Sarebbe una bozza

Elisabetta, Quando hai finito di punire te stessa per lo schifo che ti fanno gli altri e lo schifo che ti senti e anche lo schifo che ti fanno sentire gli altri che fanno schifo e non contemplano nemmeno l’eventualità di fare così criminosamente schifo, ecco allora insomma quando hai finito ricordati che stai intavolando […]

Continua a leggere

Mal che vada, acqua fresca

Senti Carino, io, per la verità, una preghiera che non fosse di materia non l’ho mai fatta davvero, e guardo in alto solo per convenzione, o perché non so dove altro guardare, se non dove ho paura che scendano i ragni la notte. In verità so che non ci sei, se ci sei non ci sei […]

Continua a leggere

Contenuti

Femori rotti. Ernie del disco. Diverticoli. Gente che va. Se no di che si parla a Natale?

Continua a leggere

Humanum est?

31anni che faccio buoni propositi non ogni capodanno ma ogni singola mattina e non ho ancora portato avanti e tantomeno realizzato quello che mi proponevo a sei anni o giù di lì e andavo in giro con la cartella dell’invicta rosa. Per essere una depressa grave diciamo che ho un ottimismo smisurato, una testardaggine acuta […]

Continua a leggere

Oltre la trappola

Uno poi si chiede perché la fetta biscottata casca sistematicamente dalla parte del burro, come regola universale, anche se il farci caso e cruccio l’ha inventato Murphy, per me è sempre stato indifferente io la raccatto da terra e la mangio, e il sudicio a quanto pare rende intelligenti se ora mi spiego che quando […]

Continua a leggere

Essere, avere.

Una cosa delicata. Una spugna arancione zucca, diagnosticarne la scabbia la potenzialità di casa delle bestie provare orrore e paralizzarsi. Piantarsi e chiodarsi seduta stante. Non so se vedendo un serpente una piattola qualcosa che striscia innesco la fuga e le gambe scattano involontarie verso ovunque ma fuori da lì, lontano, o comincio a sentire […]

Continua a leggere