoiato o masticato un seme di uva (che io sappia).

L’uva la puoi usare per fare una cura disintossicante (questo in verità non è mai stato provato, ma qualche pazzo ci ha provato 😉 )

L’uva è protagonista di una favola di Esopo molto famosa. Sono certa che tutti la conoscete. La volpe e l’uva.

Le ricette toscane sono belle non tanto perché io sono toscana, o meglio, fiorentina, (che è leggermente diverso, dal momento che di Fiorentini a Firenze siamo rimasti in pochi 😜), ma perché sono semplici, essenziali, e la semplicità è un lusso e un privilegio. Non siamo gli unici, naturalmente, è una caratteristica tipica di molti regioni che invece di abbondare, puntano all’essenziale.

La Schiacciata con l’uva

Schiacciata con l'uva
La schiacciata con l’uva

Non è una torta, è una schiacciata. Dolce. Molto. Appiccicosa.

Pasta di pane. Con l’uva. dentro e sopra. E un bel po’ di zucchero, (per tutti gli amici che mi prendono in giro perché non mangio e non amo particolarmente i dolci.)

Oggi vi sorprendo!

Ingredienti per 1 Schiacciata con l’uva:

  • 1kg Chicchi di uva nera canaiolo (ma tranquilli, potete usare anche altre uve, verrà buona ugualmente)
  • 350g Farina bianca 0
  • 20g lievito di birra fresco
  • 8 cucchiai colmi di zucchero bianco* (*quello grezzo è una mezza truffa, è identico e ti fanno pagare il colorante, se proprio vuoi lo zucchero, prendi quello normale, altrimenti per il grezzo davvero ti butti su altre robe, Mascobado, di cocco, ecc, che hanno anche proprietà nutrizionali ma hanno lo svantaggio di avere un leggero retrogusto di affumicato e liquirizia, ottimi per altre cose! ->sconsigliati, in questo caso)
  • 5 cucchiai Olio extravergine di oliva (preferibilmente toscano, ma fate voi ;))
  • Sale
  • Qualche fogliolina di rosmarino (per profumare l’olio, credetemi, questo è il top tip 😉 )

Procedimento

Primo passaggio scaldate l’olio in una padella con dentro qualche fogliolina di rosmarino per profumarlo. Spegnete.

In una grande ciotola sciogliete il lievito in poca acqua tiepida (circa 3/4 di bicchiere) e unite la farina, 4 cucchiai di olio profumato al rosmarino, 4 cucchiai di zucchero e un pizzico di sale.

Fate lievitare l’impasto per circa un’ora in un luogo caldo, anche nel forno appena riscaldato, ma rigorosamente spento.

Passato questo tempo infarinate un piano di lavoro e tirate metà della pasta con il matterello in sfoglia abbastanza sottile, un po’ come se doveste fare la pasta fatta in casa, dategli approssimativamente la forma della vostra teglia, io preferisco quella rettangolare, classica per questa ricetta, ma nessuno vieta di farla tonda o quadrata.

Ripetete lo stesso procedimento per formare una seconda sfoglia leggermente più piccola di dimensione.

Ungete con il restante olio una teglia che avrete per sicurezza già ricoperto con carta forno e adagiateci la vostra prima sfoglia di pasta. Copritela con metà dei chicchi d’uva e una generosa spolverata di zucchero, più o meno 2 cucchiai.

Lasciate i bordi della sfoglia aperti per adesso.

Coprite il tutto con la seconda sfoglia di pasta preparata e ripiegate i bordi che avevate lasciato aperti della sfoglia sotto sopra quella appena messa, per sigillare i bordi.

Coprite di nuovo con la restante uva premendola bene in superficie. Non abbiate paura se qualche acino si spappola: è ciò che andrà a formare i succhi deliziosi che insaporiranno la schiacciata con l’uva rendendola appiccicosa.

Rispolverate in superficie il tutto con altro zucchero, i restanti 2 cucchiai, e cuocete in forno caldo a 180° per circa un’ora.

Mangiate non subito, e mai calda, (alert: ustione!) : la Schiacciata deve riposare e raffreddarsi.

E a voi piace la Schiacciata con l’uva toscana?

Per altre ricette tipiche toscane date uno sguardo anche ai crostoni con cavolo nero e ceci!

Happy appe!

Buon settembre amici bloggerz!

Seguitemi su Instagram elisabettapend e su Pinterest per molte altre idee di ricette quotidiane del buonumorefacili da preparare e super colorate, healthy food ideas last minute, e una sana risata quotidiana in cucina.
Hashtag #ifeelbetta se provate una delle mie ricette o taggatemi, vi riposterò con entusiasmo nelle mie stories!

Dimmi tutto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.